Come viene trattata l'atrofia del nervo ottico?

L'atrofia ottica può verificarsi per vari motivi:

  • varie malattie degli occhi e del sistema nervoso;
  • trauma;
  • malattia ipertonica.

Come risultato di questa patologia, può verificarsi una graduale diminuzione della vista e varie violazioni di essa..

Il trattamento dell'atrofia del nervo ottico in Israele viene effettuato con i metodi più recenti, sia chirurgici che conservativi. La diagnostica è di grande importanza, da allora per prevenire la progressione della malattia, è necessario eliminarne la causa.

I benefici della medicina in Israele

  1. Un approccio integrato alla diagnosi e al trattamento. Le cause della distrofia del nervo ottico, e quindi i metodi del suo trattamento, possono essere diverse. Pertanto, presso la Top Clinic Ichilov, gli esami medici e il trattamento vengono eseguiti da medici di varie specialità: oftalmologi, neurologi, endocrinologi, neurochirurghi, ecc. Ciò consente di rilevare più accuratamente la causa della patologia e scegliere il trattamento giusto.
  2. Medici-oftalmologi di altissima qualificazione. L'atrofia del nervo ottico è una malattia complessa, pertanto le qualifiche di un medico svolgono un ruolo importante nel successo del trattamento. La formazione di un oftalmologo israeliano dura circa 15 anni. Durante questo periodo, il medico acquisisce esperienza in importanti centri medici in Israele e in altri paesi occidentali.

Medici curanti Top Clinic Ichilov

Il professor Anat Levinstein - Capo del dipartimento di oftalmologia presso MC Ichilov, è membro di 5 organizzazioni professionali internazionali di oftalmologi. È specializzato nel trattamento conservativo e chirurgico dell'atrofia del nervo ottico.

Dr. Shimon Kurtz - Capo del reparto ambulatoriale di oftalmologia presso MC Ichilov, un oftalmologo con 35 anni di esperienza. Conduce il trattamento conservativo dell'atrofia del nervo ottico utilizzando l'elettroforesi e altri metodi moderni.

Professor Igal Leybovich - oftalmologo-oculoplastica, capo del dipartimento di chirurgia delle orbite del centro medico Ichilov. Competenze nei metodi moderni di trattamento chirurgico dell'atrofia del nervo ottico.

Esame dell'atrofia del nervo ottico in Israele

  • Esame da parte di un oftalmologo (בדיקת עיניים)

Durante il primo appuntamento, il paziente viene sottoposto a oftalmoscopia (oftalmoscopia - esame del fondo). Questa tecnica consente di esaminare l'inizio del tronco nervoso e rilevare la patologia.

  • Esame radiografico del cranio (radiografia del cranio), tomografia computerizzata (TAC) e MRI (risonanza magnetica per immagini)

Le tecniche di imaging medico possono rilevare o escludere un tumore al cervello che può causare atrofia del nervo ottico.

  • Ulteriori ricerche

Per chiarire le cause e l'atrofia del nervo ottico, il paziente può sottoporsi a:

  1. elettroencefalogramma (elettroencefalogramma);
  2. sferoperimetria (sferoperimetria) - uno studio per determinare i confini della visione;
  3. perimetria del computer, ecc..

Metodi per il trattamento dell'atrofia del nervo ottico in Israele

In Israele vengono utilizzati metodi sia conservativi che chirurgici per il trattamento dell'atrofia del nervo ottico.

  • Farmaco (טיפול תרופתי)

I farmaci sono prescritti sia sotto forma di gocce che sotto forma di iniezioni. Il medicinale può anche essere somministrato mediante elettroforesi, utilizzando corrente continua. Sul corpo del paziente vengono fissati degli elettrodi, costituiti da una piastra metallica e un panno umido imbevuto di una soluzione del farmaco. Quando il dispositivo è acceso, il medicinale si scompone in ioni, che entrano nel corpo del paziente attraverso la pelle. Al paziente vengono prescritti farmaci vasocostrittori e anti-sclerotici, angioprotettori, vitamine. Tutti questi farmaci stimolano la conduzione delle fibre nervose.

  • Fisioterapia

Per migliorare l'afflusso di sangue, sono esposti a campi magnetici variabili, stimolazione laser e stimolazione elettrica. Di solito, il paziente si sente meglio dopo un ciclo di tali procedure. Durante la stimolazione elettrica, un minuscolo stimolatore elettrico viene impiantato nella cavità oculare nell'area del nervo ottico e un elettrodo viene posizionato sotto la pelle. Ciò consente al paziente di ricevere cure per un lungo periodo..

  • Trattamento chirurgico (טיפול כירורגי)

Se l'atrofia è causata dal fatto che il nervo ottico è compresso da qualsiasi formazione, vengono rimosse con l'aiuto della chirurgia. Il trattamento chirurgico può anche includere la legatura dell'arteria temporale o l'impianto di tessuto donatore nel nervo ottico.

Il costo del trattamento in Israele

Prezzi per la diagnosi e il trattamento dell'atrofia del nervo ottico in IsraelePrezzo
Esame oftalmologico primario210 $
Angiografia a fluorescenza$ 295
MRI710 $
Consultazione di uno dei principali oftalmologi545 $

Per ottenere il prezzo esatto del trattamento presso la clinica Top Ichilov e fissare un appuntamento per la diagnostica e il trattamento, chiamaci al tel. +972 (3) 3760391 o +7 (495) 6483181 (la chiamata verrà inoltrata alla nostra clinica in Israele), oppure compila il modulo di contatto. Entro le prossime 2-3 ore, il medico della clinica ti contatterà. Dopo un consulto medico, durante il quale gli specialisti discuteranno il tuo caso medico, ti verrà inviato un programma ufficiale di diagnosi e trattamento, compreso il costo di tutte le procedure.

Top Clinic Ichilov garantisce ai suoi pazienti la massima riservatezza medica. L'applicazione e la consultazione sono gratuite e non ti impegnano in nulla.

  • Chiamaci al tel. +7 (495) 6483181.
  • Oppure compila il modulo di domanda pubblicato sul nostro sito web.

Tour virtuale della clinica:

In quali paesi e come viene trattata l'atrofia del nervo ottico??

L'atrofia ottica può essere congenita e acquisita. Nel secondo caso, le cause dell'atrofia sono molto spesso i processi patologici della retina o del nervo ottico. La malattia può svilupparsi dopo lesioni sifilitiche, meningite, con tumori e sclerosi multipla, con ascesso cerebrale, con varie intossicazioni o avvelenamenti.

La causa della patologia può anche essere aterosclerosi vascolare, fame, ipertensione, carenza vitaminica, sanguinamento abbondante.

Esistono diverse forme di atrofia:

  • L'atrofia primaria si verifica dopo il deterioramento del trofismo nervoso, disturbi del microcircolo. Comprende l'atrofia del nervo ottico discendente (una conseguenza del danno alle fibre del nervo ottico) e ascendente (una conseguenza del danno alle cellule della retina).
  • L'atrofia secondaria è il risultato di un danno alla testa del nervo ottico con patologie che si verificano nella retina e nel nervo ottico.
  • Non tutte le forme di patologia causano disabilità visiva. Ad esempio, con atrofia delle fibre periferiche senza coinvolgimento del fascio papillomacolare, la visione è preservata.
  • L'atrofia ereditaria di Leber del tipo di genere si distingue in una forma speciale. La malattia si sviluppa principalmente negli uomini della stessa famiglia di età compresa tra 13 e 28 anni. Il quadro clinico è caratterizzato da una forte diminuzione della vista in entrambi gli occhi contemporaneamente entro due o tre giorni..
  • L'atrofia glaucomatosa deriva dal collasso della placca etmoidale a causa dell'aumentata pressione intraoculare.

