Congiuntivite nei neonati

La congiuntivite nei neonati e nei lattanti nel primo anno di vita è un problema che deve affrontare oltre il 15% delle giovani madri. Di per sé, la patologia non rappresenta una grande minaccia per la salute, e ancora di più per la vita del bambino. Ma la malattia è accompagnata da sintomi estremamente spiacevoli per il bambino, il bambino diventa capriccioso, piange, mangia e dorme male. Inoltre, c'è il rischio di complicazioni..

La congiuntivite nei neonati viene spesso confusa con la dacriocistite, una malattia in cui il sacco lacrimale in un bambino si infiamma o con un blocco banale del canale lacrimale. Le patologie sono simili nelle manifestazioni, ma differiscono ancora e richiedono un approccio completamente diverso al trattamento. Con una visita tempestiva da un medico e una diagnosi corretta, non sarà difficile curare la congiuntivite in pochi giorni. Ma per questo è necessario che i genitori conoscano i sintomi caratteristici della patologia, siano in grado di riconoscerla in tempo e prendere misure adeguate..

Cos'è

La congiuntivite è un'infiammazione della mucosa degli occhi causata da irritanti chimici o agenti patogeni. Per determinare correttamente come trattare la congiuntivite nei neonati, è importante stabilire la causa della sua origine. Gli agenti causali della malattia possono essere batteri o virus. Di conseguenza, la congiuntivite si distingue:

  • batterica;
  • virale.

Recentemente, la congiuntivite allergica, che si sviluppa sullo sfondo di allergie stagionali in un bambino o sotto l'influenza delle istamine, è diventata sempre più comune. Allo stesso tempo, qualsiasi cosa può agire come istamina: cibo, medicine, prodotti chimici domestici e persino polvere domestica.

Ma la più comune è la forma batterica della malattia. A seconda del tipo di microrganismi patogeni, si distinguono le seguenti sottospecie di congiuntivite batterica:

  • stafilococco;
  • pneumococco;
  • gonococco;
  • clamidia.

La congiuntivite batterica è spesso chiamata purulenta, poiché la malattia è accompagnata da abbondante secrezione purulenta, inacidimento dell'occhio e incollaggio delle palpebre. Tali manifestazioni della malattia spaventano i genitori, tuttavia, il trattamento di questa forma è molto più veloce, più facile del virale e senza gravi conseguenze..

La congiuntivite virale in un bambino si sviluppa e procede, a prima vista, la scarica più facile e purulenta è assente. Ma spesso è questa forma della malattia, se non viene trattata in tempo e alla fine, porta a gravi complicazioni. In questo caso, non solo gli occhi possono essere colpiti se l'infezione virale si diffonde in tutto il corpo. Il pericolo più grande sta nel fatto che i sistemi e gli organi interni del bambino non si sono ancora completamente formati, l'introduzione del virus può interrompere il processo del loro pieno sviluppo e causare varie disfunzioni e cambiamenti irreversibili.

Come si manifesta la malattia

La congiuntivite nei bambini di età inferiore a un anno può essere diagnosticata con precisione solo da un medico, poiché numerose patologie oftalmiche hanno sintomi simili. Tuttavia, ci sono alcuni segni con cui i genitori possono sospettare questa particolare malattia e rivolgersi a un medico per chiedere aiuto..

La congiuntivite causata da batteri può essere riconosciuta da:

  • grave arrossamento e irritazione della mucosa;
  • gonfiore delle palpebre;
  • secrezione purulenta dall'occhio.

Durante il giorno, il pus viene lavato via con le lacrime o rimosso mediante lavaggio. Ma durante la notte si accumula, si asciuga, le croste formate si attaccano alle palpebre. Nei casi più gravi, il bambino non può aprire gli occhi da solo dopo il sonno.

La congiuntivite virale si manifesta come segue:

  • lacrimazione intensa;
  • arrossamento della mucosa dell'occhio e delle palpebre;
  • gonfiore (può essere riconosciuto in un bambino di un anno e nei bambini più grandi, poiché in un neonato gli occhi stessi sembrano essere gonfi);
  • la superficie del bulbo oculare è spesso ricoperta da una pellicola biancastra;
  • in primo luogo, un occhio si infiamma, quindi l'infezione passa al secondo.

La congiuntivite virale è spesso accompagnata anche da un aumento della temperatura corporea; i bambini di età superiore ai due anni possono spiegare abbastanza chiaramente cosa li preoccupa. Di regola, si tratta di mal di testa, debolezza, malessere, dolori articolari, mancanza di appetito, cioè i sintomi tipici dell'ARVI, che ha causato la congiuntivite virale.

Modi di infezione e cause di sviluppo

Si ritiene che se la malattia nei neonati non è congenita, la causa di tutti i problemi sia un'assistenza inadeguata e il mancato rispetto delle norme igieniche. Tuttavia, in questo caso, questo non è del tutto vero. Anche il bambino più pulito che vive in condizioni igieniche ideali può contrarre la congiuntivite.

Le principali cause della malattia sono le seguenti:

  • Immunità debole. In tutti i neonati, senza eccezioni, il sistema immunitario non funziona a pieno regime; senza un'adeguata supervisione, è facile per un bambino prendere qualsiasi infezione. Se, inoltre, il bambino ha sofferto di una malattia infettiva del rinofaringe o di altri organi, è nato prematuramente o con basso peso, è malnutrito, il rischio aumenta più volte.
  • Malattie infettive della madre. La congiuntivite batterica causata da clamidia o gonococchi, nella maggior parte dei casi, passa al bambino dalla madre quando passa attraverso il canale del parto.
  • Polvere, sabbia, fumi chimici e altri irritanti che possono provocare un processo infiammatorio negli occhi.
  • Mancato rispetto delle norme igieniche di base.
  • Infezioni virali acute del rinofaringe. Molto raramente, la congiuntivite virale si sviluppa isolatamente, di regola, si tratta di complicanze dell'infezione da adenovirus, influenza, ecc..

Anche la madre più esperta e premurosa non sarà in grado di prevedere assolutamente tutto e proteggere il suo bambino al 100% da tutte le malattie. Tuttavia, molto è nelle sue mani. Una donna incinta deve necessariamente trattare tutte le malattie prima del parto. E dopo la nascita di un bambino, non essere completamente pigro e prenditi cura di lui regolarmente.

Metodi di trattamento

La congiuntivite in un bambino, come in un adulto, può essere curata a casa in pochi giorni, ma solo se tutte le raccomandazioni del medico curante vengono soddisfatte dall'inizio del corso del trattamento fino al completo recupero. Dovrebbe essere chiaro che il corpo del bambino non è ancora completamente formato, l'immunità del bambino non è forte e la minima omissione da parte dei genitori può causare gravi complicazioni.

Idealmente, consultare un oculista ai primi sintomi sospetti. Se ciò non è possibile, lavare lo spioncino aiuterà ad alleviare le condizioni del bambino. Puoi usare il farmaco antisettico farmaceutico Furacilin o decotti di erbe medicinali: camomilla, calendula, salvia. La soluzione per il lavaggio deve essere resa debole e la procedura stessa deve essere eseguita ogni due ore durante il giorno e una o due volte di notte, quando il bambino si sveglia per l'alimentazione.

Alcune fonti consigliano, prima dell'arrivo del medico, di seppellire gli occhi con Levomicetina o di deporre un unguento alla tetraciclina. Infatti, questi farmaci antibatterici sono ampiamente utilizzati nel trattamento della congiuntivite causata dalla microflora patogena. Ma allo stesso tempo hanno una serie di controindicazioni e vengono prescritti a neonati e bambini solo se, per qualche motivo, farmaci più moderni e parsimoniosi non sono adatti. Pertanto, non è consigliabile iniziare a usarli in modo indipendente, senza l'approvazione di un medico, soprattutto se il bambino non ha ancora 2 mesi.

Uno dei metodi più sicuri ed efficaci per trattare la congiuntivite nei neonati è il massaggio del canale nasolacrimale. Ogni madre, anche la più giovane e inesperta, può imparare a farlo in autonomia a casa, l'importante è cautela, attenzione e amore..

Come risciacquare correttamente gli occhi

È con questa procedura che inizia il trattamento efficace della congiuntivite nei bambini piccoli. In nessun caso si devono somministrare farmaci antibatterici se gli occhi non sono stati precedentemente liberati dalle secrezioni e disinfettati. Per fare ciò, devi prima preparare una soluzione antisettica. Se non c'è nulla a portata di mano, puoi sciacquare gli occhi del bambino con normale acqua bollita, l'importante è non ignorare questa procedura e rimuovere croste e pus più volte al giorno. Ma il trattamento sarà più efficace e il recupero avverrà più velocemente se usi Furacilin.

