Fossa retinica centrale

fossa centrale - La parte centrale della macula, che è il luogo della massima acuità visiva; il suo diametro corrisponde a circa 2,5 gradi del campo visivo. [Raccolta di termini consigliati. Problema 79. Ottica fisica. Accademia delle scienze dell'URSS. Scientific...... Technical Translator's Guide

Fossa centrale - - una depressione al centro della macula della retina, caratterizzata dalla più alta concentrazione e posizione superficiale dei fotorecettori... Glossario dei termini sulla fisiologia degli animali da allevamento

fossa retinica centrale - (fovea centralis, PNA, BNA, JNA) una depressione al centro della macula (macchie retiniche), caratterizzata dalla più alta concentrazione e posizione superficiale dei fotorecettori... Dizionario medico completo

Fovea (FOVEA) - La porzione centrale della retina, che ha un diametro di circa 0,3 mm. Contiene la maggior parte dei coni. L'ampiezza della proiezione dello stimolo sulla fossa centrale (angolo di visuale) va da 1 a 2 °... Psicologia delle sensazioni: glossario

FOBE (CENTRALE) - Una piccola depressione o depressione nella retina. Quando la luce entra nell'occhio lungo l'asse visivo, cade su una parte della retina chiamata macchia retinica (o macchia gialla), al centro della quale c'è una fovea, un'area piuttosto piccola...... Dizionario esplicativo di psicologia

La fossa centrale è una piccola parte (depressione della retina) in cui sono concentrati i coni (non ci sono bastoncelli), che è l'area della visione più chiara. Sinonimo: punto giallo... Dizionario enciclopedico di psicologia e pedagogia

Depressione centrale - Fossa centrale, o depressione centrale (lat. Fovea centralis) una piccola depressione situata al centro della macula (lat. Wacula lutea) della retina. Il fondo della fossa centrale è chiamato findus foveae. Al suo posto...... Wikipedia

Macula maculare - La parte centrale della retina, contrassegnata da pigmento giallo, che comprende la fossa centrale e le aree adiacenti... Psicologia delle sensazioni: glossario

Occhi - Occhio umano (a destra) Articolo principale: Vision Eye (oculo latino) è un organo sensoriale degli animali e degli esseri umani, che ha la capacità di percepire le radiazioni elettromagnetiche nell'intervallo di lunghezze d'onda della luce e fornisce la funzione di visione. Massimo...... Wikipedia

Occhio: è necessario trasferire il contenuto dell'articolo sull'occhio umano a questo articolo e inserire un reindirizzamento da lì. Puoi aiutare il progetto unendo gli articoli (vedi le istruzioni per l'unione). Se è necessario discutere la fattibilità dell'unificazione,...... Wikipedia

Fovea centrale

La fossa centrale o fovea (lat. Fovea centralis) è una piccola depressione situata al centro della macchia gialla (lat. Macula lutea) della retina dell'occhio, ha la massima acuità visiva.

La fossa non si trova esattamente sull'asse ottico, ma è spostata di circa 4-8 ° dal centro. La fossa vede solo l'area visiva centrale di 2 °, che equivale all'incirca al doppio della larghezza dell'unghia.

L'alta densità di recettori visivi nella fossa centrale fornisce la massima acutezza della visione centrale, che fornisce a una persona la capacità di distinguere oggetti molto piccoli, dettagli dell'immagine e lettura. La dimensione relativamente piccola del campo visivo nella regione foveale, che ha un'elevata qualità della percezione del colore e la massima acuità visiva, è compensata dalla capacità della persona di "scansionare" il mondo con i suoi occhi, considerando costantemente la parte necessaria del campo visivo.

La struttura e le caratteristiche della fossa centrale

La fossa ha un diametro di circa 1,0 mm con un'alta concentrazione di fotorecettori a cono. Il centro della fossa (fossetta) ha un diametro di circa 0,2-0,4 mm. In quest'area sono presenti solo i fotorecettori: i coni e i bastoncelli sono assenti. La fovea è composta da coni distanziati in modo molto compatto, più sottili e più simili a bastoncelli rispetto ai coni in altre parti della retina. Partendo dalla periferia della fossa alla periferia, la densità dei bastoncelli aumenta e la densità assoluta dei coni diminuisce progressivamente.

Nella fossa, il rapporto tra cellule gangliari e fotorecettori è 1: 1: ogni cellula bipolare riceve dati da un singolo cono. Pertanto, l'acuità visiva nella regione della fovea è massimizzata e fornisce la massima risoluzione dei dettagli..

Rispetto al resto della retina, i coni di fovea hanno un diametro inferiore e sono quindi più densamente impaccati.

La fossa centrale si trova vicino all'asse ottico dell'occhio. Ciò consente di distinguere con precisione l'oggetto a cui è diretto l'occhio. Se l'oggetto in questione è grande, gli occhi devono muovere costantemente la proiezione dell'oggetto sulla retina per poter scansionare l'intera immagine dell'oggetto con un'area con la massima risoluzione (come durante la lettura).

I coni contengono pigmenti fotosensibili che consentono agli esseri umani di distinguere i colori e la fossa è in gran parte responsabile della visione dei colori negli esseri umani. Tuttavia, quest'area della retina è meno sensibile alla regione spettrale delle onde corte (blu-violetto)..

La fossa occupa un'area inferiore all'1% della superficie totale della retina, ma fornisce oltre il 50% delle informazioni visive per la corteccia cerebrale.

Poiché la fossa non ha aste, è insensibile agli oggetti scarsamente illuminati. Gli astronomi lo sanno; per osservare una stella debole, usano la loro visione periferica per proiettare un'immagine sulla regione periferica della retina.

La fossa è ricoperta da un pigmento giallo chiamato xantofilla con i carotenoidi zeaxantina e luteina.

La pigmentazione di quest'area consente di compensare la mancanza di sensibilità alla regione delle onde corte dello spettro..

Riserva di sangue

Poiché la macula non ha un sistema di afflusso di sangue sviluppato, la fossa deve ricevere ossigeno dai vasi nella coroide, che corre perpendicolare alla retina dell'epitelio pigmentato e alla membrana di Bruch. Questo apporto di sangue non sempre soddisfa le richieste metaboliche della fossa in condizioni di luce intensa e la fossa esiste quindi in uno stato di ipossia quando è sotto luce intensa..

Retina


Una delle membrane più sensibili e importanti nella struttura dell'apparato visivo è la retina. È il sito iniziale dell'analizzatore ottico e fornisce la percezione dei flussi di luce, la loro trasformazione in impulsi nervosi. I raggi elaborati vengono trasmessi al nervo ottico. La fotorecezione si riferisce a processi complessi che consentono a una persona di vedere il mondo che lo circonda. Le anomalie del guscio possono portare alla cecità.

Cos'è?

La retina riveste il bulbo oculare dall'interno, normalmente il suo spessore raggiunge i 281 micromillimetri. Inoltre, nell'area della macula, il guscio è molte volte più sottile rispetto alla periferia. L'elemento si estende dal disco ottico alla linea frastagliata. Nel disco del nervo ottico, la retina è attaccata molto strettamente, in altre aree la connessione è allentata. Questo spiega il facile sviluppo del distacco di retina..

Gli strati del guscio differiscono per struttura e funzione, formando una struttura complessa. A causa della stretta interazione di diversi elementi dell'apparato visivo, una persona è in grado di distinguere colori, dimensioni degli oggetti, stimare la distanza.

Penetrando nell'occhio, i flussi di luce passano attraverso diversi mezzi di rifrazione. In assenza di deviazioni nella rifrazione, le persone sulla retina ottengono un'immagine ridotta e invertita, ma reale. In futuro, gli impulsi vengono trasformati e inviati al cervello, dove viene eseguita l'elaborazione finale dell'immagine del mondo esterno.

Struttura

La retina, da un punto di vista funzionale, si divide in due componenti:

  • Area ottica. Occupa la maggior parte della retina (2/3 di tutti i tessuti), forma una struttura fotosensibile (pellicola sottile e trasparente).
  • La parte cieca. L'area dell'iride ciliato occupa meno spazio e costituisce lo strato pigmentato esterno.

L'area visiva è caratterizzata da uno spessore irregolare:

  • L'area più densa (0,4 mm) si trova vicino al bordo del disco ottico.
  • L'area più sottile (fino a 0,075 mm) fa parte della macula. Ha la migliore percezione degli stimoli ottici.
  • La sezione medio-spessa (entro 0,1 millimetri) si trova vicino alla linea frastagliata.

Apparecchio fotorecettore

È costituito da coni e bacchette. Il primo contiene il pigmento ottico iodopsina, il secondo rodopsina. I coni sono responsabili del colore e della visione centrale; il loro diametro è di sei micromillimetri. Le aste forniscono la percezione in bianco e nero, periferica e crepuscolare. Il diametro degli elementi raggiunge i due micromillimetri.

La retina contiene tre tipi di coni, che differiscono nel pigmento visivo. Percepiscono fasci di luce di diverse lunghezze, che garantiscono il regolare funzionamento del meccanismo di percezione del colore.

I principali segmenti di fotorecettori:

  • Esterno. Contiene una sostanza sensibile alla luce.
  • Interni. Include citoplasma con ornellae. Un ruolo speciale è assegnato ai mitocondri, che forniscono alle funzioni dei fotorecettori una quantità sufficiente di energia..
  • Nucleo.
  • Corpo sinaptico. Parte dei coni e dei bastoncelli, si collega alle cellule nervose che sono componenti del percorso ottico.

La struttura istologica della retina

La struttura della retina è molto complessa. Tutti gli elementi sono strettamente correlati e il danneggiamento di uno qualsiasi di essi può portare a gravi complicazioni. La retina ha dieci strati. Quattro appartengono all'apparato fotosensibile della membrana, sei rappresentano il tessuto cerebrale.

Strati retinici:

  • Epitelio pigmentato e membrana di Buch. Funge da barriera, impedisce l'ingresso di radiazioni luminose e assorbe i segmenti di coni e bastoncelli. Con lo sviluppo di alcune patologie, qui si formano punti duri o molli di piccole dimensioni e una tinta gialla (drusen).
  • Strato nucleare interno. Ecco i corpi delle cellule mulleriane, amacrine e orizzontali. I primi sono necessari per il mantenimento della materia nervosa. Tutto il resto è impegnato nell'elaborazione di segnali che trasmettono fotorecettori..
  • Fibre nervose. Invia informazioni al nervo ottico.
  • Strato fotosensoriale. Ecco i coni e le aste.
  • Membrana limite esterna. Formato da piastre terminali e contatti adesivi piatti di fotorecettori. Qui si trovano anche i processi delle cellule mulleriane. Svolgono una funzione di conduzione della luce, cioè raccolgono i raggi sulla superficie anteriore della retina e li reindirizzano ai coni, ai bastoncelli.
Strato nucleare esterno. I fotorecettori, i loro corpi e nuclei si trovano qui. I processi esterni (dendriti) sono diretti verso l'epitelio pigmentato, quelli interni - verso lo strato esterno della retina, dove entrano in contatto con le cellule bipolari.
  • Strato esterno in rete. Formato dalle sinapsi tra fotorecettori, neuroni associativi e cellule bipolari.
  • Strato di maglia interna. Include gli assoni di varie cellule nervose della retina.
  • Le cellule gangliari ricevono segnali dai fotorecettori tramite neuroni bipolari e li trasmettono al nervo ottico. Non sono ricoperti di mielina, quindi sono assolutamente trasparenti e trasmettono facilmente flussi luminosi.
  • Membrana limite interna. Funge da barriera tra la retina e l'umor vitreo.

