Rinite allergica, sinusite, congiuntivite

Spesso, le reazioni allergiche del corpo si manifestano con danni alle mucose delle cavità nasali, dei seni paranasali e degli occhi. In questo caso si sviluppano rinite allergica, sinusite, congiuntivite.

Rinite allergica

La rinite allergica è un'infiammazione della mucosa nasale, che si verifica a causa dell'esposizione a qualsiasi allergene esterno ed è caratterizzata da sintomi quali naso che cola, gonfiore e prurito della mucosa, starnuti. La rinite (o naso che cola) si manifesta in due tipi: rinite allergica cronica e acuta. I sintomi della rinite cronica persistono su base continuativa e portano un notevole disagio al paziente. Ciò accade a causa del contatto regolare con l'allergene, ad esempio, la presenza di animali domestici, polvere, muffe, ecc. La rinite allergica cronica può essere stagionale o per tutto l'anno. La rinite stagionale tende a manifestarsi una o due volte l'anno. Di norma, questo accade durante il periodo di fioritura: il polline di alberi, fiori e piante è l'allergene più forte. I sintomi della rinite perenne compaiono, come suggerisce il nome, costantemente.

Sintomi di rinite allergica

I principali sintomi di una rinite allergica sono:

  • secrezione di secrezioni dalla cavità nasale;
  • prurito e sensazione di bruciore al naso;
  • starnuti frequenti e parossistici;
  • Difficoltà nella respirazione nasale, anche durante il sonno;
  • deterioramento della capacità di distinguere gli odori.

Oltre ai sintomi locali, la rinite può essere accompagnata da segni non specifici come:

  • diminuzione della concentrazione e dell'attenzione;
  • mal di testa;
  • disturbi del sonno;
  • malessere generale e debolezza;
  • stato di irritabilità.

La rinite prolungata può portare a sintomi aggiuntivi: arrossamento della pelle intorno alle ali del naso e sopra il labbro superiore, perdita dell'udito, sangue dal naso, orecchie e gola irritate, tosse, malattie virali respiratorie acute ricorrenti.

La mancanza di un trattamento appropriato può causare complicazioni e provocare lo sviluppo di altre malattie, ad esempio congiuntivite e asma bronchiale. Pertanto, è importante cercare aiuto medico da un allergologo in tempo per iniziare un trattamento adeguato e prevenire conseguenze indesiderabili..

  • Consultazione iniziale - 3 200
  • Consultazione ripetuta - 2.000
Per fissare un appuntamento

Diagnostica e trattamento

La diagnosi di rinite viene stabilita durante l'esame, la natura allergica dei cambiamenti infiammatori viene chiarita durante l'assunzione di anamnesi e ulteriori esami di laboratorio.

Sulla base delle cause della rinite allergica, vengono fornite raccomandazioni per ridurre al minimo i fenomeni allergici e mantenere uno stato generale favorevole del corpo. Alcuni possono avere una base regolare quando si tratta di rinite perenne..

Di norma, si consiglia al paziente di:

  • non prescrivere farmaci da soli;
  • eliminare regolarmente la polvere da tappeti, coperte e cuscini;
  • pulire il naso dallo scarico;
  • smettere di fumare e altre cattive abitudini;
  • fare la pulizia a umido nell'appartamento ogni settimana;
  • se possibile, sbarazzarsi di oggetti e cose che raccolgono polvere;
  • escludere (o ridurre al minimo) il contatto con un probabile allergene.

Successivamente, è necessario condurre una terapia appropriata, che eliminerà i sintomi e contribuirà a creare condizioni favorevoli per un ulteriore auto-trattamento del paziente. Per la rinite allergica, il lavaggio nasale, l'uso di antistaminici e farmaci antinfiammatori (compresi quelli ormonali), l'uso di gocce vasocostrittori, ecc..

I nostri dottori

Sinusite allergica

La sinusite è un'infiammazione della mucosa dei seni paranasali causata da un'infezione esterna. La natura della malattia può essere un virus, un'infezione batterica o fungina o una manifestazione di allergie. La malattia è caratterizzata da segni di febbre, secrezione di dense secrezioni dal naso, sensazione di pesantezza nelle parti paranasali e frontali, congestione nasale.

Tipi di sinusite

La sinusite cronica e acuta si distinguono per la natura del decorso. La natura cronica si esprime nel lungo decorso della malattia ed è accompagnata da frequenti ricadute. Il decorso acuto della malattia non dura più di otto settimane.