L'atrofia può essere completa o parziale. Con una completa atrofia, la funzione del nervo ottico è completamente persa. Con atrofia parziale, si verifica una disabilità visiva.

Immagine: fasi dell'atrofia del nervo ottico

Nel processo della malattia, la nutrizione delle fibre nervose si deteriora. La vista inizia a deteriorarsi gradualmente fino alla completa cecità. Non è possibile alcuna correzione della vista, a volte con il rapido sviluppo del processo, la vista viene persa irrimediabilmente entro tre mesi.

Con l'atrofia, i sintomi possono essere di diversa natura: restringimento dei campi visivi, disturbo della percezione del colore o comparsa di macchie nere nel campo visivo (il sintomo più comune). In questo caso, è necessario contattare un oftalmologo il prima possibile per la diagnosi e il trattamento..

  1. Diagnostica all'estero
  2. Metodi moderni di trattamento
  3. Terapia con cellule staminali
  4. Dove andare?
  5. Germania
  6. Israele
  7. Austria
  8. Svizzera
  9. Cina
  10. Recensioni

Diagnostica all'estero

All'estero, la diagnosi di atrofia del nervo ottico viene effettuata utilizzando tecniche moderne:

  • L'esame inizia con un'oftalmoscopia.
  • La sferoperimetria aiuta a determinare i confini della visione.
  • La perimetria del computer viene utilizzata per identificare le aree atrofizzate del nervo.
  • L'oftalmografia video aiuta a identificare la natura del danno.
  • Esami aggiuntivi come radiografia del cranio, TC, risonanza magnetica aiutano a determinare la presenza o l'assenza di un tumore al cervello, che può essere una delle cause della patologia.
  • Inoltre, l'angiografia a fluorescenza e la dopplerografia laser possono essere prescritte come esame..

Di norma, tutte le procedure all'estero vengono eseguite in una clinica. Inoltre, il paziente viene sottoposto a un esame obbligatorio per rilevare ipertensione, aterosclerosi, diabete, ecc..

Metodi moderni di trattamento

La patologia è difficile da trattare, poiché le fibre nervose non vengono ripristinate. Pertanto, il trattamento deve essere avviato il prima possibile, fino a quando non si è verificata la completa distruzione delle fibre nervose..

Prima di tutto, durante il trattamento, il processo infiammatorio viene eliminato, l'edema nel nervo ottico viene rimosso, il trofismo e la circolazione sanguigna vengono migliorati..

Gli oftalmologi di molti paesi (Israele, Germania, ecc.) Hanno già acquisito molta esperienza pratica positiva nel trattamento della malattia, grazie alla stretta collaborazione con centri di ricerca in tutto il mondo..

All'inizio del trattamento, è necessario fornire al nervo vitamine e nutrizione. Per questo, le medicine più moderne vengono utilizzate all'estero..

In alcuni casi, può essere utilizzato un metodo chirurgico per fornire i nutrienti. La fisioterapia ti consente di ottenere un effetto positivo. La stimolazione magnetica, l'effetto dei campi magnetici alternati sul nervo, aiuta a migliorare la circolazione sanguigna e normalizzare il metabolismo. Il miglioramento può arrivare dopo le prime 15 procedure.

Foto: visita oculistica da parte di un oftalmologo

Anche la stimolazione laser ed elettrica (che agisce sul nervo con impulsi) sono usati per trattare l'atrofia. Un buon effetto si osserva dopo diverse sessioni.

Uno dei metodi più recenti per combattere la malattia è l'uso della microchirurgia rigenerativa dei tessuti.

Utilizzato per il trattamento delle cellule staminali e gli ultimi progressi nella nanotecnologia, grazie alla quale le nanoparticelle vengono utilizzate per fornire nutrienti al nervo ottico.

Più spesso non viene utilizzato un singolo metodo per il trattamento, ma la complessa applicazione di diversi metodi. Grazie a questo approccio, l'oftalmologia all'estero ha ottenuto risultati eccezionali nel trattamento delle patologie oculari..

Terapia con cellule staminali

Il metodo di trattamento più recente all'estero è la terapia con cellule staminali. Le cellule staminali vengono trasportate nell'area del nervo ottico mediante iniezione. L'introduzione viene eseguita ogni 2 ore fino a 10 volte al giorno.

È stato sviluppato un metodo più semplice per iniettare cellule staminali senza intervento chirurgico..

Il metodo di introduzione delle cellule staminali consiste nel reimpiantarle al paziente, con un intervallo da 3 mesi a sei mesi per tre procedure. Una semplice lente viene utilizzata come vettore delle cellule staminali.

Un effetto positivo è dato dalle citochine, interleuchine, fattori di crescita contenuti nelle cellule staminali, che attivano processi rigenerativi, supportano l'attività vitale delle cellule.

Dove andare?

Il trattamento della malattia all'estero viene effettuato nelle principali cliniche in Germania, Israele, Stati Uniti, Austria, Finlandia, Svizzera. Il trattamento viene solitamente effettuato in cicli fino a 14 giorni, in base alla diagnosi della malattia, all'identificazione delle cause della patologia e alla loro eliminazione.

Germania

In Germania, il trattamento viene effettuato:

  • All'ospedale universitario di Colonia;
  • Nella clinica multidisciplinare universitaria L. Maximilian a Monaco;
  • Presso la clinica oftalmologica del Dott. G. Palme a Dusseldorf;
  • Alla clinica St. Martinus di Düsseldorf;
  • Nel centro medico oftalmologico della clinica universitaria di Essen;
  • Presso il Centro universitario di oftalmologia di Francoforte sul Meno;
  • Presso la clinica di chirurgia refrattiva e oftalmica di Duisburg.

Il trattamento dell'atrofia del nervo ottico nei bambini viene effettuato nella clinica per disturbi psicomotori, chirurgia perioculare e oftalmologia pediatrica a Tubinga.

Israele

In Israele, il trattamento della patologia viene effettuato:

  • All'ospedale universitario Hadassah di Gerusalemme dal Dr. Yitzhak Hemo;
  • Alla clinica Ichilov dal Dr. Shimon Kurtz;
  • Clinica Assuta;
  • Al Centro medico di Herzliya;
  • Nel centro medico. Yitzhak Rabin;
  • Nel centro medico. Sourasky;
  • Al centro medico Rambam.

Austria

In Austria, il trattamento viene effettuato:

  • Alla Clinica oftalmologica dell'Università di Vienna dal Dr. E. Ergun;
  • Presso la Clinica di Vienna per la chirurgia laser oculare del Dr. Reinhard Schranz;
  • Presso il Centro di oftalmologia Confraternitet-Clinica privata Josefstadt del Dr. Christian Lammerhuber.

Svizzera

In Svizzera è possibile ottenere un trattamento qualificato ed efficace:

  • Alla clinica Hirslanden Im Park di Zurigo;
  • Alla clinica Cecile Hirslanden a Losanna;
  • Alla clinica Hirslanden di Zurigo;
  • Alla clinica General Beaulieu a Ginevra;
  • Alla clinica di Leukerbad.