Area maculare

Dopo che i flussi di luce attraversano le strutture ottiche dell'apparato visivo e il corpo vitreo, penetrano nella retina dall'interno. Prima che gli impulsi raggiungano i bastoncelli e i coni, devono attraversare le cellule gangliari, la rete e gli strati nucleari..

Nella regione della fovea, gli strati interni si allontanano in direzioni diverse per ridurre la perdita della vista. Una delle aree più importanti della retina è l'area maculare. Comprende diverse parti:

  • Fovea (l'area più scura intorno alla macula). Diametro dell'elemento da 1,5 a 1,8 millimetri.
  • Foveola (punto luce al centro della macula). Dimensione del lotto 0,35-0,5 mm.
  • Un'area senza vasi con un diametro di circa 0,5 millimetri.
Nella fossa centrale è concentrato fino al dieci percento dei fotorecettori. La nitidezza degli occhi dipende dalla sua funzionalità. Nei bambini, la macula ha confini sfocati. Verso la fine del primo anno di vita appare un contorno chiaro.

Testa del nervo ottico

L'area in cui il nervo ottico dell'occhio passa nelle strutture cerebrali. L'area dell'elemento è di circa tre millimetri quadrati, il diametro del disco ottico è di 2 mm. I vasi sono concentrati al centro del disco; sono rappresentati dalla vena della retina e dall'arteria centrale. Il loro scopo principale è fornire sangue alla retina..

Rifornimento di sangue della retina

Il processo proviene da due fonti. Sei strati interni trasportano il "fluido rosso" dai rami dell'arteria centrale. L'esterno riceve i nutrienti dalla sezione coriocapillare della coroide.

L'arteria centrale è molto importante per l'afflusso di sangue. È diviso in due rami: superiore e inferiore. Sono anche classificati in rami nasali e temporali. Il deflusso del sangue dalla retina avviene attraverso il sistema venoso.

Macula maculare (macchia retinica)

Il fondo dell'occhio al centro ha una formazione specifica: la macula. Contiene anche una fossa, un imbuto sulla superficie interna della retina. La dimensione del punto corrisponde al volume della testa del nervo ottico e si trova di fronte alla pupilla.

La macula è l'area dell'analizzatore ottico in cui l'acuità visiva è più pronunciata. Lo spot è responsabile della chiarezza e della chiarezza della percezione.

Funzioni

Il compito principale della retina è la fotorecezione. È una catena di reazioni biochimiche durante le quali gli impulsi luminosi vengono convertiti in segnali nervosi. Si verifica a causa della rottura della rodopsina e della iodopsina - pigmenti visivi formati quando c'è una quantità sufficiente di vitamina A nel corpo.

La retina dell'occhio svolge le seguenti funzioni:

  • Visione centrale. Consente a una persona di leggere, vedere oggetti a distanze diverse. È fornito dai coni retinici situati nella regione maculare..
  • Visione periferica. Necessario per l'orientamento nello spazio. È possibile a causa della disposizione delle aste nella retina, che si trovano alla periferia del guscio..
  • Visione dei colori. Ti permette di distinguere le sfumature. È fornito da tre diversi tipi di coni, ognuno dei quali percepisce flussi luminosi di lunghezza diversa. Di conseguenza, una persona può riconoscere i colori verde, rosso e blu. Le difficoltà con la percezione delle sfumature portano al daltonismo. Alcune persone hanno un quarto cono o asta e possono distinguere fino a cento milioni di colori..
  • Visione notturna. Ti permette di vedere in condizioni di scarsa illuminazione. Solo i bastoncini lo forniscono. I coni non funzionano al buio.

Sintomi di patologia retinica

Un segno caratteristico di danno alla retina è un calo dell'acuità visiva e un restringimento dei campi ottici. In alcuni casi, si osserva la formazione di bovini assoluti o relativi, situati in diverse parti della retina. Lo sviluppo del daltonismo e della cecità notturna indica danni ai fotorecettori..

Un marcato calo della visione centrale segnala la sconfitta della regione maculare. Con problemi di visione periferica, c'è un alto rischio di sviluppare anomalie del fondo oculare in periferia. La formazione da parte del bestiame indica un danno locale a un'area specifica della retina.

Un aumento del volume del punto cieco, accompagnato da un forte deterioramento dell'acuità visiva, può segnalare patologie del nervo ottico. L'occlusione dell'arteria centrale della retina si manifesta con una cecità inaspettata (entro pochi secondi) di un occhio. Quando la retina si rompe e si stacca, si osservano lampi, fulmini e macchie davanti all'organo della vista.

Di solito non c'è dolore nelle patologie della retina, poiché gli impulsi nervosi non vengono trasmessi a causa della mancanza di innervazione sensibile.
Torna al sommario

Metodi di diagnosi della malattia

Il programma di esame standard include la misurazione della pressione intraoculare, il controllo dell'acuità visiva, la determinazione del livello di rifrazione, l'analisi dei campi ottici (perimetria), la biomicroscopia e l'oftalmoscopia.

Inoltre, la diagnostica può includere:

  • Angiografia a fluorescenza della retina. Condotto per valutare lo stato del sistema vascolare.
  • Studio della sensibilità al contrasto, percezione del colore.
  • Diagnostica elettrofisiologica (tomografia a coerenza ottica).
  • Scattare una fotografia del fondo. Richiesto per il follow-up e il confronto degli indicatori.

Malattie retiniche

Tra tutti i disturbi oftalmici, le anomalie che interessano la retina rappresentano meno dell'1%. Possono essere suddivisi in diverse categorie:

  • Patologie distrofiche. Sono congenite o acquisite.
  • Disturbi infiammatori.
  • Danni alla retina dovuti a traumi all'apparato visivo.
  • Deviazioni associate a malattie concomitanti. Ad esempio, disturbi endocrini o cardiovascolari.

Patologia vascolare

L'anomalia più comune in questa categoria è l'angiopatia. È caratterizzato da danni a varie navi. La causa della manifestazione della malattia: diabete, ipertensione, vasculite, ecc..

In primo luogo, i pazienti sviluppano angiospasmo retinico o distonia, successivamente cessa di fibrosi e assottigliamento vascolare. Questo porta a ischemia e angioretinopatia. Ai pazienti ipertesi viene diagnosticato un crossover artero-venoso, in cui i vasi assomigliano a fili di rame e argento..

L'angiodistonia è accompagnata da un calo dell'acuità visiva, aumento dell'affaticamento. L'arteriospasmo si sviluppa con pressione sanguigna alta o bassa, una serie di anomalie neurologiche.

Un'anomalia vascolare comune è l'occlusione dell'arteria retinica centrale. La malattia è accompagnata dal blocco di una nave o di uno dei suoi rami, che porta all'ischemia. L'embolia dell'arteria centrale è più comune nei pazienti con aterosclerosi, ipertensione e aritmia.

Distrofie, traumi, malformazioni

L'anomalia più comune è il coloboma (parte mancante della retina). Spesso i pazienti devono affrontare la distrofia maculare, centrale e periferica. Quest'ultimo è ulteriormente suddiviso in "traccia di lumaca" a reticolo, cistica piccola, simile al gelo. Con lo sviluppo di queste patologie, sul fondo compaiono fori di diverse dimensioni.

Dopo ferite contundenti e contusioni sulla retina, può verificarsi l'opacità di Berlin. Il trattamento della malattia consiste nell'uso di un complesso di vitamine e antiossidanti. A volte vengono prescritte sessioni di ossigenazione iperbarica. Sfortunatamente, la terapia non porta sempre l'effetto atteso..

Neoplasie

Il tumore della retina è stato recentemente sempre più comune nelle persone che visitano un optometrista. Rappresenta circa 1/3 di tutte le neoplasie. In genere, ai pazienti viene diagnosticato un retinoblastoma. Il nevo, l'angioma e altri tumori benigni sono molto meno comuni.

L'angiomatosi è solitamente associata a vari difetti dello sviluppo. Il trattamento è personalizzato per ogni paziente individualmente.

Conclusione

La retina è la regione periferica dell'analizzatore visivo. In esso avviene il processo di fotoricezione (percezione ed elaborazione di raggi luminosi di diverse lunghezze). Con il danneggiamento del guscio, le persone devono affrontare una varietà di patologie. È estremamente importante iniziare a trattarli in modo tempestivo, poiché una delle conseguenze delle malattie della retina è la cecità.

Dal video imparerai informazioni interessanti sulla struttura della retina.

Fossa retinica centrale

La fovea centrale della retina (lat. Fovea centralis, fovea significa pozzi o trappole; spesso indicata come regione foveale) è la parte dell'occhio situata al centro della regione della macula della retina [2] - [3]. L'alta densità di recettori visivi nella fossa centrale fornisce la massima acutezza della visione centrale, che fornisce a una persona la capacità di distinguere oggetti molto piccoli, dettagli dell'immagine e lettura. La dimensione relativamente piccola del campo visivo nella regione foveale, che ha un'elevata qualità della percezione del colore e la massima acuità visiva, è compensata dalla capacità della persona di "scansionare" il mondo con i suoi occhi, considerando costantemente la parte necessaria del campo visivo.

Soddisfare

  • 1 Edificio
  • 2 Descrizione
  • 3 Vedi anche
  • 4 Note

Edificio [modifica]

La fossa è circondata da una cintura "para-pit", e la "perifovea" è un'area esterna: [4]

Paraamka è una cintura intermedia in cui lo strato cellulare del ganglio è composto da più di cinque file di cellule, nonché la più alta densità di coni; (fovea periferica) "perifovea" - l'area più esterna dove lo strato di cellule gangliari contiene da due a quattro file di gabbie, e - dove l'acuità visiva è inferiore a quella ottimale. Perifovea contiene una densità del cono ancora più ridotta, avendo da 12 a 100 micrometri contro 50 a 100 micrometri nella fovea stessa. Questo, a sua volta, è circondato da un'area periferica più ampia che fornisce informazioni a bassa risoluzione altamente compresse. Circa il 50% delle fibre nervose nel nervo ottico trasporta informazioni dalla fossa, mentre l'altro 50% trasporta informazioni dal resto della retina. Il parafume si estende per 1¼ mm dalla fovea e la perifovea è a 2¾ mm dal centro. [cinque]

Descrizione [modifica]

Nell'occhio umano, la fovea indica un'area della retina che fornisce la massima acuità visiva

Il diagramma mostra l'acutezza relativa dell'occhio umano sinistro a vari angoli sulla retina rispetto al centro della fovea. [7] Con la distanza dalla fovea, l'area retinica contiene una densità di coni decrescente rispetto alla fovea stessa.

La fossa umana ha un diametro di circa 1,0 mm con un'alta concentrazione di fotorecettori a cono. Il centro della fossa - la fossetta - ha un diametro di circa 0,2-0,4 mm. In quest'area sono presenti solo i fotorecettori: i coni e i bastoncelli sono assenti. [8] La fovea è costituita da coni distanziati in modo molto compatto che sono più sottili e più simili a bastoncelli rispetto ai coni in altre parti della retina. Partendo dalla periferia della fossa alla periferia, la densità dei bastoncelli aumenta e la densità assoluta dei coni diminuisce progressivamente.

Nella fossa di un primate (presumibilmente compreso l'uomo), il rapporto tra cellule gangliari e fotorecettori è di circa 2,5; quasi tutte le cellule gangliari ricevono dati da un singolo cono e la posizione del cono è in linea con le cellule gangliari. [9] Pertanto, l'acuità visiva nelle regioni foveale e fossa è massimizzata e fornisce la massima risoluzione dei dettagli. [dieci]

Rispetto al resto della retina, i coni nella fossa foveale hanno un diametro più piccolo e quindi più densamente impaccati.

La fossa centrale si trova vicino all'asse ottico dell'occhio. Ciò consente di distinguere con precisione l'oggetto a cui è diretto l'occhio. Se l'oggetto in questione è grande, gli occhi devono muovere costantemente la proiezione dell'oggetto sulla retina per poter scansionare l'intera immagine dell'oggetto con un'area con la massima risoluzione (come durante la lettura).