Nelle farmacie, di solito viene venduto sotto forma di pillole ed è molto economico. Un pacchetto è sufficiente per un ciclo completo di trattamento.

La soluzione è preparata in questo modo:

  1. Estrarre la compressa del farmaco dalla confezione e schiacciarla completamente in polvere. Meglio questo viene fatto, più velocemente Furacilin si dissolve in acqua..
  2. Versare la polvere in un contenitore sterilizzato, versare 100 ml di acqua bollita con una temperatura di circa 38 gradi, ma non superiore.
  3. Mescolate, lasciate agire per mezz'ora per sciogliere completamente la polvere. Dovresti ottenere un liquido giallo.
  4. La furacilina dà sempre un residuo. Per evitare che piccole particelle del farmaco feriscano gli occhi del bambino, la soluzione risultante viene filtrata attraverso una benda sterile piegata in più strati prima del risciacquo.

La soluzione non può essere conservata a lungo senza frigorifero, deve essere utilizzata entro un giorno. In frigorifero, è possibile conservare la soluzione di Furacilin in un contenitore sterile e ben chiuso per un massimo di due settimane. Ma è meglio non essere pigri ogni giorno per preparare medicine fresche..

Il risciacquo diretto viene eseguito utilizzando una spugna di cotone, viene inumidito in una soluzione preparata, leggermente schiacciato e accuratamente rimosso e pus, spostandosi dall'angolo interno degli occhi a quello esterno. Una spugna viene utilizzata una volta per un occhio e un batuffolo di cotone pulito per il secondo occhio. Il risciacquo con foglie di tè o decotto di piante medicinali viene eseguito in modo simile. La cosa principale da ricordare sono tre regole:

  • la temperatura del liquido non deve essere superiore a 38 gradi;
  • i decotti e gli infusi devono essere accuratamente filtrati in modo che non rimanga un solo filo d'erba o di grano;
  • le soluzioni di risciacquo non si conservano a lungo, idealmente prepararle fresche.

Come posare l'unguento

Se il medico ritiene necessario prescrivere la tetraciclina o qualsiasi altro unguento antibatterico, metterlo dietro la palpebra inferiore 10-15 minuti dopo il lavaggio. Questo è fatto in questo modo:

  1. Lavarsi accuratamente le mani con sapone.
  2. Metti il ​​bambino su un fasciatoio o un letto in modo che non possa rotolare.
  3. Apri il tubetto di pomata e spremi la quantità necessaria sul dito della mano destra.
  4. Tirare la palpebra inferiore con le dita della mano sinistra e iniettare delicatamente l'unguento.
  5. Ripeti la procedura con il secondo occhio.

Come fare il massaggio

Con la congiuntivite purulenta, una secrezione abbondante può ostruire il canale nasolacrimale. Ciò aumenta il disagio per il bambino e ritarda il trattamento. In questo caso, il massaggio del canale nasolacrimale aiuterà. Idealmente, un'infermiera pediatrica ti mostrerà come farlo correttamente. Ma, in realtà, questo è un processo completamente falso, che puoi insegnare da solo. La cosa principale qui, ancora una volta, è la precisione e l'attenzione..

  1. Innanzitutto, gli occhi delle briciole devono essere lavati con Furacilin per rimuovere tutte le croste e gli accumuli di pus sotto le palpebre.
  2. Successivamente, le punte degli indici sono posizionate agli angoli dell'occhio del bambino.
  3. Con movimenti vibranti e leggermente pressanti, le dita vengono abbassate sulle ali del naso.

Dovrebbero esserci almeno dieci di questi passaggi. Se il medico ha prescritto gocce o unguenti antibatterici, vengono somministrati dopo il massaggio.

Quali farmaci può prescrivere un medico

Il trattamento dei neonati, e non solo della congiuntivite, è sempre complicato dal fatto che la maggior parte dei farmaci non può essere utilizzata a causa del lungo elenco di possibili effetti collaterali. Il medico seleziona i farmaci più delicati delle ultime generazioni con un minimo di "effetti collaterali", mentre è altrettanto importante determinare correttamente il dosaggio.

Se parliamo di congiuntivite nei neonati, allora si tratterà di colliri e unguenti ad azione antibatterica e antinfiammatoria. I seguenti farmaci si sono dimostrati i migliori:

  • Albucid: il medicinale viene somministrato in 1-2 gocce dopo il lavaggio in ciascun occhio fino a 8 volte nei primi due giorni di malattia, quindi, man mano che la condizione migliora, il numero di instillazioni si riduce a 4 volte al giorno.
  • Vitabact: queste gocce devono essere utilizzate per almeno 7 giorni, ma non più di 10, il farmaco viene somministrato una goccia alla volta fino a 4 volte al giorno.
  • Ophthalmoferon ha anche un effetto antivirale, nei primi giorni della malattia, una goccia viene iniettata ogni due ore, quindi il numero di instillazioni viene gradualmente ridotto a 3-4 volte al giorno. Il corso del trattamento dura fino a quando i sintomi scompaiono completamente..
  • Tobrex è un unguento antibatterico per gli occhi, è sufficiente posarlo una volta al giorno per dieci giorni.
  • L'unguento alla tetraciclina è un farmaco tradizionale contro l'infiammazione degli occhi, approvato per l'uso in pediatria. L'unguento viene applicato due o tre volte al giorno dopo il lavaggio, in alternanza con instillazioni. Il corso del trattamento dura fino a due settimane.

Se il regime di trattamento prescritto dal medico non dà risultati positivi per due o tre giorni, è necessario consultare nuovamente un oftalmologo e correggerlo. Con il giusto approccio, i sintomi della congiuntivite batterica scompaiono completamente in 5-7 giorni, virali - 7-10 giorni. Durante questo periodo, è importante monitorare attentamente l'igiene del bambino e, dopo il recupero, ricordare le misure preventive.

Abstract: La congiuntivite nei neonati è una comune patologia oftalmica, non la più pericolosa, ma in grado di provocare gravi complicazioni senza un trattamento adeguato. È del tutto possibile sbarazzarsi della malattia in pochi giorni, se segui esattamente le raccomandazioni del medico. In caso contrario, il trattamento potrebbe richiedere diverse settimane o la malattia si ripresenterà ancora e ancora. Il principale metodo di trattamento è lavare gli occhi con soluzioni antisettiche. Nei casi più gravi, il medico prescrive antibiotici locali e sistemici. Se i genitori vogliono che il loro bambino sorrida di nuovo e guardi il mondo con occhi puliti e limpidi il prima possibile, avranno pazienza e seguiranno tutte le istruzioni del medico senza deviazioni..

Come trattare la congiuntivite in un neonato?

Se il bambino ha sintomi di occhi fissi, lacrimazione, palpebre gonfie, si gonfiano, la mucosa oculare è iperemica e il bambino diventa irrequieto e capriccioso, di solito viene diagnosticata la congiuntivite. L'infiammazione della congiuntiva è causata dall'imperfezione del sistema visivo del bambino, che si sta appena formando, e quindi è vulnerabile alle infezioni. La malattia si sviluppa rapidamente e, in assenza di un trattamento tempestivo, è pericolosa con complicazioni e gravi conseguenze per la vista. È importante che ogni madre sia consapevole in anticipo di come riconoscere la congiuntivite in un bambino e come trattare la malattia a casa.

Manifestazioni di congiuntivite

La congiuntivite è un processo infiammatorio sulla mucosa degli occhi. Di solito, la malattia si sviluppa nei neonati a causa di danni all'organismo in formazione da infezioni: virali, batteriche, fungine, allergeni.

Una reazione negativa si manifesta non solo a causa dell'infezione del corpo: spesso gli occhi di un neonato reagiscono bruscamente ai farmaci - Albucid e altri farmaci usati a scopo profilattico.

I sintomi della congiuntivite sono impossibili da perdere:

  1. Iperemia, adesione, gonfiore delle palpebre;
  2. "Acidità" degli occhi;
  3. Individuare le emorragie nella congiuntiva;
  4. Aumento della lacrimazione;
  5. Scarico essudativo dagli organi visivi;
  6. Formazione di un film bianco-grigiastro sugli occhi;
  7. Fotofobia;
  8. Sensazione di "sabbia" negli occhi;
  9. Prurito, bruciore, bruciore;
  10. Il bambino è lunatico, pigro, rifiuta di mangiare, dorme irrequieto.