Cina

Il trattamento dell'atrofia del nervo ottico negli adulti e nei bambini viene eseguito con successo in Cina:

  • A Pechino - Ospedale e cliniche della famiglia unita di Pechino;
  • all'ospedale Tongren di Pechino;
  • all'ospedale popolare di Daqing.
Infografica: cause, sintomi e trattamento dell'atrofia

Recensioni

Natalia: “La bambina ha sviluppato atrofia ottica a causa dell'idrocefalo. Il figlio aveva 8 mesi, non vedeva nulla, reagiva solo alla luce solare. effettuato un trattamento generale da un neuropatologo. Dopo aver terminato il trattamento siamo andati a Ichilov in Israele. Come risultato del trattamento, è stato ripristinato il 70% della vista.

Denis: “All'età di 27 anni ha subito un intervento chirurgico per aracnoidite basale del cervello. Un anno dopo, le è stata diagnosticata un'atrofia parziale del nervo ottico. Un anno dopo, ha iniziato a perdere la vista ed è andato con suo fratello alla clinica di Pechino. Dopo il trattamento, la vista si è stabilizzata e gradualmente ha iniziato a migliorare.

Maria: “Atrofia del nervo ottico dalla nascita. Da bambino ha subito un intervento chirurgico per correggere lo strabismo. All'età di 18 anni è andata alla clinica Ichilov, dove ha subito un ciclo di cure. L'occhio ha iniziato a vedere circa una settimana dopo l'inizio del trattamento.

Galimov: “Pratico karate dall'età di 18 anni, ho ricevuto un colpo alla testa, dopo di che ha iniziato a svilupparsi atrofia del nervo ottico. Sono andato in una clinica in Germania, dove dopo il trattamento la mia vista è migliorata fino al 90% ".

Trattamento dell'atrofia del nervo ottico nei sanatori oftalmici

In caso di atrofia del nervo ottico, il trattamento termale è consigliato nei sanatori con profilo oftalmologico.

Il trattamento delle malattie degli occhi nei sanatori o nei resort viene effettuato in modo completo. Usano fattori di villeggiatura di località climatiche e balneoclimatiche e tipi moderni di trattamenti per gli occhi hardware. Combina procedure locali e generali (climatoterapia, balneoterapia, percorso salute, idroterapia, massaggi, terapia manuale, esercizi di fisioterapia, compreso l'occhio).

Gli effetti diretti sull'occhio includono stimolazione elettrica, magnetoterapia con fotostimolazione, elettro e fonoforesi di farmaci, stimolazione laser, irrigazione oculare e applicazioni di fango.

Insieme ai metodi di trattamento oftalmici, vengono utilizzate le moderne tecnologie mediche: ozono terapia, metodi di trattamento efferenti, irudoterapia, agopuntura.

Preferito per il trattamento delle malattie degli occhi: clima continentale della foresta e della zona foresta-steppa, clima fresco e secco di foreste miste, clima dei tropici e subtropicali, clima marittimo e balneazione.

La climatoterapia si basa sui principi dell'indurimento, il cui scopo è ridurre la sensibilità dell'apparato recettore della pelle e delle mucose. Tali misure di indurimento includono: aeroterapia sotto forma di camminare e dormire all'aria aperta; bagni d'aria; sfregare il corpo e lavare i piedi con acqua a temperatura gradualmente decrescente, nuotare in corpi d'acqua aperti, anche marini (talassoterapia); radiazioni ultraviolette (prendere il sole).

Tutti questi effetti hanno irritazioni termiche, meccaniche e chimiche sulle mucose e sulla pelle di una persona. Portano alla mobilitazione dell'attività protettiva e adattativa del corpo, che è la base dell'indurimento.

La climatoterapia è efficace nel trattamento delle patologie oculari infiammatorie ricorrenti quali uveite, herpes oftalmico, ecc. Inoltre la bassa pressione atmosferica in bassa montagna crea condizioni favorevoli per la riabilitazione dei pazienti dopo interventi antiglaucomatosi.

La balneoterapia per le malattie degli occhi comprende bagni minerali generali, cure idropiniche e irrigazione oculare. Vengono mostrati bagni minerali contenenti iodio, bromo o radon per gravi malattie reumatiche degli occhi, malattie del nervo ottico e della retina dovute a intossicazione.

I bagni di anidride carbonica, che migliorano significativamente i parametri emodinamici e metabolici generali e locali, sono utilizzati nel trattamento del glaucoma e di altre malattie dell'organo della vista.

L'efficacia dell'irrigazione oculare Narzan è dovuta al ruolo regolatore della CO2 nell'afflusso di sangue agli organi, nonché alla capacità di ridurre il tono dei vasi venosi.

Le acque di radon che possiedono un'azione immunocorrettiva sono più efficaci per le malattie infettive e allergiche.

Sotto l'influenza di applicazioni di fango sulla zona degli occhi, la permeabilità dei capillari del segmento anteriore dell'occhio aumenta, la formazione e il deflusso del fluido intraoculare aumenta, si attiva il metabolismo di proteine, carboidrati, sale dell'acqua, aumenta la permeabilità della cornea per i farmaci iniettati nella cavità congiuntivale, la sensibilità della cornea viene ripristinata, rigenerativa i processi nei tessuti, i processi di riassorbimento di fibrina, gli infiltrati, le cicatrici sono ravvivati. Tutti questi cambiamenti contribuiscono in modo significativo al miglioramento delle funzioni visive..

Allo stato attuale, la fangoterapia viene utilizzata per processi infiammatori cronici nei canali lacrimali, nelle orbite oculari; fistole e cicatrici nell'area dei sacchi lacrimali e dei canali; infiltrati profondi nell'orbita dell'occhio; cheratite cronica, iridociclite; glaucoma congestizio semplice.

La fisioterapia e soprattutto la termoterapia sono spesso utilizzate nell'oftalmologia termale. L'elettroforesi di cloruro di calcio, ioduro di potassio, atropina, novocaina, antibiotici, corticosteroidi, ecc. Contribuisce alla rapida penetrazione dei farmaci nella profondità dei tessuti, alla loro deposizione. L'irradiazione con luce ultravioletta è prescritta per i pazienti con malattie allergiche.

La radioterapia a basse dosi è utile per molte malattie degli occhi: infiammazione del tratto vascolare, glaucoma assoluto, lesioni agli occhi penetranti, ecc..

La terapia a ultrasuoni ha un potente effetto stimolante, assorbente, vasodilatatore e viene utilizzata per trattare cheratiti, riassorbimento delle masse del cristallino, malattie infiammatorie e degenerative della retina e del nervo ottico.

Terapia del calore: sollux, cuscinetti riscaldanti, impacchi riscaldanti, applicazioni di paraffina - sono usati per espandere i vasi superficiali e profondi, che promuove il riassorbimento degli infiltrati nei processi infiammatori delle appendici e del segmento anteriore degli occhi. L'ozokerite non viene utilizzata in oftalmologia a causa dell'effetto irritante delle resine.

Fattori termali in combinazione con idroterapia anidride carbonica, idrogeno solforato, iodio bromuro e bagni di radon hanno un effetto positivo sulle condizioni generali del paziente con atrofia del nervo ottico e funzioni visive. È noto che l'uso dei metodi della medicina termale non porta al riassorbimento delle opacità del cristallino già formate nella cataratta, ma è stato dimostrato che tale trattamento rallenta la loro progressione..

