Blefarite

Dolgatova Erike Ilyasovna

Questa è un'infiammazione del bordo delle palpebre. La malattia è molto comune e causa molta preoccupazione alle persone colpite. Principali disturbi: prurito alle palpebre, sonnolenza, affaticamento visivo, difetto estetico. Esistono tre forme di blefarite (in realtà, queste sono tre fasi di un processo).

Blefarite semplice. Il bordo della palpebra è ispessito e arrossato. Tutti.

Blefarite squamosa. Ai segni della blefarite semplice si aggiungono le squame, che giacciono come forfora sulle ciglia e sulla pelle del margine palpebrale. Le squame appaiono a causa del doloroso desquamazione della pelle del bordo delle palpebre.

Blefarite ulcerosa. Si verifica quando un'infezione purulenta si unisce a una blefarite semplice o squamosa. A causa del forte prurito delle palpebre, il paziente si gratta o si sfrega costantemente gli occhi, di conseguenza possono apparire microtraumi, piccoli graffi sulla pelle del bordo delle palpebre. Se un'infezione penetra in loro, appare la suppurazione. Il pus viene cotto in croste, che si adagiano molto strettamente sulla pelle del margine palpebrale. È impossibile strapparli senza dolore. Spesso le ciglia incastrate si staccano insieme alla crosta. Allo stesso tempo, una goccia di pus può essere rilasciata dal letto del cilio. Rimuovendo le croste dal bordo delle palpebre, esponiamo le ulcere, che hanno dato il nome alla blefarite. Su di loro crescono di nuovo delle croste, creando così un circolo vizioso.

Le complicazioni si verificano solo con blefarite ulcerosa: alopecia delle palpebre, crescita impropria delle ciglia, deformazione del bordo delle palpebre, torsione o eversione delle palpebre, che portano a lacrimazione.

Il motivo principale della blefarite, stranamente, è il rifiuto di indossare occhiali o occhiali montati in modo errato. Pertanto, inizio sempre il trattamento della blefarite con la selezione degli occhiali. Pertanto, le principali fasce di età a rischio di blefarite sono scolari, studenti (hanno un carico visivo aumentato) e 35-40 anni (sono già necessari occhiali per la vicinanza, ma le persone stanno ancora cercando di farne a meno). La seconda causa più comune di blefarite sono i vermi. Il terzo sono le malattie del tratto gastrointestinale. Al quarto posto c'è l'aumento dei livelli di zucchero nel sangue. E non deve essere il diabete. I dolci in eccesso causano un aumento temporaneo della glicemia perché così tanta insulina non viene prodotta contemporaneamente. Non c'è ancora il diabete, ma questo si riflette già nei secoli. Soprattutto spesso con una dieta eccessivamente ricca di carboidrati, si verifica blefarite ulcerosa. Gli ultimi posti nell'elenco delle cause di blefarite sono occupati da una diminuzione delle difese del corpo, polverosità della stanza, esposizione prolungata all'aria aperta, carenza di vitamine e così via..

A proposito, gli stessi motivi portano alla congiuntivite cronica. E se non sei affatto fortunato, si sviluppa la blefarocongiuntivite.

Spero che ora capisca che è necessario iniziare il trattamento con la selezione di occhiali (fino a 28 anni - sempre con atropinizzazione). Se hai problemi allo stomaco o all'intestino, consulta un gastroenterologo, segui la dieta e la dieta. Prendi una compressa antielmintica a scopo profilattico (consulta il tuo medico).

In generale, penso che, data l'attuale situazione ambientale, tutti noi dobbiamo bere farmaci antielmintici una volta all'anno. Anche se l'analisi delle feci per le uova, il verme è negativo.

Se non si trova nulla, non è ancora un dato di fatto che non c'è nulla. Hai notato che nel nostro paese i bambini ei cani vengono portati a spasso sullo stesso terreno. E i bambini tendono a infilarsi le dita in bocca mentre giocano. E poi gli adulti possono essere infettati da loro. In precedenza si credeva che vermi e pulci non si trovassero nelle famiglie intelligenti. Ora sono in famiglie benestanti e provengono da cani, che non possono essere protetti dai contatti stradali. Che gli amanti dei cani mi perdonino!

Successivamente, bilancia i tuoi pasti e limita i dolci e i pasticcini. Idealmente, sostituiamo lo zucchero con il miele ovunque, se non è disponibile, almeno beviamo tè con miele invece di marmellata o torta. Nella dieta, metà del cibo consumato dovrebbe essere di origine vegetale e due terzi di esso dovrebbe essere crudo. È utile bere un bicchiere di kefir la sera.

È apparso un buon farmaco: Blefarogel1. (C'è anche Blepharogel2, è usato per la blefarite demodettica, deve essere prescritto da un medico). Blepharogel1 può essere utilizzato sia a scopo profilattico che come agente cosmetico per la cura delle palpebre dopo aver rimosso il trucco. Una palla di gel viene schiacciata sulla punta di un batuffolo di cotone e strofinata con le radici delle ciglia.

Tutte le squame dalla pelle e dalle ciglia devono essere rimosse. Questo può essere fatto con BLEPHAROGEL1. Anche la tintura di calendula aiuta bene. Con un batuffolo di cotone imbevuto di tintura di calendula (e sempre strizzato), puliamo i bordi delle palpebre, facendo attenzione a non entrare negli occhi. Successivamente, i bordi delle palpebre devono essere lubrificati con un unguento per gli occhi alla tetraciclina. La procedura è ben eseguita prima di coricarsi, il corso del trattamento è di 2 settimane.

Tutte le croste devono essere rimosse. Devono essere prima inzuppati. Per fare questo, immergere i tamponi di cotone in una soluzione leggermente rosa di permanganato di potassio, o in foglie di tè, o semplicemente in acqua bollita, strizzare leggermente e applicare ad occhi chiusi per 3-5-7 minuti. Dopodiché, rimuovi con cura tutte le croste con una pinzetta o un epilatore. Le piaghe esposte devono essere cauterizzate con un verde brillante, assicurandosi che non entrino negli occhi! È verde brillante, e non alcol, in modo che tu possa vedere quali ulcere hai cauterizzato e quali no, e non ti sei perso nulla. Ora tutte le ulcere devono essere lubrificate a strati con un unguento per gli occhi alla tetraciclina e rilubrificate con unguento fino a 10 volte durante il giorno. Se fai tutto correttamente, una delicata epitelizzazione delle ferite andrà sotto l'unguento, le ulcere guariranno e non ti daranno più fastidio. Se sei in ritardo con l'unguento almeno una volta, le croste si accumulano di nuovo e quindi l'intera procedura spiacevole deve essere ripetuta dall'inizio, con l'ammollo.

Ripeterò ancora una volta come cauterizzare correttamente le ulcere con un verde brillante. Prendi un batuffolo di cotone o, meglio, avvita tu stesso un microscopico pezzo di cotone idrofilo su uno stuzzicadenti di legno. Immergi la punta in un verde brillante e strizzala bene. Il bastoncino dovrebbe essere praticamente asciutto. Ora applicalo sulla superficie delle ulcere. Colori: bene, è tutto corretto. Se hai smesso di macchiare, immergi di nuovo leggermente la punta del bastoncino in un verde brillante e strizzalo bene. E così via fino alla fine della procedura. Se stai curando la blefarite di un bambino, qualcuno deve tenerlo stretto. I bambini di solito resistono, poiché questa procedura è poco piacevole.