I sintomi sono simili ad altri disturbi oftalmici: infiammazione della cornea, sacco lacrimale (dacriocistite), mancata apertura del canale nasolacrimale e altri..

Nei neonati, il quadro clinico è molto più pronunciato che negli adulti: il gonfiore dagli occhi si diffonde spesso alle guance, i valori di temperatura aumentano.

Cause di congiuntivite

Anche se la madre e i parenti stretti osservano l'igiene e si prendono cura del bambino, il rischio di congiuntivite è ancora presente. Le cause delle lesioni infiammatorie della congiuntiva oculare possono essere determinate solo da un medico esperto.

Normalmente, un neonato non ha lacrime: ciò è dovuto all'imperfezione e alla mancanza di formazione dei dotti nasolacrimali. Il primo liquido lacrimale appare in un bambino entro 4-7 mesi e previene l'infezione dell'apparato visivo. Al primo grido, si rompe il film gelatinoso che proteggeva il bambino nell'utero, quindi il corpo di un bambino indebolito e prematuro è spesso colpito da microrganismi patogeni anche nell'ospedale di maternità.

I fattori che portano alla comparsa della congiuntivite sono diversi e influenzano il tipo di disturbo:

  • Immunità del sistema immunitario, imperfezione delle funzioni protettive del corpo;
  • Infezione durante il travaglio. Se la madre non ha curato le malattie sessualmente trasmissibili prima del parto, aumenta il rischio di infezione del bambino con parto naturale da patogeni gonococcici e da clamidia che agiscono attivamente sulla membrana connettiva dell'occhio;
  • La predominanza di microrganismi patogeni nel corpo materno;
  • Esacerbazione dell'infezione da herpes nella madre nel primo anno di vita del bambino;
  • Inosservanza dell'igiene da parte di una donna e assenza / irregolarità / misure igieniche inopportune nel bambino;
  • Corpo estraneo (ciglia) o sporco (polvere) che penetra negli occhi del bambino;
  • ARVI;
  • Allergia;
  • Ostruzione del canale nasolacrimale (dacriocistite).

È impossibile proteggere il bambino dai tanti motivi che provocano la patologia, tuttavia, ogni futura o vera madre sarà in grado di mettere in guardia il bambino dall'infiammazione oftalmica, avendo precedentemente curato la pulizia e la sterilità elementari.

Si consiglia di curare malattie sessualmente trasmissibili e infettive nella fase di pianificazione della gravidanza o prima del parto, piuttosto che esporre il bambino a infezioni, al rischio di complicazioni, gravi conseguenze e se stessi a spese impreviste e cure costose.

Forme della malattia

A seconda dell'eziologia (origine), si distinguono diversi tipi congiuntivali, che differiscono per la gravità del decorso e il focus terapeutico. I sintomi dei sottotipi della malattia sono diversi, quindi, ai primi segni che indicano un disturbo, è necessario contattare urgentemente uno specialista per diagnosticare le condizioni del bambino.

I tipi congiuntivali più comuni in un bambino sono:

  1. Batterico (purulento). Il corpo è affetto da infezioni da stafilococco, streptococco, pneumococco, clamidia e Pseudomonas aeruginosa. Molto spesso, con questo tipo di patologia, un occhio è colpito. Il piccolo ha uno scarico purulento denso di una tonalità verde-giallastra, che spaventa i giovani genitori. Le palpebre inferiori sono gonfie, iperemiche, appare la fotofobia: si avverte ipersensibilità alla luce, prurito, sensazione di bruciore, il bambino è piagnucoloso, irritabile. La malattia è difficile, ma c'è un rischio minimo di complicazioni con assistenza tempestiva. La malattia si manifesta principalmente a causa della non sterilità e del mancato rispetto delle norme igieniche.
  2. Virale. L'infiammazione comporta herpes, adenovirus, enterovirus, ARVI e altre infezioni. Di solito, entrambi gli organi visivi del bambino sono colpiti e si nota un quadro clinico più leggero: fotofobia meno pronunciata, lacrimazione, a volte con rilascio di essudato purulento. Con una lesione erpetica, le bolle sono visibili sulle palpebre e con l'infezione da adenovirus sono presenti i sintomi di un raffreddore. Tuttavia, questo tipo congiuntivale è molto più pericoloso per le briciole in assenza di un trattamento tempestivo, perché i virus possono penetrare in un organismo non formato e danneggiare gli organi, quindi la congiuntivite di un decorso infettivo ha conseguenze minacciose.
  3. Allergico. Una condizione patologica si verifica in un bambino a causa di allergie alimentari (il più delle volte - durante l'alimentazione artificiale, ma a volte durante l'allattamento, con cibi altamente allergenici mangiati dalla madre), quando si respira aria durante le piante in fiore, animali che stanno nella stessa stanza con il bambino. Inoltre, le risposte immunitarie con sintomi di congiuntivite - lacrimazione, fotofobia, gonfiore delle palpebre, iperemia e prurito delle mucose - compaiono quando si usano farmaci potenti e si usano detergenti non adatti al bambino.

Inoltre, il processo infiammatorio sulla mucosa degli occhi è causato da funghi (attinomiceti, simili a lieviti), malattie autoimmuni. L'infezione fungina è caratterizzata da forte prurito della congiuntiva, lacrimazione, sensazione di "sabbia" negli occhi, secrezione purulenta trasparente con briciole bianche.

Distinguere tra forme acute e croniche della malattia. Per evitare la cronicità, dovresti mostrare il bambino al medico con i primi segni della malattia e seguire le istruzioni del medico..

Diagnostica

In una fase iniziale dell'infiammazione della congiuntiva nei neonati, i genitori devono chiamare un pediatra o visitare un oftalmologo pediatrico. La sintomatologia della malattia è "evidente", quindi non sarà difficile per un medico esperto confermare o esprimere l'errore della diagnosi. Per determinare l'agente patogeno, il medico prescriverà le seguenti misure diagnostiche:

  • Una macchia dalla congiuntiva, semina batterica della sostanza separata - prima di prendere il biomateriale, una soluzione allo 0,5-1% di dicaina o una soluzione al 5% di novocaina viene instillata negli occhi del bambino. L'analisi viene eseguita con uno strumento speciale, le cellule alterate vengono inviate al laboratorio;
  • Esame citologico: per ottenere il risultato, la membrana connettiva dell'occhio è macchiata, a causa della quale viene rivelata la forma della congiuntivite, viene determinato l'agente patogeno;
  • Metodo di immunofluorescenza diretta: rilevamento diretto degli antigeni della clamidia;
  • PCR - grazie alla reazione a catena della polimerasi, le minime lesioni virali, fungine, batteriche vengono visualizzate dal DNA;
  • Test allergologici - test allergologici.

Oltre ai test di cui sopra, il medico curante invierà per donazione di sangue, saggio di immunoassorbimento enzimatico (ELISA), rilevamento di batteri, micosi, virus, antigeni. La terapia viene prescritta dopo aver confermato la diagnosi e tenendo conto dell'agente eziologico della patologia.

Trattamento

Con i primi segni della malattia, è importante mostrare il bambino al medico, perché le misure terapeutiche premature sono irte di una rapida infezione di tutto il corpo. Una terapia competente nella fase iniziale del processo infiammatorio garantisce un rapido recupero e nessuna complicanza.

La congiuntivite viene trattata in diversi modi, tenendo conto della forma della malattia. La terapia del seno è unica, quindi l'automedicazione è controindicata. Tra i farmaci senza controindicazioni si distinguono:

  1. Soluzione di furacilina;
  2. Salina (cloruro di sodio);
  3. Decotti di piante medicinali.

Tutti i medicinali per le briciole sono prescritti esclusivamente da un medico in base all'età e al tipo di malattia. Una forma grave della malattia richiede cure ospedaliere. Se il grado di patologia lo consente, il medico prescrive la terapia domiciliare. Prima di acquistare gocce e altri medicinali, è necessario assicurarsi che non vi siano controindicazioni e leggere le istruzioni per l'uso del farmaco - a che età è consentito l'uso.

Durante il trattamento, è importante trattare entrambi gli occhi del bambino, anche se la lesione è stata diagnosticata solo su un organo visivo. L'azione terapeutica inizia con un occhio sano per evitare la contaminazione dell'altro. Prima di usare le gocce, è necessario pulire gli organi visivi delle briciole dal pus e risciacquare con una soluzione speciale.

