Ateroma

L'ateroma (dal greco athera: athera - gruel, oma - tumore) è una neoplasia sulla pelle sotto forma di tumore, che appartiene al gruppo delle cisti epiteliali. A seconda dell'istologia, è diviso in quattro tipi, tuttavia sono tutti equivalenti e nella medicina pratica sono chiamati ateromi..

Caratteristiche dell'ateroma

L'ateroma (cisti epidermica) può essere sporadico (casuale) o ereditario, ma il gene responsabile dello sviluppo della malattia è ancora sconosciuto. Viene diagnosticato più spesso nelle donne di mezza età, ma si verifica anche negli uomini. Una neoplasia può apparire ovunque, ma nella maggior parte dei casi è la testa, il viso, la schiena, il collo, l'interno delle cosce, i genitali. Nel 70% dei casi, si tratta di ateromi multipli, nel 10% - non più di una dozzina di tumori separati.

A seconda della struttura, gli ateromi sono suddivisi in diversi tipi:

  • Steatocistoma multiplo.
  • Cisti trichilemmale.
  • Cisti epidermica.
  • Cisti da ritenzione della ghiandola sebacea (si sviluppa a causa di un blocco del condotto).

I pazienti a cui viene successivamente diagnosticato un ateroma sviluppano un gonfiore sulla pelle piccolo, compatto, elastico e indolore che si sposta leggermente quando viene premuto con un dito. La pelle sopra e intorno al tumore non cambia; in caso di infiammazione diventa rossa e con una rapida crescita si forma un'ulcera. Nei casi avanzati, al centro della neoplasia è visibile un condotto allargato della ghiandola sebacea. Il tumore non cresce per molti anni o cresce in diversi mesi. A volte, attraverso un piccolo foro nella pelle, una massa cagliata dall'odore sgradevole di colore bianco o bianco-giallo viene rilasciata dall'ateroma. Per confermare la diagnosi, la malattia è differenziata da lipomi, osteomi, cisti dermoidi, fibromi e altri tumori dei tessuti molli. L'aspetto di un ateroma di diversi tipi e gravità può essere visto nella foto presentata nell'articolo.

Sintomi di ateroma

Gli ateromi sono formazioni dense e globose sulla pelle, riempite con una massa bianca o giallo pallido. Hanno confini chiari e si muovono leggermente quando vengono premuti; al centro, a volte è visibile il dotto della ghiandola sebacea. Molto spesso, i tumori non causano dolore, ma sono molto dolorosi se si trovano in punti di attrito costante con le cuciture degli indumenti. Le neoplasie sono singole e multiple, se localizzate in gruppi, viene diagnosticata l'ateromatosi. Dimensioni: da 5 a 40 mm, possono rimanere piccole per molti anni, possono progredire rapidamente.

Lo sviluppo dell'ateroma avviene in tre modi:

  • Una piccola massa globulare si apre e si trasforma in un'ulcera.
  • L'ateroma è ricoperto da tessuto connettivo denso e rimane in questa forma fino alla fine della vita..
  • La neoplasia degenera in un tumore maligno (cancro della pelle).

Cause di ateroma

Qualsiasi violazione delle ghiandole sebacee può causare lo sviluppo di un tumore. Ad esempio, iperidrosi, alterata esfoliazione delle cellule cutanee cheratinizzate, ispessimento della pelle e proprietà alterate dello strato corneo della pelle portano al blocco dei dotti. Esistono due tipi di ateroma: vero e falso (ritenzione).

Vero: una cisti di origine nevoidale, formata dal tessuto cutaneo. Il più delle volte diagnosticato nelle donne, localizzato sul cuoio capelluto e aumenta di dimensioni piuttosto lentamente.

Falso: una cisti formata da coaguli di sebo a causa del blocco della ghiandola sebacea. Ugualmente comune nelle donne e negli uomini, si forma su qualsiasi parte del corpo - sul viso, sulla schiena, sul petto, a volte - sull'interno delle cosce e sui genitali. L'ateroma da ritenzione cresce di dimensioni piuttosto rapidamente.

Le ragioni principali per lo sviluppo dell'ateroma sono:

  • Interruzione (blocco) delle ghiandole sebacee.
  • Disturbi ormonali.
  • Aumento della viscosità del sebo.
  • Indebolimento della funzione escretoria.
  • Impatto ambientale negativo.
  • Lavoro dannoso.
  • Inosservanza delle norme igieniche.
  • Cosmetici che restringono i dotti delle ghiandole sebacee.
  • Antitraspiranti, deodoranti.

Questi fattori aumentano significativamente il rischio di ateroma e altre malattie dermatologiche..

Ateroma dei bambini

Le ghiandole sebacee nei bambini non funzionano così intensamente come negli adulti. Non hanno interruzioni ormonali e altri fattori che provocano lo sviluppo di tumori. Pertanto, l'ateroma in un bambino è un'eccezione, ma si verifica ancora, nella maggior parte dei casi - sul cuoio capelluto, meno spesso - in altri luoghi di accumulo delle ghiandole sebacee.

È necessario monitorare attentamente le condizioni della pelle del bambino se ha:

  • Disturbi ormonali.
  • Sovrappeso.
  • I parenti stretti hanno ateromi.

Quando compaiono neoplasie, i medici consigliano di rimuoverle il prima possibile, finché non aumentano di dimensioni, si infiammano e si deteriorano. Ma solo per adulti e bambini sotto i tre anni.

Nei bambini di età superiore ai tre anni, l'ateroma viene rimosso se:

  • L'infiammazione si sviluppa.
  • Ci sono sensazioni dolorose.
  • Cresce rapidamente di dimensioni.
  • Provoca disagio, schiaccia i vasi sanguigni, interferisce.