HAT Medicine

Domenica 14 giugno 2020

  • Malattie
  • Diarrea
  • Infertilità
  • Epatite
  • Mal di schiena
  • Asma e bronchite
  • Flebeurisma
  • Malattie infiammatorie degli organi genitali femminili
  • Prostatite
  • Sinusite
  • Artrite
  • Ipertensione
  • Malattie della tiroide
  • Impotenza
  • Ictus
  • Gotta
  • Malattie cardiache
  • Influenza
  • Aids
  • Malattie degli occhi
  • Atrofia del nervo ottico
  • Calazio
  • Malattie della retina
  • Congiuntivite
  • Glaucoma
  • Strabismo
  • Malattie del corpo vitreo
  • Uveite
  • Retinopatia diabetica
  • Degenerazione maculare senile
  • Cos'è la sciatica
  • Diagnosi di un'ernia del disco
  • Casi incredibili di guarigione dell'ernia
  • Trattamento tradizionale
  • Prevenzione dell'ernia spinale
  • HAT medicina e dieta
  • Stress e rilassamento
  • Attività fisica
  • Meditazione
  • Fecondazione e sviluppo dell'embrione
  • Istruzione e educazione dei bambini
  • Iperattività
  • Depressione
  • Emorragia del primo trimestre
  • Regole per le coppie
  • Rughe sotto gli occhi
  • Problemi di pelle
  • Capelli
  • Cosmetici
  • HAT Medicine
  • Sistema HAT e tradimento
  • Sistema HAT e amore
  • Medicina del CAPPELLO di trattamento
  • Leggi del caos
  • Casi incredibili
  • Psicologia e Medicina HAT
  • Salta al contenuto

Trattamento dell'atrofia del nervo ottico. Coniugi dall'Ucraina

Una bella coppia sposata dall'Ucraina, Oleg Pinski con sua moglie, è venuta nella nostra clinica.

La vista del marito si sta gradualmente deteriorando in entrambi gli occhi a causa dell'atrofia del nervo ottico. L'atrofia del nervo ottico è una condizione grave che ha poco o nessun trattamento. Il trattamento comunitario è fallito.

Da Internet, hanno appreso della clinica HAT Medicine, che si trova in Azerbaigian. Solo in questa clinica viene eseguito il trattamento dell'atrofia del nervo ottico secondo un metodo completamente nuovo, che abbiamo chiamato HAT Medicine.

All'ammissione: acutezza visiva dell'occhio destro - un centesimo, sinistro - cinquecentesimi.

I confini del campo visivo dell'occhio destro e sinistro prima del trattamento

I confini del campo visivo a destra non sono praticamente determinati, a sinistra sono nettamente ristretti senza un campo centrale di fissazione.

Il primo giorno è stata eseguita un'analisi batteriologica dall'occhio per determinare la microflora e la sensibilità agli antibiotici. La prima analisi si è rivelata.

Il trattamento è iniziato un giorno dopo aver ricevuto i dati dell'analisi.

Confini del campo visivo dell'occhio destro e sinistro 5 giorni dopo il trattamento

Già il 4 ° giorno di trattamento eravamo felici di vedere il risultato. Ciò si è manifestato in un leggero miglioramento dell'acuità visiva di un centesimo nell'occhio destro e di due centesimi nell'occhio sinistro. E anche in un forte aumento dei confini del campo visivo. Questo è un risultato incredibile in così poco tempo. Non esiste una cosa del genere al mondo.

Di solito, dopo la fine del trattamento, l'effetto appare gradualmente nell'arco di 3-6 mesi. Per 25 anni, questo metodo è stato utilizzato per trattare l'atrofia del nervo ottico. Ma altri paesi non possono nemmeno credere a questo risultato.

Ogni volta, i dipendenti della clinica provano euforia e gioia da questi casi. Poiché ogni caso è il destino del paziente e della sua vita futura.

Atrofia del nervo ottico

L'atrofia ottica è il processo di estinzione delle fibre del nervo ottico. L'afflusso di sangue alle fibre viene interrotto e cessano di svolgere le loro funzioni. Per questo motivo, il segnale luminoso ricevuto dalla retina viene trasmesso al cervello con menomazioni e nell'occhio compaiono le cosiddette zone cieche (per vedere qualcosa, una persona deve muovere lo sguardo alla ricerca dell'angolo desiderato).

Distinguere tra atrofia parziale e completa del nervo ottico. Con atrofia parziale, l'acuità visiva diminuisce a un certo livello e non può essere corretta con occhiali e lenti. Dopo un po ', la malattia smette di progredire..

Con l'atrofia completa, la vista è assente, poiché il nervo ottico perde la sua funzione. In questo caso, la perdita della vista si verifica gradualmente, da diversi mesi (con infiammazione) a diversi anni (con problemi vascolari).

I principali sintomi della malattia includono:

  • diminuzione dell'acuità visiva
  • restringendo il campo visivo (trovando l'angolo desiderato)
  • la comparsa di macchie nere (bovini) nel campo visivo
  • violazione della percezione del colore.

Tra le principali cause della malattia:

  • disturbi vascolari
  • degenerazione delle fibre del nervo ottico
  • infiammazione della retina
  • lesioni agli occhi
  • aumento della pressione intraoculare
  • diabete
  • intossicazione
  • avitaminosi
  • malattie infettive
  • patologia del sistema nervoso o cardiovascolare.

L'atrofia del nervo ottico è spesso una delle manifestazioni dei processi oncologici nelle aree adiacenti all'occhio..

Diagnosi di atrofia del nervo ottico

Nelle prime fasi, è difficile diagnosticare la malattia, poiché i cambiamenti iniziali possono essere espressi solo da un leggero sbiancamento della testa del nervo ottico, che non è sempre evidente. Inoltre, non è necessario che l'atrofia ottica sia accompagnata da una diminuzione dell'acuità visiva. Pertanto, la diagnosi finale può essere effettuata solo da un oftalmologo esperto dopo un esame diagnostico delle strutture oculari..

Trattamento dell'atrofia del nervo ottico

L'efficacia del trattamento di questa malattia dipende direttamente da quanto presto è stata iniziata, poiché è impossibile ripristinare le fibre nervose atrofizzate. Il trattamento consiste nell'arrestare la progressione della malattia e prevenire il completamento della transizione dall'atrofia parziale.

Il metodo di trattamento è determinato in base ai motivi che hanno portato all'insorgenza della malattia. Per mantenere la funzione dei nervi ottici, il medico può prescrivere vitamine, farmaci che migliorano l'afflusso di sangue al nervo e la nutrizione delle fibre nervose. A volte si consiglia di utilizzare la stimolazione laser, magnetica o elettrica del nervo ottico.

MedGlav.com

Elenco medico delle malattie

Malattie del nervo ottico. Infiammazione, atrofia del nervo ottico, ecc..

Malattie del nervo ottico.


Le malattie del nervo ottico possono essere congenite e acquisite, infiammatorie, degenerative, di natura allergica. Ci sono anche tumori del nervo ottico e anomalie del suo sviluppo..

Neurite.


L'infiammazione acuta del nervo ottico è chiamata neurite.

Le ragioni.
Può svilupparsi a seguito dell'introduzione di microbi o virus che possono causare un processo infiammatorio (durante la transizione dell'infiammazione dalle membrane del cervello, bulbo oculare, seni paranasali, denti, dopo l'influenza, ecc.) O l'esposizione a veleni neurotropici.

Clinica.
Il sintomo principale della neurite ottica acuta è il deficit visivo fino alla cecità. In alcuni casi, il dolore appare dietro l'occhio. Questi dolori sono intermittenti. Si verificano quando l'occhio si muove.

Diagnosi la neurite ottica viene valutata dall'optometrista in base al caratteristico cambiamento infiammatorio nel nervo, visibile durante l'esame del fondo.

Pronto soccorso di emergenza se si sospetta una neurite, consiste nel mandare il paziente in ospedale.

Trattamento la neurite viene eseguita congiuntamente da oftalmologi e neuropatologi.