Poiché la macula non ha un sistema di afflusso di sangue sviluppato, la fossa deve ricevere ossigeno dai vasi nella coroide, che corre perpendicolare alla retina dell'epitelio pigmentato e alla membrana di Bruch. Questo apporto di sangue non sempre soddisfa le richieste metaboliche della fossa in condizioni di luce intensa e la fossa esiste quindi in uno stato di ipossia quando è sotto luce intensa..

I coni contengono pigmenti fotosensibili che consentono agli esseri umani di distinguere i colori e la fossa è in gran parte responsabile della visione dei colori negli esseri umani. Tuttavia, quest'area della retina è meno sensibile alla regione spettrale delle onde corte (blu-violetto)..

La fossa copre meno dell'1% della superficie totale della retina, ma fornisce oltre il 50% delle informazioni visive per la corteccia cerebrale. [11] La fovea foveale non si trova esattamente sull'asse ottico, ma è spostata di circa 4-8 gradi dal centro. La fovea vede solo i 2 ° centrali dell'area visiva, che equivale all'incirca al doppio della larghezza dell'unghia. [12]

Poiché la fossa non ha aste, è insensibile agli oggetti scarsamente illuminati. Gli astronomi lo sanno; per osservare una stella debole, usano la loro visione periferica per proiettare un'immagine sulla regione periferica della retina.

A. König (Konig A.) nel 1894 condusse una serie di esperimenti a seguito dei quali stabilì che per piccoli oggetti focalizzati sulla fossa centrale della retina, la visione umana è "dicromatica", poiché questa parte della retina ha una debole sensibilità alla parte blu dello spettro. Koenig è stato in grado di sintetizzare per tali oggetti tutti i colori dello spettro utilizzando solo due colori spettrali principali con lunghezze d'onda di 475 e 650 nm. Successivamente, questo fatto è stato confermato da un certo numero di altri ricercatori [13] [14] [15], e si è scoperto che il "dicromatismo" con visione normale si osserva già quando la dimensione angolare degli oggetti è pari a 10 '- 20'. Quando si osservano piccoli oggetti con tali dimensioni, la visione normale ha le proprietà della tritanopia, cioè non distingue il blu dal verde, il rosso dal viola. L'osservatore percepisce i colori di piccoli oggetti come una miscela di arancio e blu. Quando si osservano oggetti più piccoli, l'osservatore smette di percepire il colore e li vede come in bianco e nero, il che è stato confermato dagli esperimenti di A. Bedford nel 1950. [sedici]

La fossa è ricoperta da un pigmento giallo chiamato xantofilla en: xantofilla, [17] con carotenoidi en: carotenoide zeaxantina en: zeaxantina e luteina en: luteina (Balashov e Bernstein, 1998). [18]

La pigmentazione di quest'area consente di compensare la mancanza di sensibilità alla regione delle onde corte dello spettro..

Esiste una fossa sulla superficie delle retine di molti tipi di pesci, rettili e uccelli. Tra i mammiferi, la fossa si trova solo negli esseri umani e nei primati. La fossa retinica assume forme leggermente diverse in diversi tipi di animali. Ad esempio, nei primati, i fotorecettori a cono rivestono la base della fossa foveale, che altrove nella retina forma strati più superficiali, spostati lontano dalla regione foveale..

Fossa centrale: struttura, caratteristiche

Fossa centrale, in alcune fonti puoi trovare il nome depressione centrale - questa è una depressione insignificante che si trova al centro della macula della retina.

Non attraversa l'asse ottico dell'occhio, ma si trova a una distanza di 4-8 gradi dal centro. Questo sito ha la più alta acuità visiva e la più alta percezione del colore, che si ottiene grazie all'elevata densità delle fibre ottiche. Ciò consente a una persona di leggere, esaminare da vicino e distinguere tra piccoli oggetti e loro dettagli. Oltre all'occhio umano, nelle scimmie è presente anche la fossa retinica centrale..

Struttura

Il diametro della fossa è di circa 1,0 mm di diametro, ma la dimensione del centro della fossa è di circa 0,2 mm - 0,4 mm. La sua area non supera l'1% dell'area totale della retina. Più del 50% delle informazioni che entrano nella corteccia cerebrale sono fornite dalla fossa centrale. La fossa centrale è ricoperta da un pigmento giallo - xantofilla, che contiene luteina e zeaxantina. La fossa contiene molti coni e le aste sono completamente assenti. I coni sono molto compatti per il loro piccolo diametro. I coni nella fovea sono più simili a bastoncelli che ai coni altrove..

L'elevata acuità visiva nella fossa centrale si ottiene grazie al rapporto tra cellule del nodo nervoso e fotorecettori (coni), è 1: 1, ogni cellula riceve dati da un cono. La posizione della fovea vicino all'asse ottico dell'occhio consente di distinguere accuratamente tra gli oggetti che stanno guardando. Date le grandi dimensioni dell'oggetto, la sua proiezione si sposta costantemente sulla retina per poter scansionare e riprodurre l'oggetto con la massima precisione.

La fovea è responsabile di una percezione significativa del colore, poiché i coni contengono pigmenti fotosensibili che consentono all'uomo di distinguere i colori. Ma l'assenza di aste nella fossa rende la fossa centrale non suscettibile agli oggetti scarsamente illuminati.

Riserva di sangue

A causa del fatto che la macula della retina non ha un sistema di afflusso di sangue, l'apporto di sangue alla fossa avviene a causa dei vasi situati nella coroide. In condizioni di luce intensa, questo apporto di sangue è insufficiente, quindi, in piena luce, la fossa centrale è in uno stato di ipossia.

Questo sito utilizza Akismet per combattere lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.

Fossa centrale - Fovea centralis

fovea centrale
i dettagli
Identificatori
latinofossa centrale
MagliaD005584
T.A..A15.2.04.022
FMA58658
Terminologia anatomica

La fovea centrale è piccola; la fovea centrale è costituita da coni densamente compatti negli occhi. Si trova al centro della macula sulla retina.

La fossa è responsabile della visione centrale nitida (chiamata anche visione foveo), necessaria agli esseri umani per attività in cui i dettagli visivi sono di fondamentale importanza, come la lettura e la guida. La fossa è circondata dalla cintura parafovea e la perifovea è la regione esterna. La parafovea è una cintura intermedia, in cui lo strato di cellule gangliari è costituito da più di cinque file di cellule e ha anche la più alta densità di coni; perifovea è il bordo esterno in cui lo strato di cellule gangliari contiene da due a quattro righe di cellule e dove l'acuità visiva è subottimale. Perifovea contiene una densità del cono ancora più ridotta, avendo 12 per 100 micrometri contro 50 per 100 micrometri nella fovea stessa. Questo, a sua volta, è circondato da una regione periferica più ampia, che fornisce informazioni ad alta compressione e bassa risoluzione sul modello di compressione nella fovea di imaging..

Circa la metà delle fibre nervose nel nervo ottico trasportano informazioni dalla fovea e la restante metà trasporta informazioni dal resto della retina. La parafovea si estende fino a un raggio di 1,25 mm dalla fovea e la perifovea si trova a un raggio di 2,75 mm dalla fovea.

Il termine fovea deriva dal latino foves, che significa "fossa".

soddisfare

  • 1 Struttura
    • 1.1 Dimensioni
    • 1.2 Proprietà
  • 2 Funzione
    • 2.1 Dimensione angolare dei coni foveali
    • 2.2 effetti entoptici nelle fosse
    • 2.3 Fissazione bifoveale
  • 3 Altri animali
  • 4 Immagini aggiuntive
  • 5 Vedi anche
  • 6 Riferimenti

Composizione

La fovea è una depressione sulla superficie interna della retina, una larghezza di circa 1,5 mm, il cui strato dei fotorecettori è completamente protuberante e che è specializzato nella massima acuità visiva. Le fosse sono un'area con un diametro di 0,5 mm chiamata fovea - la zona avascolare (un'area senza vasi sanguigni). Ciò consente di misurare la luce senza dispersioni o perdite. Questa anatomia è responsabile della depressione al centro della fossa. La fossa della fovea è circondata da un bordo foveale che contiene neuroni spostati dalla fossa. Questa è la parte più spessa della retina..

La fovea si trova in una piccola zona e l'avascolare riceve la maggior parte del suo ossigeno dai vasi nella coroide, che si trova lungo l'epitelio pigmentato retinico e la membrana di Bruch. L'elevata densità spaziale dei coni, insieme all'assenza di vasi sanguigni nella fovea, porta ad un'elevata capacità di acuità visiva nella fovea..

Il centro della fovea è la foveola - di circa 0,35 mm di diametro - o la fovea centrale, dove sono presenti solo i fotorecettori del cono e non ci sono praticamente bastoncelli. La fovea è costituita da coni molto compatti, più sottili e più simili a bastoncelli che altrove nei coni. Questi coni sono imballati molto strettamente (in uno schema esagonale). A partire dal bordo della fossa, tuttavia, compaiono gradualmente i bastoncelli e la densità assoluta dei recettori dei coni diminuisce gradualmente.

L'anatomia della fossetta è stata recentemente riesaminata e si è riscontrato che i segmenti esterni dei coni foveolari centrali delle scimmie non sono dritti e sono lunghi il doppio rispetto alla parafovea.

La dimensione

La fovea è relativamente piccola rispetto al resto della retina. Tuttavia, questa è l'unica area della retina in cui è possibile ottenere una visione 20/20 ed è un'area in cui è possibile distinguere dettagli e colori fini..

proprietà

  • Macula anatomica / macula / area centrale (clinica: polo posteriore):
    • Diametro = 5,5 mm (

    3,5 diametri del disco) (circa 18 gradi da VF)

  • Le arterie temporali superiore e inferiore dei passaggi sono delimitate.
  • Ellittica orizzontalmente.
  • Istologica solo l'area della retina in cui VKT ha> 1 strato di cellule gangliari
  • Aspetto giallastro = pigmenti luteali (xantofilla e beta carotenoidi (beta carotene) negli strati nucleari esterni verso l'interno.
  • Perifovea anatomica:
    • L'area tra la parafovea (2,5 mm) e il bordo della macula
    • VKT ha 2-4 strati di cellule.
    • 12 coni / 100 μm
  • Parafovea anatomica:
    • Diametro = 2,5 mm.
    • VCT ha> 5 strati cellulari e un'elevata densità di cono
  • Fossa anatomica / fossa centrale (clinica: macula)
    • L'area della depressione al centro della macula è gialla.
    • Diametro = 1,5 mm (

      1 diametro del disco) (circa 5 gradi da VF)

  • Zona avascolare foveale (FOV)
    • Diametro = 0,5 mm (circa 1,5 gradi da VF)
    • Approssimativamente uguale alla foveola
  • Foveola anatomica (clinica: fossa)
    • Diametro = 0,35 mm (circa 1 grado da VF)
    • depressione del pavimento centrale della fossa centrale
    • 50 coni / 100 μm
    • Acuità visiva più alta
  • Corona anatomica
    • Rappresenta il centro esatto della macula
    • Diametro = 0,15 mm
    • Corrisponde al riflesso luminoso clinico
  • funzione

    Nei primati della fossa (compreso l'uomo), il rapporto tra cellule gangliari e fotorecettori è di circa 2,5; quasi ogni cellula gangliare riceve dati da un cono e ogni cono alimenta da 1 a 3 cellule gangliari. Pertanto, l'acuità visiva della fovea è limitata solo dalla densità del mosaico del cono e la fovea è l'area degli occhi con la massima sensibilità ai dettagli fini. I coni nella fovea esprimono pigmenti sensibili alla luce verde e rossa. Questi coni sono percorsi "nani" che sono anche alla base dell'elevata funzione dell'acuità visiva della fossa.