Se non ci sono indicazioni per la rimozione urgente, l'operazione viene posticipata: non può essere eseguita in anestesia locale, poiché i bambini non possono essere immobili a lungo, l'anestesia generale è dannosa per il corpo del bambino. La decisione sui metodi di trattamento dell'ateroma nei bambini viene presa da un dermatologo (chirurgo) in base ai risultati della diagnostica.

Diagnosi di ateroma

Per compilare un quadro clinico, il medico esamina e intervista il paziente. Per confermare la diagnosi, prescrive:

  • Analisi del sangue clinico - per identificare il processo infiammatorio.
  • Ultrasuoni: per rilevare una neoplasia della cavità e determinarne accuratamente le dimensioni.
  • MRI - in rari casi, con una localizzazione speciale.
  • Istologia - dopo la rimozione del tumore, al fine di valutare le cellule epiteliali che compongono le pareti della cavità.

Trattamento dell'ateroma

Il trattamento dell'ateroma con farmaci e rimedi popolari non ha senso. L'unico modo sicuro per sbarazzarsi di una cisti epidermica è rimuoverla. Oggi i medici offrono tre metodi:

  • Chirurgico.
  • Laser.
  • Onde radio.

Nella classica rimozione chirurgica con un bisturi, viene utilizzato uno dei seguenti metodi:

  • Viene praticata un'incisione nel sito di massimo gonfiore, il contenuto del tumore viene espulso.
  • La capsula viene afferrata con due morsetti, la cavità viene raschiata con un cucchiaio.
  • La pelle sopra l'ateroma viene sezionata in modo da non danneggiare la capsula. Il tessuto viene separato, la capsula viene rimossa, premendo con le dita sui bordi dell'incisione.
  • Vengono praticate due incisioni lungo il contorno del tumore, la capsula viene rimossa premendo sui bordi della ferita.

L'operazione per rimuovere l'ateroma viene eseguita in anestesia locale e dura 20-25 minuti. Una sutura cosmetica viene applicata alla ferita, la cicatrice dopo la guarigione è quasi invisibile. Dopo la rimozione, la capacità di lavorare viene mantenuta, puoi andare a lavorare il giorno successivo, i punti vengono rimossi dopo una o due settimane.

È possibile determinare se un ateroma è infiammato o meno da segni esterni. Il tumore aumenta di dimensioni, la pelle intorno e sopra diventa rossa, quando viene premuto, appare dolore, la temperatura aumenta, una sostanza grigio-bianca dall'odore sgradevole può essere rilasciata dalla cavità. In caso di infiammazione, contattare immediatamente un dermatologo o un chirurgo. Il medico effettuerà un esame, prescriverà ricerche, se necessario, invierà per consultazione a un oncologo e altri specialisti specializzati. Se la diagnosi è confermata, elaborerà un regime di trattamento e, se la rimozione è necessaria, ti dirà con quale metodo può essere eseguita e con quale anestesia. La controindicazione alla chirurgia è il diabete mellito e l'uso a lungo termine di farmaci che rallentano la coagulazione del sangue. La rimozione dell'ateroma dura non più di un'ora e viene eseguita su base ambulatoriale, il ricovero non è richiesto. Non ha senso usare l'anestesia, quindi viene utilizzata l'anestesia locale. Tipicamente, questa è l'iniezione di anestetico nel tessuto sottocutaneo che circonda il tumore. L'eccezione è l'ateroma gigante e alcuni altri casi. 4 ore prima dell'inizio dell'operazione, non è possibile mangiare o bere, prima dell'operazione il paziente firma un consenso, il medico scatta una foto dell'ateroma.

La chirurgia d'urgenza è necessaria per:

  • Infezione.
  • Infiammazione.
  • Sviluppo di un ascesso.

In questi casi, il trattamento dell'ateroma è il seguente: non viene rimosso, viene aperto, il pus viene pulito, lavato e viene installato il drenaggio. Nel periodo postoperatorio vengono prescritti antibiotici. Per evitare recidive, il tumore viene rimosso 3 mesi dopo l'apertura chirurgica e la completa guarigione.

Un'operazione pianificata viene eseguita secondo l'algoritmo standard:

  • Preparazione e disinfezione dell'area operativa.
  • Anestesia locale.
  • Incisione su ateroma (bisturi, laser o coltello a onde radio).
  • Isolamento ed esfoliazione del corpo tumorale - intero (insieme al contenuto) o separatamente (contenuto, quindi guscio).
  • Trattamento delle ferite con soluzioni disinfettanti.
  • Fare punti cosmetici, riassorbibili o regolari.
  • Applicare un nastro o una benda antisettica (ad eccezione del cuoio capelluto).

Entro un giorno dall'operazione, la temperatura potrebbe aumentare leggermente, ma se questi indicatori sono superiori a 38 gradi, la ferita si gonfierà e farà male, dovresti consultare immediatamente un medico. È probabile che un'infezione sia entrata nel corpo, che può essere distrutta solo dagli antibiotici..

Complicazioni dell'ateroma

Negli ateromi si sviluppa spesso un processo infiammatorio, la pelle intorno e sopra di loro diventa rossa, si gonfiano, si deteriorano, provocano sensazioni dolorose. Se non trattato, si forma un canale aperto, attraverso il quale escono i contenuti purulenti. Esiste un grande pericolo di infezione dei tessuti circostanti e lo sviluppo di flemmone (infiammazione purulenta diffusa). In questo caso, viene eseguita un'operazione di emergenza, dopo di che rimane una cicatrice ruvida sulla pelle. Non è sempre possibile rimuovere completamente l'ateroma e questo può portare alla crescita del tumore in futuro. Un'altra complicazione è la rottura traumatica della capsula e il rilascio del contenuto nel tessuto sottocutaneo. In questa situazione è necessaria anche un'operazione urgente. Dopo l'intervento chirurgico, i coaguli di sangue e la linfa possono accumularsi nella ferita, creando le condizioni ideali per lo sviluppo dell'infezione. Pertanto, è necessario monitorare attentamente le condizioni della medicazione (drenaggio): il liquido dovrebbe fuoriuscire. Per sua natura, l'ateroma è una neoplasia benigna, ma in casi eccezionali degenera in un tumore maligno (cancro della pelle a cellule squamose).