Il primo giorno dopo la manifestazione della congiuntivite, non è consigliabile fare il bagno al bambino, soprattutto con un aumento fisso della temperatura. Nei neonati, la formazione della termoregolazione è appena avvenuta, quindi si raffreddano rapidamente. Se necessario, è meglio pulire il bambino con un asciugamano umido, quindi asciugarlo delicatamente per evitare il raffreddore.

È anche indesiderabile camminare durante la fase acuta della malattia, specialmente con tempo soleggiato. L'esposizione ai raggi ultravioletti porta ad un aumento dei sintomi e ad una maggiore irritazione, a seguito dei quali gli occhi pruriginosi, pruriginosi e lacrimazione. Uscendo in strada nella stagione calda, è necessario coprire il viso del bambino per evitare la penetrazione delle radiazioni ultraviolette sugli organi della vista.

L'infiammazione della congiuntiva viene trattata in più fasi e in modo completo - per alleviare le condizioni del bambino ed evitare complicazioni. Per prima cosa hai bisogno di una soluzione di risciacquo (Furacilin). Con una siringa senza ago o un batuffolo di cotone, lavare gli occhi attraverso la cavità congiuntivale. Se è necessaria una terapia sintomatica (con aumento dei valori di temperatura), si consiglia di iniettare un agente antipiretico e anestetico.

Il medico prescrive anche gocce oftalmiche, tenendo conto del tipo di malattia: antistaminici, antibiotici, antivirali.

Terapia della congiuntivite allergica

Con un sottotipo allergico della malattia, il primo passo è escludere l'effetto della sostanza irritante sul corpo. Gli occhi solo di un bambino nato o di un bambino più grande possono essere trattati con un batuffolo di cotone imbevuto di una soluzione di camomilla. La pianta è un antisettico naturale, ma anche un forte allergene, quindi è importante monitorare la reazione delle briciole e prevenire lo sviluppo di allergie.

Principi di base del trattamento del tipo allergico di congiuntivite:

  • Terapia mirata a ridurre la sensibilità del corpo agli allergeni: il medico prescrive farmaci approvati per i bambini;
  • Collirio antistaminico - tenendo conto dell'età del bambino.

Se la risposta immunitaria è grave, si consiglia di mettere un unguento antistaminico sotto la palpebra inferiore e vengono prescritti corticosteroidi.

Terapia della congiuntivite batterica

Il trattamento di questa sottospecie congiuntivale differisce dagli altri. Inizialmente, gli occhi del bambino vengono lavati (infusione calda di camomilla, calendula, soluzione di furacilina). La terapia prevede anche l'uso di farmaci antibatterici:

  1. Albucid - consentito fin dai primi giorni di vita di un bambino, viene spesso utilizzato negli ospedali per la maternità come prevenzione e trattamento della congiuntivite. Il medicinale aiuta a distruggere i microrganismi patogeni;
  2. Levomicetina, Eritromicina, Tetraciclina - mezzi anche favorire l'eliminazione dei batteri (antibiotici), curare il processo infiammatorio, sono spesso usati sotto forma di un unguento che viene posto sotto la palpebra inferiore del bambino (di solito una volta al giorno - prima di coricarsi).

Assicurati di usare gocce oftalmiche:

  • Solfato di sodio;
  • Levomicetina 0,25%;
  • Tobrex.

Terapia della congiuntivite virale

Con la forma virale, gli antibiotici non aiutano: i farmaci antivirali vengono prescritti a seconda del tipo di virus:

  1. Le gocce di Poludan sono efficaci per l'infezione da adenovirus e herpes;
  2. Floxal, Tobradex sono efficaci se instillati negli occhi;
  3. L'unguento Zovirax è prescritto per sbarazzarsi dell'herpes negli occhi;
  4. Unguento Tebrofen.

Riassumendo

Una malattia curata tempestivamente impedisce lo sviluppo di gravi conseguenze e danni sistemici al corpo del bambino. Ai primi segni della malattia, è necessario consultare urgentemente uno specialista. La migliore prevenzione della congiuntivite è prenatale.

Sintomi di congiuntivite nei neonati e nei bambini di età inferiore a un anno, metodi di trattamento della malattia

La congiuntivite è comune nei neonati. Ciò è spiegato dal fatto che nei primi mesi di vita di un bambino, i suoi occhi sono imperfetti, il sistema visivo si sta formando e quindi vulnerabile alle infezioni. Lo sviluppo della malattia di solito passa rapidamente e, con una terapia impropria, può causare complicazioni che influiranno ulteriormente negativamente sulla vista. Per questo motivo, ogni madre dovrebbe sapere in anticipo come riconoscere la congiuntivite in un neonato, come appare la malattia nella foto e come trattare un bambino a casa.

Sembra una malattia in un neonato

Cos'è la congiuntivite e come si manifesta nei bambini?

Con la congiuntivite, si verifica l'infiammazione della mucosa degli occhi. La patologia è solitamente causata da un'allergia o un'infezione di origine virale, in casi più rari, batterica o fungina. La congiuntivite nei bambini di età inferiore a un anno e più si manifesta con i seguenti sintomi:

  • arrossamento, formazione di grumi, gonfiore delle palpebre;
  • occhi che nuotano;
  • arrossamento della mucosa (emorragia congiuntivale);
  • lacrimazione abbondante;
  • secrezione mucosa, purulenta e acquosa dagli occhi;
  • sensazione di sabbia negli occhi;
  • fotofobia;
  • prurito e dolore agli occhi;
  • il bambino urla, è cattivo, si rifiuta di mangiare, non dorme bene.

Quando compaiono questi sintomi, non puoi auto-medicare. È necessario mostrare il bambino a un oftalmologo, poiché segni simili spesso indicano altre malattie degli occhi (infiammazione della cornea, sacco lacrimale, mancata apertura del canale lacrimale, ecc.).

Varietà della malattia

Si distinguono i seguenti tipi di congiuntivite:

  • Adenoviral: il bambino viene infettato da goccioline trasportate dall'aria. La temperatura del bambino sale a 39 ° C, compaiono brividi, mal di testa, mal di gola, ingrossamento dei linfonodi sottomandibolari. In primo luogo, la malattia colpisce un occhio, quindi si diffonde all'altro. Una caratteristica caratteristica è il rilascio di un liquido grigiastro dagli occhi, la comparsa di piccole bolle e la separazione di piccoli film sul lato interno delle palpebre.
  • Enterovirus o emorragico è una malattia poco conosciuta provocata da un enterovirus. Viene trasmesso per contatto. È caratteristica una grave secrezione sierosa o purulenta dagli occhi. Può colpire i nervi cranici e spinali.
  • Erpetico: la malattia è causata dal virus dell'herpes simplex, che entra nel corpo per goccioline trasportate dall'aria o per contatto. Le bolle caratteristiche dell'herpes vengono aggiunte ai segni principali..
  • Batterico (la clamidia è isolata separatamente) - la causa dell'infiammazione della congiuntiva sono i batteri patogeni (Staphylococcus aureus, streptococchi, gonococchi, pneumococchi, ecc.). L'infezione si manifesta in vari modi, anche nell'utero. L'infezione è spesso in agguato per i bambini all'asilo. La malattia è caratterizzata da uno scarico viscoso grigiastro o giallastro, che provoca l'adesione delle palpebre. C'è secchezza dell'occhio colpito e della pelle intorno ad esso.
  • Allergico: la malattia è caratterizzata da grave lacrimazione, bruciore, prurito.

La congiuntivite nei neonati e nei bambini più grandi si manifesta in forme acute o croniche. Quest'ultimo si sviluppa con un'immunità indebolita di un bambino di un mese, problemi metabolici, infezioni respiratorie prolungate.

Cause della malattia

Gli occhi di un neonato sono vulnerabili alla congiuntivite perché mancano delle lacrime che proteggono l'organo della vista dalla penetrazione e dalla diffusione delle infezioni. Quando il bambino era nel grembo materno, non ne aveva bisogno, e quindi i condotti lacrimali venivano chiusi con un film gelatinoso, che di solito scoppia dopo il primo pianto del neonato. Ci vuole tempo perché si formino correttamente, e quindi anche a 4-7 mesi, in un anno, gli occhi di un bambino sono molto vulnerabili..

Le prime lacrime nei bambini compaiono a 1,5-3 mesi, ma ancora non proteggono completamente gli occhi da virus, batteri, funghi, che sono la causa più comune di infiammazione della congiuntiva. I microrganismi patogeni possono infettare gli occhi del bambino mentre è ancora in ospedale, soprattutto se è nato prematuramente o indebolito.