A proposito, allo stesso modo puoi curare la crosta nel naso del bambino. Inutile rimproverarlo per essersi preso il naso: le croste lo infastidiscono, gli causano dolore, le tirerà fuori comunque. Queste croste (nome popolare - capre) sono anche pus incrostato. Porta il bambino in una bacinella d'acqua e offriti di bagnare il dito e rimuovere le croste. Lascia che si riprenda a sazietà, tira fuori tutto, solo con un dito bagnato, non c'è altro modo per inzuppare queste croste. Successivamente, iniettare in profondità in entrambe le narici un unguento alla tetraciclina, spalmare con il mignolo o spingere più volte all'esterno sulle narici. Durante il giorno, rimetti spesso l'unguento nel naso e non interferire con la raccolta del bambino: spalmerà l'unguento con il proprio dito. Tutti! Le croste non si accumuleranno più. Un giorno è sufficiente, raramente due.

Blefarite (infiammazione della palpebra)

Informazione Generale

La blefarite è un gruppo di malattie degli occhi di varia eziologia accompagnate da infiammazione dei margini palpebrali, spesso bilaterali e di natura cronica. La blefarite nella struttura della patologia oftalmica è una delle malattie degli occhi più comuni, che rappresentano circa il 20-25%. Queste malattie possono svilupparsi in pazienti relativamente sani, specialmente in caso di corpo estraneo o lesioni agli occhi, o come complicanza dell'ARVI. Inoltre, la blefarite può essere una manifestazione diretta di un'infezione virale, più spesso adenovirale, o è causata dall'esposizione ad agenti patogeni esterni (blefarite batterica).

Si verifica negli adulti e nei bambini. Allo stesso tempo, le donne si ammalano più spesso degli uomini, il processo patologico si manifesta principalmente all'età di 30-50 anni e la frequenza della sua comparsa aumenta con l'età. Nei bambini, la blefarite infettiva dell'eziologia stafilococcica è più comune, nei giovani - forme seborroiche di blefarite (grassa e secca), nelle persone che lavorano a lungo al computer / spesso la blefarite si sviluppa a causa della disfunzione delle ghiandole di Meibomio. Un problema serio è l'abuso di cosmetici, in particolare l'amore per il trucco aggressivo con colorazione eccessiva del bordo intramarginale delle palpebre con eyeliner, l'uso di ciglia finte, che contribuisce al blocco dei dotti della ghiandola di Meibomio e interrompe la stabilità del film lacrimale.

I fattori di rischio per lo sviluppo della blefarite includono disturbi dell'immunità generale / locale, infezioni sistemiche, cambiamenti / disturbi ormonali, alcolismo, nutrizione squilibrata (carenze vitaminiche), sindrome dell'occhio secco, errori di rifrazione, malattie dei denti, naso, tonsille, lavoro al computer a lungo termine, intossicazione da elminti cronici, condizioni igieniche di vita / lavoro insoddisfacenti, quindi, molto spesso tali pazienti hanno comorbidità (coesistenza) con patologia endocrina (diabete mellito) e ridotta immunità.

La blefarite è accompagnata da spiacevoli sensazioni dolorose nella zona degli occhi, influisce sul benessere del paziente, causa disagio dal punto di vista estetico, riduce la capacità lavorativa e con un trattamento inefficace può causare congiuntivite, orzo, calazio, blefaroplasia, combinate con insufficienza funzionale delle lacrime e peggiora gradualmente la condizione occhio, e nei casi più gravi - a flemmone / ascesso della palpebra. Abbastanza spesso la blefarite è combinata con la congiuntivite (blefarocongiuntivite).

Patogenesi

La patogenesi della blefarite si basa sulla violazione della funzione secretoria delle ghiandole di Meibomio, che porta all '"ispessimento" della secrezione, che crea un ambiente favorevole per l'ingresso / riproduzione di vari agenti patogeni (virus, batteri, zecca Demodex, fungo) e lo sviluppo di un processo infiammatorio ai bordi della palpebra.

Il processo infiammatorio dei margini palpebrali è il collegamento fisiopatologico centrale. Secondo vari autori, la blefarite cronica è una conseguenza dei cambiamenti nelle proprietà dei lipidi della secrezione delle ghiandole di Meibomio, causati dalle lipasi della flora batterica con blocco delle aperture dei dotti escretori delle ghiandole in futuro. I dotti bloccati promuovono la crescita e lo sviluppo di batteri e acari, che innescano l'infiammazione. La costante presenza di flora batterica nella cavità congiuntivale contribuisce allo sviluppo di un processo cronico con conseguente restringimento e obliterazione dei dotti escretori delle ghiandole di Meibomio.

Classificazione

Anatomicamente, ci sono:

  • Blefarite marginale anteriore (è interessato solo il margine ciliare della palpebra).
  • Blefarite marginale posteriore: il danno ai bordi delle palpebre è causato dall'infiammazione delle ghiandole di Meibomio situate nello spessore delle palpebre (blefarite di Meibomio).
  • Combinato.

In accordo con l'eziologia, si distinguono blefarite non infettiva e infettiva. Per natura del corso, sono divisi in blefarite acuta, subacuta e cronica.

Secondo il decorso clinico, si distinguono varie forme di malattia:

  • Semplice.
  • Seborroico (squamoso).
  • Demodettico.
  • Ulcerosa (ostiofollicolite).
  • Allergico.
  • Acne (blefarite rosacea).
  • Misto.
  • blefarite superficiale (il processo infiammatorio è localizzato nell'area del bordo palpebrale);
  • profondo (tessuto sottocutaneo, muscoli e altri tessuti della palpebra sono coinvolti nel processo patologico).

Cause di blefarite

Le cause dell'infiammazione delle palpebre sono estremamente diverse. Le cause più comuni di blefarite non infettiva sono:

  • Patologia della vista non corretta (sindrome dell'occhio secco, ipermetropia, astigmatismo, miopia).
  • Irritazione meccanica, chimica, termica delle palpebre.
  • Lesioni (contusioni, ustioni), corpo estraneo che penetra negli occhi.
  • Reazioni allergiche (con maggiore sensibilità agli allergeni - polline di piante, medicinali, peli di animali, prodotti per l'igiene, cosmetici, ecc.).

Il fattore eziologico della blefarite infettiva sono batteri (epidermico / Staphylococcus aureus), funghi simili a lieviti, artropodi (pidocchi e acari Demodex), virus (herpes simplex, fuoco di Sant'Antonio). La ragione della loro maggiore riproduzione è la ridistribuzione di agenti patogeni nella zona degli occhi, dovuta all'influenza dell'ambiente esterno e alla presenza di condizioni favorevoli per lo sviluppo. La blefarite può essere causata dalla presenza di focolai cronici di infezione nei seni paranasali (sinusite frontale / sinusite), tonsille (tonsillite), sulla pelle (impetigine), nella cavità orale (carie).

Distinguere clinicamente tra blefarite superficiale, quando il bordo della palpebra è coinvolto nel processo infiammatorio e profondo - con danni al tessuto sottocutaneo, ai muscoli e ad altri tessuti della palpebra.