  • Applicabile Terapia etiotropica (a seconda dell'eziologia della neurite) in combinazione con antinfiammatori e desensibilizzanti:
    • antibiotici,
    • Soluzione al 40% di esametilentetrammina (urotropina) per via endovenosa,
    • corticosteroidi topici e orali,
    • diprazina (pipolfen),
    • difenidramina,
    • vitamine C, B.
  • Disintossicazione:
    • Soluzione di glucosio al 40% per via endovenosa,
    • punture spinali,
    • trasfusione di sangue.
  • Disidratazione:
    • solfato di magnesio per via intramuscolare,
    • furosemide (lasix),
    • cloruro di calcio per via endovenosa,
    • diacarb (fonurite),
    • glicerina all'interno.
  • Terapia riflessa:
    • tamponamento adrenalina-cocaina del passaggio nasale medio,
    • elettroforesi dell'epinefrina,
    • sanguisughe, cerotti di senape sulla regione occipitale.

Nei casi più gravi, la neurite termina con atrofia del nervo ottico, che è accompagnata da una diminuzione persistente dell'acuità visiva e del restringimento del campo visivo.

Papilla congestizia (disco) del nervo ottico.

Le ragioni.
Si sviluppa a seguito di un aumento della pressione intracranica, che può essere causato da tumori, ascessi cerebrali, infiammazioni delle meningi, lesioni craniche e aneurismi cerebrali, malattie del fegato e del sangue.

Clinica.
I pazienti con capezzolo congestizio del nervo ottico raramente si lamentano dello stato delle funzioni visive. A volte notano una visione offuscata a breve termine o addirittura una perdita completa temporanea. Più spesso, i pazienti prestano attenzione solo a un mal di testa..

Diagnosi l'oftalmologo mette un capezzolo stagnante secondo i tipici cambiamenti nel fondo (il disco è ingrandito, sporge nel vitreo, i suoi bordi sono sfocati, sono possibili emorragie), molto simile alla neurite, ma con funzioni visive conservate.

Trattamento ha lo scopo di abbassare la pressione intracranica e trattare la malattia sottostante che ha causato il ristagno.

Atrofia visiva nervo.

Le ragioni.
Si manifesta a seguito di infiammazione o ristagno del nervo ottico ed è sempre accompagnato da una diminuzione dell'acuità visiva fino a cecità e restringimento dei confini del campo visivo.

Le atrofie possono essere congenite e acquisite a seguito di danni al sistema nervoso centrale, con tumori, sifilide, ascessi cerebrali, encefalite, sclerosi multipla, lesioni al cranio, intossicazioni, avvelenamento da alcol con alcol metilico, ecc..

L'atrofia del nervo ottico può essere preceduta da ipertensione e alterazioni vascolari aterosclerotiche. Spesso si osserva atrofia del nervo ottico con avvelenamento da chinino, carenze vitaminiche, fame. Può anche svilupparsi in malattie come l'ostruzione dell'arteria retinica centrale e delle arterie che forniscono il nervo ottico, con uveite, degenerazione dei pigmenti retinici, ecc..

Clinica.
Il quadro clinico dell'atrofia è sempre caratterizzato da pupille dilatate e una quasi totale assenza della loro risposta alla luce, mancanza di tracciamento e fissazione. Gli occhi di questi pazienti stanno vagando. All'esame del fondo, l'atrofia del nervo ottico si manifesta principalmente con scolorimento e restringimento dei vasi arteriosi. A seconda dello stato dei confini del disco, l'atrofia ottica è divisa in primaria o semplice (i confini del disco sono chiari) e secondaria (i confini del disco sono sfocati).

Trattamento.

Il trattamento dell'atrofia del nervo ottico viene effettuato da oftalmologi e neuropatologi.

Applicare vasodilatatori, vitamine, ecc..

  • Il gruppo di farmaci vasodilatatori comprende:
    • nitrito di amile,
    • acido nicotinico (iniezioni sottocutanee di 1 ml di soluzione all'1%), santinolo nicotinato (conforme),
    • cinnarizina (stugerone),
    • no-shpa,
    • dibazol;
  • Infusione endovenosa di soluzione di cloruro di sodio al 10%, viene utilizzata una soluzione di glucosio al 40%.
  • Prescrivere acido adenosina trifosforico (ATP), cocarbossilasi e vitamine - askorutin, В „В6 e in12.
  • Utile soluzione di nitrato di stricnina allo 0,1% e soluzione di nitrito di sodio all'1-2% sotto la pelle della tempia.
  • Viene mostrato l'uso di preparati di tessuti secondo Filatov (sotto forma di iniezioni sottocutanee di aloe, FIBS, preparati di torba).
  • Prescrivere pirogenico, ginseng, eleuterococco.
  • Possibile effetto dall'uso di ultrasuoni, riflessologia (agopuntura).

Atrofia del nervo ottico

Tutti i contenuti di iLive vengono esaminati da esperti medici per garantire che siano il più accurati e concreti possibile.

Abbiamo linee guida rigorose per la selezione delle fonti di informazione e ci colleghiamo solo a siti Web affidabili, istituti di ricerca accademica e, ove possibile, comprovata ricerca medica. Si noti che i numeri tra parentesi ([1], [2], ecc.) Sono collegamenti interattivi a tali studi.

Se ritieni che uno dei nostri contenuti sia inaccurato, obsoleto o altrimenti discutibile, selezionalo e premi Ctrl + Invio.

L'atrofia del nervo ottico è clinicamente una combinazione di sintomi: deficit visivo (diminuzione dell'acuità visiva e sviluppo di difetti del campo visivo) e pallore della testa del nervo ottico.

L'atrofia del nervo ottico è caratterizzata da una diminuzione del diametro del nervo ottico dovuta a una diminuzione del numero di assoni.

Codice ICD-10

Cause di atrofia del nervo ottico

Dalle malattie del sistema nervoso centrale, le cause dell'atrofia del nervo ottico possono essere:

  1. tumori della fossa cranica posteriore, ghiandola pituitaria, con conseguente aumento della pressione intracranica, ristagno del capezzolo e atrofia;
  2. compressione diretta del chiasma;
  3. malattie infiammatorie del sistema nervoso centrale (aracnoidite, ascesso cerebrale, sclerosi multipla, meningite);
  4. lesioni del sistema nervoso centrale, che portano a danni al nervo ottico nell'orbita, nel canale, nella cavità cranica a lungo termine, nell'esito di aracnoidite basale, con conseguente atrofia discendente.

Cause comuni di atrofia del nervo ottico:

  1. ipertensione, che porta a una violazione dell'emodinamica dei vasi del nervo ottico dal tipo di disturbi circolatori acuti e cronici e all'atrofia del nervo ottico;
  2. intossicazione (avvelenamento alcolico da tabacco con alcol metilico, clorofos);
  3. perdita di sangue acuta (sanguinamento).

Malattie del bulbo oculare che portano all'atrofia: danni alle cellule gangliari della retina (atrofia ascendente), ostruzione acuta dell'arteria centrale, malattie distrofiche dell'arteria (degenerazione pigmentaria retinica), malattie infiammatorie della coroide e della retina, glaucoma, uveite, miopia.

Le deformità del cranio (cranio a torre, morbo di Paget, in cui si verifica un'ossificazione precoce delle suture) portano ad un aumento della pressione intracranica, papilla congestizia del nervo ottico e atrofia.

Con atrofia del nervo ottico, si verificano la disintegrazione di fibre nervose, guaine, cilindri assiali e la loro sostituzione con tessuto connettivo, i capillari si sono esauriti.