Prevenzione dell'ateroma

Non ci sono misure preventive speciali volte a prevenire l'ateroma..

Consigliato:

  • Rispetta le regole di igiene.
  • Monitora le condizioni della pelle.
  • Pulisci il viso con un'estetista.
  • Combatti l'acne.
  • Usa cosmetici di qualità.
  • Vivi una vita sana.

Per prevenire lo sviluppo di neoplasie nei tessuti sottocutanei, è necessario mangiare bene - escludere cibi grassi e cibi ricchi di carboidrati dalla dieta. Se hai segni di malattia o qualsiasi altro problema della pelle, consulta un dermatologo il prima possibile..

Ateroma (cisti epidermica) della pelle del viso, dell'orecchio, della testa, ecc. - Cause, tipi e sintomi, metodi di trattamento (rimozione), costo dell'intervento, recensioni, foto

Il sito fornisce informazioni di base solo a scopo informativo. La diagnosi e il trattamento delle malattie devono essere effettuati sotto la supervisione di uno specialista. Tutti i farmaci hanno controindicazioni. È necessaria una consulenza specialistica!

Breve descrizione e classificazione dell'ateroma

Secondo il meccanismo di formazione, la struttura istologica e le manifestazioni cliniche, gli ateromi sono neoplasie cistiche classiche, cioè le cisti. E poiché queste cisti si trovano nella pelle e sono formate dalle strutture dell'epidermide, sono chiamate epidermiche o epidermoidi. Pertanto, i termini "cisti epidermica" e "ateroma" sono sinonimi, poiché sono usati per riferirsi alla stessa neoplasia patologica.

Nonostante la capacità di ingrandimento e la presenza di un guscio, gli ateromi non sono tumori, quindi, per definizione, non possono essere maligni o degenerare in cancro, anche se raggiungono dimensioni significative. Il fatto è che il meccanismo di formazione di un tumore e di una cisti è fondamentalmente diverso..

Qualsiasi cisti, compreso l'ateroma, è una cavità formata da una capsula, che è sia una membrana della neoplasia che un produttore di contenuti futuri. Cioè, le cellule della superficie interna della membrana della cisti producono costantemente qualsiasi sostanza che si accumula all'interno della neoplasia. Poiché la secrezione delle cellule della membrana della neoplasia non viene rimossa da nessuna parte dalla capsula chiusa, la allunga gradualmente, a seguito della quale la cisti aumenta di dimensioni.

La formazione e la progressione dell'ateroma avviene secondo il meccanismo sopra descritto. Una caratteristica distintiva dell'ateroma è che è formato dalle cellule della ghiandola sebacea della pelle, che produce costantemente sebo.

Ciò significa che si forma una cisti epidermica quando, per qualche motivo, il dotto escretore della ghiandola sebacea della pelle si ostruisce, a seguito della quale il sebo risultante non viene rimosso sulla superficie della pelle. Tuttavia, le cellule della ghiandola sebacea non smettono di produrre sebo, che si accumula sempre di più nel tempo. Questo grasso allunga il dotto escretore della ghiandola, a seguito del quale l'ateroma gradualmente, ma aumenta costantemente di dimensioni.

Inoltre, l'ateroma può formarsi con un altro meccanismo, quando, a seguito di qualsiasi lesione (ad esempio, un graffio, un taglio, un'abrasione, ecc.), Le cellule dello strato superficiale della pelle entrano nel dotto escretore della ghiandola sebacea. In questo caso, le cellule dello strato superficiale della pelle proprio all'interno del condotto della ghiandola sebacea iniziano a produrre cheratina, che si mescola al grasso e lo trasforma in una massa densa. Questa massa densa, che è una miscela di cheratina e sebo, non viene rimossa dal condotto della ghiandola sebacea verso l'esterno, sulla superficie della pelle, poiché la sua consistenza è troppo spessa e viscosa. Di conseguenza, una densa miscela di cheratina e grasso intasa il lume della ghiandola sebacea, formando un ateroma. All'interno del flusso della ghiandola sebacea continua la produzione attiva di cheratina e sebo, che si accumulano in quantità crescenti, per cui l'ateroma cresce lentamente ma costantemente.

Qualsiasi ateroma è pieno di sebo prodotto dalla ghiandola sebacea, cristalli di colesterolo, cheratina, cellule respinte vive o morte, microrganismi e pezzi di capelli sciolti.

Indipendentemente dal meccanismo esatto con cui si è formato l'ateroma, le cisti hanno lo stesso aspetto e lo stesso decorso clinico. Le cisti epidermiche, di regola, non sono pericolose, perché anche essendo aumentate di dimensioni significative (5-10 cm di diametro), non comprimono alcun organo vitale e non crescono tessuti profondi.

L'unico fattore che rende gli ateromi potenzialmente pericolosi è la possibilità di infiammazione della cisti, che si manifesta con lo sviluppo di edema, arrossamento, indolenzimento e suppurazione della neoplasia. In questo caso, il contenuto infiammatorio può formare un ascesso (ascesso), oppure sciogliere la membrana della cisti e riversarsi nei tessuti molli circostanti o verso l'esterno con la formazione di una fistola.

Se i contenuti infiammatori vengono rimossi all'esterno, questo è un risultato favorevole, poiché non vi è fusione dei tessuti circostanti e la penetrazione di sostanze tossiche nel flusso sanguigno. Se il contenuto dell'ateroma infiammato scioglie la membrana e si riversa nei tessuti circostanti, questo è un risultato sfavorevole, poiché sostanze tossiche e microbi patogeni possono entrare nel flusso sanguigno o causare una malattia infettiva e infiammatoria dei muscoli, del tessuto adiposo sottocutaneo e persino delle ossa. Tuttavia, in generale, gli ateromi sono formazioni sicure di natura cistica..

