Trattamento del basalioma

Il basalioma della pelle (carcinoma a cellule basali) è una neoplasia maligna della pelle.

Perché il basalioma è pericoloso??

La malattia è caratterizzata da una crescita progressiva costante. Inoltre, la crescita è orizzontale (l'area aumenta) e in profondità. Il carcinoma basocellulare, in assenza di un trattamento tempestivo, può far crescere i tessuti profondi (comprese le ossa e la cartilagine). In questo caso, la possibilità della sua rimozione diventa difficile e la prognosi peggiora. Tuttavia, il carcinoma a cellule basali quasi mai metastasi..

Esternamente, è una macchia o nodulo di colore perlato o rosa, con una superficie liscia. Man mano che cresce, al centro compare una piccola ferita che "non si rimargina", di tanto in tanto potrebbe sanguinare.

Quando appare una formazione sulla pelle, che cresce gradualmente, è spesso ferita e sanguina, è imperativo consultare un medico.

Molto spesso, i basaliomi si trovano sul viso (naso, palpebre, fronte), meno spesso sulla pelle del tronco (schiena, petto).

Chirurgia micrografica dei tumori cutanei secondo il metodo Mohs

Dalla storia: il metodo è stato sviluppato negli anni '30 dal chirurgo americano Frederic E. Mohs per il trattamento dei tumori della pelle. Il principio del metodo consisteva nella valutazione istologica della purezza dell'intera superficie rimossa. Negli anni successivi, il metodo è stato migliorato sia in termini di tecnica chirurgica che di tecniche istologiche. E attualmente la chirurgia di Mohs è il metodo numero 1 nel trattamento dei carcinomi a cellule basali e squamocellulari del viso (raccomandazioni americane - NCCN 1.2019 e European European Consensus 2019).

Il principio del metodo. L'operazione consiste nell'alternare fasi chirurgiche e patologiche, pertanto viene quasi sempre eseguita in anestesia locale. Innanzitutto, il tumore stesso e 1 mm di pelle visivamente sana vengono asportati. Allo stesso tempo, il focus asportato viene presentato sotto forma di un quadrante di orologio condizionale, un segno viene applicato sulla pelle del paziente (12 ore condizionali, con una grande dimensione potrebbero essercene diverse). Viene creata una mappa fotografica del materiale rimosso e l'area corrispondente del viso con un segno. Il materiale viene immediatamente sottoposto ad esame istologico.

Come viene eseguito l'esame istologico? Questo è uno dei passaggi chiave nella chirurgia micrografica. In un esame istologico standard, le fette vengono prodotte secondo il principio del pane in cassetta, per analogia con il modo in cui si taglia una pagnotta. Ciò fornisce una buona visualizzazione del tumore, ma la chiarezza del bordo può essere valutata solo nel sito di taglio. Non ci sono informazioni sul bordo tra le fette.

Nella chirurgia di Mohs, le intere superfici marginali e profonde del fuoco rimosso sono divise in più parti (la posizione di queste parti su un quadrante convenzionale è necessariamente annotata, le parti sono contrassegnate con speciali vernici indelebili per tessuti). E le fette sono orientate parallelamente alla superficie di rimozione. Lo studio viene eseguito utilizzando la tecnica delle sezioni appena congelate, quindi le sezioni vengono colorate e valutate da un chirurgo Mohs. Di conseguenza, l'intera fase istologica, a seconda delle dimensioni della lesione, richiede 30-40 minuti. In questo momento, il paziente con una benda temporanea è nella stanza di riposo.

Sono possibili altre 2 opzioni:

  1. Se tutte le sezioni dei bordi sono pulite, il paziente viene nuovamente invitato in sala operatoria e la ferita viene suturata (sutura diretta o plastica della ferita utilizzando tessuti locali o innesto cutaneo - si decide individualmente, a seconda delle dimensioni e della posizione della ferita per ottenere il massimo risultato estetico).
  2. Se viene rilevato un tumore in una delle sezioni, in base alla marcatura nell'area corrispondente della ferita cutanea, viene rimosso un ulteriore 1 mm di spessore del tessuto e inviato per l'esame istologico utilizzando la tecnica sopra. E così via fino ad ottenere "pulizia" su tutta la superficie, dopodiché la ferita viene suturata.

Indicazioni per il metodo

Le principali indicazioni per la chirurgia micrografica di Mohs sono i tumori delle cellule basali e squamose del viso. I seguenti motivi:

  1. A causa delle peculiarità dell'istologia cutanea - un'alta densità di appendici cutanee: ghiandole sebacee e follicoli piliferi, vengono evidenziate le zone di probabilità di recidiva del tumore:
    - Zona H - aree ad alto rischio - naso, palpebre, sopracciglia, labbra, mento, orecchie;
    - Zona M - zone a medio rischio - fronte, guance, collo, cuoio capelluto;
    - Zona L - aree a basso rischio - tronco e arti (esclusi palmi e piante dei piedi).
  2. Il viso è un'area esteticamente significativa. E l'escissione chirurgica classica dovrebbe essere eseguita con un offset di 4-6 mm per ridurre al minimo le recidive. La chirurgia di Mohs consente di rimuovere una neoplasia con un assorbimento minimo dei tessuti circostanti, ma allo stesso tempo di controllare la completezza della rimozione del tumore.

Sul corpo, la chirurgia di Mohs non viene praticamente utilizzata, poiché l'apporto di tessuti consente di ritirarsi con calma di 4-6 mm statisticamente verificati. Ciò riduce i tempi di intervento e il costo del lavoro del personale medico..

Le domande rimangono?

Puoi porre le tue domande e iscriverti per una consulenza iniziale gratuita per telefono: +7 (495) 255-50-11.

Metodi di rimozione del basalioma

L'identificazione e la successiva rimozione del carcinoma a cellule basali è uno dei modi più semplici per far fronte allo sviluppo di cellule maligne..

Ognuno di noi comprende che la diagnosi di una neoplasia maligna non fa assolutamente nulla di buono e richiede una risposta immediata. La medicina moderna identifica circa una dozzina di tipi di tumori cancerosi, il cui trattamento ha le sue caratteristiche e si basa su principi specifici.

Basalioma: fisiologia dello sviluppo della formazione maligna

Il carcinoma basocellulare è uno dei tipi di tumori maligni, caratterizzato da un livello relativamente basso di oncogenicità. È formato dalle cellule basali dell'epitelio e ha un aspetto luminoso, è una piccola macchia di colore rosa o rosso. Nella maggior parte dei casi, i carcinomi a cellule basali compaiono sul viso o sul cuoio capelluto. Allo stesso tempo, ci sono diversi fattori che provocano tali manifestazioni. Questi includono:

  • l'influenza della radiazione ultravioletta;
  • esposizione alla temperatura;
  • Radiazione ionizzante;
  • esposizione a sostanze cancerogene.

Tutti questi criteri e il loro effetto sull'uomo possono portare alla formazione di carcinomi a cellule basali. Tuttavia, la più grande minaccia tra loro è proprio l'attività solare, poiché è quella che ha l'effetto più forte sulla pelle..

Ogni giorno, ognuno di noi, indipendentemente dal nostro desiderio, è esposto ai raggi ultravioletti, necessari per il normale funzionamento del corpo. È la loro sovrabbondanza che porta alla comparsa di talpe e neoplasie di una proprietà diversa, che sono i basaliomi..

Allo stesso tempo, sebbene siano un tipo di tumori maligni, portano ancora una minaccia molto inferiore rispetto ad altre forme di cancro. Innanzitutto, il basalioma è caratterizzato dalla completa assenza di metastasi, che lo rende molto meno pericoloso rispetto, ad esempio, al melanoma. Tuttavia, nonostante questo fatto, una tale neoplasia, sebbene possa svilupparsi per un periodo abbastanza lungo, può comunque portare a seri problemi di salute. Sulla base di ciò, il loro trattamento tempestivo è la chiave per superare con successo il problema e mantenere la salute..

Effettuare il trattamento nelle fasi iniziali

Il trattamento del carcinoma basocellulare prevede tutta una serie di misure volte non solo alla sua rimozione fisica, ma anche a prevenire lo sviluppo di complicanze. La medicina moderna ha una chiara classificazione di tali neoplasie, che ha tre forme principali della malattia:

  • nodulare;
  • piatto;
  • superficiale.

Ciascuno di questi tipi è caratterizzato da parametri e aspetto specifici, che consentono di scegliere il loro trattamento ottimale. Allo stesso tempo, oggi esistono diversi metodi che consentono di rimuovere completamente il carcinoma a cellule basali con le minori conseguenze per l'aspetto e hanno ottenuto buone recensioni. Hanno questo aspetto:

  • esposizione alle radiazioni;
  • elettrocoagulazione;
  • criodistruzione;
  • metodo chirurgico;
  • trattamento laser.