Sintomi di blefarite

I sintomi più comuni di blefarite sono arrossamento, gonfiore, prurito e bruciore ai bordi delle palpebre. I pazienti lamentano disagio e sensazione di pesantezza alle palpebre, secchezza oculare costante, rapido affaticamento degli occhi e lacrimazione meno frequente. Più spesso, c'è un'infiammazione simultanea della palpebra superiore e un'infiammazione della palpebra inferiore. Se osservato con una lampada a fessura, c'è iperemia e ispessimento del bordo delle palpebre, lungo il bordo delle ciglia, presenza di croste e squame sulla pelle delle palpebre, attaccatura delle ciglia.

In assenza di trattamento, i sintomi progrediscono: c'è una levigatura del bordo anteriore / posteriore delle palpebre, le bocche delle ghiandole di Meibomio si espandono, si trovano spesso calcoli (quando si sbatte le palpebre, una sensazione di corpo estraneo), la palpebra non aderisce saldamente al bulbo oculare, il che porta alla rapida evaporazione delle lacrime sulla sua superficie e alla rottura della struttura film lacrimale. Di seguito una foto dell'occhio con blefarite.

Ciò contribuisce alla progressione del processo infiammatorio, che può diffondersi alla congiuntiva. Oltre ai sintomi generali, ogni tipo di blefarite ha le sue caratteristiche cliniche..

Forme cliniche

La blefarite seborroica (sinonimo "blefarite squamosa") - è combinata, di regola, con la dermatite seborroica delle sopracciglia, del cuoio capelluto, dietro l'orecchio. La blefarite squamosa si manifesta con arrossamento e ispessimento pronunciato dei bordi delle palpebre con formazione di squame strettamente attaccate alla pelle, con localizzazione tra le ciglia. Quando viene rimosso, la pelle non sanguina e rimane intatta. Puoi anche vedere croste giallastre (secrezione della ghiandola sebacea secca) lungo i bordi delle palpebre. Con il progredire della progressione, il gonfiore dei bordi delle palpebre aumenta e compare la lacrimazione. La blefarite seborroica con un decorso prolungato è spesso accompagnata da perdita parziale delle ciglia (alopecia); successivamente può svilupparsi un'eversione della palpebra.

Blefarite ulcerosa. È caratterizzato dalla presenza di un processo infiammatorio purulento nei follicoli piliferi delle ciglia con formazione di croste purulente, dopo la rimozione delle quali compaiono ulcere sanguinanti con una fioritura purulenta, al posto delle quali successivamente si formano cicatrici. Poiché i follicoli piliferi sono coinvolti nel processo patologico, si verifica una copiosa perdita di ciglia fino alla loro completa assenza (madarosi). La formazione di cambiamenti cicatriziali spesso porta alla deformazione delle palpebre e alla crescita anormale delle ciglia.

La blefarite demodettica è causata da lesioni delle palpebre da artropodi (l'acaro Demodex). Questi acari microscopici vivono sulla pelle di persone sane e si trovano quasi sempre nelle persone anziane. Di norma, nelle persone sane c'è una simbiosi tra l'ospite e le zecche e, in tali condizioni, l'infestazione da zecche clinicamente non si manifesta, ma è considerata un trasporto asintomatico. La gravità della malattia è influenzata dal numero di zecche. Quindi, è considerato normale essere sulle ciglia fino a 4 individui. La blefarite demodettica si manifesta con un forte prurito dopo il sonno, successivamente compare una secrezione appiccicosa e si sviluppa una grave infiammazione della palpebra superiore dell'occhio e della palpebra inferiore, che diventano arrossate e ispessite. Particelle di cellule e secrezioni delle ghiandole sebacee formano un "collare" alla base delle ciglia. Lo scarico secco sotto forma di squame si accumula tra le ciglia. L'esame microscopico rivela acari alla radice delle ciglia rimosse.

Blefarite allergica. Di solito si manifesta in combinazione con l'infiammazione allergica della congiuntiva. Il paziente è disturbato da un pronunciato gonfiore delle palpebre, prurito, dolore agli occhi, secrezione mucosa. Di solito, il processo allergico si manifesta in entrambi gli occhi. Questo spesso causa fotofobia, sindrome dell'occhio secco, lacrimazione abbondante.

Di seguito sono riportate le foto di varie forme di blefarite.

Analisi e diagnostica

La diagnosi di blefarite non è difficile. Si basa su un esame oftalmologico di un paziente con una lampada a fessura. Le procedure diagnostiche strumentali (visometria, rifrattometria, biomicroscopia oculare) possono identificare efficacemente gli errori di rifrazione, valutare le condizioni delle strutture oculari e del film lacrimale.

Se sospetti una blefarite demodettica, viene effettuato uno studio di laboratorio sulle ciglia per la presenza di un agente patogeno delle zecche. Per identificare l'agente patogeno infettivo, viene eseguita la coltura batterica di uno striscio dalla congiuntiva.

Trattamento della blefarite

Il trattamento della blefarite viene effettuato su base ambulatoriale (a casa). Il trattamento dell'infiammazione della palpebra inferiore e dell'infiammazione della palpebra superiore è simile. Il trattamento della blefarite, indipendentemente dalla loro forma, si basa sulla iena delle palpebre, finalizzata all'elaborazione del bordo delle palpebre e ad uno speciale massaggio delle palpebre. Il loro scopo è liberare le ghiandole di Meibomio dalle secrezioni dense e distruggere il mezzo nutritivo favorevole alla riproduzione e alla crescita di microrganismi e acari. Le procedure igieniche si basano sulla pulizia delle palpebre con un tampone umido sterile da squame e croste.

I prodotti per l'igiene ultramoderna per le palpebre sono tovaglioli e gel Blefaklin - Blefagel, Teagel, appositamente progettati per la pulizia meccanica delicata della pelle delle palpebre danneggiate / irritate. Le procedure igieniche regolari delle palpebre possono normalizzare le loro condizioni e ripristinare la funzione delle ghiandole di Meibomio. Se non è possibile utilizzare tali prodotti per la cura specializzati, il sapone di catrame viene utilizzato per lavare la pelle intorno agli occhi e alle palpebre, i bordi delle palpebre vengono trattati con furacilina, tintura di eucalipto, calendula, una soluzione di permanganato di potassio o verde brillante.

Per accelerare l'evacuazione della secrezione secreta delle ghiandole di Meibomio e per pulire i dotti escretori, viene utilizzato un impacco caldo sotto forma di un batuffolo di cotone, un asciugamano, un tovagliolo di garza imbevuto di acqua tiepida e strizzato per 5-15 minuti 2-4 volte al giorno.

Dopo l'igiene delle palpebre, vengono applicati preparati antibatterici sotto forma di un unguento ai bordi delle palpebre: unguento per gli occhi alla tetraciclina, alla bacitracina o all'eritromicina. Puoi anche instillare nella cavità congiuntivale soluzioni di antibiotici sotto forma di colliri (tobramicina, gentamicina, cloramfenicolo, levofloxacina, ciprofloxacina, ecc.).

Nel trattamento della blefarite ulcerosa della palpebra inferiore e della palpebra superiore, vengono prescritti corticosteroidi (unguento per gli occhi all'idrocortisone / collirio al desametasone). In presenza di un'infezione secondaria, vengono prescritti antisettici: una soluzione di solfato di zinco e acido borico o preparazioni combinate di colliri Desametasone in combinazione con tobramicina o desametasone con neomicina.

Il trattamento della blefarite palpebrale squamosa comprende la lubrificazione dei margini palpebrali con un unguento per gli occhi all'idrocortisone, l'instillazione di lacrime artificiali: Oftagel / lacrima naturale. Con lo sviluppo della congiuntivite - gocce di desametasone, Dexapos o Maxidex.