Qualsiasi ateroma sembra un lipoma, tuttavia, queste neoplasie hanno una struttura fondamentalmente diversa. Quindi, un lipoma è un tumore benigno del tessuto adiposo e un ateroma è una cisti dal dotto escretore della ghiandola sebacea della pelle.

L'ateroma può formarsi su qualsiasi parte della pelle, ma il più delle volte è localizzato in aree con un gran numero di ghiandole sebacee, come il viso (naso, fronte, guance, sopracciglia, palpebre), ascelle, cuoio capelluto, collo, tronco (schiena, petto, inguine), genitali e perineo. Meno comunemente, gli ateromi si formano su aree della pelle che hanno relativamente poche ghiandole sebacee, come mani, piedi, dita, orecchie o ghiandole mammarie nelle donne.

Inoltre, le persone con acne sono a più alto rischio e suscettibilità all'ateroma, poiché i dotti delle ghiandole sebacee sono spesso bloccati, che è un fattore principale nella formazione delle cisti epidermiche. In questo caso, gli ateromi sono solitamente localizzati sulla pelle del collo, delle guance, dietro le orecchie, nonché sul petto e sulla schiena..

A seconda della struttura istologica e della natura dei contenuti, tutti gli ateromi sono suddivisi in quattro tipi:
1. Cisti della ghiandola sebacea;
2. Dermoide;
3. Steacitoma;
4. Ateromatosi.

Tuttavia, tutti e quattro i tipi di ateroma hanno gli stessi segni e decorso clinico, quindi i professionisti non usano questa classificazione. La varietà di ateroma è importante solo per la ricerca scientifica.

Nella pratica clinica viene utilizzata un'altra classificazione, basata sulle caratteristiche della formazione, posizione e decorso dell'ateroma. Secondo questa classificazione, tutti gli ateromi sono divisi in congeniti e acquisiti.

Gli ateromi congeniti (ateromatosi istologica) sono piccole cisti multiple situate in diverse aree della pelle. La loro dimensione non supera un chicco di lenticchia (0,3 - 0,5 cm di diametro). Questi piccoli ateromi di solito si formano sulla pelle del pube, del cuoio capelluto e dello scroto. Gli ateromi congeniti si formano a causa di difetti geneticamente determinati nella struttura delle ghiandole sebacee e una violazione del deflusso di sebo da esse prodotto.

Gli ateromi acquisiti sono anche chiamati cisti epidermoidi secondarie o di ritenzione e sono condotti dilatati delle ghiandole sebacee causati da un blocco nel loro lume. Gli ateromi secondari comprendono dermoidi, steacitomi e cisti della ghiandola sebacea, isolati nella classificazione istologica. Le cause dell'ateroma acquisito sono eventuali fattori fisici che contribuiscono al blocco del lume della ghiandola sebacea, come, ad esempio, un forte ispessimento del sebo prodotto dovuto a squilibri ormonali, traumi, acne e malattie infiammatorie della pelle, sudorazione eccessiva, ecc. Gli ateromi secondari possono esistere a lungo e raggiungere dimensioni significative (5-10 cm).

Ateroma - foto

Queste fotografie mostrano piccoli ateromi sulla guancia e sulla fronte.

Queste foto mostrano ateromi vicino al padiglione auricolare e sul lobo.

Questa foto mostra ateromi localizzati sulla pelle degli organi genitali esterni.

Questa foto mostra l'ateroma del cuoio capelluto.

Questa foto mostra la struttura dell'ateroma rimosso.

Ateroma nei bambini

Localizzazione della cisti epidermica

Poiché qualsiasi ateroma è una cisti del dotto della ghiandola sebacea, può essere localizzato solo nello spessore della pelle. In altre parole, l'ateroma è una neoplasia specifica della pelle di natura cistica..

Molto spesso, gli ateromi si formano su aree della pelle con un'alta densità delle ghiandole sebacee. Cioè, più ghiandole si trovano su un centimetro quadrato della pelle, maggiore è la probabilità che si formi ateroma dal condotto di una di esse. Pertanto, la frequenza di localizzazione dell'ateroma in diverse aree della pelle è la seguente (le aree della pelle sono elencate in ordine decrescente di frequenza di insorgenza dell'ateroma):

  • Parte pelosa della testa;
  • Fronte;
  • Mento e parte delle guance fino alla linea della punta del naso;
  • Naso;
  • Zona sopracciglia;
  • Palpebre;
  • Collo;
  • Inguine;
  • Indietro;
  • Il petto;
  • Lobo dell'orecchio o pelle adiacente alla parte inferiore dell'orecchio
  • Dita;
  • Anca;
  • stinco.

Gli ateromi sulla testa in 2/3 dei casi sono multipli e su altre parti del corpo - singoli. Una caratteristica degli ateromi multipli è la loro piccola dimensione, che aumenta solo leggermente nel tempo. Le singole cisti, al contrario, possono crescere a lungo, raggiungendo dimensioni significative..

Ateroma cutaneo

Ateroma dell'orecchio (lobi)

Ateroma sulla testa (cuoio capelluto)

Ateroma sul viso

Ateroma sul dorso

Ateroma del secolo

Ateroma mammario

Ateroma sul collo

Le ragioni per lo sviluppo dell'ateroma

In generale, l'intera serie di ragioni per lo sviluppo dell'ateroma può essere suddivisa in due gruppi:
1. Blocco del dotto escretore della ghiandola sebacea con grasso denso, cellule epiteliali desquamate, ecc.;
2. La penetrazione delle cellule dalla superficie dell'epidermide negli strati profondi della pelle, che rimangono vitali e continuano a produrre cheratina, che forma una cisti epidermica.