    La fossa viene utilizzata per una visione accurata nella direzione in cui è puntata. Comprende meno dell'1% delle dimensioni della retina, ma occupa più del 50% della corteccia visiva nel cervello. La fovea vede solo i due gradi centrali del campo visivo (circa il doppio della larghezza del disegno alla lunghezza di un braccio). Se l'oggetto è grande e quindi copre un ampio angolo, gli occhi devono cambiare continuamente il loro sguardo successivamente per portare diverse parti dell'immagine nella fovea (come durante la lettura).

    Poiché la fossa non è costituita da aste, non è sensibile alla luce fioca. Quindi, per osservare le stelle deboli, gli astronomi usano la visione periferica, guardando verso i loro occhi, dove la densità delle aste è maggiore, e quindi gli oggetti deboli sono più facilmente visibili..

    Pits ha un'alta concentrazione di pigmenti gialli, carotenoidi, luteina e zeaxantina. Sono concentrati nello strato di fibre di Henle (assoni dei fotorecettori che corrono radialmente verso l'esterno dalla fossa) e in misura minore nei coni. Si ritiene che svolgano un ruolo protettivo contro l'esposizione alla luce blu ad alta intensità, che può danneggiare i coni sensibili. I pigmenti migliorano anche la nitidezza della fovea riducendo la sensibilità alla fovea a lunghezza d'onda corta e contrastando l'aberrazione cromatica. Questo è anche accompagnato da una minore densità di coni blu al centro della fossa. La massima densità dei coni blu si verifica nell'anello vicino alla fossa. Di conseguenza, la massima acuità visiva per la luce blu è inferiore a quella degli altri colori e si verifica a circa 1 ° dal centro.

    Dimensione angolare dei coni foveali

    In media, ogni millimetro quadrato (mm) di una fovea contiene circa 147.000 coni, o 383 coni per millimetro. La lunghezza focale media dell'occhio, cioè la distanza tra la lente e le fosse, è di 17,1 mm. Da questi valori è possibile calcolare l'angolo di campo medio di un sensore (cono della gabbia), che è di circa 31,46 secondi d'arco.

    Di seguito è riportata una tabella delle densità di pixel richieste a varie distanze, quindi c'è un pixel a 31,5 secondi d'arco:

    Esempio di oggettoSi presume la distanza dagli occhiPPI (PPCM) da abbinare
    Media densità del cono foveale
    (Visualizzazione 20 / 10.5)
    Telefono o tablet10 pollici (25,4 cm)655,6 (258,1)
    schermo del laptop2 piedi (61 cm)273,2 (107,6)
    HDTV da 42 "(1,07 m) 16: 9, vista a 30 °5,69 piedi (1,73 m)96,0 (37,8)

    La densità di picco dei coni varia notevolmente da individuo a individuo, quindi i picchi inferiori a 100.000 coni / mm 2 e superiori a 324.000 coni / mm 2 non sono rari. Supponendo lunghezze focali medie, ciò suggerisce che le persone con densità di cono elevate e ottiche perfette possono risolvere pixel con una dimensione angolare di 21,2 secondi d'arco, richiedendo un PPI di almeno 1,5 volte quello mostrato. in modo che l'immagine non sia sfocata.

    Vale la pena notare che le persone con una visione di 20/20 (6/6 m), definita come la capacità di distinguere una scrittura di 5x5 pixel che ha una dimensione angolare di 5 minuti d'arco, non possono vedere pixel inferiori a 60 secondi d'arco. Per una risoluzione pixel di 31,5 e 21,2 secondi d'arco, una persona avrà bisogno rispettivamente di visioni 20 / 10,5 (6 / 3,1 m) e 20 / 7,1 (6 / 2,1 m). Per trovare il valore PPI distinguibile per 20/20, dividere semplicemente i valori nella tabella sopra per il rapporto di acuità visiva (ad esempio 96 PPI / (20 / 10,5 visione) = 50,4 per un PPI di visione 20/20).

    Effetti entoptici nelle fosse

    La presenza di pigmento negli assoni situati radialmente dello strato di fibre di Henl fa sì che sia dicroico e birifrangente verso la luce blu. Questo effetto è visibile attraverso il pennello di Gaidinger quando la fovea è diretta verso una sorgente di luce polarizzata..

    Gli effetti combinati del pigmento maculare e della distribuzione dei coni a lunghezza d'onda corta danno come risultato la fovea, che ha una sensibilità inferiore alla luce blu (scotoma a luce blu). Sebbene non sia visibile in condizioni normali a causa del "riempimento" di informazioni nel cervello, con certi schemi di illuminazione a luce blu, è visibile una macchia scura nel punto focale. Inoltre, se viene visualizzata una miscela di luce rossa e blu (osservando la luce bianca attraverso un filtro dicroico), il punto focale della foveale avrà una macchia rossa centrale circondata da diverse bande rosse. Si chiama Maxwell's place dopo che James Clerk Maxwell lo scoprì.

    Fissazione bifoveale

    Nella visione binoculare, entrambi gli occhi convergono per consentire la fissazione bifoveale, necessaria per ottenere un'elevata stereoacuità.

    Al contrario, in una condizione nota come corrispondenza anormale della retina, il cervello collega la fovea di un occhio con l'area extrafoveale dell'altro occhio.

    Altri animali

    La fossa è anche una fossa sulla superficie della retina di molte specie di pesci, rettili e uccelli. Tra i mammiferi, si trova solo nei primati delle scimmie. La fossa retinica assume diverse forme in diverse specie animali. Ad esempio, nei primati, la linea dei fotorecettori conici alla base della fossa foveale, la cellula che altrove nella retina forma strati più superficiali è stata spostata dalla regione foveale alla fine della vita embrionale e all'inizio della vita postnatale. Altre foveae possono mostrare solo uno spessore ridotto negli strati interni delle cellule, piuttosto che un'assenza quasi completa. Molte specie di uccelli hanno una doppia fovea.

    Immagini aggiuntive

    Illustrazione che mostra le strutture di base dell'occhio, inclusa la fovea

    Macula - Macula lutea

    La macula o macula (macula lutea), la parte centrale della retina, dove si trova la maggior parte delle cellule visive (coni), ha la massima capacità visiva per la visione. È la macula centrale della retina. Il colore giallo della macula è dovuto alla presenza di pigmenti speciali in essa: luteina e zeaxantina. Solo la macula, e non l'intera retina, ci consente di leggere, vedere i volti delle persone e distinguere i colori. Ha una forma ovale, situata di fronte alla pupilla, leggermente sopra l'ingresso dell'occhio del nervo ottico. Le cellule maculari contengono un pigmento giallo. I capillari sanguigni sono presenti solo nella parte inferiore della macula; nella sua parte centrale, la retina è molto assottigliata, formando una fossa centrale (lat. fovea), contenente solo fotorecettori. La dimensione della macula è simile alla testa di un fiammifero.
    La degenerazione maculare legata all'età (AMD) è stata scoperta per la prima volta 30 anni fa. Allora era una malattia rara. Ora è una delle cause più comuni di perdita della vista nei paesi sviluppati. L'MDM si sta diffondendo sempre di più in Europa, dove una persona su due sopra i 65 anni ha segni di degenerazione negli occhi. I primi sintomi sottili di degenerazione maculare si verificano ben prima dei 65 anni.
    La causa esatta della malattia non è nota, si presume che sia causata dall'influenza di molti fattori, come, ad esempio, il cambiamento delle influenze esterne dell'ambiente (radiazioni solari e altri tipi di radiazioni), nonché lo stile di vita moderno (stress, alimentazione).

    Per diagnosticare la BMD, viene utilizzato il test di Amsler [6], che può essere eseguito a casa.
    Istruzioni per il test:
    1. Posizionare il test di Amsler a una distanza di 30 cm dagli occhi
    2. Se usi gli occhiali per leggere, indossali
    3. Copri un occhio con il palmo della mano.
    4. Guarda il punto situato al centro della griglia
    5. Ora, concentrandoti e senza distogliere lo sguardo da questo punto, assicurati che tutte le linee rimangano diritte e che i quadrati non differiscano di dimensioni
    6. Se trovi che alcuni dei quadrati sono distorti, sfocati o di dimensioni diverse, consulta immediatamente un oculista.
    7. Ripetere il test per l'altro occhio.

    Il sintomo principale delle malattie maculari è la compromissione della vista centrale. Di regola, i pazienti con malattie maculari notano "qualcosa che copre parte del campo visivo al centro".

    Disturbi della visione dei colori: riduzione del colore, luminosità, contrasto dell'immagine.
    La curvatura dell'immagine o metamorfopsia è un sintomo abbastanza comune con i cambiamenti nella macula.
    Ridimensionare l'immagine, eventualmente aumentandola o diminuendola, che è associata a una variazione della distanza tra i coni.

    Esistono due forme di WDM: secco e umido. Con la forma secca, c'è una diminuzione dell'acuità visiva in un modo o nell'altro, con la forma umida - una significativa diminuzione della vista associata alla metamorfopsia.
    La perdita della vista è un pesante fardello per una persona anziana. Tuttavia, è importante che a causa della WDM il paziente non diventi completamente cieco. Potrebbe avere difficoltà a leggere o vedere i dettagli degli oggetti, ma la cecità completa non si verificherà se non ci sono altre condizioni agli occhi (come il glaucoma), poiché altre aree della retina rimangono intatte. Un paziente con VDM ha un orientamento abbastanza buono nello spazio e può muoversi liberamente, poiché la malattia non colpisce le zone periferiche della retina.

    Per la prevenzione dell'AMD, è necessario mangiare cibi con determinati componenti. Qui, ad esempio, l'integratore alimentare OCUTEIN Forte è composto da olio di pesce, vitamina C, vitamina E, luteina, zinco, zeaxantina, beta-carotene, selenio, minato solfato, e inoltre segue alcune regole che aiutano a proteggere gli occhi dalle malattie.

    I medici consigliano:
    - Quando leggi a lungo, assicurati che lo sguardo non sia sempre rivolto verso il basso. In questa posizione, le arterie carotidi sono bloccate. Pertanto, l'ossigeno smetterà di fluire negli occhi..
    - Durante la lettura, assicurati di cambiare periodicamente la direzione della visione: cambia l'angolo e la distanza dal libro. Con queste misure, puoi modificare la tensione nei muscoli oculari da cui dipende la vista..
    - Non leggere stando sdraiati prima di andare a letto. La lettura attiva i processi negli organi visivi, mentre l'immersione nel sonno inibisce i processi visivi.
    - Cerca di rendere i tuoi occhi più resistenti agli effetti negativi della luce (sfarfallio dello schermo, abbagliamento del sole). Per fare questo, devi chiudere gli occhi ed eseguire movimenti che ti permettano di andare alternativamente nell'ombra, quindi nella luce..
    - Fai anche altri esercizi per gli occhi. Per fare ciò, devi fare una serie di semplici movimenti: fai un respiro profondo ed espira attraverso le labbra increspate, cedendo leggermente in avanti. Per altri esercizi, è necessario piegare le dita delle mani con una visiera e portarle al centro della fronte di fronte agli occhi, soffermarsi in questa posizione per dieci secondi e ripetere più volte.

    Abbiamo fornito solo alcuni materiali sulla macula. È importante mantenere una buona visione, tenerli a mente e prevenire problemi con la macula.