Con blefarite demodettica vengono prescritte gocce miotiche “Tosmilen”, “Armin”, zecche paralizzanti, gel “Metronidazolo”, pomata alla Pilocarpina. Sfregando sul bordo delle palpebre, unguento Floxal.

Come trattare l'infiammazione della palpebra dell'occhio con blefarite allergica? Prima di tutto, è necessario eliminare il contatto con l'agente allergenico. Per la terapia locale, Hydrocortisone, Latikort, Acortin, Lokoid sono prescritti sotto forma di creme e unguenti. Se necessario, i farmaci antiallergici generali sono prescritti sotto forma di compresse / iniezioni o - Clemastine, Desloratadin, Loratadin, Chloropyramine, antistaminici.

Poiché la blefarite è caratterizzata da una violazione del film lacrimale, è indicato un uso a lungo termine (fino a sei mesi) di sostituti lacrimali. Inoltre, il trattamento della blefarite comprende l'assunzione di farmaci immunostimolanti e la terapia vitaminica.

Va notato che è possibile curare la blefarite oculare con una forma acuta abbastanza rapidamente, mentre la blefarite cronica con frequenti ricadute richiede un trattamento complesso e persistente a lungo termine. In alcuni casi, il processo cronico può essere controllato dall'assunzione a lungo termine di farmaci antibatterici di azione sistematica, ad esempio, forme in compresse di tetraciclina, la cui assunzione consente di frenare il processo di riproduzione batterica e ridurre la quantità di secrezione prodotta dalle ghiandole di Meibomio, che è particolarmente importante per i pazienti con blefarite di Meibomio.

La blefarite nei bambini viene trattata allo stesso modo, tenendo conto del dosaggio dei farmaci e dell'età in cui vengono prescritti.
È possibile e come trattare la blefarite palpebrale con rimedi popolari? È importante notare che il trattamento della blefarite a casa solo con rimedi popolari non è efficace e i rimedi popolari possono essere considerati solo come un'aggiunta alla terapia farmacologica prescritta.

Blefarite: sintomi, cause, tipi e trattamento della blefarite

Buon giorno, cari lettori!

Nell'articolo di oggi, esamineremo la malattia della blefarite e tutto ciò che è correlato ad essa. Così…

Cos'è la blefarite?

La blefarite (lat. Blefarite) è un gruppo di malattie infiammatorie oculari caratterizzate da infiammazione dei bordi delle palpebre in forma cronica, con frequenti ricadute. Di solito la blefarite è difficile da trattare, che è associata alla peculiarità della localizzazione del processo infiammatorio e alla sua eziologia.

La causa principale e più comune di blefarite è l'infezione della palpebra con infezione da stafilococco, principalmente Staphylococcus aureus o epidermalis..

I principali sintomi della blefarite sono prurito, ispessimento dei bordi delle palpebre, infiammazione delle sacche ciliari, comparsa di eruzioni cutanee e secrezioni sulle palpebre.

Di conseguenza, la blefarite, o meglio le complicazioni che si sviluppano sullo sfondo, possono portare non solo a una ridotta funzione visiva, ma anche alla completa perdita della vista..

Insieme alla congiuntivite e alla cheratite, la blefarite è una delle malattie degli occhi più comuni..

Sviluppo di blefarite

Lo sviluppo della blefarite dipende principalmente dall'eziologia alla base della malattia, nonché dallo stato di salute (immunità) della persona.

Vari tipi di infezioni e altri microrganismi si trovano solitamente sulla pelle umana: stafilococchi, streptococchi, vari virus, acari demodex, ecc. Le palpebre hanno piccole aperture ai bordi - dotti escretori in cui si trovano le ghiandole di Meibomio. Hanno anche le ciglia, che hanno anche le loro ghiandole (Molla, Zeiss).

Se un'infezione o dei parassiti penetrano in questi buchi, quindi con un'immunità indebolita o altre condizioni patologiche, si depositano in queste "tasche" e iniziano a moltiplicarsi attivamente, provocando un processo infiammatorio. Naturalmente, nel sito dell'infiammazione, vari processi metabolici, il funzionamento di alcuni elementi anatomici di una persona vengono solitamente interrotti. Ciò può portare all'ipersecrezione delle ghiandole, che è espressa dalla formazione di croste ai bordi delle palpebre, un aumento del volume delle palpebre, il loro prurito, arrossamento e, a causa del contatto dell'area ingrandita della palpebra con la cornea dell'occhio, si ha la sensazione di un corpo estraneo nell'occhio.

L'immagine sopra è la più comune. Ma la causa dello sviluppo della blefarite può anche essere fattori endogeni (interni): allergie, disturbi metabolici, squilibrio ormonale (ipotiroidismo) e altri.

Tuttavia, tutte le cause che portano all'infiammazione del margine palpebrale, accompagnata da un processo infiammatorio, sono unite da un termine: blefarite. A proposito, il nome della malattia deriva da due parole: "βλέφαρον" (palpebra) e "-itis" (infiammazione).

Blefarite - ICD

ICD-10: H01.0;
ICD-9: 373.0.

Blefarite - sintomi

I primi segni di blefarite sono solitamente gli stessi. I principali sintomi della malattia possono differire, a seconda del tipo di malattia e della sua causa..

I primi segni di blefarite

  • Prurito agli occhi;
  • Rossore della palpebra;
  • Gonfiore della palpebra.

I principali sintomi della blefarite:

  • Rossore (iperemia) e ispessimento dei bordi della palpebra;
  • Prurito;
  • Gonfiore delle palpebre;
  • Fotofobia;
  • Lacrimazione;
  • Sensazione di pesantezza delle palpebre;
  • La formazione di una secrezione sul bordo della palpebra, che nel caso di un'infezione batterica può avere un carattere purulento;
  • Formazione lungo i bordi delle palpebre di formazioni ulcerative (con una forma ulcerosa della malattia);
  • Formazione di eruzioni cutanee rosso-grigiastre sulle palpebre (con blefarite rosacea);
  • La formazione di un segreto appiccicoso ai bordi della palpebra (può indicare una causa demodex della malattia);
  • Possibile dolore agli occhi e sensazione di un oggetto estraneo in essi.

Complicazioni di blefarite

  • Acuità visiva alterata;
  • Formazione di calazio (cisti di Meibomio);
  • Deformazione delle palpebre;
  • Disturbi della crescita delle ciglia;
  • Cheratite;
  • Congiuntivite.

Cause di blefarite

Tutte le cause di blefarite possono essere suddivise approssimativamente in 2 gruppi: esogeno ed endogeno.

Cause esogene (esterne) di blefarite

  • Infezione delle cavità situate nella palpebra (tasca ciliare con le ghiandole di Moll e Zeiss, ghiandole di Meibomio) - batteri (Staphylococcus aureus), Staphylococcus epidermidis (Staphylococcus epidermidis) e altri tipi di stafilococchi, ghiandole streptococciche, ), virus (virus dell'herpes, adenovirus), funghi (candida, aspergillus) e altri tipi di infezione.
  • Irritazione della palpebra o degli occhi con vento forte (screpolature), polvere, polline, lanugine, piume, fumo, prodotti chimici (sapone, shampoo, cosmetici), sole, visita di un solarium.