Le tecniche di cui sopra possono portare un risultato positivo e salvare una persona da una formazione maligna. Di norma, il trattamento del carcinoma a cellule basali nelle fasi iniziali procede abbastanza bene e non ha praticamente conseguenze, sia fisiche che visive. Ciò è dovuto al fatto che dal momento della sua formazione, un tumore canceroso si sviluppa piuttosto lentamente. All'inizio assomiglia a una piccola talpa con una struttura e un aspetto specifici..

L'ulteriore progressione della malattia, che può durare diversi mesi o addirittura anni, favorisce l'attecchimento del carcinoma basocellulare ed è accompagnata da un aumento della sua area. Un tale sviluppo di eventi può portare a danni ai tessuti adiacenti e alla deformazione del tessuto cartilagineo, nonché alla crescita interna nelle ossa del cranio, il che complica significativamente la procedura di trattamento. Procedendo da questo, il momento più favorevole per il trattamento sono le fasi iniziali della malattia, quando è appena iniziata e non ha ancora avuto il tempo di diffondersi in modo significativo.

Caratteristiche dei metodi per affrontare il problema

Il trattamento del carcinoma basocellulare con radioterapia può portare a un risultato positivo solo se la malattia non è ancora penetrata negli strati profondi dei tessuti. Il principio di funzionamento di questa tecnica consiste nell'esposizione a raggi X a focale corta in combinazione con la terapia gamma a distanza dell'area del tessuto danneggiato. Sotto l'influenza di questo metodo, la struttura delle cellule tumorali viene interrotta, il che porta alla loro morte. In questo caso, sono interessate solo le aree superficiali dell'epitelio, il che rende questa tecnica inefficace quando il tumore penetra in profondità o colpisce aree vicine. A sua volta, dopo aver utilizzato questa tecnica, i resti della neoplasia vengono esfoliati entro 2-3 giorni e al suo posto si forma una nuova pelle pulita e sana..

L'elettrocoagulazione è un altro metodo molto apprezzato per la rimozione superficiale del carcinoma a cellule basali. Si basa sull'uso della corrente elettrica, che viene utilizzata per trattare l'area dei tessuti danneggiati. Sotto l'influenza di questa tecnica, le cellule maligne vengono completamente bruciate. Di norma, l'uso di questa tecnica ha alcune conseguenze, inclusa la possibile formazione di una cicatrice e un lungo recupero. Sulla base di ciò, per prevenire la formazione di cicatrici, vengono utilizzati vari unguenti e creme, che vengono applicati direttamente sul sito dell'operazione. Per garantire la rapida guarigione dei tessuti, puoi usare Solcoseryl, Contractubex o qualsiasi altro rimedio con una composizione e un'azione simili..

La criodistruzione, in termini di struttura del suo effetto, non differisce molto dal metodo precedente. L'unica differenza è che la neoplasia non risente delle alte temperature, ma, al contrario, delle basse temperature. La superficie del basalioma viene trattata direttamente con azoto liquido, che consente di interrompere la struttura dei suoi tessuti e facilitare l'escrezione. Questa tecnica è un po 'più delicata, ma provoca comunque gravi lesioni alla pelle, che richiedono un recupero a lungo termine e l'uso di creme e unguenti speciali che accelerano la rigenerazione dell'epitelio..

Il trattamento chirurgico del carcinoma basocellulare è il più efficace, ma comporta anche le conseguenze più gravi, sia fisiche che visive..

Questo metodo è molto efficace e consente di rimuovere le forme più avanzate di tumori. L'operazione prevede l'asportazione del tumore stesso e delle sezioni di tessuto adiacenti. Tuttavia, come risultato di queste azioni, gran parte dell'epitelio viene ferita, il che richiede misure di recupero a lungo termine. Inoltre, le incisioni sul viso possono lasciare cicatrici e la loro guarigione può essere accompagnata da un forte disagio, per non parlare delle possibili complicazioni..

Rimozione laser del basalioma

Oggi, la rimozione laser del carcinoma a cellule basali è uno dei modi più efficaci e indolori per affrontare problemi simili, che ha ottenuto solo recensioni positive. Questa tecnica ti consente di sbarazzarti delle cellule maligne con la minima perdita per l'aspetto di una persona e del suo corpo nel suo insieme. Sebbene il suo utilizzo mostri buoni risultati, non può ancora far fronte a un tumore radicato. Pertanto, la rimozione laser del carcinoma basocellulare viene utilizzata per trattare le fasi iniziali e, in alcuni casi, più avanzate dello sviluppo del problema, che non sono caratterizzate dall'influenza degli strati profondi dell'epitelio o dal danno ai tessuti cartilaginei..

La procedura stessa viene eseguita agendo su cellule maligne utilizzando uno spettro di luce separato, che fornisce l'effetto più morbido sui tessuti, a seguito del quale non vi è formazione di cicatrici, poiché la pelle non è praticamente ferita. Sotto l'azione del laser, tutto il fluido intracellulare evapora, il che contribuisce alla morte del tumore. Inoltre, questa tecnica presenta molti vantaggi, tra i quali si distinguono i seguenti:

  • periodo di riabilitazione relativamente breve;
  • buon risultato estetico;
  • completa indolore della procedura;
  • nessuna complicanza postoperatoria;
  • tecnica senza contatto;
  • alta precisione di impatto;
  • breve tempo di funzionamento.

La rimozione del carcinoma basocellulare con un laser consente di ottenere tutti questi vantaggi, riducendo notevolmente il carico sul corpo e garantendo lesioni minime alla pelle. Dopo l'operazione, la pelle danneggiata non è altro che epitelio cheratinizzato, che si stacca in pochi giorni, e il suo posto viene sostituito da un tessuto rinnovato e sano. Allo stesso tempo, il trattamento laser del carcinoma a cellule basali, che, sebbene attiri molti pazienti dalla sua parte, può essere estremamente pericoloso. Prima di tutto, stiamo parlando di controindicazioni, in presenza delle quali, in nessun caso, questa tecnica dovrebbe essere utilizzata. Sono i seguenti:

  • malattie infettive acute;
  • diabete;
  • danno alla pelle virale o allergico;
  • malattie del sistema cardiovascolare;
  • maggiore sensibilità alla luce;
  • periodo di gravidanza e allattamento;
  • interruzioni ormonali nel corpo.

Se almeno una di queste condizioni è presente, la procedura deve essere rinviata ad un'altra data. A sua volta, ignorarli può causare molti problemi e portare non solo a gravi lesioni cutanee, ma anche danneggiare l'intero corpo..

Conclusione

Il basalioma è una delle forme meno pericolose di cancro che si sviluppa da molto tempo. La ragione della sua formazione possono essere molti fattori, tra cui l'attività della radiazione ultravioletta è lontana dall'ultimo posto.

A sua volta, puoi sbarazzarti di tali problemi con l'aiuto di misure speciali progettate per eliminare completamente il tumore. Allo stesso tempo, uno dei metodi più efficaci è l'uso di un laser, che è in grado non solo di rimuovere i basaliomi nel più breve tempo possibile, ma di farlo con il minor danno ai tessuti, praticamente senza esercitare un carico sul corpo.

Vladimir, 48 anni, Sochi.

Circa un anno fa, sul collo apparve una voglia sospetta di un colore innaturale. Non molto tempo fa sono andato dal medico e lui ha diagnosticato un carcinoma a cellule basali, dicendo che era cancro. All'inizio ero molto spaventato, ma il medico mi ha consigliato di trattare con un laser. La preparazione e la procedura stessa hanno richiesto circa mezza giornata, ma il risultato non è stato quello che vorremmo. A quanto pare, entro un anno il tumore avrà messo radici, dovrai affidarlo al chirurgo.

Peter, 55 anni, Zhitomir.

Il trattamento laser al basalioma è diventato una vera salvezza. Non molto tempo fa, quando è stato esaminato in clinica, il medico ha diagnosticato un tumore maligno, che si è rivelato essere un carcinoma a cellule basali. L'uso di un laser ha dato un risultato sorprendente e ha eliminato completamente il tumore canceroso.

Varvara, 47 anni, Radomyshl.

Era necessario rimuovere il carcinoma a cellule basali, poiché era cresciuto enormemente negli ultimi due mesi. L'esposizione alle radiazioni ha permesso di risolvere il problema. Ora la pelle si è completamente ripresa e non c'è traccia del cancro.