La congiuntivite è congenita (ad esempio, la clamidia). In questa situazione, l'infezione si verifica durante il parto o nell'utero, se durante la gravidanza ha avuto una malattia batterica o virale o ci sono infezioni del tratto genitale.

Diagnosi di patologia nei neonati

La diagnosi di congiuntivite in un neonato quando esaminata da un medico di solito non causa difficoltà. Per determinare l'agente eziologico della malattia, uno specialista può prescrivere i seguenti metodi di ricerca basati sul materiale raccolto:

  • raschiando, striscio: con l'aiuto di dispositivi speciali, le cellule alterate vengono prelevate dalla parte interessata dell'occhio e inviate per l'analisi al laboratorio;
  • esame citologico - prevede l'uso di un colorante speciale, con l'aiuto del quale viene stabilito un tipo di congiuntivite, viene rilevato l'agente patogeno (batteri, funghi);
  • immunofluorescenza diretta: l'azione è volta a rilevare la clamidia;
  • PCR - rileva le più piccole tracce di virus, funghi, batteri dai resti del loro DNA;
  • test allergenico.

Oltre a questi test, possono essere necessari un esame del sangue, un test di immunoassorbimento enzimatico (ELISA), metodi di esame batteriologici, sieroscopici, istologici e di altro tipo. Dopo aver determinato il colpevole della malattia (virus, batteri, funghi, allergeni), il medico prescriverà un trattamento volto alla sua distruzione.

Qual è il trattamento?

La terapia per i neonati è specifica, quindi l'automedicazione è inaccettabile. La congiuntivite è solitamente di natura virale o batterica e viene trasmessa all'uomo a causa della scarsa igiene. Ciò significa che durante la malattia, è necessario limitare il contatto del bambino con altri bambini e, se possibile, con gli adulti..

Tutti i medicinali per il trattamento dei bambini, sia di età inferiore a un anno che dopo, dovrebbero essere prescritti da un medico. Prima di acquistare colliri o unguenti per un bambino, devi assicurarti che possano essere utilizzati da un bambino di una certa età (vedi anche: collirio per neonati).

Durante il trattamento, entrambi gli occhi del neonato devono essere trattati, anche se i sintomi della malattia compaiono solo in uno. La terapia inizia con un occhio sano in modo che l'infiammazione non gli passi. Usa un tampone diverso per ogni occhio. Prima di gocciolare gli occhi, devono essere puliti dal pus e risciacquati con una soluzione speciale..

Preparazioni per farmacie

Se la causa della congiuntivite è un allergene, deve essere rilevato e rimosso dall'ambiente del bambino. Quando ciò non è possibile, il contatto del bambino con la sostanza allergica dovrebbe essere limitato al massimo. Durante il trattamento, al bambino può essere somministrato un antistaminico sotto forma di colliri o compresse.

La malattia di origine virale o batterica richiede un approccio diverso. I farmaci contenenti antibiotici possono essere utilizzati per combattere i batteri. Di solito sono prescritti per la secrezione purulenta. Tali colliri per bambini sono in grado di curare malattie come:
(più nell'articolo: colliri efficaci per la congiuntivite per i bambini di età inferiore a un anno)

Per la terapia, il medico può prescrivere un unguento per gli occhi alla tetraciclina o all'eritromicina. Contengono antibiotici che uccidono efficacemente i batteri.

Se il problema è provocato da un virus, sono necessari farmaci antivirali: gli antibiotici sono impotenti qui:

  • Le gocce di Poludan sono efficaci per l'herpes e l'adenovirus;
  • Oftalmoferon aiuta con patologie virali e allergiche;
  • L'unguento Zovirax è usato per l'herpes;
  • con congiuntivite di origine virale, viene utilizzata l'unguento di Tebrofen.

In caso di malattia fungina, l'azione del farmaco dovrebbe essere mirata a combattere proprio il tipo di fungo che ha provocato l'infiammazione della congiuntiva. Altrimenti, la terapia si trascinerà.

Rimedi popolari

A casa, senza consultare un medico, è consentito solo il risciacquo degli occhi. Un decotto di camomilla, salvia o tè debole è utile qui. Il lavaggio dopo i primi segni di congiuntivite compaiono ogni due ore, poi tre volte al giorno. Per fare questo, un batuffolo di cotone viene inumidito in un decotto alle erbe e gli occhi vengono lavati, passando dalla tempia al naso. Vengono elaborati fino a quando tutti i segni della malattia scompaiono.

Nella fase iniziale della malattia, i medici raccomandano di pulire gli occhi del neonato con un tè debole o un decotto di camomilla

Come evitare di ammalarsi?

Al fine di prevenire la congiuntivite da clamidia o erpetica in un bambino in gravidanza, una donna incinta dovrebbe monitorare la sua salute, fare i test in modo tempestivo. Avendo scoperto un problema, è necessario trattare le malattie che possono essere trasmesse al bambino prima del parto..

Puoi salvare un bambino già nato dalla congiuntivite osservando le regole di igiene. È necessario mantenere la pulizia nell'appartamento, ventilare la stanza. Gli articoli per la cura del neonato dovrebbero essere quasi sterili. È importante assicurarsi che gli animali domestici non tocchino il bambino senza prima lavarsi le mani. È inoltre necessario monitorare la pulizia delle mani e degli occhi del bambino. Un bambino più grande deve essere svezzato dall'abitudine di stropicciarsi gli occhi con le mani.

Sono sempre utili misure di benessere che rafforzano il sistema immunitario e le condizioni fisiche del bambino. Queste sono passeggiate quotidiane all'aria aperta, procedure di indurimento, ginnastica.

Congiuntivite nei neonati: tipi e sintomi della malattia


L'infiammazione dell'epitelio e del bulbo oculare di un bambino (in oftalmologia, questo fenomeno è chiamato "congiuntivite in un neonato", "oftalmia neonatale") è una lesione della mucosa dell'occhio. Il motivo è l'infezione da vari virus e l'uso di droghe.

Sintomi della malattia nei bambini

  • Lacrimazione abbondante;
  • Prurito nell'area dell'infezione;
  • Irritazione da luce intensa;
  • Gonfiore delle palpebre;
  • Formazione di pellicola sugli occhi;
  • Secrezione purulenta (nel caso di una forma batterica della malattia);
  • Possibili emorragie localizzate.

Diamo uno sguardo più da vicino

  • Batterico (clamidia, Staphylococcus aureus, Pseudomonas aeruginosa, pneumococco, ecc.) I segni tipici sono palpebre attaccate, secchezza degli occhi e congiuntiva. All'inizio l'infezione si manifesta in un occhio, poi nell'altro.
  • Allergico. Accompagnato da starnuti, rilascio di liquido chiaro, con il desiderio di strofinare l'area infetta.
  • Virale (adenovirus, herpes virus, ARVI). Sull'occhio appare un liquido abbondante e limpido, senza appiccicare le palpebre. È caratterizzato da naso che cola, mal di gola e febbre. Proprio come con i batteri, l'infezione compare per la prima volta in un occhio..
  • Farmaco. I sintomi sono simili alla congiuntivite allergica, si verifica poche ore dopo l'instillazione con una soluzione per prevenire l'infezione.
  • Fungine. Assomiglia ai batteri. Succede che gli occhi siano affetti da un'infezione mista.

Congiuntivite nei neonati: cause di

L'infezione può verificarsi per una serie di motivi:

  • Contatto con la mucosa della madre durante il parto;
  • Immunità abbassata in un bambino;
  • Mancato rispetto delle procedure igieniche;
  • Infezione da medici;
  • La presenza di un corpo estraneo negli occhi;
  • Infezione con infezioni nel corpo della madre.

Una donna che porta in sé un bambino deve prendersi cura della salute del bambino in anticipo e curare tutte le malattie esistenti. La natura, la durata e il trattamento dell'infezione dipenderanno dal suo tipo (batterico o virale).

Diagnosi di congiuntivite nei neonati

L'oftalmologo riconosce perfettamente la diagnosi di una malattia in un bambino. Con una forma purulenta, prende una macchia, con l'aiuto della quale determina il tipo di infezione. Ma qui è molto importante escludere la meibomite, poiché i metodi di trattamento in questo caso saranno diversi. Se la forma della malattia è allergica, esegue test allergologici.