    1. La struttura dell'occhio
    Il terzo strato dell'occhio - la retina (o retina) - è costituito da diversi strati di cellule nervose e lo allinea dall'interno. È lei che ci fornisce la visione. Gli oggetti che vediamo sono visualizzati sulla retina. Le informazioni su di loro vengono quindi trasmesse lungo il nervo ottico al cervello. Tuttavia, non tutta la retina vede lo stesso: la macula, la parte centrale della retina, dove si trova la maggior parte delle cellule visive (coni), ha la massima capacità visiva..
    l'oggetto che guardiamo direttamente è visualizzato sulla macula - la parte centrale della retina, che è principalmente responsabile dell'acuità della nostra percezione visiva.
    La macula dell'occhio, o macula retinica centrale, come viene anche chiamata, è responsabile della visione centrale.

    Grazie a questo elemento dell'apparato visivo, possiamo facilmente distinguere piccoli dettagli e possiamo vedere il mondo che ci circonda in piena luce..

    Questa caratteristica è dovuta all'elevata concentrazione di coni e bastoncelli al centro del tessuto retinico..

    La degenerazione o la disfunzione di questo punto può compromettere in modo significativo il funzionamento dell'intero sistema visivo..

    In effetti, la macula dell'occhio umano è una certa area di forma rotonda, che si trova proprio al centro della retina del nostro bulbo oculare..
    È qui nel centro del punto maculare che si svolge il mistero principale del processo visivo, perché quest'area è responsabile della presenza della visione centrale di una persona, che consente di distinguere i più piccoli dettagli e colori di questo mondo, avendo considerato l'oggetto di interesse in tutti i dettagli.
    Una caratteristica distintiva della struttura di quest'area è la completa assenza di una rete vascolare sulla sua superficie. Ciò significa che nulla può impedire a un tale organo di concentrarsi sui flussi luminosi diretti..

    Inoltre, il compito di focalizzare i fasci di luce è facilitato da un gran numero di coni concentrati qui.

    Funzioni
    La funzione principale della macula è quella di focalizzare il flusso luminoso e garantire il suo passaggio senza ostacoli ad altri strati del bulbo oculare.

    Le caratteristiche strutturali consentono a tale area del meccanismo visivo di svolgere il suo ruolo completamente senza interferenze estranee..

    A proposito, altri recettori sensibili alla luce - i bastoncelli situati nella parte periferica della retina uniscono tutte le irritazioni ricevute e forniscono all'occhio la capacità di rispondere anche agli stimoli più piccoli.

    Un altro: una funzione protettiva viene eseguita dai pigmenti colorati, che hanno causato la tinta gialla di quest'area..

    Particelle di lutenina e zeaxantina, che possiedono la capacità di filtrare le sfumature blu del flusso luminoso, proteggono in modo affidabile le cellule sensibili che compongono la retina dalla distruzione.
    Sintomi

    Le malattie di una parte del sistema visivo come la macula hanno i loro sintomi caratteristici..

    Poiché quest'area della retina è principalmente responsabile dei frammenti centrali dell'immagine visiva, il primo segnale di disfunzione maculare può essere la perdita del centro dall'immagine complessiva quando si guarda un oggetto..

    Al paziente può sembrare che la parte centrale dell'immagine sia coperta da qualcosa..
    A volte le malattie maculari sono espresse in varie curvature dell'immagine visiva o giudizi errati sulla dimensione dell'oggetto..
    Uno qualsiasi dei suddetti sintomi può essere il primo segnale di un grave deficit visivo, quindi non dovresti ignorare tali incidenti..


    Diagnosi di malattie della macula dell'occhio


    Per prescrivere il trattamento corretto, è necessario determinare esattamente quanto è interessata la macula dell'occhio..
    A tale scopo, gli specialisti utilizzano numerosi studi diagnostici e sistemi di test..

    Molto spesso, tra un tale arsenale, è possibile trovare l'oftalmoscopia con l'uso di lenti di ingrandimento di tipo speciale o varie luci della stanza..
    La tomografia ottica di tipo coerente consentirà allo specialista di esaminare attentamente le minime deviazioni nella struttura della regione maculare e l'uso del metodo dell'angiografia a contrasto identificherà accuratamente l'area interessata della retina.

    A causa di alcune malattie che compaiono con l'invecchiamento del corpo umano, la macula dell'occhio può gradualmente degenerare nell'età adulta..

    La forma secca e umida di questo processo è nota. Inoltre, la degenerazione di tipo umido è molto più pericolosa della sua controparte secca ed è molto più veloce in grado di ridurre l'acuità visiva.

    Attrezzature moderne e nuovi metodi di trattamento utilizzati nelle cliniche specializzate consentono di curare con successo tali malattie con un grado minimo di trauma. A proposito, in questo caso, è possibile utilizzare sia la terapia combinata che la chirurgia..

    Tuttavia, a volte il fattore tempo gioca un ruolo decisivo nella questione del ripristino completo delle funzioni visive..

    2. Macula
    (http://www.vseozrenii.ru/stroenie-glaza/makula/)
    Cos'è la macula?
    La macula o macula è il centro della retina dove è focalizzato il raggio di luce. È qui che tutti i fotorecettori sono focalizzati molto strettamente, il che ci garantisce una percezione chiara, chiara, dei colori del mondo che ci circonda. Solo la macula, e non l'intera retina, ci dà la capacità di leggere, vedere i volti delle persone, distinguere i colori.


    Anatomicamente, la macula è un'area arrotondata della retina situata al polo posteriore dell'occhio, con un diametro di circa 5,5 mm. Nella macula si distingue la sua parte centrale: fovea con un diametro di 1,5 mm.

    La macula ha un caratteristico colore giallo a causa della presenza di pigmenti speciali in essa: luteina e zeaxantina.

    Macula - spot
    Coni e bastoncelli
    La fovea è la parte più sensibile della retina e fornisce una visione centrale, ovvero la capacità di distinguere colori e dettagli fini. Le cellule speciali - i coni - sono responsabili di questa capacità, la maggior parte delle quali è concentrata proprio nell'area della macula. I bastoncelli sono un altro tipo di cellule sensibili alla luce nella retina, si trovano alla sua periferia e sono responsabili della visione periferica: visione crepuscolare, percezione della luce e campo visivo. L'alta risoluzione della macula è dovuta alle caratteristiche anatomiche della sua struttura.


    In primo luogo, è privo di vasi sanguigni, non passano qui e non interferiscono con la luce che entra direttamente sui fotorecettori..
    In secondo luogo, solo i coni si trovano nella macula, spingendo indietro tutti gli altri strati della retina, quindi, quasi tutta la luce che passa attraverso la pupilla viene focalizzata direttamente sulle cellule sensibili alla luce - coni.
    Terzo, i coni hanno una speciale connessione "diretta" con altre celle. Un cono ha una delle sue cellule bipolari e gangliari, che provoca una chiara trasmissione della stimolazione della luce più lontano lungo le fibre del nervo ottico.
    Alla periferia della retina, invece, c'è una cellula bipolare per più bastoncelli, e una sola cellula gangliare per più bastoncelli. Pertanto, la periferia della retina è in grado di fornire una straordinaria capacità di catturare il minimo stimolo luminoso dovuto alla somma degli stimoli. Questo è particolarmente ben sviluppato negli animali..


    Luteina e Zeaxantina
    Il colore giallo della macula è dovuto alla presenza di due tipi di pigmento in esso: lutenina e zeaxantina. Si trovano nelle verdure arancioni, gialle e verdi come mais, spinaci e cavolfiori e creano pigmento maculare. Questo pigmento è uno dei più importanti fattori protettivi dei fotorecettori retinici. Un potente antiossidante naturale e un efficace filtro per la luce blu, previene i danni alle cellule sensibili della retina.

    Con l'età, la concentrazione del pigmento maculare diminuisce, il che può causare danni alla retina e lo sviluppo di malattie pericolose, come la degenerazione maculare dell'AMD legata all'età.


    Sintomi per malattie della macula
    Il sintomo principale delle malattie maculari è la compromissione della vista centrale. Di regola, i pazienti con malattie maculari notano "qualcosa che copre parte del campo visivo al centro".


    Disturbi della visione dei colori: riduzione del colore, luminosità, contrasto dell'immagine.
    La curvatura dell'immagine o metamorfopsia è un sintomo abbastanza comune con i cambiamenti nella macula.
    Ridimensionare l'immagine, eventualmente aumentandola o diminuendola, che è associata a una variazione della distanza tra i coni.


    Metodi diagnostici maculari
    Un numero enorme di diverse tecniche e test diagnostici viene utilizzato per esaminare l'area maculare:


    Oftalmoscopia in varie varianti utilizzando speciali lenti di ingrandimento, illuminazione, ecc..
    La tomografia a coerenza ottica consente di ottenere un'immagine di tutti gli strati della regione maculare con la valutazione più accurata di tutti i parametri.
    L'angiografia in fluorescenza viene eseguita utilizzando agenti di contrasto che colorano il sistema vascolare della retina, che aiuta a identificare varie malattie della regione maculare.
    La perimetria computerizzata rileva il prolasso nel campo visivo centrale - gli scotomi.

    3. Macchia gialla ru. VIKI (Makula)
    (https://ru.wikipedia.org/wiki/)
    La macula (lat. Macula lutea) è il luogo di maggiore acuità visiva nella retina dell'occhio dei vertebrati, compreso l'uomo. Ha una forma ovale, situata di fronte alla pupilla, leggermente sopra l'ingresso dell'occhio del nervo ottico. Le cellule maculari contengono pigmento giallo (da cui il nome). I capillari sanguigni sono presenti solo nella parte inferiore della macula; nella sua parte centrale, la retina è molto assottigliata, formando una fossa centrale (lat. fovea), contenente solo fotorecettori. La maggior parte degli animali e degli esseri umani hanno solo cellule coniche nella fovea; alcuni pesci di acque profonde con occhi telescopici hanno solo bastoncelli nella fovea. Gli uccelli con una buona vista possono avere fino a tre fosse centrali. Nell'uomo, il diametro dello spot è di circa 5 mm, nella fossa centrale i coni sono simili a bastoncelli (i recettori retinici più lunghi). Il diametro dell'area libera dai bastoncelli è di 500-550 micron; ci sono circa 30,5 mila cellule coniche.

    4. Degenerazione maculare legata all'età (AMD)
    (http://www.unimedpharma.eu/ru/?IDe=82647)
    Era una malattia rara 30 anni fa ed è ora una delle cause più comuni di perdita della vista nei paesi sviluppati. La causa esatta della malattia non è nota, si presume che sia causata dall'influenza di molti fattori, come, ad esempio, il cambiamento delle influenze ambientali esterne (radiazioni solari e altri tipi di radiazioni,.), così come lo stile di vita moderno (stress, alimentazione,.).
    Quando la luce entra nell'occhio, la luce colpisce la retina. Qui è anche il centro della visione più acuta: la cosiddetta macula (macula).

    Tuttavia, quando la luce entra nella retina, sorgono anche sostanze nocive, i cosiddetti radicali liberi. Questi ultimi si accumulano e danneggiano principalmente la macula. Se non vengono rimossi, si verifica un danno o addirittura la morte delle cellule maculari e si verifica la WDM. La luteina e la zeaxantina sono pigmenti necessari per la funzione della retina che il corpo non può creare da solo, quindi devono essere iniettati nel corpo. Questi pigmenti non solo nutrono la retina, ma allo stesso tempo la proteggono agendo come un filtro che assorbe parte della radiazione luminosa nociva. Per questo li chiamiamo anche “vetri interni”. Il principio di questa “protezione” è l'eliminazione dei radicali liberi. Questo processo avviene in interazione con altri antiossidanti (vitamine A, E, C) e alcuni oligoelementi (selenio, zinco).
    Il gruppo di rischio per AMD comprende persone anziane, fumatori, donne, persone con un colore più chiaro dell'iride che hanno quantità inferiori di luteina nella retina e persone che hanno subito un intervento di cataratta..