Cause endogene (interne) di blefarite

  • Allergia - a pollini, medicine, peli di animali, cibo, cosmetici, ecc.;
  • Quantità insufficiente di vitamine e microelementi nel corpo (ipovitaminosi e avitaminosi);
  • Interruzione dei processi metabolici;
  • Patologie nella struttura degli organi visivi;
  • Malattie degli occhi - astigmatismo, miopia, ipermetropia, sindrome dell'occhio secco;
  • Disfunzione delle ghiandole di Meibomio;
  • Infezioni interne - carie dentale, sinusite, infezioni respiratorie acute, foruncolosi;
  • Malattie del tratto gastrointestinale - enterocolite, cirrosi epatica, pancreatite e altri;
  • La presenza di malattie come - anemia (anemia), morbillo, ipotiroidismo, diabete mellito, seborrea, psoriasi, eczema e altri;
  • Lesione alla palpebra;
  • Tatuaggio dell'occhio.

Va anche notato che la blefarite della malattia dovuta all'infezione di solito si sviluppa solo sullo sfondo di un'immunità indebolita, che svolge la funzione protettiva del corpo..

I motivi più comuni per una diminuzione della reattività del sistema immunitario in relazione alle infezioni sono ipotermia, stress frequente, lavoro eccessivo costante, ipovitaminosi, diete rigide, infezione da HIV, disturbi metabolici, presenza di malattie croniche.

Un ruolo importante nella comparsa della blefarite è giocato anche dalla mancata osservanza delle regole di igiene personale - quando una persona con le mani non lavate, specialmente dopo la strada, il bagno, il contatto con i soldi, tocca i suoi occhi.

La deriva dell'infezione nella palpebra dalle infezioni interne si verifica con il flusso di sangue e linfa.

Tipi di blefarite

La classificazione della blefarite è la seguente.

Per motivi clinici:

Blefarite semplice (Blefarite simplex) - caratterizzata da arrossamento dei bordi delle palpebre, loro leggero ispessimento, allargamento dei dotti delle ghiandole di Meibomio, leggero arrossamento della congiuntiva degli occhi e presenza di un segreto grigiastro-biancastro agli angoli degli occhi.

Blefarite squamosa o seborroica (Blefarite squamosa) - caratterizzata da arrossamento e ispessimento dei bordi delle palpebre, prurito e formazione di piccole squame alla base delle ciglia, strettamente adiacenti ai bordi delle palpebre, costituite da particelle desquamate dell'epidermide e formazioni delle ghiandole sebacee (Meibomio). Spesso accompagnato da dermatite seborroica.

La blefarite ulcerosa (Blefarite ulcerosa) è caratterizzata dall'infiammazione dei follicoli delle ciglia con le ghiandole circostanti e dalla formazione di secrezioni purulente in queste "tasche". La causa principale è l'infezione batterica, in particolare lo Staphylococcus aureus, nella cavità dei capelli. Il sito dell'infezione si infiamma, compaiono croste, con la separazione di cui è visibile la pelle ulcerata, che poi cicatrizza. Può anche portare a una ridotta crescita delle ciglia, al loro candore e alla comparsa di rughe sulle palpebre.

Blefarite demodettica (Blepharitis demodex) - caratterizzata da forte prurito, taglio negli occhi, secrezioni appiccicose ai bordi delle palpebre, nonché iperemia, ispessimento e comparsa di croste secche tra le ciglia. La ragione di ciò è l'infezione dei follicoli piliferi con l'acaro demodex, che si nutre della secrezione secreta dalle ghiandole sebacee..

La blefarite di Meibomio (Blepharitis meibomiana) è caratterizzata da un'altissima produzione di secrezione da parte delle ghiandole di Meibomio, che praticamente non viene escreta, che è associata alla sovrapposizione dei dotti escretori delle ghiandole sebacee. A questo proposito, al posto dei condotti ostruiti, sono visibili le guarnizioni, la palpebra ai bordi può espandersi leggermente. C'è iperemia.

Blefarite rosacea (Blefarite rosacea) - caratterizzata dalla comparsa sulla pelle delle palpebre di piccole eruzioni rosso-grigiastre con pustole. Di solito questo processo è accompagnato dalla presenza di rosacea nel paziente..

Orzo sugli occhi (hordeolum, hordeolum) - caratterizzato dalla formazione di contenuto purulento nelle tasche ciliare o di Meibomio, accompagnato da gonfiore sferico, iperemia, prurito, gonfiore della palpebra, sensazione nell'occhio di un corpo estraneo. Con gravi danni, la temperatura corporea può aumentare e possono comparire mal di testa. Il motivo principale è l'infezione delle tasche ciliare o di Meibomio con infezione da stafilococco.

Blefarite allergica - caratterizzata da infiammazione della mucosa palpebrale, arrossamento, edema, lacrimazione, prurito, fotofobia e dolore agli occhi. Il motivo principale è una reazione a polvere, chimica, polline, peli di animali, farmaci (blefarite medicinale), ecc. Di solito diagnosticato durante la fioritura.

Per localizzazione:

  • Blefarite marginale anteriore - caratterizzata da danni solo al bordo ciliare della palpebra;
  • Blefarite marginale posteriore - caratterizzata da danni alle sole ghiandole di Meibomio con i loro dotti;
  • Blefarite angolare (Blepharitis angularis) - caratterizzata da un processo infiammatorio principalmente agli angoli degli occhi.

Diagnosi di blefarite

La diagnosi di blefarite include:

  • Esame visivo, storia;
  • Biomicroscopia degli occhi;
  • Determinazione dell'acuità visiva utilizzando le tabelle Sivtsev, Golovin;
  • Esame delle ciglia per l'acaro Demodex;
  • Se si sospetta una forma allergica della malattia, vengono eseguiti test allergici;
  • Analisi delle feci per la presenza di invasioni elmintiche;
  • In presenza di croste dorate, esame batteriologico della secrezione patologica per la presenza di infezione.

Trattamento della blefarite

Come viene trattata la blefarite? Il trattamento per la blefarite dipende dall'eziologia della malattia e comprende:

1. Farmaco
2. Trattamento fisioterapico
3. Dieta per blefarite
4. Trattamento chirurgico

1. Farmaco

La selezione dei farmaci per il trattamento della blefarite si basa su dati diagnostici e può differire in modo significativo l'uno dall'altro. Considera alcuni regimi di trattamento.

Importante! Prima di usare i farmaci, assicurati di consultare il tuo medico.!

Blefarite semplice - trattamento. Le squame vengono trattate con un tampone immerso in una soluzione di "Furacilina", dopodiché i bordi della palpebra vengono accuratamente trattati con una soluzione di verde brillante (verde brillante, 1%) e applicati durante il giorno, 2-3 volte unguento al desametasone (ormonale), che allevia il processo infiammatorio.

Blefarite seborroica - trattamento. Le squame possono essere rimosse anche dopo averle bagnate con la soluzione di Furacilin applicando una garza sugli occhi. Inoltre, i bordi delle palpebre sono lubrificati con l'unguento ormonale "Hydrocortisone-Pos" (1%), e in caso di un decorso grave della malattia - "Hydrocortisone-Pos" (2,5%). Durante le pause, gli occhi vengono instillati con gocce di lacrime artificiali o il suo analogo, Oftagel. In presenza di segni di congiuntivite, utilizzare colliri a base di desametasone (0,1%) - "Maxidex", "Dexapos".