A seconda dei risultati del test ottenuti, viene prescritto un trattamento. L'area interessata viene lavata con una soluzione di furacilina, utilizzando un tampone di garza o una siringa senza ago. Se l'infezione è accompagnata da dolore e febbre, viene somministrato per via endovenosa al bambino un farmaco antipiretico e analgesico..

Trattare un'infezione agli occhi in un neonato

Con una risposta rapida e il giusto approccio al trattamento, la congiuntivite può essere superata in 2 giorni. Il problema è che non tutte le forme di controllo delle infezioni sono adatte per un neonato..

A seconda del tipo di congiuntivite, il trattamento è suddiviso nelle seguenti fasi:

Batterica

  • Floxal (il componente principale è ofloxacina). Può essere utilizzato dalla nascita, 1-4 gocce al giorno.
  • Tobrex (ingrediente attivo - tobramicina). Neonati: 1-2 gocce 5 volte al giorno. Bambini e adulti di 6 mesi - ogni 4 ore.
  • Levomicetina. Non raccomandato per bambini sotto i 2 anni di età. Nel sacco congiuntivale viene instillata 1 goccia 1 volta in 5 ore.
  • Cipromed (principio attivo - ciprofloxacina). Non consigliato per bambini di età inferiore a 1 anno. 1-2 gocce vengono iniettate 6 volte al giorno.

Si consiglia di deporre un unguento durante la notte. Per bambini molto piccoli - "Floxal" (con una concentrazione dell'1%). Si noti che albucid (sodio sulfacil) è disponibile in soluzione al 20% e al 30%. Di solito, l'instillazione è accompagnata da una forte sensazione di bruciore, quindi questo farmaco non è raccomandato per l'uso all'inizio del trattamento.

Se l'infezione ha acquisito una forma purulenta, prima dell'instillazione, lavare gli occhi con un infuso di camomilla a temperatura ambiente e applicare anche un unguento antibatterico (tetraciclina o eritromicina) durante la notte.

Va ricordato: solo il medico che ha diagnosticato la forma della malattia prescrive il trattamento. È importante aderire alle raccomandazioni, sia che si tratti di un trattamento poco costoso o viceversa.
  • Ophthalmoferon (a base di interferone ricombinante alfa-2b). Usato per i neonati. Il preparato contiene acido borico e difenidramina e danno un effetto antinfiammatorio.
  • Aktipol (acido para-amminobenzoico) L'effetto del farmaco non è stato studiato, pertanto si consiglia di utilizzarlo quando il beneficio supera il potenziale rischio. Deve essere conservato in frigorifero e, prima dell'instillazione, caldo a temperatura ambiente.

Anche la congiuntivite virale può essere trattata con infuso di camomilla (1 cucchiaino per bicchiere di acqua bollente) o tè debole.

Allergico

  • Cromohexal (acido cromoglicico) è raccomandato per bambini a partire dai 2 anni, ma con cautela.
  • Opatanol (nome generico - olopatadin). Approvato dall'età di 3 anni, ma nessuna sperimentazione clinica sui bambini.
  • Allergodil (azelastina cloridrato) approvato da 4 anni.

Se sospetti una forma allergica della malattia, dagli, ad esempio, fenistil in gocce per somministrazione orale, assicurati di visitare un pediatra e, se necessario, un allergologo.

Tecnica delle procedure

  1. Appoggia il neonato su una superficie piana, se possibile, chiedi all'assistente di aggiustare la testa.
  2. Calo scende a temperatura ambiente, prima controlla sul retro del polso. Se non c'è sensazione di caldo o freddo, procedere con la procedura.
  3. Lavarsi le mani e tirare indietro la palpebra inferiore del bambino distribuendo 1-2 gocce nell'angolo interno dell'occhio. Rimuovere il liquido rimanente con un panno sterile.

Trattamento della congiuntivite nei neonati con rimedi popolari

La medicina alternativa non è raccomandata per i neonati, poiché alle madri semplicemente non sarà permesso testare i metodi tradizionali per affrontare la malattia su un bambino. Anche il trattamento dei neonati a casa è suscettibile di critiche da parte della medicina moderna, poiché:

  • Con la congiuntivite allergica, l'uso di rimedi popolari può esacerbare i sintomi.
  • In caso di infezione batterica, alcune tecniche, come l'instillazione del latte materno, il trattamento del ritorno di fiamma..
  • Con la natura virale della malattia, i mezzi non convenzionali agiscono secondo la fede del paziente.

Tuttavia, esiste un campo di applicazione consentito della medicina tradizionale: il trattamento delle mucose. Pertanto, è utile integrare la terapia prescritta dal medico e solo dopo la sua approvazione..

Possibili rimedi: infuso di camomilla, fiordaliso, tè o scarlatto.

Metodo di applicazione: il farmaco finito viene impregnato con tamponi di garza di cotone e utilizzato per il trattamento meccanico della congiuntiva dell'occhio.

Complicazioni e conseguenze

Possibili conseguenze della malattia nei neonati nati prematuramente: otite media, meningite, sepsi. Questa malattia dovrebbe essere presa sul serio.

Principali complicazioni nei bambini:

  • Diminuzione della produzione di lacrime o sindrome dell'occhio secco. Formato a causa del blocco dei tubuli corrispondenti.
  • Infiammazione infettiva delle palpebre o blefarite. Conseguenza concomitante della congiuntivite.
  • Cheratite, episclerite o deterioramento della trasparenza nella cornea dell'occhio, comparsa di una leucorrea e altre patologie. Può essere causato da alcuni batteri.
  • Cicatrici dello strato di tessuto e della mucosa dell'occhio. Di solito causato dalla mancanza di una terapia adeguata.

Prevenzione della congiuntivite in un neonato

Per proteggere il più possibile il bambino dall'infezione, è necessario attenersi a semplici regole igieniche.

  • Risciacqua regolarmente le mani del tuo bambino, ad esempio dopo aver camminato fuori. Inizialmente insegna al bambino a essere pulito;
  • Monitorare la pulizia della biancheria da letto, dei giocattoli e di altri oggetti di uso costante;
  • Trascorri del tempo all'aperto il più possibile;
  • Risciacquare accuratamente il cibo prima dell'uso;
  • Monitorare la pappa, deve essere equilibrata e completa;
  • Ventilare periodicamente il vivaio e monitorare il livello di umidità;
  • Eseguire le procedure del bagno ogni giorno;
  • Evitare il contatto con bambini infetti.

I temi dell'igiene e della prevenzione sono trattati dai medici delle cliniche prenatali. A seconda delle condizioni della madre, raccomandano farmaci per il trattamento e eseguono le procedure necessarie.
Torna al sommario

Consulenza professionale

  • Anche se i sintomi compaiono in un occhio, seppelliscili entrambi;
  • È importante monitorare la data di scadenza dei farmaci;
  • Lascia cadere la medicina nell'angolo interno del bambino, tra le palpebre, anche se ha chiuso gli occhi. Quando apre gli occhi, il farmaco andrà dove è necessario;
  • Quando si seppellisce un occhio per un bambino, non toccarlo con una pipetta, altrimenti si infetterà;
  • Durante il periodo di malattia acuta, spesso instillare la medicina durante il giorno e deporre l'unguento di notte. Durante questo periodo, la congiuntivite è caratterizzata da lacrimazione abbondante, che interrompe l'azione del farmaco dopo mezz'ora;
  • Continuare il trattamento per altri 3 giorni, a condizione che tutti i sintomi siano passati.

Congiuntivite nei neonati e nei lattanti

  • Ragione principale
  • Tipi e forme
  • Quali sono i principali sintomi e segni della malattia?
  • Diagnosi in un neonato
  • Trattamento
  • Raccomandazioni generali
  • Terapia specifica
  • Regime quotidiano
  • Dieta terapeutica
  • Prevenzione

Molto spesso, nel primo anno di vita, i bambini possono sviluppare congiuntivite. Con questa malattia, gli occhi si infiammano. La lacrimazione aumenta, il benessere dei bambini si sta notevolmente deteriorando. La mancata fornitura di assistenza può causare lo sviluppo di complicazioni avverse. Nei casi più gravi, anche portare a problemi di vista.