Rimozione del basalioma

Il basalioma è un carcinoma basocellulare della pelle, che è una neoplasia maligna dell'epidermide. È caratterizzato da uno sviluppo lento e dalla quasi totale assenza di metastasi. Questo tipo di cancro è il meno pericoloso, ma con la sua progressione esiste il rischio di germinazione di cellule patogene in profondità nell'epitelio, che porta alla distruzione di tessuti neuromuscolari, cartilaginei, ossei e altri. Pertanto, vale la pena sapere in quali casi è necessario rimuovere i carcinomi a cellule basali per ridurre il rischio di complicanze..

Indicazioni per la rimozione

Esternamente, il basalioma sembra una piccola macchia ovale di una brillante tonalità rosso-rosa. Può manifestarsi in aree aperte del corpo, in particolare, sulla pelle del viso e della testa, delle braccia, del collo, ecc. I fattori stimolanti per lo sviluppo di un tumore sono:

cambiamenti legati all'età dopo 50 anni;

esposizione prolungata al sole, in un solarium;

numerose lentiggini, talpe;

irradiazione con radiazioni ionizzanti;

interazione con sostanze cancerogene e tossiche;

lesioni periodiche alle aree della pelle, nei;

malattie infettive, infezione da herpes;

Non ha senso trattare il carcinoma a cellule basali con farmaci e rimedi popolari, perché c'è sempre il rischio di complicazioni. Inoltre, l'impatto locale esterno non annulla la sua crescita negli strati profondi dell'epidermide e il danno ai singoli organi. Pertanto, la sua rimozione è efficace, le indicazioni per le quali possono essere:

rapida progressione con un aumento delle dimensioni di 5-7 mm entro sei mesi;

la presenza di carcinoma basocellulare ulcerativo, squamoso o sanguinante sulla superficie della pelle;

cambiamento nella forma e nel colore della neoplasia, la sua lesione;

disagio causato da disagio nel sito di formazione;

rifiuto morale del difetto di una persona;

la localizzazione del carcinoma basocellulare vicino a occhi, naso, padiglioni auricolari, grandi vasi, sulla testa, con rischio di danni a singoli organi, ossa, neuromuscolari, tessuti cerebrali.

Per scegliere il metodo di rimozione, il medico esegue la diagnostica con la definizione dei siti di localizzazione, il tipo di carcinoma a cellule basali. Potrebbe anche richiedere alcune misure preparatorie per operare con successo sul paziente..

Preparazione per la procedura

Prima di eseguire l'operazione, è necessario effettuare una diagnosi completa dei basaliomi. Per questo, possono essere utilizzati i seguenti strumenti:

esame iniziale con palpazione della patologia;

impronta citologica o raschiamento di cellule cancerose dalla superficie della formazione;

esame istologico di una parte del tessuto infetto - per stabilire il tipo di carcinoma a cellule basali;

esami clinici del sangue e delle urine per i marker tumorali determinano la presenza di tumori maligni;

Ultrasuoni, risonanza magnetica, TC, raggi X - per scoprire la profondità e il grado di crescita delle cellule tumorali in profondità nei tessuti;

il coagulogramma (studio della coagulazione del sangue) evita il sanguinamento postoperatorio.

Inoltre, un chirurgo, un oncologo e altri medici possono prescrivere la PCR per l'epatite e l'infezione da HIV, l'elettrocardiografia e altre misure di ricerca ausiliarie. Ciò è particolarmente vero in presenza di malattie concomitanti che riducono l'immunità del paziente, aumentando il rischio di complicanze dopo l'intervento chirurgico. Successivamente, viene determinata una tecnica adatta per rimuovere il basalioma e ulteriori misure terapeutiche..

Per prepararsi alla rimozione delle cellule tumorali, inoltre, non si dovrebbe consumare una cena pesante il giorno prima e non è necessario fare colazione il giorno dell'intervento, soprattutto se la procedura verrà eseguita con anestesia e sollievo dal dolore. Se l'anestesia non è necessaria, non sono necessarie misure preparatorie speciali. Prima della procedura, devi solo aderire alle raccomandazioni del medico curante.

Metodi di rimozione

Esistono tali metodi per rimuovere il carcinoma a cellule basali:

  • Radioterapia con raggi X e raggi gamma - aiuta con i danni primari quando la malattia non si è diffusa e occupa non più di 5 cm di pelle. Il risultato è l'esfoliazione del tumore in pochi giorni e un derma sano nel sito di formazione, eventualmente accompagnato da sensazioni dolorose.
  • La rimozione laser dei basaliomi è l'effetto più parsimonioso sui tessuti mutanti con uno spettro luminoso speciale. La procedura è indolore, non traumatica e non causa complicazioni. Ci sono una serie di controindicazioni alla sua implementazione:
  1. diabete;
  2. malattie del sistema cardiovascolare;
  3. infezioni;
  4. problemi con la ghiandola tiroidea;
  5. gravidanza.
Ma nonostante questo e il prezzo più alto rispetto alle procedure tradizionali, ora la terapia laser è la più popolare.

  • L'elettrocoagulazione con il trattamento dell'area danneggiata con una corrente elettrica - consente di bruciare le cellule tumorali sulla superficie. Di conseguenza, si forma una cicatrice nel sito di esposizione, che diminuisce sotto l'influenza di alcuni unguenti e creme..
  • La criodistruzione è il congelamento della formazione con azoto liquido, che consente di interrompere la struttura del basalioma, per rimuovere le cellule maligne. Elimina senza sangue e praticamente indolore il tumore, ma dopo la procedura sono possibili una piccola cicatrice e un'iperpigmentazione di parti della pelle.
  • L'intervento chirurgico con escissione di cellule cancerose e peritumorali viene utilizzato nei casi avanzati o con lo sviluppo ricorrente della malattia. Di conseguenza, si forma una cicatrice nel sito dell'operazione, è possibile un'emorragia aperta e il corpo impiega tempo per riprendersi.
  • Lozioni a base di farmaci citostatici (Fluorouracile, Metotrexato) non sono sempre efficaci, quindi viene utilizzato nelle fasi iniziali, quando il basalioma si trova in luoghi difficili da raggiungere, se è ancora possibile evitare l'intervento chirurgico.
  • Fototerapia: comporta l'effetto di una sostanza fotosensibilizzante sui basaliomi maligni, sotto l'influenza del quale muoiono più velocemente a causa delle radiazioni ultraviolette.
  • Rimozione delle onde radio - comporta la cauterizzazione delle aree colpite con Surgitron con l'effetto delle onde radio sulle cellule tumorali. Ha una serie di controindicazioni:
  1. cuore, insufficienza polmonare;
  2. diabete;
  3. epatite;
  4. infezioni;
  5. indossa un pacemaker.
  • Terapia combinata - eseguita con irradiazione a raggi X e ulteriore escissione della neoplasia.

Tutte queste tecniche hanno costi e caratteristiche differenti della rimozione dei tessuti infetti, che determina la probabilità di complicanze o ricadute, il periodo di riabilitazione, la presenza o l'assenza di conseguenze estetiche. L'efficacia della loro applicazione sarà determinata da uno specialista qualificato su base individuale.

Periodo di recupero

Il periodo di recupero del paziente dipende dal tipo di trattamento applicato al carcinoma basocellulare. I più parsimoniosi sono considerati metodi senza contatto per la rimozione del tumore utilizzando un laser e onde radio. Dopo tale esposizione, non sono necessarie procedure aggiuntive e la guarigione sarà rapida e indolore..

La riabilitazione a lungo termine è necessaria quando si utilizza la fototerapia, l'elettrocoagulazione, la criodistruzione o la chirurgia a cielo aperto. Il risultato della loro implementazione sarà la comparsa di una cicatrice nel sito del carcinoma a cellule basali e la perdita locale di sensibilità a causa del danno alle terminazioni nervose, che si verifica entro un anno..

Se la procedura per la rimozione di un tumore canceroso viene eseguita da un buon specialista qualificato, ciò riduce significativamente il rischio di recidiva. Per un esito favorevole entro un anno dalla rimozione del carcinoma a cellule basali, è necessario seguire le seguenti regole:

evitare la luce solare diretta, il contatto con le tossine sul derma;

frequentare regolarmente un oncologo per gli esami;

rispondere prontamente al deterioramento della propria salute.

All'inizio, dovresti anche trattare il sito di rimozione del tumore e abbandonare il bagno, la sauna, fino a quando la ferita non guarisce completamente. La misura migliore per prevenire la crescita dei carcinomi a cellule basali e la loro recidiva sarà una visita tempestiva da un medico. Ci sono molte cliniche a Mosca con dipendenti qualificati, attrezzature professionali e tutto il necessario per trattare efficacemente i pazienti.