    5. DEGENERAZIONE DELLA MACULA (MACCHIA GIALLA)
    (http://www.silmatervis.ee/rus/?page_id=180)
    Le malattie degli occhi più comuni sono la degenerazione maculare senile (AMD), la cataratta (pellicola grigia) e parzialmente il glaucoma. L'AMD è una condizione molto comune e la causa più comune di perdita della vista. La AMD si sta diffondendo sempre di più in Europa, dove una persona su due di età superiore ai 65 anni presenta segni di degenerazione agli occhi (Eureye, 2006). I primissimi sintomi impercettibili della degenerazione maculare si verificano molto prima del tuo 65 ° compleanno.
    Occhio e macula

    Kollat; hn - macula, macula macula
    N; gemisn; rv - nervo ottico
    Sarvkest - Cornea
    Iiris - Iris
    Pupill - Allievo
    L ;; ts - Obiettivo
    V; rkkest- Retina
    In primo luogo, la luce passa attraverso la retina, quindi l'immagine dell'oggetto viene focalizzata dalla lente sulla macula (macula), dove si trovano i fotorecettori che ricevono l'immagine. A loro volta, i fotorecettori trasmettono un segnale elettrico al cervello tramite il nervo ottico. Il cervello ci dà un'immagine che "vediamo". La parte interna dell'occhio, dove si trovano i recettori, è chiamata retina. In senso figurato, la nostra retina può essere paragonata a una videocamera.
    La macula o la macula ha dimensioni simili alla testa di un fiammifero. Questo è un luogo con un'alta concentrazione di fotorecettori, che ci permette di percepire e vedere il mondo che ci circonda in modo chiaro, chiaro e in tutti i suoi colori. Macula ci permette di leggere, riconoscere volti e distinguere i colori. I recettori situati sulla retina che circonda la macula ci danno un senso affidabile di orientamento spaziale.
    Sintomi

    Visione con AMD
    I sintomi dell'AMD dipendono da quale parte della macula è danneggiata. I danni alla fossa centrale e alle aree nelle immediate vicinanze riducono la chiarezza della visione e la lettura diventa difficile o impossibile. Il danneggiamento delle aree al di fuori della fovea porta alla perdita delle aree visive e molto spesso passa inosservato. Se la macula è danneggiata, si verifica una perdita della vista al centro del campo visivo. Se c'è un grande punto sfocato nella direzione dello sguardo, significa che la visione è gravemente danneggiata, ma il senso dell'orientamento non è perso.
    La forma secca di AMD viene spesso notata solo dopo una graduale perdita di chiarezza visiva per diversi anni. Nell'AMD umida, edema retinico, ritenzione di liquidi e sanguinamento possono danneggiare la funzione retinica in un breve periodo di tempo. La chiarezza della vista può deteriorarsi bruscamente, ma può migliorare gradualmente se il fluido in eccesso e il sangue vengono gradualmente rimossi dal corpo.
    La visione distorta (metamorfosi) può essere considerata uno dei segnali di pericolo. Le linee rette appaiono ondulate, le lettere sono distorte. Ciò è dovuto all'edema retinico, che a sua volta può portare a un aumento o una diminuzione della vista. Se noti uno o più sintomi in te stesso, consulta immediatamente il medico..
    Come avvengono i cambiamenti?


    Macula normale
    Forma secca di degenerazione maculare
    Degenerazione maculare umida
    Forma secca. È caratteristico l'accumulo di detriti cellulari (drusi) nella macula. Nelle prime fasi dell'AMD, la quantità di questi residui può essere piccola, ma le aree colpite aumentano nel tempo e può svilupparsi una forma grave di AMD chiamata atrofia geografica. Circa l'80% di tutti i casi è in forma secca.
    Forma umida. Questa forma è caratterizzata dalla formazione di nuovi vasi sanguigni (neovascolarizzazione) nella macula. In definitiva, questa migliore reazione di difesa del corpo porta alla distruzione della struttura maculare. AMD umida è molto meno comune di quella secca e più drammatica in un paziente su cinque. Il fluido dai vasi sanguigni difettosi penetra nella retina, provocando edema retinico nella macula.
    La forma umida AMD si sviluppa dalla forma secca. È terapeuticamente possibile chiudere i vasi malati (terapia fotodinamica - laser, somministrazione di un farmaco che sopprime l'attività e la crescita dei vasi di nuova formazione). Ma nessuna di queste procedure ripristinerà le cellule morte..
    AMD e fattori di rischio legati all'età
    Età: il fattore di rischio più comune. Con l'avanzare dell'età, il rischio di sviluppare AMD aumenta in modo significativo. A 50 anni, il rischio è di circa il 2%. All'età di 75 anni, cresce al 30%.
    Eredità: le persone con famiglia con diagnosi di AMD sono a maggior rischio.
    Fumo: il fumo aumenta il rischio di sviluppare AMD.
    Malattie cardiovascolari: ad esempio, l'ipertensione e le malattie cardiache sono associate a una cattiva circolazione del sangue negli occhi, che a sua volta influisce sull'apporto di ossigeno e sostanze nutritive
    Genere: le donne sono maggiormente a rischio di sviluppare AMD.
    Sole: esposizione prolungata e intensa alla luce solare senza l'uso di occhiali da sole UV.
    Pigmento maculare ridotto: un sottile strato di pigmento protettivo non protegge la macula.

    Sovrappeso: a causa dell'alterata ripartizione del grasso corporeo, le sostanze liposolubili come i carotenoidi, la luteina e la zeaxantina non raggiungono gli occhi in quantità sufficienti.
    Nutrizione: la mancanza di antiossidanti (es.vitamine C ed E, beta-carotene, selenio) promuove i radicali liberi danneggiando la macula e / o compromettendo la salute.
    Trattamento
    Poiché le cause dell'AMD non possono essere curate, è estremamente importante cercare di evitare l'insorgenza della malattia e la sua diagnosi precoce. La terapia laser e altri trattamenti possono solo rallentare e ritardare la perdita della vista.
    Prevenzione delle malattie. Devi cercare di evitare i rischi il più a lungo possibile: curare altre malattie, smettere di fumare, indossare occhiali da sole, fare esercizio all'aria aperta e attenersi a una dieta sana, che includa frutta e verdura fresca. Gli antiossidanti e vari integratori alimentari come le vitamine C ed E, il selenio, lo zinco, la luteina e la zeaxantina hanno effetti benefici..
    Diagnosi precoce. Con l'invecchiamento del corpo, la consultazione regolare con un oftalmologo o un oftalmologo diventa sempre più importante. Un buon motivo per visitare il tuo medico è cambiare gli occhiali. Anche il più piccolo cambiamento nella chiarezza visiva può essere un segno della prima AMD. Esistono numerosi test che rilevano i cambiamenti nella vista (ad esempio, il test di Amsler).
    Aids. Per i problemi di vista, saranno utili ausili per l'ingrandimento e esercizi.
    Terapia laser e altre procedure. I laser vengono utilizzati per cauterizzare i vasi malati, se necessario, dopo la somministrazione di un farmaco che viene attivato sotto l'influenza di raggi laser (terapia fotodinamica). Tuttavia, l'uso di un laser è rischioso, quindi il suo utilizzo dipende dai risultati del test. Le operazioni comportano sempre un certo rischio, pertanto la possibilità di utilizzare questa opzione è considerata nell'ultimo turno e nelle fasi successive della malattia..
    Ad oggi, la possibilità di procedure come l'uso di un laser per riscaldare i vasi malati (termoterapia transpupillare), l'inibizione dello sviluppo dei vasi sanguigni con l'aiuto di farmaci e la terapia genica.
    Controlla tu stesso la vista
    Il test di Amsler è un semplice test maculare che può essere eseguito a casa.
    Istruzioni di prova
    1. Posizionare il test di Amsler a una distanza di 30 cm dagli occhi
    2. Se usi gli occhiali per leggere, indossali
    3. Copri un occhio con il palmo della mano.
    4. Guarda il punto situato al centro della griglia
    5. Ora, concentrandoti e senza distogliere lo sguardo da questo punto, assicurati che tutte le linee rimangano diritte e che i quadrati non differiscano di dimensioni
    6. Se trovi che alcuni dei quadrati sono distorti, sfocati o di dimensioni diverse, consulta immediatamente un oculista.
    7. Ripetere il test per l'altro occhio.


    6. DEGENERAZIONE DELLA MACULA (MACCHIA GIALLA)
    (http://www.silmatervis.ee/rus/?page_id=180)
    Le malattie degli occhi più comuni sono la degenerazione maculare senile (AMD), la cataratta (pellicola grigia) e parzialmente il glaucoma. L'AMD è una condizione molto comune e la causa più comune di perdita della vista. La AMD si sta diffondendo sempre di più in Europa, dove una persona su due di età superiore ai 65 anni presenta segni di degenerazione agli occhi (Eureye, 2006). I primissimi sintomi impercettibili della degenerazione maculare si verificano molto prima del tuo 65 ° compleanno.
    Occhio e macula
    La parte interna dell'occhio, dove si trovano i recettori, è chiamata retina..
    La macula o la macula ha dimensioni simili alla testa di un fiammifero. Questo è un luogo con un'alta concentrazione di fotorecettori, che ci permette di percepire e vedere il mondo che ci circonda in modo chiaro, chiaro e in tutti i suoi colori. Macula ci permette di leggere, riconoscere volti e distinguere i colori. I recettori situati sulla retina che circonda la macula ci danno un senso affidabile di orientamento spaziale.
    Sintomi
    I sintomi dell'AMD dipendono da quale parte della macula è danneggiata. I danni alla fossa centrale e alle aree nelle immediate vicinanze riducono la chiarezza della visione e la lettura diventa difficile o impossibile. Il danneggiamento delle aree al di fuori della fovea porta alla perdita delle aree visive e molto spesso passa inosservato. Se la macula è danneggiata, si verifica una perdita della vista al centro del campo visivo. Se c'è un grande punto sfocato nella direzione dello sguardo, significa che la visione è gravemente danneggiata, ma il senso dell'orientamento non è perso.
    La forma secca di AMD viene spesso notata solo dopo una graduale perdita di chiarezza visiva per diversi anni. Nell'AMD umida, edema retinico, ritenzione di liquidi e sanguinamento possono danneggiare la funzione retinica in un breve periodo di tempo. La chiarezza della vista può deteriorarsi bruscamente, ma può migliorare gradualmente se il fluido in eccesso e il sangue vengono gradualmente rimossi dal corpo.
    La visione distorta (metamorfosi) può essere considerata uno dei segnali di pericolo. Le linee rette appaiono ondulate, le lettere sono distorte. Ciò è dovuto all'edema retinico, che a sua volta può portare a un aumento o una diminuzione della vista. Se noti uno o più sintomi in te stesso, consulta immediatamente il medico..
    Come avvengono i cambiamenti?
    Il cristallino dell'occhio raccoglie i raggi luminosi e li focalizza sulla macula. Questo è il modo in cui si formano immagini nitide nel cervello..
    Poiché le cellule hanno bisogno di una grande quantità di energia e ossigeno per svolgere le loro funzioni, che ricevono dal sangue, la macula ha la più alta concentrazione di ossigeno, lipidi ed energia luminosa eccessiva rispetto a qualsiasi altra parte del nostro corpo..
    Di conseguenza, vengono costantemente generate enormi quantità di radicali liberi e detriti cellulari. Se il sistema protettivo della macula non è in grado di bilanciare la quantità di sostanze, le tossine vengono raccolte nelle cellule nutritive, danneggiando i fotorecettori e le fibre nutritive, che alla fine porta al loro avvizzimento.
    Le cellule nutritive nella macula non vengono ripristinate, quindi la loro perdita porta con sé la perdita dei fotorecettori e della funzione visiva. Poiché si tratta di un processo cronico e lento, la macula cerca di combatterlo in diversi modi:
    Rimuovendo sostanze tossiche dalle cellule (formazione di drusen): ma questo blocca l'apporto di sangue e sostanze nutritive, portando alla distruzione cellulare permanente.
    Generando la crescita dei vasi sanguigni (neovascolarizzazione) per fornire le cellule immunitarie per rimuovere le tossine e le cellule morte: ma questa crescita dei vasi sanguigni distrugge altre strutture e la perdita della vista avviene molto rapidamente (AMD avanzata).
    Forma secca. È caratteristico l'accumulo di detriti cellulari (drusi) nella macula. Nelle prime fasi dell'AMD, la quantità di questi residui può essere piccola, ma le aree colpite aumentano nel tempo e può svilupparsi una forma grave di AMD chiamata atrofia geografica. Circa l'80% di tutti i casi è in forma secca.
    Forma umida. Questa forma è caratterizzata dalla formazione di nuovi vasi sanguigni (neovascolarizzazione) nella macula. In definitiva, questa migliore reazione di difesa del corpo porta alla distruzione della struttura maculare. AMD umida è molto meno comune di quella secca e più drammatica in un paziente su cinque. Il fluido dai vasi sanguigni difettosi penetra nella retina, provocando edema retinico nella macula.
    La forma umida AMD si sviluppa dalla forma secca. È terapeuticamente possibile chiudere i vasi malati (terapia fotodinamica - laser, somministrazione di un farmaco che sopprime l'attività e la crescita dei vasi di nuova formazione). Ma nessuna di queste procedure ripristinerà le cellule morte..
    Età: il fattore di rischio più comune. Con l'avanzare dell'età, il rischio di sviluppare AMD aumenta in modo significativo. A 50 anni, il rischio è di circa il 2%. All'età di 75 anni, cresce al 30%.
    Eredità: le persone con famiglia con diagnosi di AMD sono a maggior rischio.
    Fumo: il fumo aumenta il rischio di sviluppare AMD.
    Malattie cardiovascolari: ad esempio, l'ipertensione e le malattie cardiache sono associate a una cattiva circolazione del sangue negli occhi, che a sua volta influisce sull'apporto di ossigeno e sostanze nutritive
    Genere: le donne sono maggiormente a rischio di sviluppare AMD.
    Sole: esposizione prolungata e intensa alla luce solare senza l'uso di occhiali da sole UV.
    Pigmento maculare ridotto: un sottile strato di pigmento protettivo non protegge la macula.
    Sovrappeso: a causa dell'alterata ripartizione del grasso corporeo, le sostanze liposolubili come i carotenoidi, la luteina e la zeaxantina non raggiungono gli occhi in quantità sufficienti.
    Nutrizione: la mancanza di antiossidanti (es.vitamine C ed E, beta-carotene, selenio) promuove i radicali liberi danneggiando la macula e / o compromettendo la salute.