Sintomi di atrofia del nervo ottico

  1. diminuzione della funzione visiva;
  2. cambiamenti nell'aspetto della testa del nervo ottico;
  3. la visione centrale soffre di danni al fascio maculo-capillare, la formazione di uno scotoma centrale;
  4. cambiamenti della visione periferica (restringimento concentrico, restringimento a forma di settore), con un focus nel chiasma - perdita della visione periferica;
  5. cambiamento nella percezione del colore (prima soffre la percezione del verde, poi il rosso);
  6. l'adattamento del tempo soffre di danni alle fibre nervose periferiche.

La dinamica delle funzioni visive durante l'atrofia non viene osservata.

Con atrofia parziale, la vista è significativamente ridotta, con atrofia completa, si verifica la cecità.

Quali preoccupazioni?

Atrofia ottica acquisita

L'atrofia ottica acquisita risulta da un danno alle fibre del nervo ottico <нисходящая атрофия) или клеток сетчатки <восходящая атрофия).

I processi che danneggiano le fibre del nervo ottico a vari livelli (orbita, canale ottico, cavità cranica) portano all'atrofia discendente. La natura del danno è diversa: infiammazione, trauma, glaucoma, danno tossico, ridotta circolazione sanguigna nei vasi che alimentano il nervo ottico, disordini metabolici, compressione delle fibre ottiche per formazione volumetrica nella cavità orbitale o nella cavità cranica, processo degenerativo, miopia, ecc.).

Ogni fattore eziologico causa atrofia del nervo ottico con alcune tipiche caratteristiche oftalmoscopiche, ad esempio glaucoma, alterata circolazione sanguigna nei vasi che alimentano il nervo ottico. Tuttavia, ci sono caratteristiche comuni all'atrofia ottica di qualsiasi natura: sbiancamento della testa del nervo ottico e compromissione della funzione visiva.

Il grado di diminuzione dell'acuità visiva e la natura dei difetti del campo visivo sono determinati dalla natura del processo che ha causato l'atrofia. L'acuità visiva può variare da 0,7 alla cecità pratica.

Secondo il quadro oftalmoscopico, si distingue l'atrofia primaria (semplice), che è caratterizzata dal pallore della testa del nervo ottico con confini chiari. Il numero di piccole navi sul disco è ridotto (il sintomo di Kestenbaum). Le arterie retiniche sono ristrette, le vene possono essere di calibro normale o anche un po 'ristrette.

A seconda del grado di danno alle fibre ottiche e, di conseguenza, del grado di diminuzione delle funzioni visive e sbiancamento della testa del nervo ottico, si distingue un'atrofia iniziale o parziale e completa del nervo ottico.

Il tempo durante il quale si sviluppa lo sbiancamento della testa del nervo ottico e la sua gravità dipendono non solo dalla natura della malattia, che ha portato all'atrofia del nervo ottico, ma anche dalla lontananza della lesione dal bulbo oculare. Quindi, ad esempio, con un danno infiammatorio o traumatico al nervo ottico, i primi segni oftalmoscopici di atrofia del nervo ottico compaiono diversi giorni dopo - diverse settimane dopo l'inizio della malattia o il momento della lesione. Allo stesso tempo, quando l'educazione volumetrica agisce sulle fibre ottiche nella cavità cranica, inizialmente solo i disturbi visivi compaiono clinicamente e dopo molte settimane e persino mesi si sviluppano cambiamenti nel fondo sotto forma di atrofia del nervo ottico..

Atrofia ottica congenita

L'atrofia congenita, geneticamente determinata del nervo ottico è suddivisa in autosomica dominante, accompagnata da una diminuzione asimmetrica dell'acuità visiva da 0,8 a 0,1, e autosomica recessiva, caratterizzata da una diminuzione dell'acuità visiva, spesso alla cecità pratica già nella prima infanzia.

Quando vengono rilevati segni oftalmoscopici di atrofia del nervo ottico, è necessario condurre un esame clinico approfondito del paziente, compresa la determinazione dell'acuità visiva e dei confini del campo visivo per i colori bianco, rosso e verde, e uno studio della pressione intraoculare.

In caso di sviluppo di atrofia sullo sfondo di edema della testa del nervo ottico, anche dopo la scomparsa dell'edema, i confini e il modello del disco rimangono indistinti. Questa immagine oftalmoscopica è chiamata atrofia secondaria (postoperatoria) del nervo ottico. Le arterie retiniche sono di calibro ristretto, mentre le vene sono dilatate e attorcigliate.

Quando vengono rilevati segni clinici di atrofia del nervo ottico, è necessario prima di tutto stabilire la causa dello sviluppo di questo processo e il livello di danno alle fibre ottiche. A tale scopo, non viene eseguito solo un esame clinico, ma anche TC e / o RM del cervello e delle orbite..

Oltre al trattamento determinato eziologicamente, viene utilizzata la terapia complessa sintomatica, inclusa la terapia vasodilatatrice, le vitamine C e B, i farmaci che migliorano il metabolismo dei tessuti, varie opzioni per la terapia stimolante, inclusa la stimolazione elettrica, magnetica e laser del nervo ottico.

Le atrofie ereditarie si presentano in sei forme:

  1. con un tipo recessivo di eredità (infantile) - dalla nascita a tre anni, c'è una completa diminuzione della vista;
  2. con un tipo dominante (cecità giovanile) - da 2-3 a 6-7 anni. Il corso è più favorevole. La vista diminuisce a 0,1 - 0,2. Sul fondo si nota uno sbiancamento segmentale della testa del nervo ottico, possono esserci nistagmo, sintomi neurologici;
  3. sindrome opto-oto-diabetica - da 2 a 20 anni. L'atrofia è associata a degenerazione pigmentaria retinica, cataratta, diabete mellito e diabete insipido, sordità, danni alle vie urinarie;
  4. La sindrome di Beer è un'atrofia complicata. Atrofia semplice bilaterale già nel primo anno di vita, il reggae scende a 0,1-0,05, nistagmo, strabismo, sintomi neurologici, danni agli organi pelvici, la via piramidale soffre, si unisce il ritardo mentale;
  5. correlato al sesso (più spesso osservato nei ragazzi, si sviluppa nella prima infanzia e aumenta lentamente);
  6. Malattia di Lester (atrofia ereditaria di Lester) - nel 90% dei casi si verifica tra i 13 ei 30 anni.

Sintomi Insorgenza acuta, un forte calo della vista per diverse ore, meno spesso per diversi giorni. Una sconfitta del tipo di neurite retrobulbare. Il disco ottico all'inizio non viene modificato, quindi appare l'offuscamento dei bordi, i cambiamenti nei piccoli vasi - microangiopatia. Dopo 3-4 settimane, il disco ottico diventa più pallido sul lato temporale. La vista migliora nel 16% dei pazienti. Molto spesso, l'ipovisione rimane per tutta la vita. I pazienti sono sempre irritabili, nervosi, preoccupati per il mal di testa, la stanchezza. Causa: aracnoidite optochiasmatica.

Atrofia ottica in alcune malattie

  1. L'atrofia ottica è uno dei principali segni del glaucoma. L'atrofia glaucomatosa si manifesta con un disco pallido e la formazione di una depressione - scavo, che prima occupa le regioni centrale e temporale, quindi copre l'intero disco. A differenza delle suddette malattie che portano all'atrofia del disco, nell'atrofia glaucomatosa, il disco ha un colore grigio, che è associato alle peculiarità del danno al suo tessuto gliali.
  2. Atrofia sifilitica.

Sintomi La testa del nervo ottico è pallida, grigia, i vasi di calibro normale e bruscamente ristretta. La visione periferica si restringe in modo concentrico, non c'è bestiame, la percezione del colore ne risente presto. Potrebbe esserci una cecità progressiva che si manifesta rapidamente, nel corso di un anno.