Blefarite ulcerosa - trattamento. All'inizio, è necessario rimuovere le croste, che non possono essere strappate, perché sotto di loro appariranno ferite sanguinanti. Pertanto, sugli occhi vengono applicati tamponi di garza imbevuti di una soluzione calda "Furacilin". Dopo aver ammorbidito e rimosso le croste, un unguento complesso a base di 2 sostanze - un corticosteroide e un antibiotico, ad esempio - "Dexa-Gentamicina" (composto allo 0,1% di desametasone e allo 0,3% di gentamicina) viene applicato ai bordi delle palpebre. In caso di intolleranza alla gentamicina, vengono utilizzati unguenti complessi a base di altri farmaci antibatterici - "Maxitrol" (desametasone 0,1% + neomicina 3,5 mg / g + polimixina B 6000 U / g). In presenza di una componente parassitaria della malattia, può essere prescritta una terapia sistemica con metronidazolo.
Per l'ulcerazione della cornea degli occhi, utilizzare il gel per gli occhi "Solcoseryl", "Korneregel" e collirio "Vitasik".

Blefarite demodettica - trattamento. L'obiettivo principale è fermare la diffusione delle zecche. Come abbiamo già detto, gli acari demodex lasciano un segreto appiccicoso alle radici delle ciglia, che può essere rimosso con una garza imbevuta di soluzione fisiologica o shampoo per bambini. Inoltre, per rimuovere il processo infiammatorio, i bordi delle palpebre vengono trattati con "Hydrocortisone-Pos" (2,5%), e per uccidere le zecche con uno strato spesso, applicare "Dexa-Gentamicina". Se ci sono segni di congiuntivite dell'occhio, puoi gocciolare "Dexapos". Anche massaggiare le palpebre è utile..

Blefarite allergica - trattamento. Il primo passo è identificare e rimuovere il contatto con l'allergene. Successivamente, gli occhi vengono instillati con colliri antiallergici - "Alomid", "Lekrolin". Per alleviare l'infiammazione del bordo delle palpebre, lubrificare "Hydrocortisone-Pos" e per fermare il possibile contenuto infettivo o parassitario delle tasche ciliare o di Meibomio - "Maxitrol", "Dexa-Gentamicina".

Orzo sugli occhi - trattamento. Per una maturazione accelerata dell'orzo, viene applicato un impacco caldo sulla palpebra. Inoltre, nel caso di eziologia batterica dell'orzo, gli occhi vengono instillati con gocce antibatteriche "Levomicetina", "Floxal", "Tsipromed" o unguenti - "Unguento alla tetraciclina", "Floxal" vengono posati per la palpebra inferiore. Per alleviare l'infiammazione - "Unguento all'idrocortisone".

Altri trattamenti:

Ogni mattina, prima delle procedure principali, gli occhi devono essere risciacquati con acqua tiepida e massaggiati. Per rimuovere i tagli mattutini negli occhi, possono essere gocciolati con Novocaina (2%) o Dikain (0,25%).

Per rafforzare il sistema immunitario, è necessario aggiungere vitamine alla dieta, in particolare vitamina C (acido ascorbico), una grande quantità della quale si trova in rosa canina, mirtilli rossi, ribes, limone, viburno.

Esistono anche farmaci come gli immunostimolanti - "Imudon", "IRS-19" e altri.

Ricorda, per migliorare la vista e mantenere la salute degli organi visivi, devi anche consumare vitamina A..

2. Trattamento fisioterapico

Il trattamento fisioterapico della blefarite aiuta ad alleviare il processo infiammatorio, accelerare la guarigione dei tessuti danneggiati, normalizzare i processi metabolici nell'area della lesione palpebrale.

La fisioterapia per l'infiammazione delle palpebre include:

  • Magnetoterapia;
  • Terapia UHF;
  • Irradiazione ultravioletta (UFO);
  • Elettroforesi;
  • Darsonvalizzazione;
  • Irradiazione con raggi Bucca.

3. Dieta per blefarite

La nutrizione per la blefarite dovrebbe essere diretta verso l'uso predominante di latticini.

Il metodo di cottura è il vapore, per il quale è possibile utilizzare una doppia caldaia.

È necessario escludere dalla dieta: salato, fritto, grasso, affumicato, in salamoia, dolce. Ciò è dovuto al fatto che questo elenco di prodotti aiuta ad aumentare la secrezione di succo gastrico, che può influire negativamente sulla condizione delle palpebre..

4. Trattamento chirurgico

L'operazione per blefarite viene eseguita in assenza dell'efficacia del trattamento conservativo, così come nei seguenti casi:

  • Se c'è un halazion, ha lo scopo di rimuoverlo;
  • Per correggere un'eversione o un volvolo della palpebra;
  • Chirurgia plastica per trichiasi.

Blefarite: trattamento con rimedi popolari

Tè con vino. Il seguente rimedio aiuterà a far fronte alla blefarocongiuntivite (blefarite combinata con congiuntivite) e ad altre malattie infiammatorie degli occhi. Per preparare il prodotto, è necessario mescolare 1: 1 tè verde e nero forte, aggiungere a loro - per 1 bicchiere di tè 1 cucchiaino di vino d'uva secco. Mescolare tutto accuratamente e trattare con calore la palpebra interessata.

Camomilla e calendula. Mescolare mezzo cucchiaino di fiori di camomilla e calendula, riempirli con un bicchiere di acqua bollente, mettere da parte per 15 minuti in infusione, filtrare e bere durante la giornata, in 3 set.

Basilico. Alcuni guaritori popolari consigliano di applicare una foglia di basilico fresco leggermente schiacciata sulla palpebra infiammata, più volte al giorno. Dopo un paio di giorni, il processo infiammatorio scompare.

Zelenka. Per molto tempo, molte persone hanno usato il normale verde brillante per trattare la blefarite a casa, che è necessario utilizzare un batuffolo di cotone avvolto attorno a un fiammifero o applicarlo delicatamente ai bordi delle palpebre con un batuffolo di cotone. Zelenka viene rapidamente assorbito e l'infiammazione passa attraverso diverse procedure.

Prevenzione della blefarite

La prevenzione della blefarite include:

  • Rispetto delle regole di igiene personale - in particolare prestare attenzione a non toccare gli occhi e altre parti del viso con le mani non lavate;
  • Ridurre al minimo i luoghi del soggiorno in cui di solito si accumulano polvere, infezioni e altri possibili fattori che contribuiscono allo sviluppo dell'infiammazione delle palpebre: tappeti, tende, peluche;
  • Fai un'accurata pulizia nel luogo in cui trascorri una parte significativa della tua vita;
  • Non dimenticare di pulire tempestivamente il condizionatore d'aria, lavare le tende, i vestiti;
  • Cerca di non indossare le lenti a contatto o minimizza di indossarle;
  • Prova a mangiare cibi fortificati con vitamine e macro-microelementi;
  • Evita di assumere farmaci senza consultare il tuo medico;
  • Evitare lo stress;
  • Evita l'ipotermia;
  • In presenza di varie malattie (libro di consultazione delle malattie), consultare un medico in modo tempestivo in modo che le malattie non diventino croniche;
  • Osserva la modalità lavoro / riposo / sonno, dormi a sufficienza;
  • Guarda meno la TV, sullo schermo di un monitor, tablet, smartphone e, con un lavoro prolungato al computer, fai esercizi per gli occhi;
  • Quando sei all'aperto con una forte luce solare o in luoghi innevati illuminati dal sole splendente, indossa solo occhiali da sole di alta qualità;
  • Evita i tatuaggi sulle palpebre.