Ragione principale

Diversi fattori possono portare alla comparsa di congiuntivite. Nei neonati e nei lattanti, le cause più comuni sono:

  • Infezioni. La malattia può essere causata sia da batteri che da virus. In casi più rari, si verifica l'infezione da protozoi e funghi. Il decorso delle malattie causate da diversi agenti patogeni differirà in modo significativo l'uno dall'altro. I sintomi clinici si manifestano in modi diversi. Il trattamento è specifico, mirato a distruggere l'infezione nel corpo..
  • Lesioni traumatiche. I bambini dai 3 mesi iniziano a esplorare attivamente il mondo. Tutti i nuovi articoli sono di particolare interesse per loro. Li tirano in bocca o li assaggiano. Un bambino di età inferiore a 5 mesi può ferirsi inavvertitamente un occhio. La mucosa degli occhi nei bambini è ancora molto sensibile e vulnerabile. Dopo una lesione così traumatica, si sviluppa la congiuntivite..
  • Dopo la nascita. Se la futura mamma si ammala di qualche tipo di malattia fredda o infettiva durante la gravidanza, il bambino può facilmente essere infettato da lei. Il fatto è che un virus è una particella molto piccola. Attraversa facilmente la barriera placentare e provoca infiammazione nel bambino. In questo caso, si verificano forme congenite di congiuntivite. Questa variante della malattia si verifica nei bambini dal 1 ° mese di vita..
  • Allergia. La manifestazione di una reazione allergica è lo sviluppo dell'infiammazione della mucosa degli occhi. Molto spesso questa opzione si verifica nei bambini all'età di 6 mesi, 8 mesi. In questo momento, nella dieta del bambino vengono introdotti nuovi alimenti complementari, che possono provocare allergie a cibi non familiari. I bambini a 7 mesi di età tendono ad ammalarsi più spesso dei bambini piccoli e dei neonati.
  • Violazione delle regole di igiene personale. Ogni bambino deve avere i propri asciugamani e stoviglie. Se nella famiglia ci sono più bambini di età diverse, dovrebbero usare solo i propri articoli per l'igiene. Quando si usano gli asciugamani di qualcun altro, l'infezione si diffonde facilmente, la malattia può svilupparsi.

Tipi e forme

Ad oggi, ci sono un numero enorme di varie opzioni per il decorso della malattia. Per classificare i tipi e le forme di malattia in categorie specifiche, i medici utilizzano una varietà di classificazioni. Ciò consente di stabilire con precisione una diagnosi che indichi la causa della malattia, il decorso del decorso e determinare la prognosi più probabile per questa malattia..

Se la malattia appare in un bambino per la prima volta nella sua vita, questa opzione è chiamata acuta. Questo tipo di congiuntivite è registrato in una cartella medica speciale del bambino.

Dopo il trattamento, il ritorno della malattia nelle forme acute non dovrebbe essere. Se il processo viene ripetuto dopo 2 mesi o più, questa opzione viene chiamata ricorrente. Questa forma della malattia tende a diventare cronica.

Tutta la congiuntivite infettiva è divisa in diverse forme (tenendo conto dell'agente patogeno che le causa). Per diversi tipi di malattie degli occhi, vengono utilizzati tipi separati di terapia e farmaci. La congiuntivite infettiva può essere:

  • Virale. Si trova più spesso nei bambini dall'età di 4 mesi. Sono causati da vari virus. Abbastanza spesso, gli adenovirus possono causare congiuntivite nei neonati. Una volta sulla mucosa dell'occhio, danneggiano rapidamente le cellule e causano infiammazioni. Dopo un po ', con il flusso sanguigno, i virus si diffondono rapidamente in tutto il corpo, provocando infiammazioni negli organi interni.
  • Batterica. Il picco di incidenza nei bambini è a 9 mesi e 11 mesi. Stafilococchi, streptococchi e batteri anaerobici sono cause abbastanza comuni di malattie infettive degli occhi nei bambini nel primo anno di vita. La malattia causata da microrganismi estranei nei neonati può essere abbastanza difficile. In alcuni casi è richiesto il ricovero in ospedale. È altamente indesiderabile trattare a casa i neonati con forme purulente di congiuntivite batterica..
  • Chlamydial. Chiamato da clamidia. Molto spesso, l'infezione si verifica anche in utero, dalla madre. Se la futura mamma viene infettata da un'infezione da clamidia, anche il bambino può facilmente essere infettato. Con il flusso sanguigno, i microrganismi non solo si diffondono in tutto il corpo della madre, ma colpiscono anche il bambino. Se, durante i 9 mesi di gravidanza, una donna ha una patologia della placenta, il rischio intrauterino di infezione del nascituro aumenta molte volte.
  • Fungine. Sono piuttosto rari. Gli agenti causali della malattia in questo caso sono funghi patogeni. Molto spesso, questa variante della malattia si verifica in bambini indeboliti o neonati con immunodeficienze croniche. La malattia si sviluppa a lungo. Il trattamento richiede la nomina di speciali farmaci antifungini.

Quali sono i principali sintomi e segni della malattia?

Con la congiuntivite nei bambini, l'infiammazione si verifica sulla mucosa degli occhi. In genere, viene colpito per primo un occhio. Di solito, dopo un paio di giorni, inizia anche il processo infiammatorio nel secondo.

I sintomi più comuni nei neonati e nei bambini nel primo anno di vita con congiuntivite sono:

  • Rossore degli occhi. L'intera superficie bianca dell'occhio diventa rossa. In alcuni bambini, i vasi sanguigni si mostrano fortemente. La luce intensa irrita la mucosa infiammata. Il bambino cerca di non aprire gli occhi, poiché questo aumenta il dolore.
  • Lacrimazione. Uno dei segni più caratteristici della congiuntivite. Un sacco di liquido lacrimale viene rilasciato dall'occhio colpito durante il giorno. Nella maggior parte dei casi è trasparente. Se il decorso della malattia è abbastanza grave o si è aggiunta un'infezione secondaria, la natura della dimissione cambia. Diventano purulenti, a volte anche sanguinanti e viola..
  • Suppurazione. Con la congiuntivite batterica, il pus inizia a fluire dall'occhio danneggiato. È piuttosto appiccicoso e può persino incollare le ciglia insieme. Di solito è difficile per i bambini con suppurazione al mattino aprire gli occhi. È necessario rimuovere il pus dalle ciglia e dagli occhi più volte al giorno, con un batuffolo di cotone immerso in acqua tiepida o un antisettico.
  • Dolore se esposto alla luce solare. La mucosa infiammata dell'occhio è altamente suscettibile alle radiazioni. I bambini si sentono molto meglio nelle stanze buie e ombreggiate. I raggi luminosi del sole causano loro un forte dolore, portando un forte disagio. Al buio, il bambino inizia a sentirsi molto meglio..
  • Violazione del benessere generale del bambino. Di norma, quando compaiono i primi sintomi della congiuntivite, i bambini diventano più capricciosi, piangono più spesso. I bambini possono rifiutare l'allattamento al seno, diventare lunatici. La sonnolenza spesso aumenta. I bambini piccoli preferiscono non aprire gli occhi, poiché ciò causa loro un grave disagio.
  • Aumento della temperatura corporea. Con un decorso lieve della malattia, sale, di regola, a 37-37,5 gradi. Nelle forme più gravi, l'aumento può arrivare fino a 38-39 gradi. Se un bambino ha una congiuntivite allergica, compaiono anche altri sintomi caratteristici delle allergie. Può verificarsi tosse secca o naso che cola, congestione durante la respirazione. I bambini con dermatite hanno spesso nuove eruzioni cutanee pruriginose.

I sintomi della congiuntivite si verificano dopo il periodo di incubazione. La sua durata dipende dalla causa che ha causato la malattia. Spesso per la congiuntivite virale, dura 5-7 giorni. Se la malattia è causata da batteri, di solito il periodo di incubazione viene aumentato a una settimana.

Con la congiuntivite da clamidia, le prime manifestazioni possono verificarsi 12-14 giorni dopo l'infezione. Un periodo di incubazione piuttosto lungo per le infezioni fungine. Di solito sono 2-3 settimane. Per dire con sicurezza su quale patogeno ha causato la malattia, sono necessari ulteriori esami e analisi..

Diagnosi in un neonato

La varietà di forme cliniche della malattia richiede test ausiliari. Aiutano a stabilire la causa della malattia e a chiarire la diagnosi. La diagnosi differenziale viene eseguita per tutti i neonati e i bambini.

Un esame emocromocitometrico completo è il test più comune e più semplice per determinare la fonte dell'infezione. Questa analisi mostra non solo le condizioni generali e la gravità della malattia, ma può anche stabilire la probabile causa..

I risultati di questo test indicano la presenza di batteri, virus o altri microrganismi patogeni nel corpo.

Tuttavia, solo un esame del sangue non è informativo. Il medico ha solo dei risultati provvisori su quale sia la causa della malattia. È possibile chiarire uno specifico patogeno solo conducendo speciali test sierologici di laboratorio..