Rimozione del basalioma con il laser

Il basalioma è una neoplasia cutanea relativamente comune negli anziani, soprattutto negli uomini. La sua natura maligna comporta un certo livello di pericolo per la persona colpita: con la sua crescita e penetrazione profonda nei tessuti, il basalioma è in grado di colpire e distruggere i tessuti e gli organi vicini. Considerando che il più delle volte questo tumore colpisce i tessuti del viso e della testa, è imperativo sbarazzarsene quando viene trovato. Uno dei modi per rimuovere la neoplasia è rimuovere il carcinoma a cellule basali con un laser, un metodo in cui il tumore è esposto a un raggio laser con determinate caratteristiche fisiche..

Basalioma: il pericolo di cancro

Un tumore che si verifica a causa della crescita anormale delle cellule basali dell'epidermide è chiamato basalioma. La sua caratteristica sta nel fatto che non cresce in un guscio o capsula, ma penetra arbitrariamente nei tessuti sani adiacenti e li distrugge.

  • Basalioma: il pericolo di cancro
  • Tecnica di rimozione del tumore laser: come funziona
  • Indicazioni e controindicazioni: quando si utilizza un laser
  • Vantaggi e svantaggi della tecnica
  • Tecnica di preparazione e processo di rimozione dell'istruzione
  • Riabilitazione dopo l'esposizione al laser
  • Possibili complicazioni dopo la procedura

A causa del fatto che si verifica un malfunzionamento nelle cellule, cessano di presentarsi normalmente, si dividono e muoiono, causando la comparsa di vari tipi di formazioni sulla pelle. Pertanto, i medici attribuiscono questa neoplasia a maligna. Tuttavia, anche se viene annunciata una diagnosi del genere, il paziente non deve disperare. Tra tutte le malattie tumorali di natura maligna, il carcinoma basocellulare ha il più alto tasso di sopravvivenza dei pazienti, nonché la migliore prognosi dell'efficacia del trattamento. In primo luogo, questo tipo di tumore non metastatizza agli organi e ai tessuti vicini e, in secondo luogo, la sua crescita è di solito solo di circa 5 millimetri all'anno. Con questo tasso di sviluppo, l'istruzione risponde bene al trattamento. Inoltre, il carcinoma a cellule basali ha una bassa probabilità di recidiva..

La malattia colpisce raramente i giovani, molto più spesso la si ritrova in coloro che hanno oltrepassato la linea dei cinquant'anni. Gli uomini hanno in media maggiori probabilità di sviluppare questo tipo di tumore rispetto alle donne..

Nel 90% dei casi di neoplasia diagnosticata, è localizzato sul viso o sul cuoio capelluto e solo nel 10% dei pazienti il ​​tumore si trova sul tronco o sugli arti.

Il carcinoma basocellulare può rappresentare un pericolo significativo per un paziente se cresce più in profondità e colpisce organi e tessuti vicini: le membrane del cervello, l'apparato visivo e uditivo e le strutture ossee del cranio. In questi casi è possibile anche la morte del paziente..

Perché una persona può sviluppare una tale malattia? Ad oggi, la questione dell'eziologia della maggior parte delle malattie oncologiche rimane aperta. Scienziati e medici affermano che i possibili fattori che provocano lo sviluppo di tumori maligni sulla pelle sono alcune proprietà della pelle stessa, ad esempio una tendenza alle ustioni e la comparsa di lentiggini, nonché lo stile di vita della persona interessata, ad esempio l'abuso di concia naturale e artificiale, frequente e prolungata contatto della pelle con sostanze cancerogene, effetto delle radiazioni ionizzanti.

Tecnica di rimozione del tumore laser: come funziona

La storia della comparsa delle tecnologie laser e del loro utilizzo per scopi medici inizia alla fine del XIX secolo, quando furono studiate seriamente le proprietà mediche della radiazione luminosa in relazione al corpo umano, allo scopo della loro applicazione pratica. Il primo praticante della "terapia della luce" è stato il medico danese Niels Ryberg Finsen, che è stato coinvolto nel trattamento del lupus eritematoso irradiando i pazienti con lampade ad arco di carbonio. Nel 1903, lo scienziato ricevette il premio Nobel per il suo contributo alla medicina.

Già negli anni '20 del secolo scorso, Albert Einstein sviluppò per la prima volta una teoria dell'interazione tra radiazione diretta e materia, che implicava la possibilità di sviluppare dispositivi per la generazione di onde elettromagnetiche, nonché amplificatori quantistici.

I suoi sviluppi, così come il lavoro di altri scienziati - N. Basov, C. Townes, A. Prokhorov, resero possibile per l'ingegnere americano Theodore Mayman nel 1960 di assemblare la prima installazione laser al mondo, che consentì di eseguire operazioni chirurgiche, nonché alcune procedure cosmetiche... Quindi, prima di tutto, la nuova invenzione è stata testata per la distruzione dei follicoli piliferi nella pelle umana..

L'ambiente di lavoro dell'installazione è stato creato sulla base di un rubino artificiale - cromo con ossido di alluminio. Il generatore dell'apparato ha funzionato in modalità pulsata, emettendo un'onda luminosa che aveva una lunghezza di 694,3 nm.

Già all'epoca del 1964 furono inventati tre tipi di laser:

  • laser al carbonio o CO2;
  • argon ionico con emissione continua;
  • laser YAG drogato al neodimio.

Tra di loro, differivano principalmente per la lunghezza d'onda. Quindi, una caratteristica di un laser al carbonio è una lunghezza d'onda di 10600 nm, grazie alla quale è ben assorbita da un mezzo acquoso. Sulla base di esso, è stato inventato un bisturi laser..

È stato solo nel 1967 che il metodo di chirurgia laser è stato utilizzato per la prima volta per trattare i tumori della pelle. Il professor Endre Mester condusse alcuni esperimenti con la partecipazione di persone affette da malattie oncologiche e nel 1971 iniziò il trattamento di pazienti con ulcere cutanee non cicatrizzanti.

L'essenza del metodo è quella di utilizzare un fascio di luce che passa attraverso uno speciale sistema di specchi e penetra nell'ambiente di lavoro..

Oggi, in medicina, vengono utilizzati due tipi di distruzione laser delle neoplasie: con l'introduzione di fotosensibilizzatori (terapia fotodinamica) e anche senza di essi. Il secondo metodo è meno spesso praticato nelle moderne istituzioni mediche a causa del fatto che senza agenti fotosensibilizzanti è più difficile ottenere la profondità di esposizione desiderata al raggio e rimuovere completamente la formazione.

Inoltre, questo metodo è pericoloso a causa dell'elevata probabilità di recidiva del tumore. Basale, sclerosante e ulcerativo di diametro superiore a 2 centimetri, il carcinoma a cellule basali è generalmente resistente alla terapia laser senza terapia fotodinamica.

La procedura viene solitamente eseguita utilizzando un laser al carbonio. L'esposizione a un raggio laser di una certa lunghezza porta alla rimozione del tessuto infetto, mentre le cellule sane sono colpite solo in minima parte.

Indicazioni e controindicazioni: quando si utilizza un laser

La nomina della procedura si verifica quando il paziente ha un carcinoma a cellule basali diagnosticato sulla pelle. Esternamente, questa neoplasia sembra una verruca o una talpa e, mentre si sviluppa, la sua superficie può ricoprirsi di un'ulcera non cicatrizzante di un caratteristico colore cremisi brillante, una ferita o un film.

A seconda della natura istologica dell'educazione, in medicina viene adottata la seguente classificazione dei basaliomi:

  1. Nodulare: il tipo più comune che assomiglia a una talpa voluminosa che si alza sopra la pelle. La rete vascolare è chiaramente visibile attraverso la pelle sottile e nei casi in cui la membrana cutanea scoppia, la ferita si ricopre di una crosta.
  2. Superficiale: principalmente localizzato sul tronco o sulle estremità, si presenta come una macchia rossastra che si alza leggermente sopra la pelle.
  3. Cicatriziale: assomiglia al tessuto cicatriziale nell'aspetto e al tatto, ha un color carne.
  4. Ulcerativo: si presenta sotto forma di una ferita sulla pelle, i cui bordi si alzano sopra la pelle con un rullo e il centro è nella fossa.

La tecnica di rimozione laser, combinata con la terapia fotodinamica, è efficace per tutti i tipi di basaliomi.

Inoltre, il tumore deve essere rimosso urgentemente se:

  • la sua crescita si nota di oltre 5-7 millimetri in sei mesi;
  • diventa coperto da un'ulcera non cicatrizzata;
  • il suo colore cambia;
  • è costantemente esposta a lesioni meccaniche;
  • dopo la procedura di trattamento completata, appare una ricaduta.