Blefarite: descrizione, cause, trattamento

La blefarite è una condizione infiammatoria che colpisce i bordi delle palpebre. La malattia è una delle cause più comuni di fastidio e irritazione agli occhi..

Ogni terzo paziente che cerca l'aiuto di un oftalmologo per l'infiammazione degli occhi è stata diagnosticata con blefarite. Naturalmente, una patologia così comune causa molte discussioni nei circoli oftalmologici. Cosa dovrebbe fare il paziente? Come capire quando è necessario contattare uno specialista?

Cause di blefarite

Perché si verifica questa infiammazione? Spesso questa è una conseguenza di cambiamenti legati all'età, presenza di malattie croniche del tratto gastrointestinale, dermatite seborroica, rosacea, diabete mellito, sindrome di Sjogren, artrite reumatoide, psoriasi, dermatite atopica, rosacea e cambiamenti ormonali nei pazienti. Allo sviluppo della blefarite contribuisce anche l'assunzione sistemica di preparati di acido retinoico (per il trattamento dell'acne), la terapia ormonale sostitutiva utilizzata dalle donne durante la menopausa, gli antistaminici, gli antidepressivi. La violazione dell'immunità locale, la presenza di stati di immunodeficienza e l'uso frequente di cosmetici (soprattutto fondotinta ad alta densità) sono fattori provocatori di questa patologia.

Inoltre, secondo pubblicazioni russe e straniere, errori di rifrazione non corretti o corretti in modo errato (ipermetropia, astigmatismo, miopia meno frequente) diventano una causa frequente di infiammazione. Pertanto, quando si corregge la vista, è molto importante trovare uno specialista competente che selezioni gli occhiali in base agli standard clinici..

Sintomi di blefarite

I sintomi più comuni di blefarite sono arrossamento dei bordi delle palpebre e dell'occhio stesso, prurito di varia gravità, bruciore, lacrimazione, sensazione di corpo estraneo e aumento dell'affaticamento degli occhi. Con un lungo decorso, la malattia provoca ulcerazione dei bordi delle palpebre, un cambiamento nella forma delle palpebre, perdita delle ciglia e direzione sbagliata della loro crescita, infiammazione della cornea. Tutto ciò può portare a una perdita della vista significativa e irreversibile. Ecco perché è necessario consultare un oftalmologo in tempo, perché il trattamento tempestivo prescritto garantirà un rapido recupero. Altrimenti, il processo si trasformerà in una forma cronica e il trattamento richiederà mesi e persino anni..

Tipi di blefarite

Esaminiamo più in dettaglio i tipi di blefarite. L'anatomia delle palpebre ci aiuterà.

Le palpebre appartengono agli organi ausiliari dell'occhio, che sono formazioni strutturali mobili che coprono il nostro organo visivo. Svolgono la funzione di proteggere il bulbo oculare da fattori ambientali negativi. Facendo movimenti lampeggianti, le palpebre contribuiscono alla distribuzione uniforme del liquido lacrimale sulla superficie oculare, idratandolo. Ogni palpebra è composta da due placche: esterna (pelle e muscoli) e interna (placca cartilaginea e tessuto delicato - congiuntiva). Nello spessore della cartilagine si trovano le ghiandole di Meibomio - si trovano in colonne parallele e aperte dai dotti escretori vicino al bordo posteriore delle palpebre. Queste sono ghiandole molto importanti che producono una secrezione lipidica viscosa che fa parte della lacrima. Sul bordo anteriore della palpebra ci sono le ciglia, che delimitano la parte superiore e inferiore degli occhi. Le ghiandole sebacee di Zeiss si trovano vicino alle ciglia, secernendo un segreto nel follicolo pilifero delle ciglia.

Per posizione, tutte le blefariti sono divise in anteriore (nell'area di crescita delle ciglia) e posteriore (nell'area dell'uscita dei dotti della ghiandola di Meibomio). Analizziamoli più in dettaglio..

La blefarite anteriore è una manifestazione locale di patologia cutanea (seborrea, rosacea), con l'aggiunta di infezione da stafilococco.

Blefarite seborroica (o squamosa). Con questo tipo di infiammazione, ci sono sintomi molto tipici: la presenza sui bordi delle palpebre e delle ciglia un gran numero di piccole squame secche, come la forfora. I sintomi sono generalmente più pronunciati al mattino, ma se il paziente soffre anche di sindrome dell'occhio secco, la sensazione di bruciore e il corpo estraneo possono continuare per tutto il giorno. Molto spesso, la malattia colpisce entrambi gli occhi. Se il processo richiede molto tempo in un occhio, questo può essere un sintomo allarmante di un processo tumorale e richiede una consultazione immediata con uno specialista.!

Blefarite ulcerosa (o stafilococcica). Questo tipo di malattia è causato dai batteri. I più comuni sono Staphylococcus epidermidis e Staphylococcus aureus. Sebbene il meccanismo esatto con cui si sviluppa la blefarite ulcerosa non sia chiaro, è probabile che la fisiopatologia sia alla base di tre percorsi convergenti:

1) infezione batterica diretta;
2) ipersensibilità all'esotossina (un componente della parete cellulare batterica);
3) reazione di ipersensibilità immunitaria ritardata (cioè la resistenza del corpo umano agli effetti di questo batterio).

Come risultato della reazione immunitaria, attorno alla base delle ciglia si formano scaglie dure e croste, i cosiddetti manicotti. Occhi arrossati, occhi asciutti a causa della stabilità disturbata del film lacrimale.

Con un lungo processo, può unirsi un'infezione secondaria. In questi casi, si verifica l'orzo palpebrale, l'infiammazione della cornea o della congiuntiva dell'occhio. A causa della costante ulcerazione, i bordi delle palpebre sono sfregiati, le ciglia cadono o iniziano a crescere in modo errato. Tutto ciò porta a difetti estetici che richiedono l'intervento di cosmetologi, dermatologi e persino chirurghi plastici..

Blefarite posteriore - caratterizzata da infiammazione del margine posteriore delle palpebre e ha una varietà di eziologie, tra cui disfunzione della ghiandola di Meibomio, congiuntivite infettiva e allergica e condizioni sistemiche come rosacea, eczema e dermatite atopica.

La disfunzione delle ghiandole di Meibomio (DMG) è un'anomalia cronica e diffusa delle ghiandole, manifestata da un blocco delle uscite del condotto, un cambiamento nella quantità di ghiandole nella loro struttura. Di conseguenza, l'escrezione e la produzione di secrezioni lipidiche vengono interrotte, il film lacrimale non è protetto dall'evaporazione, è assottigliato. Ciò provoca secchezza della superficie oculare, aumenta l'impatto negativo dei fattori ambientali sull'occhio, si verificano danni alla cornea e ad altre strutture del bulbo oculare, compaiono disagio e aumento dell'affaticamento visivo. Un segreto schiumoso bianco si accumula agli angoli degli occhi, i bordi delle palpebre diventano rossi, si ispessiscono, prurito e opacità si avvertono davanti allo sguardo. Un'infezione può unirsi all'accumulo di secrezioni all'interno della ghiandola, che provoca lo sviluppo dell'infiammazione della palpebra. Tutto ciò riduce notevolmente la qualità della vita..