Il primo gruppo di cause dell'ateroma è costituito da numerosi fattori che possono provocare il blocco del dotto della ghiandola sebacea, come ad esempio:

  • Modifica della consistenza del sebo sotto l'influenza di disturbi metabolici;
  • Infiammazione del follicolo pilifero, a seguito della quale il deflusso del sebo prodotto rallenta;
  • Infiammazione dell'epidermide;
  • Danni alle ghiandole sebacee;
  • Acne, punti neri o brufoli;
  • Lesioni alla pelle dovute a spremitura impropria di punti neri, acne e acne;
  • Aumento della sudorazione;
  • Squilibrio ormonale;
  • Uso improprio ed eccessivo di cosmetici;
  • Mancato rispetto delle norme igieniche;
  • Malattie genetiche.

Che aspetto ha l'ateroma?

Indipendentemente dalle dimensioni e dalla posizione dell'ateroma, sembra un evidente rigonfiamento indolore sulla pelle. La dimensione di una cisti epidermica varia da pochi millimetri a 10 centimetri di diametro. La pelle che ricopre l'ateroma è normale, cioè non rugosa, non assottigliata e non rosso-cianotica. Nel tempo, il rigonfiamento aumenta di dimensioni, ma non fa male, non si sfalda, non prude e non si manifesta affatto con sintomi clinici significativi.

In alcuni casi, approssimativamente al centro dell'ateroma sotto la pelle, si può distinguere un punto nero o piuttosto scuro, che è un condotto allargato della ghiandola sebacea che ha subito un blocco. È stato il blocco di questo condotto che ha portato allo sviluppo dell'ateroma..

I tentativi di spremere l'ateroma, come un brufolo, un comedone o un'acne, di solito non hanno successo, poiché la cisti è ricoperta da una capsula ed è di dimensioni piuttosto grandi, il che non consente di rimuoverla completamente attraverso lo stretto lume del canale della ghiandola sebacea, che si apre sulla superficie della pelle. Tuttavia, se c'è un piccolo foro nella capsula della cisti che collega l'ateroma alla superficie della pelle, quando si cerca di spremere fuori dalla formazione, può essere rilasciata una quantità piuttosto grande di una massa bianco-giallastra pastosa. Questa massa ha un odore sgradevole ed è un accumulo di sebo, particelle di colesterolo e cellule respinte..

Se l'ateroma è infiammato, la pelle sopra di esso diventa rossa ed edematosa e la formazione stessa è piuttosto dolorosa quando viene avvertita. Se l'infiammazione è purulenta, la temperatura corporea di una persona può aumentare e la carne può rimanere tale fino a quando il processo non viene risolto, cioè fino a quando la cisti non viene aperta con l'effusione di pus verso l'esterno o nei tessuti profondi. Quando un ateroma infiammato viene aperto, fuoriesce un abbondante contenuto denso con uno specifico odore purulento.

Differenze tra ateroma e lipoma

L'ateroma esternamente è molto simile a un lipoma, che nella vita di tutti i giorni viene solitamente chiamato wen. Il nome "wen" o "tessuto adiposo" viene spesso trasferito all'ateroma, perché assomiglia molto a un lipoma e, inoltre, questo termine è familiare alle persone, in contrasto con il più specifico "ateroma". Tuttavia, questo è sbagliato, poiché l'ateroma e il lipoma sono neoplasie completamente diverse, quindi devono essere distinti l'uno dall'altro..

È molto semplice distinguere un lipoma dall'ateroma, per questo è sufficiente premere il dito nel mezzo del rigonfiamento e monitorare attentamente come si comporterà. Se il rigonfiamento scivola immediatamente fuori da sotto il dito in qualsiasi direzione in modo che sia impossibile premerlo in un punto specifico, allora questo è un lipoma. E se il rigonfiamento, quando viene premuto su di esso, è sotto il dito e non si sposta di lato, allora questo è un ateroma. In altre parole, puoi premere l'ateroma con un dito sul sito di localizzazione, ma il lipoma non può, poiché scivolerà sempre fuori e sporgerà accanto a.

Inoltre, un'ulteriore caratteristica distintiva di un lipoma è la sua consistenza, che, se toccata, è molto più morbida e più plastica di quella dell'ateroma. Pertanto, se, durante la palpazione, è possibile modificare la forma del rigonfiamento, allora questo è un lipoma. E se, con qualsiasi compressione e spremitura con due o più dita, il rigonfiamento mantiene la sua forma, allora questo è un ateroma.

Sintomi

L'ateroma non ha sintomi clinici in quanto tali, poiché la neoplasia non fa male, non cambia la struttura della pelle nell'area di localizzazione, ecc. Possiamo dire che oltre a un difetto estetico esterno sotto forma di un rigonfiamento sulla pelle, l'ateroma non presenta alcun sintomo. Questo è il motivo per cui i medici praticanti considerano l'aspetto e le caratteristiche strutturali dell'ateroma come sintomi dell'ateroma, rivelato dalla palpazione..

Quindi, le seguenti caratteristiche sono considerate i sintomi dell'ateroma:

  • Rigonfiamento limitato chiaramente visibile sulla superficie della pelle;
  • Contorni chiari del rigonfiamento;
  • Pelle normale sopra il rigonfiamento;
  • Struttura densa ed elastica al tatto;
  • Mobilità relativa della formazione, che consente di spostarla leggermente di lato;
  • Visibile come un punto nero al centro dell'ateroma, un dotto escretore allargato della ghiandola sebacea.

Pertanto, i sintomi dell'ateroma sono una combinazione di segni caratteristici esclusivamente esterni che consentono di sospettare e diagnosticare contemporaneamente una cisti.