    Trattamento
    Poiché le cause dell'AMD non possono essere curate, è estremamente importante cercare di evitare l'insorgenza della malattia e la sua diagnosi precoce. La terapia laser e altri trattamenti possono solo rallentare e ritardare la perdita della vista.
    Prevenzione delle malattie. Devi cercare di evitare i rischi il più a lungo possibile: curare altre malattie, smettere di fumare, indossare occhiali da sole, fare esercizio all'aria aperta e attenersi a una dieta sana, che includa frutta e verdura fresca. Gli antiossidanti e vari integratori alimentari come le vitamine C ed E, il selenio, lo zinco, la luteina e la zeaxantina hanno effetti benefici..
    Diagnosi precoce. Con l'invecchiamento del corpo, la consultazione regolare con un oftalmologo o un oftalmologo diventa sempre più importante. Un buon motivo per visitare il tuo medico è cambiare gli occhiali. Anche il più piccolo cambiamento nella chiarezza visiva può essere un segno della prima AMD. Esistono numerosi test che rilevano i cambiamenti nella vista (ad esempio, il test di Amsler).

    Terapia laser e altre procedure. I laser vengono utilizzati per cauterizzare i vasi malati, se necessario, dopo la somministrazione di un farmaco che viene attivato sotto l'influenza di raggi laser (terapia fotodinamica). Tuttavia, l'uso di un laser è rischioso, quindi il suo utilizzo dipende dai risultati del test. Le operazioni comportano sempre un certo rischio, pertanto la possibilità di utilizzare questa opzione è considerata nell'ultimo turno e nelle fasi successive della malattia..
    Ad oggi, la possibilità di procedure come l'uso di un laser per riscaldare i vasi malati (termoterapia transpupillare), l'inibizione dello sviluppo dei vasi sanguigni con l'aiuto di farmaci e la terapia genica.
    Controlla tu stesso la vista
    Il test di Amsler è un semplice test maculare che può essere eseguito a casa.
    Istruzioni di prova
    1. Posizionare il test di Amsler a una distanza di 30 cm dagli occhi
    2. Se usi gli occhiali per leggere, indossali
    3. Copri un occhio con il palmo della mano.
    4. Guarda il punto situato al centro della griglia
    5. Ora, concentrandoti e senza distogliere lo sguardo da questo punto, assicurati che tutte le linee rimangano diritte e che i quadrati non differiscano di dimensioni
    6. Se trovi che alcuni dei quadrati sono distorti, sfocati o di dimensioni diverse, consulta immediatamente un oculista.
    7. Ripetere il test per l'altro occhio.


    7. Macula maculare o macula
    La retina umana è una superficie abbastanza uniforme, a parte due aree "anormali". Puoi leggere su uno di loro nell'articolo punto cieco, l'altro si chiama macula o punto giallo.
    L'intero sistema ottico dell'occhio (cornea, cristallino) lavora per raccogliere il flusso luminoso in un punto specifico della retina. Il punto di contatto di questo raggio di luce raccolto con la retina è chiamato fossa centrale, o fovea, ed è una sorta di depressione nella retina. Il suo diametro è leggermente superiore a 1 mm. È generalmente accettato che la fossa centrale, o fovea, contenga solo coni e la loro densità sia molto più alta della media della retina. Tuttavia, a condizione che al momento la teoria della visione non lineare a due componenti stia diventando sempre più popolare, questo fatto viene messo in discussione..
    Gli aderenti a questa teoria credono che i coni non siano in grado di riconoscere i colori dello spettro blu (le aste sono impegnate in tale riconoscimento), e se una persona è in grado di riconoscere l'intero spettro dei colori con la sua visione centrale, allora la fovea centrale, o fovea, include le aste. Data l'alta densità di fotorecettori e la somiglianza della loro struttura, non è stato possibile dimostrarlo o smentirlo. In ogni caso, l'alta densità di fotorecettori a cono consente un'immagine a colori nitida.

    Intorno alla fovea, o fovea, può essere convenzionalmente descritta un'ellisse con un raggio di 2,5-3 mm. Quest'area è chiamata macula o macula. Ha preso il nome di macchia gialla a causa, stranamente, della pigmentazione gialla dovuta alla presenza di luteina e zeaxantina nella macula. A differenza del resto della retina, dove predomina la luteina, la macula contiene più zeaxantina, il che rende la macula gialla nel resto della retina. In generale, la pigmentazione gialla serve a proteggere la retina dalle radiazioni ultraviolette. Dato che la macula rappresenta oltre l'80 percento della luce che entra nell'occhio, dovrebbe essere la più protetta. La densità dei fotorecettori nella macula, o macula, è superiore alla media nella retina, sebbene inferiore a quella nella fovea (fovea).
    In un adulto sano, il flusso luminoso è concentrato sulla fossa centrale, tuttavia, in caso di malfunzionamento del sistema ottico dell'occhio (miopia, ipermetropia), cade sulla macula e, a sua volta, porta il peso della visione centrale.

    8. Macula
    (http://www.websight.ru/anat/macula.php)
    La macula è la parte centrale della retina, che si trova verso la tempia dal nervo del disco. La retina contiene coni e bastoncelli. Quindi, ci sono solo coni nella macula, che sono responsabili della visione dei colori dettagliata. Senza la macula, è impossibile leggere, distinguere tra piccoli dettagli di oggetti. Tutte le condizioni sono state create nella macula per la massima registrazione dettagliata possibile dei raggi luminosi. La retina nell'area maculare diventa più sottile, il che consente ai raggi luminosi di colpire direttamente i coni fotosensibili. Non ci sono vasi retinici nella macula che potrebbero interferire con la visione chiara. Le cellule maculari sono nutrite dalla coroide più profonda..

    9. Struttura degli occhi
    (http://www.websight.ru/anat.php)
    I raggi di luce, focalizzati dal sistema ottico dell'occhio, alla fine cadono sulla retina. La retina funge da sorta di schermo sferico su cui viene proiettato il mondo circostante. Dal corso di fisica della scuola, sappiamo che una lente di raccolta fornisce un'immagine capovolta di un oggetto. La cornea e la lente sono due lenti di raccolta e anche l'immagine proiettata sulla retina è invertita. In altre parole, il cielo viene proiettato nella metà inferiore della retina, il mare viene proiettato nella metà superiore e la nave che stiamo guardando è visualizzata sulla macula. La macula, la parte centrale della retina, è responsabile dell'elevata acuità visiva. Altre parti della retina non ci permetteranno di leggere o divertirci a lavorare su un computer. Solo nella macula si creano tutte le condizioni per la percezione di piccoli dettagli degli oggetti..

    10. OCUTEIN Forte
    Integratore alimentare OCUTEIN FORTE Luteina 15mg capsule 30kaps
    Luteina + Zeaxantina + Beta Carotene
    Queste sostanze appartengono al gruppo di importanti antiossidanti: i carotenoidi. Questi carotenoidi si accumulano nella macula (macula latina) - parte della retina, fornendo una visione nitida.
    I carotenoidi rafforzano il sistema immunitario dell'occhio poiché un filtro assorbe i raggi ultravioletti e protegge le strutture cellulari sensibili dai cambiamenti ossidativi. Con l'età, la concentrazione di carotenoidi negli occhi del declino.
    Acidi grassi polinsaturi Omega-3
    DHA + EPA
    Gli acidi grassi insaturi Omega-3 sono essenziali per l'uomo, il che significa che sono essenziali per la nostra salute, ma il nostro corpo non può produrli da soli, quindi le persone devono procurarsi il cibo.
    OCUTEIN FORTE Lutein 15 mg capsule è un olio di pesce di alta qualità contenente una grande quantità di acido docosaesaenoico (DHA) e acido eicosapentaenoico (EPA) è una funzione importante della retina adeguatamente conservata e può promuovere il rinnovamento dei fotorecettori.
    Nelle cellule oculari si formano alte concentrazioni di DHA ed EPA, necessarie per mantenere la struttura e la funzione del tessuto oculare sano:
    Favorisce la formazione di lacrime, aiuta a prevenire la secchezza oculare (ad esempio computer a lungo termine).
    Protegge gli occhi dai danni ossidativi (come i raggi UV).
    Forma il nucleo delle membrane cellulari degli occhi, hanno mantenuto un buon uso dello stato di membrana.
    Supporta sostanze naturali che aiutano ad alleviare la sintesi dell'irritazione oculare (p. Es., Arrossamento, secchezza oculare e gonfiore).
    Complesso antiossidante
    Vitamina C + Vitamina E + Rame + Zinco + Selenio
    La luce UV e le radiazioni ionizzanti sono radicali liberi che possono danneggiare la membrana della lente e le proteine ​​di origine. Proteggi il corpo dai radicali liberi Aiuto antiossidanti - materiali con varie proprietà che possono neutralizzare i radicali liberi.
    Ecco perché OCUTEIN FORTE Lutein 15 mg contiene abbastanza antiossidanti nel suo complesso, comprese le vitamine E e C, selenio, zinco e rame..