La rimozione del carcinoma basocellulare con un laser non viene eseguita se il paziente ha tali controindicazioni:

  • diabete mellito;
  • processi infettivi e infiammatori acuti;
  • malattie del sistema cardiovascolare;
  • nelle donne - gravidanza o allattamento.

Vantaggi e svantaggi della tecnica

In generale, i medici contrassegnano il metodo di rimozione di un tumore con un laser come efficace e, secondo le recensioni dei pazienti, può essere definito come praticamente indolore. Tra gli altri vantaggi della distruzione laser c'è l'assenza di contatto del dispositivo con la superficie della ferita, in conseguenza della quale viene ridotta al minimo la probabilità che l'infezione entri nella ferita. La procedura laser lascia solo piccole cicatrici o cicatrici, soprattutto se la formazione era piccola. Con il suo aiuto, puoi condurre senza paura corsi ripetuti se si forma un tumore ricorrente. La guarigione e la riabilitazione della pelle dopo la procedura avvengono abbastanza rapidamente.

Per quanto riguarda gli svantaggi, questi includono la probabilità di complicazioni, ad esempio l'edema dall'introduzione di un fotosensibilizzatore. Inoltre, la procedura per rimuovere un tumore con un laser può durare fino a 30-40 minuti, mentre la criodistruzione richiede fino a 10-15 minuti nei casi difficili..

La probabilità di una ricaduta dopo la rimozione laser è leggermente superiore a quella dopo la criodistruzione ed è di circa l'8,2%.

Tecnica di preparazione e processo di rimozione dell'istruzione

In quanto tale, non è richiesta una preparazione specifica al paziente. Se il medico lo ritiene necessario, invita il paziente a fare alcuni esami 7-10 giorni prima della procedura prevista.

La rimozione laser viene eseguita in una clinica ambulatoriale, ad esempio in una clinica ambulatoriale o in un centro di oncologia, e non è necessario identificare il paziente in ospedale o aprire un congedo per malattia per lui.

Se il carcinoma a cellule basali si trova sulla testa o sul viso, vicino ai capelli, devono essere coperti per prevenire l'infiammazione. Per proteggere gli occhi dal burnout del laser e della retina, si consiglia al paziente di indossare occhiali di sicurezza speciali.

Il paziente rimuove tutti gli accessori e gioielli che potrebbero interferire con l'accesso del raggio laser al tumore e si siede sul divano.

Di solito, il processo non dà al paziente molto disagio, tuttavia, se necessario, il medico può offrire l'anestesia locale.

Se la procedura viene eseguita senza l'uso di sostanze sensibilizzanti, il medico pulisce l'area di lavoro con agenti antisettici e procede immediatamente al trattamento della neoplasia con un laser. Il dispositivo è dotato di un attacco speciale, che focalizza il raggio sulla zona interessata. Agendo come un coltello elettrico ad alta precisione, il raggio laser brucia il carcinoma a cellule basali e contemporaneamente coagula tutti i vasi sanguigni danneggiati.

Non c'è contatto tra la superficie del tumore e la punta dello strumento. Quando il raggio colpisce il tessuto tumorale, le cellule in esse contenute iniziano improvvisamente a perdere umidità e si bruciano letteralmente.

La distruzione laser cattura circa 3-5 millimetri di pelle sana attorno al basalioma, poiché potrebbe contenere cellule cancerose invisibili agli occhi.

Per quelle forme di basaliomi che sono altamente resistenti agli effetti di un raggio laser, viene utilizzato l'uso della terapia fotodinamica. Prima di esporre la superficie del tumore alla distruzione laser, al paziente vengono iniettati farmaci speciali che aumentano la sensibilità della pelle all'esposizione alla luce. I farmaci possono essere iniettati o applicati sulla zona interessata come pomata. L'intervallo tra l'applicazione della sostanza e l'inizio della procedura è di una o due ore..

Riabilitazione dopo l'esposizione al laser

Il processo di rimozione di un tumore con un laser non causa sanguinamento ed è senza contatto, cioè la superficie della pelle non tocca l'apparato laser. A causa del fatto che la probabilità di infezione come risultato è minima e non c'è praticamente nessuna perdita di sangue, il paziente non ha bisogno di essere in ospedale o di prendere misure speciali per riprendersi da un intervento chirurgico.

Naturalmente, la cura dopo la procedura include un trattamento speciale della pelle danneggiata: la superficie della ferita deve essere lavata ogni giorno con un antisettico, ad esempio tintura di calendula o una soluzione debole di permanganato di potassio, almeno 2 volte al giorno. Una benda di garza sterile può essere applicata sulla parte superiore per impedire agli agenti patogeni di entrare nella ferita.

Fino a quando la pelle interessata non sarà completamente guarita, si consiglia di evitare il contatto con la luce solare diretta, non prendere il sole in un solarium, visitare piscine, saune, bagni, nuotare in acque libere.

Già 2-4 giorni dopo la distruzione del laser, sul sito del tumore appare una crosta, che alla fine scompare da sola. Il processo di riparazione dei tessuti si completa, in media, dopo 14-20 giorni.

Per quanto riguarda la rimozione laser con terapia fotodinamica, la riabilitazione avviene in modo leggermente diverso. L'edema può formarsi intorno alla ferita, la pelle inizia ad arrossarsi e sfaldarsi. Inoltre, ci sono sensazioni dolorose. Per mitigarli, si consiglia di assumere farmaci antinfiammatori come Nimesil.

Nei primi 7-10 giorni dopo la distruzione con PDT, è necessario non solo evitare di essere al sole aperto, ma non rimanere in stanze con un'illuminazione elettrica intensa e anche sedersi davanti a un computer o una TV per più di 7 ore al giorno in totale..

Il processo di guarigione in questo caso dura fino a un mese ed è accompagnato da prurito. Gli unguenti alla digossina aiutano ad alleviare la sensazione spiacevole.

Possibili complicazioni dopo la procedura

Il trattamento laser del carcinoma basocellulare è una delle procedure più innocue per rimuovere le escrescenze cancerose. Dopo di ciò, la probabilità di sanguinamento è estremamente bassa. A causa del fatto che la rimozione avviene senza contatto, nel processo è possibile evitare l'infezione della ferita, quindi, dopo l'esposizione al laser, non c'è praticamente infiammazione della superficie della ferita.

Tuttavia, se la lesione è abbastanza profonda e abbastanza ampia, è probabile che il tessuto cicatriziale rimanga dopo la sua distruzione. Inoltre, la sede del carcinoma a cellule basali può temporaneamente perdere sensibilità. Dopo alcuni mesi, la sensibilità della pelle viene ripristinata.

  • Perché non puoi metterti a dieta da solo
  • 21 consigli su come non acquistare un prodotto stantio
  • Come conservare frutta e verdura fresca: semplici accorgimenti
  • Come battere la voglia di zucchero: 7 cibi inaspettati
  • Gli scienziati dicono che la giovinezza può essere prolungata

La comparsa di infiammazione è possibile solo se durante il processo di distruzione o dopo, durante la guarigione della ferita, non sono state seguite le regole dell'asepsi. Si manifesta sotto forma di arrossamento della pelle attorno alla crosta della ferita, nel gonfiore e nel dolore della pelle. Nei casi più gravi, possono anche svilupparsi sintomi di febbre. Se compaiono tali sintomi, dovresti consultare il tuo medico: prescriverà una terapia antibatterica speciale.

Il carcinoma basocellulare laser-assistito è una tecnica popolare spesso utilizzata per combattere questo cancro della pelle. È meno doloroso rispetto, ad esempio, alla criodistruzione e il processo di riabilitazione dopo è in qualche modo più semplice..

La medicina moderna utilizza due tipi di distruzione laser: con l'uso di sostanze fotosensibilizzanti e senza di esse. Il primo metodo è considerato più preferibile, in quanto mostra una maggiore efficienza. Tuttavia, se il tipo di tumore consente di fare a meno dell'FTD, la procedura viene eseguita utilizzando solo un dispositivo laser e la sua efficacia dipende interamente dalle qualifiche del medico..

Rimozione del basalioma con il laser

La rimozione laser del carcinoma a cellule basali è l'escissione delle cellule colpite mediante un raggio laser. La patologia si sviluppa nelle persone anziane, più spesso negli uomini. Il tumore viene rimosso con vari metodi, inclusa la terapia laser. La diagnosi del cancro richiede un intervento rapido. Ciò consente di prevenire danni ai tessuti e agli organi adiacenti. La procedura viene eseguita in una clinica medica utilizzando attrezzature speciali.