Con l'infiammazione dell'ateroma, compaiono i seguenti sintomi clinici:

  • Rossore della pelle nell'area dell'ateroma;
  • Gonfiore della pelle nell'area dell'ateroma;
  • Dolore del rigonfiamento durante la palpazione;
  • Sfondamento del pus verso l'esterno (non sempre).

Infiammazione dell'ateroma (ateroma suppurativo)

L'infiammazione dell'ateroma, di regola, si verifica con la sua esistenza prolungata. Inoltre, l'infiammazione può essere settica o asettica. L'infiammazione asettica è provocata dall'irritazione della capsula dell'ateroma da parte dei tessuti circostanti e da varie influenze esterne, come compressione, attrito, ecc. In questo caso, la cisti diventa rossa, edematosa e dolorosa, ma in essa non si forma pus, quindi l'esito di tale infiammazione asettica è favorevole. Di solito, dopo alcuni giorni, il processo infiammatorio si attenua e l'ateroma smette di essere doloroso, rosso ed edematoso. Tuttavia, a causa del processo infiammatorio attorno alla capsula della cisti, si forma il tessuto connettivo, che racchiude l'ateroma in una membrana densa e difficile da permeare..

L'infiammazione settica dell'ateroma si sviluppa molto più spesso dell'asettico ed è causata dall'ingresso di vari microbi patogeni nei tessuti nelle immediate vicinanze della cisti. Ciò è possibile perché il condotto della ghiandola sebacea ostruita sulla superficie della pelle rimane aperto. In questo caso, l'ateroma diventa molto rosso, edematoso e molto doloroso e si forma del pus all'interno della capsula. A causa del pus, durante la palpazione, la cisti acquisisce una consistenza più morbida. La temperatura corporea aumenta spesso.

Con l'infiammazione settica dell'ateroma, è imperativo ricorrere all'apertura e al drenaggio della cisti, poiché il pus deve essere rimosso dai tessuti. Altrimenti, la cisti può aprirsi da sola con il deflusso di pus nel tessuto o fuori. Se la cisti si apre e il pus scorre sulla superficie della pelle, questo sarà un risultato favorevole, poiché i tessuti circostanti non saranno interessati. Se il pus scioglie la membrana della cisti sull'altro lato e scorre nel tessuto (tessuto adiposo sottocutaneo), allora provocherà un ampio processo infiammatorio (flemmone, ascesso, ecc.), Durante il quale si verificheranno gravi danni alle strutture della pelle con la successiva formazione di cicatrici.

Ateroma - trattamento

Principi generali di terapia

È anche impossibile spremere l'ateroma, anche se prima si fora la capsula della cisti con un ago e si forma un foro attraverso il quale ne uscirà il contenuto. In questo caso, il contenuto uscirà, ma la capsula della cisti con le cellule che producono la secrezione rimarrà nel condotto della ghiandola sebacea, e quindi dopo poco la cavità libera sarà nuovamente riempita di sebo e si formerà l'ateroma. Cioè, ci sarà una ricaduta di ateroma..

Per rimuovere definitivamente una cisti, è necessario non solo aprirla e rimuovere il contenuto, ma anche esfoliare completamente la sua capsula, che ostruisce il lume del dotto della ghiandola sebacea. La mondatura della capsula consiste nel separare le pareti della cisti dai tessuti circostanti e rimuoverle insieme al contenuto verso l'esterno. In questo caso, si forma un difetto tissutale nel sito della cisti, che dopo un po 'crescerà eccessivamente e l'ateroma non si forma, poiché è stata rimossa la capsula con le cellule che producono la secrezione e intasano il dotto della ghiandola sebacea.

È ottimale rimuovere l'ateroma mentre è piccolo, poiché in questo caso non ci sarà alcun difetto estetico visibile (cicatrice o cicatrice) nel sito di localizzazione della cisti. Se per qualche motivo l'ateroma non è stato rimosso ed è cresciuto fino a raggiungere dimensioni significative, deve comunque essere rimosso. Tuttavia, in questo caso, dovrai eseguire un'operazione locale per esfoliare la cisti con l'imposizione di una sutura cutanea.

Non è consigliabile rimuovere l'ateroma sullo sfondo dell'infiammazione, poiché in questo caso esiste un rischio molto elevato di recidiva a causa dell'esfoliazione incompleta della capsula cistica. Pertanto, se l'ateroma si infiamma senza suppurazione, è necessario eseguire un trattamento antinfiammatorio e attendere che svanisca completamente. Solo dopo aver arrestato l'infiammazione e riportato l'ateroma allo stato "freddo", può essere rimosso.

Se l'ateroma è infiammato dalla suppurazione, la cisti dovrebbe essere aperta, il pus rilasciato e un piccolo foro dovrebbe essere lasciato per il deflusso della secrezione infiammatoria appena formata. Dopo che il pus smette di formarsi e il processo infiammatorio si attenua, è necessario esfoliare le pareti della cisti. Non è consigliabile rimuovere l'ateroma direttamente durante il periodo di infiammazione purulenta, poiché in questo caso la probabilità di ricaduta è molto alta.

Rimozione di una cisti epidermica

La rimozione dell'ateroma può essere eseguita con i seguenti metodi:

  • Chirurgia;
  • Rimozione laser dell'ateroma;
  • Rimozione dell'ateroma mediante chirurgia delle onde radio.

Il metodo di rimozione dell'ateroma viene scelto dal medico in base alle dimensioni e allo stato attuale della cisti. Quindi, è ottimale rimuovere piccole cisti con un intervento chirurgico al laser o alle onde radio, poiché questi metodi consentono di farlo rapidamente e con un danno tissutale minimo, in conseguenza del quale la guarigione avviene molto più velocemente che dopo l'intervento chirurgico. Un ulteriore e importante vantaggio della rimozione laser e onde radio degli ateromi è una cicatrice cosmetica poco appariscente nel sito della loro localizzazione.