Una forma separata di blefarite è la blefarite demodettica. È abbastanza specifico e richiede un trattamento diverso. Pertanto, a questa patologia dovrebbe essere assegnato un articolo separato..

Alla reception, l'oftalmologo si basa principalmente sui reclami del paziente, sulle malattie concomitanti e sul quadro clinico. Dopo una conversazione con il paziente, i bordi delle palpebre vengono sempre esaminati utilizzando un microscopio speciale, viene valutata la condizione e la stabilità del film lacrimale, la presenza di una sostanza separata. Potrebbero essere necessari test speciali per valutare il liquido lacrimale. In alcuni casi, l'esame non è sufficiente e per chiarire la diagnosi, vengono seminati strisci dalla congiuntiva su supporti speciali e le ciglia vengono esaminate per la presenza dell'agente patogeno.

Trattamento della blefarite

Sebbene l'eziologia e le forme cliniche della blefarite possano differire in modo significativo, i metodi di trattamento nella maggior parte dei casi sono gli stessi..

Prima di tutto, è necessaria l'eliminazione delle cause della malattia. Correzione di anomalie di rifrazione, rimozione di fattori sfavorevoli (polvere, vapori chimici, focolai infettivi di infiammazione).

Terapia non farmacologica: uno dei trattamenti più importanti e comunemente usati è la corretta igiene delle palpebre..

Igiene delle palpebre - assicura il normale e corretto funzionamento delle ghiandole, normalizza i processi metabolici nella pelle delle palpebre e contribuisce alla formazione di un film lacrimale stabile. La protezione delle palpebre, soprattutto della parte marginale, dagli effetti di fattori ambientali negativi, parassiti vari e infezioni è la base per la prevenzione e il trattamento della blefarite.

Tutta l'igiene medica delle palpebre può essere divisa in due parti:

1) Eseguire un impacco caldo delle palpebre;
2) Massaggio delle palpebre;

Un impacco caldo normalizza i processi metabolici, non consente alla secrezione lipidica nei dotti delle ghiandole di indurirsi, a causa della quale si ha una profilassi dell'intasamento dei dotti e, di conseguenza, è esclusa la provocazione dell'infiammazione all'interno delle ghiandole.

Quando si esegue l'impacco, si consiglia di utilizzare dischetti cosmetici di cotone, precedentemente imbevuti di acqua calda e strizzati fino a bagnarli. I dischi vengono sovrapposti agli occhi chiusi per 1-2 minuti.

Dopo che il segreto è diventato più liquido, viene eseguito un leggero massaggio delle palpebre. Ciò consente di rimuovere la secrezione in eccesso nella cavità oculare, stimolare la circolazione sanguigna e il drenaggio linfatico, che miglioreranno i processi metabolici.

In caso di blefarite grave e all'inizio del trattamento, si consiglia di eseguire il massaggio da uno specialista, poiché è necessario osservare condizioni sterili ed eseguire manipolazioni con uno strumento speciale - una bacchetta di vetro, oltre a instillare anestetici. Dopo aver rimosso i sintomi primari e con una dinamica positiva della condizione, il paziente esegue il massaggio da solo.

Durante l'automassaggio viene utilizzato un gel speciale che consente di pulire le palpebre da sostanze tossiche, squame e croste che si verificano sullo sfondo dell'infiammazione e idratare anche la pelle delle palpebre, riducendo il disagio e il prurito.

Stranamente, ma anche un aumento del numero di movimenti delle palpebre aiuterà nel trattamento della blefarite, specialmente se il paziente sta lavorando al computer.!

Terapia farmacologica

È necessario prestare immediatamente attenzione al fatto che tutti i farmaci farmacologici sono prescritti dal medico curante solo dopo l'esame e tenendo conto della tolleranza individuale dei componenti del farmaco.

L'automedicazione nei casi di blefarite porta solo un sollievo temporaneo, la malattia non scompare e in futuro complica solo la guarigione. È necessario capire per quale scopo e quale risultato si dovrebbe ottenere usando questo o quel farmaco.

Nel trattamento della blefarite stafilococcica, un aspetto importante è la scelta di un farmaco antibatterico. Gli antibiotici ad ampio spettro più comunemente usati (tetracicline, fluorochinoloni). La preferenza è data alle forme di unguento, poiché consentono contemporaneamente di idratare e curare le superfici della ferita dei bordi delle palpebre.

Per ridurre la risposta infiammatoria, vengono utilizzati farmaci antinfiammatori non steroidei. Sopprimono la risposta infiammatoria nei tessuti, riducendo il rossore.

Con grave bruciore, prurito, gonfiore dei tessuti, si consiglia di assumere per via orale e l'uso locale (instillazione) di farmaci antiallergici. Questi farmaci riducono il disagio derivante dalle manifestazioni cliniche dell'infiammazione, alleviando così le condizioni del paziente..

Inoltre, viene utilizzata la terapia sostitutiva lacrimale: il suo obiettivo è compensare la mancanza di lacrime, proteggere la superficie dell'occhio da fattori negativi, idratare e ridurre i sintomi di un corpo estraneo negli occhi. Per fare questo, usa gocce con texture gel e acido ialuronico nella composizione.

Durante il trattamento, dovresti limitare la visita alla piscina, alla sauna e al bagno, facendo bagni caldi.

Con un processo infiammatorio prolungato, potrebbe essere necessario consultare un gastroenterologo, un dermatologo (per la prevalenza di seborrea, dermatite atopica, rosacea sulla superficie della pelle nella zona del viso), contenuto di zucchero e glutine).

Se a un paziente viene diagnosticata una blefarite, è necessario capire che la durata del trattamento e la velocità di eliminazione di questo disturbo dipendono direttamente dall'attuazione delle istruzioni dello specialista. Di solito, con la cronicità del processo e una visita tardiva dal medico, il miglioramento avviene molto lentamente, il rischio di esacerbazione della malattia è alto. Il più difficile è il trattamento della blefarite stafilococcica, che può portare alla comparsa di orzo, chalazions, infiammazione della congiuntiva e della cornea dell'occhio.

Durante la ricerca scientifica e gli studi clinici, gli esperti sono giunti alla conclusione che un approccio universale al trattamento è inefficace. La combinazione di strategie di trattamento è risultata più efficace nella blefarite cronica e questi metodi richiedevano un approccio individuale a ciascun paziente. Il trattamento farmacologico in combinazione con l'igiene e il massaggio delle palpebre è il modello più moderno nel trattamento di questa patologia..

Come prevenire le malattie?

Una buona prevenzione della blefarite sono esercizi speciali per gli occhi. Può essere eseguito quando si lavora al computer e con stress visivo prolungato..

- guarda 10 volte da sinistra a destra, quindi 10 volte dall'alto in basso.
- chiudi bene gli occhi e poi spalanca entrambi gli occhi. Ripeti 15 volte.
-strofina i palmi tra loro (non dimenticare di lavarti le mani prima di questo esercizio!) e posiziona delicatamente i palmi caldi sulle palpebre chiuse, tieni premuto per 15-20 secondi.

Non dimenticare di effettuare un'igiene preventiva e massaggiare le palpebre 2-3 volte a settimana, fare la pulizia settimanale delle stanze (questo non accumulerà polvere e sarà molto più facile per i tuoi occhi).
Prenditi cura della tua salute. Ai primi sintomi di malessere e arrossamento degli occhi, consultare uno specialista! Un esame tempestivo e il trattamento prescritto daranno l'effetto positivo più veloce possibile!