L'essenza del metodo e i suoi vantaggi

L'essenza del metodo sta nella distruzione di cellule atipiche con un raggio laser. L'intervento viene eseguito con o senza fotosensibilizzatori. I fotosensibilizzatori sono sostanze che promuovono una più profonda penetrazione del raggio nei tessuti. Il loro utilizzo garantisce la completa rimozione della formazione e riduce il rischio di recidiva.

Il trattamento laser per il carcinoma a cellule basali presenta i seguenti vantaggi:

  • Indolore.
  • Breve periodo di recupero.
  • Bassa invasività.
  • Effetto puntuale sui tessuti.
  • Nessun difetto estetico postoperatorio.
  • Efficienza.

La terapia raramente causa reazioni avverse e complicazioni. Tra questi, formazione di cicatrici, sanguinamento, macchie senili, crescita di neoplasie negli strati più profondi della pelle.

Il tipo più comune di cancro della pelle è il basalioma. Allo stesso tempo, la patologia, anche nelle fasi successive, risponde bene al trattamento. In media, il tasso di sopravvivenza, anche nei casi avanzati, è almeno del 75%. Nelle prime fasi, la malattia è completamente guarita senza conseguenze significative per il corpo..

Volneankina Tatiana Vladimirovna

Primo chirurgo di altissima qualificazione, membro di OPREH, OSEM. Funziona nelle seguenti aree: mammoplastica, liposuzione, addominoplastica, blefaroplastica, plastica di contorno e volumetrica.

Samartsev Viktor Ivanovich

Primo chirurgo, medico di altissima qualificazione. Membro della Society of Plastic, Reconstructive and Aesthetic Surgeons of Russia (OPREH). Lavora nelle seguenti aree: mammoplastica (aumento del seno), mammoplastica riduttiva (riduzione del seno), trattamento (rimozione) della ginecomastia, blefaroplastica (chirurgia delle palpebre), otoplastica (plastica dell'orecchio), addominoplastica (plastica del ventre), liposuzione (addome, cosce).

Varvanovich Margarita Sergeevna

Chirurgo orale e maxillo-facciale. Esperienza 20 anni.

Shirokopoyas Alexander Sergeevich

Specialista leader nel campo dell'endoscopia, endoscopista di prima categoria, gastroenterologo, coloproctologo, chirurgo di prima categoria, terapista, candidato in scienze mediche.

Chudaev Dmitry Borisovich

chirurgo del dipartimento di chirurgia, primario chirurgo.

Indicazioni e controindicazioni

Prima dell'operazione per una diagnosi accurata, i tessuti vengono inviati per l'esame istologico. Sulla base dei suoi risultati, il medico determina il metodo di trattamento. La terapia laser è indicata per tutti i tipi di tumori. È necessaria la rimozione laser urgente del carcinoma basocellulare se il paziente ha:

  • un tumore in rapida crescita - se la crescita è superiore a 5 mm in sei mesi
  • ulcerazione della superficie
  • lesioni frequenti
  • cambiamenti di colore e forma
  • l'aspetto del dolore
  • ricorrenza della malattia

Tra le controindicazioni sono di particolare importanza: diabete mellito, malattie pustolose della pelle, ferite non cicatrizzanti, un processo infettivo acuto, gravi danni al cuore e ai vasi sanguigni.

Le persone con pelle chiara, incline a lentiggini e macchie dell'età sono ad alto rischio di sviluppare la malattia. Il corpo dovrebbe essere protetto da fattori aggressivi. Il principale fattore di rischio è la radiazione ultravioletta. Le persone con questo tipo di pelle devono utilizzare creme solari ad alta protezione ed evitare l'esposizione prolungata al sole.

FOTO PRIMA E DOPO

Preparazione e rimozione

Se necessario, 7-10 giorni prima della manipolazione, il medico prescriverà test di laboratorio per il paziente: un esame delle urine generale, un esame del sangue clinico, un esame citologico delle cellule tumorali. In casi semplici, queste analisi sono sufficienti. Se il paziente ha malattie cardiache e vascolari, viene visualizzato un ECG.

Il giorno della rimozione, il chirurgo esaminerà visivamente la neoplasia. Quindi tratterà la lesione con un antisettico per la pelle. Se la rimozione laser del carcinoma basocellulare viene eseguita sul viso, al paziente verranno offerti occhiali protettivi per prevenire ustioni dei tessuti oculari. Quando si utilizza la terapia fotodinamica, un fotosensibilizzatore viene applicato al tumore sotto forma di un unguento. Il raggio laser rimuove delicatamente le cellule anormali e contemporaneamente coagula i vasi sanguigni.

Dopo l'operazione, la ferita verrà trattata con un antisettico e verrà applicata una benda sterile. Durante il periodo di guarigione, dovresti evitare di visitare il bagno, la sauna, la piscina. Non esporre alla luce solare, escludere il solarium. Dopo 3-4 giorni, apparirà una crosta nel sito di rimozione del basalioma, che scomparirà da sola dopo 10-12 giorni. Se sono stati utilizzati fotosensibilizzatori, il processo di riabilitazione è più lungo e può essere accompagnato da dolore e prurito.

DescrizionePrezzo, strofina.
Rimozione laser del carcinoma a cellule basali (fino a 1 cm)5000 rubli
Rimozione del basalioma con laser (fino a 2 cm)8000 rubli
Rimozione del basalioma con un laser (più di 2 cm)12.000 rubli

Fissa un appuntamento per telefono
+7 (495) 021-12-26 o compilando il modulo online

L'amministratore ti contatterà per confermare l'inserimento.
La riservatezza del tuo ricorso è garantita.

Quanto e dove rimuovere?

Il prezzo dipende dalla localizzazione del processo, dalla metodologia utilizzata e da altri fattori. Puoi rimuovere il carcinoma basocellulare con un laser di alta qualità e ad un prezzo conveniente nella nostra clinica. Nessun ricovero è richiesto per l'operazione. Dopo la procedura, puoi lasciare immediatamente il centro medico.

La rimozione laser del carcinoma a cellule basali è una procedura sicura e indolore. Se il trattamento viene eseguito in tempo, l'esito della malattia è favorevole nella stragrande maggioranza dei casi. Contattando la Clinica ABC, riceverai assistenza medica qualificata. Usiamo attrezzature moderne e metodi di trattamento efficaci. Chiamaci e ti aiuteremo a risolvere il tuo problema. Sul nostro sito troverai tutte le informazioni necessarie - il costo del servizio, promozioni e sconti, i nostri contatti.

Basalioma

Trattamento del basalioma a Mosca

Il basalioma è una neoplasia dello strato basale dell'epitelio cutaneo, uno dei tipi di cancro della pelle. Si sviluppa da cellule basali atipiche dell'epidermide e dell'epitelio follicolare. In termini di malignità, occupa una posizione intermedia tra tumori benigni e maligni.

Le principali cause di carcinoma basocellulare comprendono l'esposizione prolungata al sole, l'esposizione ad alte temperature e radiazioni ionizzanti, l'esposizione a sostanze cancerogene (arsenico, catrame, catrame, fuliggine, alcuni coloranti). Il più delle volte si verifica dopo i cinquant'anni, ma in casi molto rari può comparire nei bambini e negli adolescenti. Negli uomini e nelle donne si verifica con la stessa frequenza.

Il basalioma di solito si verifica sulla pelle aperta, di solito sul viso, sul collo e sul cuoio capelluto. Le pieghe naso-labiali, le ali del naso, il labbro superiore, gli angoli interni ed esterni degli occhi e le tempie sono più spesso colpiti..

Esistono i seguenti tipi di carcinoma basocellulare:

  1. Il carcinoma basocellulare nodulare è un tumore esofitico arrotondato di colore rosa, sanguina facilmente. C'è una depressione al centro del nodo
  2. Il carcinoma a cellule basali piatto è una neoplasia simile a una placca con bordi rialzati e distinti simili a creste
  3. Il basalioma superficiale è una macchia rosa con bordi rialzati e una superficie lucida. Localizzato sul tronco, spesso sotto forma di più formazioni. Di tutte le forme, la più benigna può esistere per decenni, aumentando solo lentamente di dimensioni.

Secondo la classificazione istologica internazionale, i basaliomi sono suddivisi nei seguenti tipi:

  1. multicentrico superficiale
  2. sclerodermica
  3. fibro-epiteliale

La forma nodulare più comune di basalioma, da cui si formano tutte le altre forme. Il tumore è spesso accompagnato dalla formazione di erosioni e ulcere. La neoplasia ha una crescita prevalentemente localizzata e non dà metastasi..