In altri casi, gli ateromi vengono rimossi durante l'intervento chirurgico in anestesia locale. Tuttavia, un chirurgo altamente qualificato può rimuovere un ateroma piuttosto grande o in via di estinzione con un laser, ma in tali situazioni tutto dipende dal medico. Di solito, gli ateromi con suppurazione o di grandi dimensioni vengono rimossi utilizzando la chirurgia convenzionale..

Operazioni per rimuovere l'ateroma

Attualmente, l'operazione per rimuovere l'ateroma viene eseguita in due modifiche, a seconda delle dimensioni della cisti. Entrambe le modifiche dell'operazione vengono eseguite in anestesia locale in un policlinico. Il ricovero nel reparto è necessario solo per rimuovere i grandi ateromi infestanti. In tutti gli altri casi, il chirurgo della clinica espellerà la cisti, applicherà punti e una benda. Quindi, dopo 10-12 giorni, il medico rimuoverà i punti sulla pelle e la ferita guarirà finalmente entro 2 o 3 settimane..

La modifica dell'operazione con escissione della capsula dell'ateroma viene eseguita con grandi dimensioni della formazione, nonché, se lo si desidera, per ottenere una sutura cosmetica che sarà appena percettibile dopo la guarigione. Tuttavia, questa opzione per rimuovere una cisti può essere eseguita solo in assenza della sua suppurazione. Questa operazione per rimuovere l'ateroma con l'escissione della capsula viene eseguita come segue:
1. Nell'area di massimo rigonfiamento dell'ateroma, viene praticata un'incisione sulla pelle;
2. Tutto il contenuto dell'ateroma viene spremuto con le dita, raccogliendolo sulla pelle con un tovagliolo;
3. Se non è possibile spremere il contenuto, estrarlo con un cucchiaio speciale;
4. Quindi, il guscio della cisti rimasto nella ferita viene estratto afferrandolo per i bordi dell'incisione con una pinza;
5. Se l'incisione è più grande di 2,5 cm, vengono applicati dei punti di sutura per una migliore guarigione.

Inoltre, invece di spremere il contenuto della cisti seguito dall'estrazione della sua capsula, questa modifica dell'operazione può essere eseguita come segue senza violare l'integrità del guscio dell'ateroma:
1. Tagliare la pelle sopra l'ateroma in modo da non danneggiare la sua capsula;
2. Spostare la pelle ai lati ed esporre la superficie dell'ateroma;
3. Premere delicatamente le dita sui bordi della ferita e spremere la cisti insieme alla membrana, oppure afferrarla con una pinza ed estrarla (vedere Figura 1);
4. Se l'incisione è superiore a 2,5 cm, vengono applicati punti di sutura per una guarigione migliore e più rapida..

Figura 1 - Hulling ateroma senza violare l'integrità della sua capsula.

La seconda modifica della rimozione dell'ateroma viene eseguita con cisti infiammate e suppuranti come segue:
1. Su entrambi i lati dell'ateroma vengono praticate due incisioni nella pelle, che dovrebbero delimitare il rigonfiamento;
2. Quindi il lembo cutaneo viene rimosso con una pinza sopra la cisti lungo le linee di incisione;
3. Sotto l'ateroma si inseriscono i rami delle forbici ricurve, separandolo così dai tessuti circostanti;
4. Contemporaneamente alla selezione della cisti dai tessuti con le forbici, viene delicatamente tirata dalla parte superiore con una pinza, estraendola (vedi Figura 2);
5. Quando l'ateroma insieme alla capsula viene estratto dai tessuti, vengono applicate suture di un materiale autoassorbibile al tessuto sottocutaneo;
6. I lembi della pelle sono serrati con cuciture verticali del materasso;
7. I punti vengono rimossi dopo una settimana, dopodiché la ferita guarisce con la formazione di una cicatrice.

Se in futuro una persona vuole ridurre la visibilità della cicatrice, allora dovrà sottoporsi a un intervento di chirurgia plastica.

Figura 2 - Rimozione di un ateroma infiammato o in via di estinzione mediante mondatura con mascelle a forbice.

Rimozione laser dell'ateroma

La rimozione dell'ateroma con un laser viene eseguita anche in anestesia locale. Allo stato attuale, anche gli ateromi grandi e in via di estinzione possono essere rimossi con l'aiuto di un laser, se il chirurgo ha le qualifiche necessarie. A seconda delle dimensioni e delle condizioni dell'ateroma, il medico sceglie l'opzione di rimozione laser della cisti.

Attualmente, la rimozione laser dell'ateroma può essere eseguita utilizzando le seguenti tre tecniche:

  • Fotocoagulazione: evaporazione dell'ateroma mediante raggio laser. Questo metodo viene utilizzato anche per rimuovere le cisti in via di estinzione, a condizione che la dimensione dell'ateroma non superi i 5 mm di diametro. Dopo la procedura, il medico non esegue la sutura, poiché si forma una crosta nel sito dell'ateroma, sotto il quale si verifica la guarigione, che dura da 1 a 2 settimane. Dopo la completa guarigione dei tessuti, la crosta scompare e sotto di essa c'è una pelle pulita con una cicatrice invisibile o poco appariscente.
  • L'escissione laser con una guaina viene eseguita se l'ateroma ha un diametro compreso tra 5 e 20 mm, indipendentemente dalla presenza o assenza di infiammazione e suppurazione. Per eseguire la manipolazione, la pelle sopra l'ateroma viene prima tagliata con un bisturi, quindi il guscio della cisti viene afferrato con una pinza e tirato in modo tale che il confine tra i tessuti normali e la capsula di formazione diventi visibile. Quindi, il tessuto in prossimità della membrana della cisti viene evaporato con un laser, separandolo così dall'adesione alle strutture della pelle. Quando l'intera cisti è libera, viene semplicemente rimossa con una pinza, un tubo di drenaggio viene inserito nella ferita risultante e le suture vengono applicate sulla pelle. Dopo alcuni giorni, il drenaggio viene rimosso e dopo 8-12 giorni vengono rimossi i punti, dopodiché la ferita guarisce completamente con la formazione di una cicatrice poco appariscente entro 1 o 2 settimane.
  • L'evaporazione laser della capsula dell'ateroma viene eseguita nei casi in cui il volume di formazione è superiore a 20 mm di diametro. Per eseguire la manipolazione, la capsula dell'ateroma viene aperta, praticando un'incisione cutanea profonda sopra di essa. Quindi, con tamponi di garza asciutti, rimuovere tutto il contenuto dall'ateroma in modo che rimanga solo il guscio. Successivamente, la ferita viene espansa allungandola in diverse direzioni con ganci operativi e la capsula saldata ai tessuti sottostanti viene evaporata con un laser. Quando la membrana della cisti è evaporata, un tubo di drenaggio in gomma viene inserito nella ferita e suturato per 8-12 giorni. Dopo aver rimosso i punti, la ferita guarisce con la formazione di una cicatrice poco appariscente.