Questi includono l'esecuzione di una coltura batterica del liquido lacrimale e secreto dagli occhi. Questo studio è il più informativo, soprattutto nei primi giorni della malattia. Con il suo aiuto, non solo puoi trovare l'agente patogeno, ma anche determinare la sensibilità del microrganismo agli antibiotici.

Una tale diagnosi consente ai medici di diagnosticare e prescrivere correttamente il trattamento corretto..

Se all'inizio della malattia la semina batterica dello scarico non è stata eseguita per qualche motivo, in questi casi ricorrono a test sierologici specifici. Il sangue del bambino viene prelevato da una vena e testato. La presenza di anticorpi contro vari agenti patogeni sarà un fatto affidabile della presenza di una specifica infezione nel corpo del bambino.

Nei casi più difficili, sono necessari diversi test di laboratorio contemporaneamente. Con il loro aiuto, il medico può fare la diagnosi più accurata e decidere se gli antibiotici sono necessari nella terapia. Spesso i neonati vengono ricoverati in ospedale per tutte le analisi e gli esami. In condizioni stazionarie, è più facile eseguire questo complesso di misure diagnostiche.

Trattamento

Se hai intenzione di auto-medicare a casa, assicurati di mostrare il tuo bambino a un oftalmologo.

Dopo aver esaminato il bambino e condotto gli esami su dispositivi speciali, il medico potrà decidere se il bambino deve essere ricoverato in un ospedale pediatrico specializzato.

Se il medico ti consente di essere osservato e curato a casa, in questo caso ti darà sicuramente consigli su quali farmaci possono essere usati. Nella maggior parte dei casi, i medici prescrivono colliri speciali..

Se la malattia è grave, possono essere necessarie iniezioni o pillole antibiotiche per il trattamento. Questo è deciso solo dal medico curante. Tali farmaci non dovrebbero essere usati da soli..

Raccomandazioni generali

È estremamente indesiderabile fare il bagno al bambino il primo giorno di sviluppo della malattia. Non vale la pena farlo soprattutto se il tuo bambino ha la febbre. I neonati hanno ancora una termoregolazione molto scarsa e possono diventare rapidamente ipotermici. È meglio pulire il corpo del bambino con un asciugamano morbido inumidito con acqua tiepida. Cerca di pulire la pelle delicata del bambino il più delicatamente possibile. Asciugare il bambino in modo che non prenda il raffreddore.

I pediatri non consigliano di camminare con il tuo bambino nel bel mezzo di un periodo acuto della malattia. Questo soprattutto non vale la pena farlo in estate. Con l'insolazione attiva, l'infiammazione sulla mucosa degli occhi del bambino può aumentare. I raggi del sole possono aumentare significativamente il dolore e gli occhi acquosi.

Quando cammini, non dimenticare di coprire il viso e la testa del bambino con un copricapo leggero a tesa larga. Per i neonati, scegli passeggini con visiere voluminose per proteggerti dal sole.

Terapia specifica

Nel trattamento della congiuntivite, è molto importante pulire adeguatamente gli occhi del bambino. Per fare questo, un batuffolo di cotone inumidito con acqua calda viene accuratamente rimosso dal secreto, dall'angolo esterno verso l'interno. I dischi per entrambi gli occhi devono essere diversi. È consentito eseguire questa procedura 3-4 volte al giorno. Puoi anche usare decotti di camomilla o una soluzione debole di furacilina. Le soluzioni non dovrebbero essere calde, in modo da non causare ulteriori danni.

I farmaci antibatterici sono usati per trattare la congiuntivite batterica. I bambini possono usare albucid dalla nascita. Questo medicinale distrugge perfettamente vari tipi di microrganismi e batteri patogeni. La maggior parte delle infezioni da stafilococco può essere trattata con albucide. Negli ospedali per la maternità, viene utilizzato per i bambini fin dai primi giorni di vita (per la prevenzione e il trattamento delle infezioni agli occhi della gonorrea).

Un farmaco altrettanto efficace per il trattamento della congiuntivite batterica è la levomicetina. Il meccanismo d'azione di questo farmaco è quello di uccidere i batteri. È usato per i bambini piccoli nel trattamento della congiuntivite di diverse varianti di corso. Può essere utilizzato sotto forma di unguento per gli occhi, che viene messo dietro la palpebra più volte al giorno.

Su come seppellire il prodotto negli occhi di un bambino, guarda il seguente video.

Regime quotidiano

Anche l'organizzazione del corretto programma giornaliero gioca un ruolo importante nel trattamento della malattia. I neonati dovrebbero riposarsi quanto più possibile. I bambini durante le malattie infettive devono dormire almeno 12 ore al giorno. Un pisolino durante il giorno aiuterà il tuo bambino a riprendersi. Durante il sonno, è meglio proteggere le finestre ed evitare la luce solare intensa. Ciò aiuterà il rapido recupero e la guarigione della mucosa oculare danneggiata.

Dieta terapeutica

Per ripristinare il corpo, si consiglia a tutti i bambini di prescrivere una dieta speciale. I neonati dovrebbero essere allattati al seno su richiesta. Gli intervalli tra le poppate di solito non superano le 2-3 ore. Gli anticorpi protettivi del latte materno aiutano l'immunità infantile a combattere le infezioni.

I bambini che ricevono alimenti complementari dovrebbero assolutamente mangiare ogni 2,5-3 ore. È meglio scegliere prodotti che hanno subito un trattamento termico sufficiente. Sono preferiti piatti di consistenza liquida. Fiocchi di cereali e purea di carne sono ottime opzioni. Puoi integrare la dieta con frullato di frutta o verdura (in base all'età). Per i neonati, entro 10 mesi vengono aggiunte piccole quantità di latticini freschi.

Durante il trattamento, al bambino deve essere somministrata una quantità sufficiente di liquido. I bambini che allattano al seno devono essere integrati con acqua bollita pulita (oltre all'alimentazione). Ciò è particolarmente importante quando si prescrivono antibiotici. In questo caso, la rimozione delle tossine batteriche pericolose avverrà più velocemente e il bambino sarà più probabile che si riprenda..

Prevenzione

Il corpo dei bambini è ancora molto debole. Il sistema immunitario del bambino si sviluppa durante il primo anno di vita. La più importante protezione e prevenzione di varie malattie infettive nei bambini piccoli è l'allattamento al seno. Gli anticorpi protettivi provenienti dal latte materno aiutano i bambini a far fronte a vari agenti infettivi e rafforzare l'immunità.

Per prevenire la congiuntivite, anche l'igiene personale è molto importante. Se la madre ha contratto un'infezione durante la gravidanza o l'allattamento, il trattamento deve essere iniziato il prima possibile. Se infettato da batteri di vario tipo, è necessario assumere antibiotici. L'allattamento al seno dovrebbe essere posticipato per il periodo di trattamento della madre. In questo momento, i bambini vengono trasferiti alla nutrizione con miscele secche adattate.

Ogni bambino deve avere i propri articoli per l'igiene e asciugamani. È necessario lavare quotidianamente i vestiti in tessuto per bambini. Dopo il lavaggio il tutto va stirato su entrambi i lati. È meglio usare tamponi di cotone sterili per pulire lo spioncino durante le procedure igieniche. Ciò è particolarmente importante per i neonati..

Le passeggiate quotidiane all'aria aperta sono un ottimo modo per rafforzare il sistema immunitario di un neonato. Scegli un momento caldo per camminare. Quando fa freddo, opta per abiti caldi e comodi. Non dovresti avvolgere il bambino! Nei bambini, nel primo anno di vita, il sistema di termoregolazione del corpo non è ancora completamente funzionante. Se il bambino è avvolto troppo, può surriscaldarsi e persino ammalarsi. Scegli i vestiti per la stagione.

Nel primo anno di vita di un bambino, assicurati di includere la vitamina D nella dieta, essenziale per i bambini che vivono in climi freddi. Un adeguato apporto di vitamina D nel corpo aiuta a rafforzare l'immunità del bambino, prevenendo possibili malattie infettive.

La congiuntivite nei bambini nel primo anno di vita può essere una malattia piuttosto pericolosa. Con la tempestiva nomina del trattamento, la malattia viene curata bene e non diventa cronica. L'uso di vari medicinali consente di eliminare tutti i sintomi sfavorevoli della malattia e porta a un completo recupero..

Il dottor Komarovsky ti dirà di più sulla congiuntivite nei neonati e nei bambini nel prossimo video.