Inizialmente, sulla pelle del viso appare un nodulo indolore, che si ulcera e si ricopre di una crosta. A poco a poco, per diversi mesi o anni, il nodulo cresce in larghezza, accompagnato dalla formazione di ulcere. Il tumore diventa lobulare, sulla sua superficie compaiono teleangectasie.

Nel tempo, il basalioma si trasforma in una grande placca piatta (oltre 10 cm) con una superficie squamosa, in un nodo a fungo che sporge sopra la superficie della pelle o in un'ulcera profonda che distrugge il tessuto muscolare e le ossa sottostanti.

Progettato per l'esame dermatoscopico per la diagnosi precoce del melanoma maligno, per lo studio di formazioni non melanocitiche, carcinoma basocellulare e dermatofibroma.

La dermatoscopia è una metodica non invasiva di diagnostica visiva della pelle, che, grazie all'utilizzo di alte tecnologie, consente di passare da una valutazione soggettiva delle condizioni della pelle ad una oggettiva e documentare i cambiamenti cutanei.

L'essenza del metodo è che con l'aiuto di un dispositivo speciale: un dermatoscopio con ingrandimento 10x, vengono esaminati gli strati superficiali della pelle, il che consente uno studio più approfondito della simmetria della neoplasia, dei suoi confini, della struttura.

Lo sviluppo più fenomenale e nuovo nel campo della diagnostica fino ad oggi, che ha assorbito tutti i vantaggi di un fratello maggiore e li ha moltiplicati migliaia di volte.

L'evoluzione del cinema dal 2D al 3D non è passata da altri ambiti di attività, perché fino a tempi recenti il ​​sistema Vision era famoso per il suo cosiddetto modello bidimensionale o 2D per la diagnostica.

È facile intuire che la copertura dell'area trattata da più lati darà un effetto molto maggiore rispetto alla "osservazione da un angolo".

La diagnosi di ZD nella nostra clinica è gratuita.

"3D" nel nostro caso non è un omaggio alla moda, ma una chiara conferma del progresso tecnico. L'installazione consente una scansione tridimensionale del viso del cliente utilizzando un'unica breve istantanea. Non devi preoccuparti della qualità, poiché il dispositivo è dotato di sei telecamere ad alta risoluzione posizionate a tre angolazioni, che ci danno immagini da entrambi i lati (vista di profilo e vista frontale) contemporaneamente in un unico scatto. Se il tempo è denaro, Clear Vision 3D lo comprende meglio di chiunque altro!

Diagnostica cutanea ad ultrasuoni.

La scansione diagnostica a ultrasuoni è una tecnica ben nota e consolidata, che attualmente rappresenta più di 1/3 del volume di tutte le procedure diagnostiche nella pratica medica. I dispositivi moderni sono già abbastanza facili da usare e sono disponibili per molte cliniche.

Tuttavia, in dermatologia, questi studi non sono stati utilizzati in precedenza, il che era associato alla difficoltà della soluzione tecnica di questo problema. Nei dispositivi convenzionali, i sensori hanno una frequenza di 3-10 MHz, alla quale era impossibile visualizzare le strutture dell'epidermide, del derma e dell'ipoderma.

La società tedesca TPM ha creato dispositivi unici con una frequenza del sensore di 20-100 MHz. Questa tecnica è chiamata ecografia digitale ad alta risoluzione con la capacità di studiare gli strati più superficiali della pelle..

Sulla base dei materiali di ricerca effettuati utilizzando l'apparato DUB TPM (l'elenco è allegato a parte), sono stati pubblicati numerosi articoli e 2 monografie.

Fino ad ora, il metodo principale per studiare la morfologia della pelle era l'esame istologico e patomorfologico. Questa tecnica è piuttosto laboriosa e costosa; inoltre, si sta esaminando un campione bioptico già trattato con vari reagenti chimici..

La diagnostica cutanea a ultrasuoni colma il divario che in precedenza esisteva tra metodi di ricerca esterni e istologia, poiché questo metodo non invasivo consente lo studio della pelle in vivo.

È difficile sopravvalutare l'importanza dell'ecografia per la diagnostica della pelle. Questo metodo presenta una serie di vantaggi indiscutibili: non invasività, indolore, sicurezza e alta precisione di misurazione. Tutti gli studi vengono eseguiti senza danni ai tessuti e possono essere ripetuti più volte sulla stessa area cutanea.

Il nuovo strumento permette di vedere una sezione della pelle e del grasso sottocutaneo fino alla fascia muscolare. Possiamo esaminare la pelle a diversi intervalli, documentandone tutte le caratteristiche. I dati vengono digitalizzati e inseriti in un database. L'analisi comparativa delle immagini ottenute in dinamica è facilmente eseguibile, le immagini vengono salvate su qualsiasi supporto digitale e i dati vengono trasmessi in formati pubblici tramite Internet.

L'esame ecografico della pelle dovrebbe diventare il "gold standard" nella diagnostica della pelle, come in ostetricia, ginecologia e cardiologia.

Caratteristiche distintive del sistema DUB

  • TPM ha sviluppato e padroneggiato per la prima volta la produzione in serie di ultrasuoni per la pelle e ha anche stabilito lo standard per l'esame ecografico della pelle in tutto il mondo.
  • Solo i dispositivi DUB sono dotati di sonde con una frequenza massima fino a 100 MHz e una risoluzione fino a 8-10 μm.
  • Modalità di scansione A, B, C.
  • Scansione 3D.
  • Filmato in loop senza limitare la durata delle riprese.
  • Digitalizzazione del segnale, quindi, l'immagine è più dettagliata e chiara.
  • Elaborazione dati digitali.
  • Visualizzazione di più immagini scattate in momenti diversi.
  • Algoritmi di elaborazione delle immagini innovativi.
  • Salvataggio dei dati grezzi.
  • Pacchetto software avanzato.
  • L'utilizzo di un sistema aperto con acqua consente di ricevere il 10-20% di informazioni in più rispetto all'utilizzo di un sistema con un film.
  • Al momento il dispositivo non ha analoghi in tutto il mondo.

Funzionalità del dispositivo:

  • 1) Studio della condizione, struttura e dimensione di tutti gli strati della pelle e delle formazioni cutanee.
  • 2) Diagnosi approfondita dei cambiamenti morfologici e funzionali nelle malattie cutanee acute e croniche, comprese le alterazioni cicatriziali e le lipodistrofie.
  • 3) Valutazione della dinamica della condizione della pelle in condizioni di salute e malattia.
  • 4) Facilitare la diagnosi di piccole eruzioni cutanee.
  • 5) Diagnosi precoce tempestiva, poiché con l'aiuto dell'ecografia è possibile non solo rivelare i segni caratteristici delle manifestazioni cutanee nelle prime fasi, ma anche eseguire diagnosi precliniche, prevenzione o trattamento tempestivo.
  • 6) Diagnostica delle condizioni della pelle in caso di manifestazioni difficili da rilevare ad occhio nudo.
  • 7) Visualizzazione, determinazione delle dimensioni, volume e profondità dell'invasione, nonché valutazione di neoplasie cutanee e metastasi nella pelle, scelta dei metodi di trattamento, impostazione dei parametri e monitoraggio dell'efficacia.
  • 8) Misurazione preoperatoria della profondità e del volume dei tumori durante interventi chirurgici, inclusi elettrochirurgia, criochirurgia, laser o radioterapia.
  • 9) Studio dei cambiamenti cutanei legati all'età.
  • 10) Determinazione della profondità, intensità e durata dell'effetto terapeutico, scelta del metodo.
  • 11) Valutazione dell'efficacia e controllo dei metodi di trattamento terapeutico, fisioterapico e chirurgico, comprese le procedure cosmetiche (ad esempio, come mesoterapia, peeling, chirurgia plastica, rimozione di tatuaggi, procedure hardware, ecc.).
  • 12) Diagnosi preliminare e valutazione dei risultati dell'introduzione di filler, preparati di acido ialuronico, collagene, gel sintetici o semisintetici, ecc..
  • 13) Diagnosi precoce dell'osteoporosi.
  • 14) Studio dell'elasticità cutanea.
  • 15) Esame delle mucose.