Rimozione delle onde radio

Ateroma (cisti epidermica): descrizione, complicanze, metodi di trattamento (conservativo o rimozione) - video

Ateroma (cisti epidermica): cause dell'apparenza, sintomi e diagnosi, complicazioni, metodi di trattamento (rimozione chirurgica), consiglio di un dermatocosmetologo - video

Operazione per rimuovere l'ateroma - video

Rimozione dell'ateroma (cisti epidermica) del cuoio capelluto - video

Dopo la rimozione dell'ateroma

Dopo la rimozione dell'ateroma, la ferita è guarita. In futuro, una piccola cicatrice o un punto poco appariscente potrebbe rimanere nel sito della cisti, a seconda di quanto fosse grande l'ateroma e se c'era suppurazione al momento della sua rimozione.

Dopo l'operazione, è necessario trattare la ferita due volte al giorno come segue:
1. Al mattino, sciacquare con acqua ossigenata e coprire con un cerotto.
2. Alla sera, sciacquare con acqua ossigenata, applicare l'unguento Levomekol e sigillare con un cerotto.

Dopo 2-3 giorni, quando la ferita guarisce un po 'ei suoi bordi si attaccano, non puoi coprirla con un cerotto, ma applica la colla medica BF-6. Se ci fossero punti sulla ferita, puoi incollarlo con un cerotto e usare BF-6 solo dopo che sono stati rimossi. La colla BF-6 viene utilizzata fino a quando la ferita non è completamente ricoperta, cioè entro 10-20 giorni. Questa opzione di gestione della ferita postoperatoria è standard, quindi può essere utilizzata in tutti i casi. Tuttavia, se necessario, il chirurgo può modificare l'ordine di cura delle ferite e in questo caso dirà al paziente come eseguire il trattamento postoperatorio..

Sfortunatamente, in circa il 3% dei casi, l'ateroma può ripresentarsi, cioè riformarsi nel luogo da cui è stato rimosso. Di norma, ciò accade se l'ateroma è stato rimosso durante il periodo di suppurazione, a seguito del quale non è stato possibile espellere completamente tutte le particelle della membrana della cisti.

Trattamento domiciliare (rimedi popolari)

Non sarà possibile curare l'ateroma a casa, poiché per rimuovere in modo affidabile la cisti, è necessario esfoliarne il guscio e questo può essere fatto solo da una persona che ha le capacità per eseguire operazioni chirurgiche. Se una persona può espellere autonomamente la membrana della cisti (ad esempio, ha eseguito operazioni su un animale, è un chirurgo, ecc.), Dopo aver effettuato un'adeguata anestesia locale, può provare a eseguire autonomamente l'operazione in presenza di strumenti sterili, materiale di sutura e localizzazione dell'ateroma nell'area su cui comodo da manipolare da solo. Tali condizioni sono difficili da soddisfare, quindi anche un chirurgo qualificato, di regola, non può rimuovere l'ateroma da solo ea casa. Pertanto, il trattamento dell'ateroma a casa è di fatto impossibile, quindi, quando appare una tale cisti, è necessario consultare un chirurgo e rimuovere la formazione mentre è piccola, e questo può essere fatto senza una grande incisione con minimi difetti estetici..

Tutti i tipi di rimedi popolari per l'ateroma non aiuteranno a sbarazzarsi della cisti, ma possono rallentarne la crescita. Pertanto, se è impossibile rimuovere l'ateroma entro un periodo di tempo vicino, è possibile utilizzare vari metodi alternativi di trattamento al fine di prevenire un aumento pronunciato delle sue dimensioni.

Recensioni

Circa il 90% delle recensioni sulla rimozione dell'ateroma è positivo. In essi, le persone indicano che l'operazione è semplice, indolore e non causa gravi disagi. Tuttavia, dopo l'operazione, il periodo di guarigione della ferita, della durata di 1-2 settimane, è associato a un certo disagio, poiché ci sono dolori, è necessario andare alle medicazioni e cercare di non muoversi in modo che i bordi dell'incisione non divergano ai lati, ma crescano insieme e guariscano.

Inoltre, quando l'operazione viene eseguita con un bisturi, al posto dell'ateroma rimane quasi sempre una cicatrice evidente, che può essere rimossa solo mediante resurfacing laser. Sono la cicatrice e il disagio dopo l'intervento che sono le ragioni delle recensioni negative. Le persone che hanno trattato la cicatrice e il disagio postoperatorio come un inconveniente inevitabile, ma abbastanza sopportabile, hanno lasciato un feedback positivo, poiché la manipolazione ha aiutato a sbarazzarsi dell'ateroma.

Costo di rimozione dell'ateroma

Autore: Nasedkina A.K. Specialista di ricerca biomedica.