    11. Degenerazione maculare legata all'età - AMD
    Cos'è la degenerazione maculare senile (AMD)?
    La degenerazione maculare legata all'età è causata da cambiamenti nella retina centrale. Con la degenerazione maculare, si verificano gradualmente lievi cambiamenti nel luogo in cui sono concentrati i recettori della luce (fotorecettori). I cambiamenti nel centro visivo nella maggior parte dei casi iniziano nelle persone sopra i 50 anni. Si dividono in due categorie principali.
    Degenerazione maculare secca
    La degenerazione maculare secca è un cambiamento nel sottile strato di pigmento sotto la macula. Con la degenerazione maculare secca, non c'è accumulo di liquido o edema negli strati retinici.. In molti casi, non ci sono sintomi, ma a volte la degenerazione secca può causare lievi danni alla vista.
    Degenerazione maculare umida
    La degenerazione maculare umida è causata dalla formazione di un film di vasi neoformati sotto la retina, e questo porta alla sudorazione del fluido dai vasi sanguigni e alla formazione di edema retinico. La degenerazione umida provoca un calo significativo della vista e della distorsione (metamorfopsia). La prevenzione del danno irreversibile alla retina dalla degenerazione maculare umida richiede un trattamento immediato da parte di un medico specialista.
    Come viene diagnosticata la degenerazione maculare??
    La degenerazione maculare viene rilevata da uno specialista durante l'esame, dopo l'instillazione di gocce speciali che dilatano la pupilla.
    Come viene trattata la degenerazione maculare secca e umida??
    Il trattamento della degenerazione maculare secca richiede il controllo di tutti i fattori di rischio e la riduzione al minimo di quelli che sono gestibili, come l'ipertensione, la dieta e l'attività fisica. Sono disponibili integratori alimentari e vitamine per ridurre il rischio che la degenerazione maculare secca si trasformi in umida.

    12. Occhio come un'aquila
    (http://www.fit-leader.com/encyclopedia/eye-o.shtml)
    Sette milioni di americani oggi soffrono di una devastante malattia agli occhi: la degenerazione della retina..
    La retina funziona come una videocamera, trasmettendo immagini al cervello. L'immagine è creata da rilevatori sensibili in tutta la retina. L'immagine più luminosa, anche se più piccola,, vale a dire l'immagine centrale, è creata dalla macula ("macchia gialla") - un'area di cellule visive densamente compatte situata direttamente dietro l'obiettivo con piccoli rilevatori visivi.
    L'immagine di una persona in piedi a una distanza di 6 metri da te viene proiettata sulla macula. Tutto il resto viene visualizzato dalla visione periferica. Non puoi guidare una macchina o vedere i tuoi nipoti solo con una visione periferica. Hai bisogno di una retina sana.
    la maggior parte delle persone non consuma abbastanza frutta e verdura ricca di luteina e zeaxantina per ottenere la protezione di cui ha bisogno.
    Le persone che sviluppano la degenerazione retinica lamentano visione offuscata o offuscata, disagio visivo e percezione dei colori opaca. Ritengono che le linee rette, come le linee su una pagina, siano sfocate. Molti sviluppano anche aree scure o vuote nel loro campo visivo centrale. In alcune persone, ciò è dovuto a una storia familiare della malattia. Ma i principali fattori di rischio sono la sovraesposizione alla luce solare e al fumo..
    che la luteina e lo zeaxanthen proteggono la retina assorbendo la parte dannosa dei raggi ultravioletti dello spettro della luce solare. Inoltre, agiscono come antiossidanti necessari per neutralizzare i radicali liberi..
    I radicali liberi sono frammenti di molecole che sono i prodotti finali delle reazioni ossidative nel corpo. Inoltre, anche il fumo di tabacco, l'inquinamento atmosferico, alcuni farmaci e le tossine ambientali contribuiscono all'eccesso di radicali liberi..
    Come si può ridurre il rischio di degenerazione retinica? Il modo migliore è assicurarti che la tua dieta contenga abbastanza luteina e zeaxantina. Ciò significa mangiare frutta e verdura a foglia ricca di questi carotenoidi. E prendi integratori di questi carotenoidi se la tua dieta è povera.
    La luteina come "captatore" di vari radicali gioca un ruolo chiave nella protezione antiossidante. Gli studi hanno dimostrato che la luteina ha un'attività specifica nell'occhio. La luteina è in gran parte concentrata nella macula, una piccola area della retina responsabile della visione centrale e dell'acuità visiva. Come risultato delle reazioni dei radicali liberi nella macula della retina, si verificano tali cambiamenti nei capillari, che portano alla loro distruzione. I pigmenti gialli maculari, che includono luteina e zeaxantina, proteggono la retina dagli effetti dannosi della parte ultravioletta dello spettro.
    Studi sulla malattia maculare degenerativa legata all'età hanno dimostrato inequivocabilmente che la luteina gioca un ruolo importante nella sua protezione. Luteina e zeaxantina possono ridurre il rischio di degenerazione retinica, responsabile di un terzo di tutti i casi di cecità legata all'età, di oltre il 50%.
    l'assunzione di 6 mg di luteina al giorno riduce il rischio di degenerazione maculare del 43%. John T. Landram e Richard A. Bones della Florida International University hanno condotto uno studio nel 1995 per scoprire come gli integratori di luteina influenzano i livelli di pigmento maculare. Dopo 140 giorni di integrazione, il contenuto di pigmento è aumentato dal 20 al 40 percento nei soggetti maschi. Questa è stata la prima prova che la supplementazione di luteina può ripristinare la perdita di pigmento maculare..
    La luteina si trova in verdure a foglia verde scuro come spinaci, cavoli cinesi, cavoli e broccoli, in una varietà di frutta e pane. Anche le carote, la zucca e altre verdure che contengono pigmenti arancioni e gialli e tuorli d'uovo sono fonti di luteina. Tutti questi alimenti sono una parte importante di una dieta sana..
    Un'importante fonte di luteina è costituita da preparati naturali appositamente prodotti: additivi biologicamente attivi con un contenuto standardizzato di questa sostanza attiva.
    La luteina contiene 6 mg di luteina per compressa, che è la dose giornaliera richiesta. La nuova formula Lutein Plus, che contiene anche zeaxantina, migliora ulteriormente la protezione continua della salute degli occhi. È una buona prevenzione di degenerazione maculare senile, cataratta, miopia, retinopatia diabetica, affaticamento degli occhi, soprattutto quando si lavora con un computer..
    Oltre alla luteina, anche altri antiossidanti svolgono un ruolo importante nel prevenire o rallentare la progressione della malattia degli occhi. Nel 2001, NEI ha pubblicato i risultati di uno studio di sette anni che ha dimostrato che alte dosi di vitamina C, combinate con vitamina E, beta-carotene e zinco, hanno ridotto significativamente il rischio di sviluppare uno stadio avanzato di cataratta di circa il 25%..

    13. Degenerazione maculare senile
    La degenerazione della macula legata all'età (AMD: degenerazione della macula correlata all'età) è una malattia dell'area retinica centrale che si manifesta in età avanzata e porta a una diminuzione della visione centrale.
    Il compito della retina è assorbire e convertire la luce in impulsi nervosi. La struttura e le funzioni della retina nelle sue varie zone non sono le stesse.
    Quando si guarda un oggetto distante, come la luna, gli occhi si trovano in una posizione tale che l'immagine della luna viene proiettata direttamente sul centro della retina. Questo centro, che appare leggermente giallo a causa del pigmento della xantofilla, è chiamato macula lutea o "macula" (Lat. Macula: macchia / Lat. Lutea: giallo). Mentre la periferia della retina è specializzata nella percezione del movimento (principalmente oggetti di grandi dimensioni), il centro è responsabile della visione spaziale. Ciò significa che il centro della retina percepisce anche piccoli oggetti e due punti situati estremamente vicini tra loro vengono identificati come separati. La risoluzione retinica è espressa dall'acuità visiva. Una persona sana (con lenti correttive, se necessario) ha un'acuità visiva del 100% o, come determinato dagli oftalmologi, 1.0 o 20/20.
    Se la retina stessa viene modificata, il che può essere dovuto alla morte delle cellule recettrici o al loro danno parziale, si verifica una diminuzione dell'acuità visiva, che non può essere corretta con gli occhiali. Questo problema è particolarmente importante per l'area maculare..
    Cambiamenti legati all'età nella macula.
    Come tutti gli organi, anche la retina subisce un processo di invecchiamento per tutta la vita. Anche in una persona sana, c'è una lenta diminuzione del numero di recettori e cellule nervose. L'epitelio pigmentato, situato immediatamente dietro la retina e assorbendo continuamente i resti di parti delle cellule recettrici, forma gradualmente depositi di sostanze non necessarie difficili da elaborare. Anche l'afflusso di sangue allo strato successivo, la coroide, diminuisce con l'età..
    Normalmente, la macula riceve una quantità relativamente piccola di ossigeno dai vasi retinici; entra principalmente nella regione maculare dalla coroide. Questo è il motivo per cui la macula soffre soprattutto di disturbi legati all'età causati dalla deposizione di depositi di grasso dalla coroide adiacente. Un altro fattore importante è che la macula è più esposta alla luce e ai suoi effetti dannosi rispetto ad altre aree della retina..
    Il primo stadio dell'AMD sono i cambiamenti nella struttura dell'epitelio pigmentato, determinati dall'oftalmoscopia.
    Si può vedere che, invece del solito riflesso del fondo rosa uniforme, nella regione maculare vengono rilevati focolai scuri e chiari. Un paziente con tali cambiamenti non ha più una vista al 100% e, a seconda della gravità di questi cambiamenti, oscilla tra il 20 e l'80%.
    L'acuità visiva più bassa che può essere “adeguata” per leggere un giornale (possibilmente utilizzando occhiali da lettura) è di circa il 30%. L'AMD può interrompersi in questa prima fase (cambiamenti nell'epitelio pigmentato) e non svilupparsi ulteriormente.
    Sintomi di AMD.
    Elenchiamo i sintomi più importanti dell'AMD: con la forma secca dell'AMD, c'è una diminuzione dell'acuità visiva in un modo o nell'altro, con la forma umida dell'AMD, c'è una significativa diminuzione della vista associata alla metamorfopsia.
    La perdita della vista è un pesante fardello per una persona anziana. È confortante che AMD non accecherà completamente il paziente. Potrebbe avere difficoltà a leggere o vedere i dettagli degli oggetti, ma la cecità completa non si verificherà se non ci sono altre malattie degli occhi (come il glaucoma), poiché altre aree della retina rimangono intatte.
    Un paziente con AMD ha un orientamento spaziale abbastanza buono e può muoversi liberamente, poiché la malattia non colpisce le aree periferiche della retina.
    La probabilità di sviluppare AMD è significativamente aumentata negli anziani. Circa l'1,5% delle persone di età compresa tra 52 e 64 anni soffre di AMD, mentre questa cifra sale al 10-20% tra le persone di età compresa tra 65 e 75 anni e circa il 35% delle persone di età compresa tra 75 e 84 anni ne soffre. patologia. È sicuro dire che chiunque viva abbastanza a lungo svilupperà quasi certamente AMD. Con l'aumentare dell'aspettativa di vita, ci si può aspettare un corrispondente aumento del numero di pazienti con AMD in futuro..
    Fino ad ora, la migliore raccomandazione per i pazienti con AMD è una consultazione approfondita e completa con un oftalmologo e un ottico che lavorano con pazienti con disabilità visive. Si raccomanda l'uso di dispositivi di ingrandimento, che possono consentire ai pazienti con AMD grave di riacquistare una certa capacità di leggere almeno alcuni documenti e testi.