I vantaggi dell'utilizzo di questo metodo:

  • 1) Una tecnica non invasiva per visualizzare le strutture interne della pelle in vivo, che permette di ottenere informazioni importanti non disponibili con altri metodi di ricerca.
  • 2) Il metodo è indispensabile per valutare le dinamiche della condizione cutanea in dermatologia, cosmetologia e dermo-oncologia. Consente di monitorare lo stato delle manifestazioni cutanee e utilizzare i dati nella diagnosi primaria, prevenzione e trattamento della maggior parte delle malattie della pelle.
  • 3) Possibilità di salvare i dati nella memoria del computer e su qualsiasi supporto elettronico, stampare foto per case history, inviare via internet per consultazioni con i colleghi.
  • 4) Una valutazione oggettiva delle dinamiche della condizione della pelle del paziente è un aspetto legale importante nella risoluzione delle situazioni di conflitto.
  • 5) La visualizzazione dello stato delle strutture interne della pelle e il suo sollievo è un forte fattore psicologico quando si spiega ai pazienti la necessità di misure terapeutiche.
  • 6) Con l'aiuto di DUB, è facile dimostrare l'efficacia del trattamento in una forma accessibile al cliente. È un potente strumento di marketing per attirare nuovi clienti.
  • 7) La presenza di questo metodo aumenta il rating dell'ente e indica attrezzature elevate e l'uso di tecnologie avanzate.
  • 8) Oltre al quadro istologico, aumenta l'accuratezza della diagnosi patomorfologica.
  • 9) Conduzione di programmi scientifici ed educativi.
  • 10) Conduzione di consulenze e attività di consulenza e diagnostica.

Un nuovo aspetto dell'utilizzo di questo metodo per i produttori è la valutazione dell'effetto sulla pelle di vari prodotti, inclusi cosmetici, medicinali e dispositivi.

Il dispositivo diagnostico più accurato in dermatologia, dermo-oncologia e cosmetologia.

Microscopio confocale a scansione laser per l'esame istologico della pelle in vivo mediante fluorescenza utilizzando laser di 3 lunghezze d'onda (785 nm, 658 nm, 445 nm)

  • Combinazione di tecnologia di rilevamento laser riflesso e fluorescenza
  • Biopsia ottica non invasiva
  • Visualizzazione in tempo reale

Il sistema VivaScope 1500 Multilaser combina la tecnologia di rilevamento laser riflesso con la microscopia confocale a scansione laser a fluorescenza. Simile al VivaScope 1500 standard, le aree della pelle possono essere visualizzate in vivo nella gamma degli infrarossi. Le lunghezze d'onda utilizzate sono 785 nm (vicino infrarosso), 658 nm (rosso) o 445 nm (blu). Tutti e tre i laser sono integrati in un unico dispositivo.

Prima di utilizzare VivaScope, un colorante fluorescente (non tossico per il corpo) viene applicato al sito del tessuto da esaminare. La luce laser corrispondente eccita il fluoroforo e la fluorescenza risultante produce un'immagine di contrasto che aiuta a visualizzare la struttura istologica dovuta alla distribuzione del colorante.

Con il VivaScope 1500 Multilaser, è possibile visualizzare vari aspetti funzionali dei cambiamenti tissutali in vivo. Il tessuto vivente può essere esaminato visivamente in sequenza utilizzando tutte le lunghezze d'onda laser disponibili.

La rimozione del carcinoma basocellulare viene eseguita utilizzando il laser Pixel CO2. Nel trattamento del carcinoma a cellule basali, la sua prognosi è favorevole. Il 90% dei casi di basalioma può essere completamente curato e, nel caso di forme locali, quasi il 100%. La cosa principale è contattare la clinica Presidentmed in modo tempestivo..

Il coltello laser CO2 garantisce la rimozione del carcinoma a cellule basali all'interno dei tessuti sani. Il coltello laser viene utilizzato per basaliomi localizzati in profondità.

I farmaci vengono immessi utilizzando il modulo Impact. L'essenza del suo scopo è fornire la pressione necessaria con una sorta di "movimento di spinta" per una penetrazione più profonda delle sostanze medicinali e la loro completa assimilazione. Aiuta a prevenire la formazione di cicatrici.

Terapia fotodinamica del carcinoma basocellulare utilizzando l'apparato Clear 100XL.

Con il basalioma, viene prescritta la terapia fotodinamica:

  • Come trattamento standard per condizioni precancerose (malattia di Bowen e cheratosi attinica) e carcinomi basocellulari superficiali.
  • In alternativa ai metodi chirurgici traumatici:
    con grandi tumori cutanei maligni, non localizzati in profondità;
    con diverse neoplasie in un'area;
    se il tumore è sull'osso.

La terapia fotodinamica del carcinoma a cellule basali viene eseguita in 2 fasi:

  • Le croste e le squame sulla pelle vengono rimosse dall'area di trattamento e viene applicata una crema fotosensibilizzante. Entro 3-6 ore, rimane sulla pelle per una penetrazione profonda. A volte il fotosensibilizzatore viene somministrato sotto forma di pillola. Dopo un certo tempo, lascia le cellule sane e si concentra solo in quelle maligne.
  • Dopo che il carcinoma basocellulare ha assorbito il farmaco, l'area viene esposta a luce laser a bassa intensità per circa 45 minuti, a seconda della fonte. Un fotosensibilizzatore nelle cellule maligne assorbe la luce e viene attivata una reazione chimica che uccide quelle patologiche senza influenzare la maggior parte delle cellule sane.

La PDT distrugge solo le cellule di carcinoma a cellule basali vicino alla superficie della pelle che possono essere influenzate dalla luce. La terapia fotodinamica non viene utilizzata per trattare un tumore che si è diffuso a strati più profondi perché il rischio di recidiva è troppo alto.
Di solito è sufficiente una procedura PDT, 2-3 sono prescritte se la neoplasia si trova nello spessore della pelle.

La rimozione laser con Erbio laser Er: YAG 2940 nm è una procedura efficace, indolore e sicura.

La rimozione del laser con il laser all'erbio Er: YAG 2940 nm è una procedura efficace, indolore e sicura. Dopo la rimozione, nessuna cicatrice, la depigmentazione rimane sulla pelle.

Il suo raggio penetra nella pelle in modo relativamente superficiale (di 1 micron) ed evapora le cellule dell'epidermide e del derma così rapidamente che i tessuti circostanti non hanno il tempo di ricevere calore. La coagulazione cellulare non si verifica e dopo la procedura di rimozione con un laser ad erbio, il periodo di recupero non è praticamente richiesto.

A differenza di un laser a CO2, è consigliabile utilizzare un laser ad erbio per lesioni superficiali..

Le onde radio irradiate hanno una riserva di energia estremamente grande (dovuta all'alta frequenza), che viene trasmessa al tessuto "tagliato", che non viene affatto tagliato - infatti, questo metodo chirurgico è completamente senza contatto.

Il Surgitron è un metodo di trattamento radiochirurgico, che è una dissezione non traumatica dei tessuti molli utilizzando onde radio ad alta frequenza strettamente dirette (3,8 - 4 MHz), cioè senza sforzo meccanico.

Il dispositivo "Surgitron" è dotato di un generatore di radiazioni ad alta frequenza di onde radio. Questa radiazione viene accumulata e quindi diretta con elevata precisione all'area desiderata. La radiazione avviene attraverso uno speciale elettrodo che assomiglia a un filo sottile (elettrodo "attivo"). Gli elettrodi appropriati vengono selezionati in base alla profondità di esposizione richiesta e alla localizzazione dell'area patologica, ovvero possono essere facilmente modificati.

Le onde radio irradiate hanno una riserva di energia estremamente ampia (dovuta all'alta frequenza), che viene trasmessa al tessuto "tagliato", che non viene tagliato affatto - infatti, questo metodo chirurgico è completamente senza contatto. È solo che quando vengono esposte a un potente impulso energetico, le cellule diventano così calde che praticamente "bollono", si verifica la loro distruzione, che si chiama "taglio". Ma l'elettrodo "attivo" stesso non si riscalda - non vi è alcun rischio termico per i tessuti circostanti.

CryoPro è un'unità criochirurgica portatile ad azoto liquido per dermatologia e cosmetologia

Il cryoapparatus consente di spruzzare azoto liquido sotto pressione sulla zona trattata utilizzando appositi ugelli spray. Il kit standard comprende 9 ugelli. Il dispositivo può anche essere utilizzato con punte della sonda per la criodistruzione da contatto o con una punta scanalata per il flusso di gas freddo.

Il crio-apparato è realizzato in acciaio inossidabile e ha un isolamento sottovuoto, che consente di mantenere caldo l'involucro esterno dell'apparecchio quando si lavora con azoto liquido (-196 ° C).

Costo del trattamento

Consultazione con un dermatovenerologo, ripetuta alla primaria2500
Consultazione con un dermatovenerologo, primaria - ripetuta dopo le 20.00.3500
Consultazione con un dermatovenerologo, Dottore in Scienze Mediche / Professore6000
Consultazione primaria6000
Consultazione ripetuta3000

*** Il costo finale della procedura sarà determinato solo dopo aver consultato gli specialisti della nostra clinica.