Procede a ondate: una rapida diminuzione della vista, quindi durante il periodo di remissione - miglioramento, durante il periodo di esacerbazione - deterioramento ripetuto. Si sviluppano miosi, strabismo divergente, cambiamenti nelle pupille, mancanza di risposta alla luce, mantenendo la convergenza e l'accomodamento. La prognosi è infausta, la cecità si manifesta entro i primi tre anni.

  1. Caratteristiche dell'atrofia del nervo ottico da la compressa (tumore, ascesso, cisti, aneurisma, vasi sclerosi), che possono essere nell'orbita, nella fossa cranica anteriore e posteriore. La visione periferica soffre a seconda della localizzazione del processo.
  2. Sindrome di Foster-Kennedy - atrofia aterosclerotica. La compressione può causare la sclerosi dell'arteria carotide e la sclerosi dell'arteria oftalmica; dall'ammorbidimento con la sclerosi delle arterie, si verifica la necrosi ischemica. Oggettivamente - scavo causato dalla retrazione della piastra reticolare; atrofia diffusa benigna (con sclerosi dei piccoli vasi della pia madre) cresce lentamente, accompagnata da cambiamenti aterosclerotici nei vasi retinici.

L'atrofia del nervo ottico nell'ipertensione è il risultato della neuroretinopatia e delle malattie del nervo ottico, del chiasma e del tratto ottico.

Atrofia del nervo ottico con perdita di sangue (sanguinamento gastrico, uterino). Dopo 3-10 giorni, si sviluppa un'immagine di neurite. Il disco ottico è pallido, le arterie sono fortemente ristrette, la visione periferica è caratterizzata da restringimento concentrico e perdita della metà inferiore del campo visivo. Cause: abbassamento della pressione sanguigna, anemia, cambiamenti del disco.

Atrofia del nervo ottico con intossicazione (avvelenamento con chinino). I sintomi generali dell'avvelenamento sono caratteristici: nausea, vomito, perdita dell'udito. Sul fondo c'è un'immagine di atrofia. Quando si avvelena con una felce maschio, la vista diminuisce, la visione periferica si restringe, i cambiamenti si verificano rapidamente e sono persistenti.

Diagnosi di atrofia del nervo ottico

La diagnosi viene fatta sulla base di un quadro oftalmoscopico. All'esame si osserva uno sbiancamento del disco ottico; quando il fascio maculo-capillare è danneggiato, le sezioni temporali della testa del nervo ottico diventano pallide (neurite retrobulbare). Lo sbiancamento del disco è dovuto alla diminuzione del numero di piccoli vasi, alla proliferazione della glia e alla transilluminazione della placca etmoidale. I confini del disco sono chiari, il calibro e il numero di vasi diminuiscono (normalmente 10-12, con atrofia 2-3).

Distinguere tra atrofia ottica acquisita e congenita.

Siamo gli unici al mondo a curare l'atrofia ottica acquisita. Intervista a Rasim Hajiyev

Un medico è una vocazione! Lo si può vedere incontrando il fondatore della clinica HAT Medicine, professore del Dipartimento di Oftalmologia dell'Istituto statale dell'Azerbaigian per la formazione avanzata dei medici intitolato ad A. Aliyev, Dottore in scienze mediche Rasim Hajiyev. Un uomo che ha dedicato quasi tutta la sua vita alla scienza e all'istruzione, ha fondato una metodologia che è unica non solo per l'Azerbaigian, ma per il mondo intero: "HAT Medicine".

In un'intervista con Media.Az, ha parlato di cos'è HAT Medicine, di come offre alle persone l'opportunità di vedere di nuovo e molto altro ancora.

- Dicci da quanto tempo opera la tua clinica?

- La clinica è stata fondata circa nove anni fa. Oggi trattiamo non solo i cittadini del nostro paese, ma anche gli stranieri. Vengono qui specificamente per curare l'atrofia ottica. Non esiste un trattamento al mondo per l'atrofia del nervo ottico acquisito, una persona diventa gradualmente cieca. Ma sono riuscito a creare una direzione completamente nuova nel trattamento chiamata "Medicina HAT".

- Che cos'è la "medicina HAT"?

- È l'acronimo di Human Attractor Treatment, che significa trattamento degli attrattori umani. L'attrattore è un concetto che è entrato in uso da una nuova direzione nella scienza del caos. Il caos stesso può essere visto come una scienza indipendente, proprio come ogni scienza può essere vista dal punto di vista dello stesso caos. La scienza e la tecnologia hanno fatto passi da gigante negli ultimi 100 anni. Numerosi progressi sono apparsi anche in medicina, ad esempio la scoperta di antibiotici, ormoni. Vengono eseguiti incredibili interventi di trapianto di organi, interventi chirurgici endoscopici, interventi oftalmici come la vitrectomia, la chirurgia laser ad eccimeri.

Allo stesso tempo, è molto difficile trattare la congiuntivite cronica comune, il mal di schiena, l'asma bronchiale. Anche se, grazie alla tecnica di cui sopra, molte malattie possono essere curate in soli cinque giorni. Sembra incredibile, è difficile da credere, ma i video con centinaia di pazienti pubblicati sul nostro sito suggeriscono il contrario..

- Quanto tempo fa sei arrivato in questa direzione?

- Subito dopo essermi diplomato all'istituto medico di Baku, ho sviluppato i sintomi della prostatite cronica. Sono andato dal medico, sono stato trattato con antibiotici, ma i sintomi della prostatite non sono scomparsi completamente. Per due anni ha assunto costantemente antibiotici. I dolori si placarono, poi si intensificarono e non scomparvero. All'inizio non ci ho prestato attenzione, ma poi sono diventato quasi un tossicodipendente, iniettandomi antibiotici per via endovenosa. Dopo due anni di trattamento continuo, sapevo che era ora di smettere. Continuare il trattamento antibiotico può peggiorare le cose. Non è necessario distruggere la microflora delle mucose, ma solo per indebolirla.

Le nostre mucose, a contatto con l'ambiente esterno, pullulano di microbi. Grazie a questi microbi, noi e le nostre cellule esistiamo. Questi microbi determinano il nostro umore. Queste non sono solo parole, sono vere. Ogni particella ha la propria sfera di influenza. I nostri microbi vivono come popolazioni. Se li guardiamo al microscopio, per noi sono gli stessi, innocui stafilococchi. Ma in realtà, tra loro c'è una popolazione generale, così come una diversa "opposizione" dal determinante medio generale. Se gli antibiotici vengono utilizzati a dosi normali, possono distruggere questa popolazione. Ma un luogo santo non è mai vuoto. Questa popolazione può essere sostituita da un'altra popolazione. Ma in alcuni casi, tra popolazioni diverse nasce una lotta per il potere, cioè il caos. E questo è un processo infiammatorio cronico..

Nel nostro trattamento, eliminiamo il caos e portiamo il sistema in equilibrio. Questo è il sistema HAT Medicine. Il trattamento consiste nel prendere un'analisi batteriologica dalle mucose di una persona. Viene eseguita una complessa analisi della sensibilità agli antibiotici e determinazione del grado di "aggressività" dei microbi. Dopodiché, tenendo conto della sensibilità, vengono somministrate cinque iniezioni di antibiotici convenzionali per via intramuscolare, ma in dosi molto piccole. Poi arriva il recupero o un miglioramento significativo della condizione. Va notato che durante il trattamento deve essere seguita una dieta speciale. È l'equilibrio tra flora microbica e anticorpi la chiave per la salute..

Avendo capito tutto questo, ho capito che posso curare la prostatite cronica in pochissimo tempo. Ho iniziato a curare tutti i miei amici per la prostatite cronica. Ha aperto uno studio privato di sessuopatologia, dove ha curato pazienti con prostatite.

Allo stesso tempo, mentre lavorava come oculista, iniziò ad applicare le conoscenze acquisite nelle malattie croniche degli occhi. Dal 1990, questo metodo ha iniziato a trattare alcune forme di atrofia del nervo ottico. Il nome di questo metodo è stato dato da HAT Medicine.

- Si scopre che hai iniziato a studiare questa tecnica subito dopo la laurea.?

- Naturalmente, per la prima volta sono stato notato dall'oculista, accademico dell'Accademia delle scienze della SSR dell'Azerbaigian, la professoressa Zarifa Aliyeva. È stata la fondatrice del laboratorio di patologia professionale, alla ricerca di giovani oftalmologi. Ricordo che superai l'esame e lei mi portò a lavorare al dipartimento dell'Istituto statale di studi medici avanzati dell'Azerbaigian intitolato ad A. Aliyev. Mi ha dato un argomento da studiare sulla retinopatia diabetica. Questa è una delle più gravi malattie degli occhi. La maggior parte degli ipovedenti e dei ciechi proviene da questa malattia.

Zarifa Aliyeva mi ha dato un'idea e ha definito l'argomento della mia tesi di dottorato. Ho pubblicato un gran numero di lavori scientifici, due tesi sono state difese. La causa di questa malattia e i metodi di trattamento sono considerati da nuove posizioni. Questa non è una malattia vascolare, come è stata considerata fino ad ora, ma una lesione delle cellule gliali della retina. Piuttosto, infiammazione cronica.

Senza Zarifa Aliyeva, questa dissertazione e, forse, il sistema di medicina HAT non esisterebbero. A proposito, nel 1999, gli oftalmologi dello stato americano del Wisconsin hanno confermato la nuova teoria della patogenesi della retinopatia diabetica. Ho scritto loro che lo facciamo da più di un anno e ho ricevuto congratulazioni da uno specialista in questo campo, Thomas Gardner..


- Hai molti pazienti non solo dal nostro paese, ma anche dall'estero. Si scopre che puoi dare la vista letteralmente a tutti.?

- Ahimè, non è così. Da 30 anni trattiamo una malattia come l'atrofia del nervo ottico. Ma non ci occupiamo di tutti i casi, ma solo di quelli in cui capiamo che possiamo aiutare una persona al cento per cento. Non trattiamo casi di cecità completa, atrofia del nervo ottico sullo sfondo di un disco oculare stagnante o malattie ereditarie. Su 10 casi, ne prendo solo 1-2.

I pazienti mi inviano tutti i dati in anticipo, dopodiché li invito in clinica. Aiutiamo non solo i bambini, ma anche gli adulti. Ricordo che il mio primo paziente straniero proveniva dalla Germania. Molti pazienti provengono da Kazakistan, Ucraina, Russia e altri paesi della CSI. Provengono da Olanda, Danimarca, Turchia, Estonia, Lettonia, ecc..

Ad esempio, un piccolo paziente di sette anni con suo padre è venuto da noi di recente dal Kazakistan. In un bambino, fin dall'infanzia, praticamente non vedeva l'occhio destro e vedeva male il sinistro, solo il 20%, ma con un campo visivo molto ristretto. Inoltre, la sua vista è gradualmente peggiorata. Già al sesto giorno di trattamento, il bambino ha notato un miglioramento. L'acuità visiva dell'occhio sinistro è diventata del 40%. I confini del campo visivo si sono notevolmente ampliati. Siamo stati contattati anche da un deputato del Kazakistan, che siamo riusciti ad aiutare. Ci sono molti casi, puoi elencarli all'infinito...

- Si scopre che, ad eccezione di te nella Repubblica, nessuno guarisce usando il metodo sopra?

- No, siamo gli unici nel paese e nel mondo.

- Non esegui operazioni, ho capito bene?

- No, trattiamo l'atrofia con antibiotici. La cosa più importante in questo caso è selezionare chiaramente la dose. Diamo cinque iniezioni e dopo otto-nove giorni diamo al paziente una perimetria, cioè un esame oftalmologico, in cui vengono determinati i confini del campo visivo del paziente e l'area di perdita di una parte del campo visivo (scotomi). E vediamo subito quale effetto è già stato ottenuto. È cumulativo, i risultati vengono valutati completamente dopo cinque o sei mesi.

- Ci sono molte persone nel nostro paese con malattie agli occhi? Quante persone vengono in media da te per un esame?

- Molto, non solo qui, ma in tutto il mondo. Molte persone vengono per un esame. Non tengo statistiche, ma ce ne sono molte..

Ad esempio, una volta che un paziente è venuto a vedere chi soffre di atrofia del nervo ottico dal 2006. Ovunque non sia stata trattata, ha anche subito un intervento chirurgico antiglaucomatoso all'occhio destro. Sebbene non avesse il glaucoma. Dopo l'operazione, il suo occhio destro è diventato cieco e deviato verso l'esterno. Quindi l'occhio sinistro ha iniziato a deteriorarsi rapidamente e la vista era di 0,3. Abbiamo fatto il trattamento e dopo un mese la vista nell'occhio sinistro è aumentata all'80%. E ha anche iniziato a vedere l'occhio destro - 0,16 e con correzione - 0,3.

Questo è il terzo caso in cui, con completa atrofia del nervo ottico, viene ripristinata la visione dell'occhio che non vede. Di norma, ci impegniamo solo nei casi in cui viene determinata la visione dell'oggetto. Siamo consapevoli che questa è una visione un po 'tubolare, ma il paziente ha iniziato a vedere le stelle.

- Per quanto ne so, oltre a te, c'è un altro oftalmologo in famiglia, questa è tua figlia. Dicci che lavorate insieme?

- La aiuto, ovviamente. Ora è più coinvolta nel trattamento dello strabismo. Siamo riusciti a scoprire che lo strabismo si basa sulla differenza di acuità visiva tra i due occhi. Se l'astigmatismo è molto piccolo, puoi semplicemente mettere gli occhiali sul bambino e dopo un mese lo strabismo è sparito. È necessario applicare immediatamente dopo l'inizio dello strabismo ed è meglio essere controllato profilatticamente per tutti una volta ogni tre mesi. Se i genitori arrivano in ritardo, l'operazione dovrebbe già essere eseguita. Eseguiamo queste operazioni ad alto livello.

Tutti questi studi sono stati condotti da mia figlia, Narmina Hajiyeva, presso il Centro Oftalmologico Nazionale intitolato all'accademica Zarifa Aliyeva, che ha presentato rapporti scientifici a Milano, Barcellona e Tokyo. È stata persino invitata a Los Angeles dal famoso oculista che si occupa di strabismo, Kenes Wright. Lì ha lavorato con lui nella stessa clinica ed è stata operata. Era deliziato da questa ricerca e ha elogiato il suo lavoro..

- Hai solo due dottori nella tua famiglia?

- Sì, ho altri due figli. Nonostante i miei migliori sforzi, non volevano diventare medici..

- In sintesi, si può sostenere che tutte le malattie possono essere trattate in base al tuo metodo.?

- Sì, ho provato molto su me stesso, utilizzando il metodo HAT Medicine. E ha quasi sempre ottenuto risultati positivi. In futuro, grazie a questa tecnica, sarà possibile curare molte malattie, ma finora mi occupo solo di oftalmologia.