Il processo infiammatorio nella sinusite può essere localizzato in diverse aree, quindi la sinusite colpisce il seno mascellare, la sfenoidite - il seno sfenoidale, la sinusite frontale - il seno frontale e l'etmoidite - i tessuti mucosi dell'osso etmoidale. Inoltre, la sinusite ha diversi processi di flusso ed è: unilaterale (lato destro o sinistro), bilaterale (infiammazione simultanea del seno su entrambi i lati del naso), sotto forma di polisinusite (infiammazione di diverse cavità), monosinusite (malattia di una delle cavità), emisinusite ( tutte le cavità paranasali sono coinvolte su un lato), pansinusite (uno stadio estremo della malattia in cui sono colpiti tutti i seni).

La sinusite allergica accompagna spesso il decorso della rinite allergica, questa condizione è chiamata rinosinusite. Per diagnosticare la malattia e prescrivere un trattamento tempestivo, è necessario consultare un otorinolaringoiatra quando compaiono i primi sintomi..

Diagnostica e trattamento della sinusite

La sinusite è una malattia pericolosa in termini di sviluppo di possibili complicanze dai tessuti circostanti. Tra quelli:

  • osteomielite;
  • otite;
  • congiuntivite;
  • neurite ottica;
  • trombosi cerebrale;
  • periostite dell'orbita;
  • orbita flemmone.

Pertanto, è estremamente importante diagnosticare e formulare correttamente il trattamento appropriato. Per diagnosticare la malattia, vengono utilizzati metodi di raggi X e ultrasuoni. Per escludere la possibilità di complicazioni, vengono eseguite la risonanza magnetica e la TC del cervello. Le indicazioni terapeutiche per la sinusite devono essere preparate esclusivamente da un otorinolaringoiatra. In nessun caso dovresti auto-medicare. Tra i trattamenti utilizzati per la sinusite allergica, i più comuni sono:

  • esclusione del contatto con l'allergene;
  • l'uso di antibiotici;
  • l'uso di immunostimolanti e antistaminici;
  • farmaci vasocostrittori locali;
  • manipolazioni volte a liberare i seni dall'essudato (eseguite esclusivamente da un medico specialista);
  • fisioterapia (come prescritto da un medico).

Congiuntivite allergica

La congiuntivite è un processo infiammatorio della mucosa della superficie interna delle palpebre e della sclera, la congiuntiva. Le cause della congiuntivite sono batteri e virus. Spesso si trovano anche forme allergiche della malattia, provocate dall'esposizione a un allergene esterno. La congiuntivite può manifestarsi in due condizioni: acuta e cronica. La congiuntivite acuta ha sintomi gravi e si sviluppa in breve tempo. A sua volta, la congiuntivite cronica dura a lungo, preoccupa il paziente con ricadute e peggiora significativamente la qualità della vita, imponendo alcune restrizioni.

Sintomi di congiuntivite

La malattia, a prescindere dall'etimologia, è caratterizzata da lacrimazione e comparsa di una secrezione sotto forma di muco, comparsa di edema e arrossamento, prurito, sensazione di bruciore e sensazione di "sabbia" negli occhi, oltre a diminuzione dell'acuità visiva, fotofobia e difficoltà di apertura delle palpebre al mattino, infatti, a causa dell'accumulo segreto. I sintomi concomitanti possono includere febbre, mal di testa e dolori muscolari, stanchezza e debolezza generali, tosse allergica.

La congiuntivite allergica si manifesta subito dopo la penetrazione dell'allergene nel corpo. Adulti e bambini soffrono di sintomi simili, poiché il meccanismo per lo sviluppo di un fenomeno allergico è lo stesso. Quando compaiono i primi sintomi di congiuntivite, dovresti consultare un oftalmologo il prima possibile per evitare lo sviluppo di complicanze.

Diagnostica e trattamento della congiuntivite allergica

Un oftalmologo specialista può diagnosticare la congiuntivite durante l'esame, utilizzando moderne apparecchiature diagnostiche oftalmologiche e raccogliendo attentamente un'anamnesi della malattia. Se necessario, vengono eseguiti ulteriori esami di laboratorio, consultazioni di specialisti correlati (allergologo). A seconda della fonte dello sviluppo della malattia, viene selezionato un metodo di trattamento. Dopo che il medico ha scoperto la causa principale della malattia, redige una prescrizione terapeutica appropriata per il paziente. Non puoi provare a guarirti per non causare complicazioni.

Nel trattamento della congiuntivite allergica vengono utilizzati antistaminici, che possono essere colliri o compresse orali. In alcuni casi, è consentito l'uso di farmaci ormonali topici, nonché immunostimolanti, antistaminici. Il rispetto delle regole di igiene personale è di grande importanza.

Come curare le allergie

Congiuntivite allergica e rinite

Rinite allergica e congiuntivite: trattamento di queste malattie

La rinite allergica è una malattia cronica comune, quando innesca la risposta immunitaria del corpo umano a vari agenti patogeni e inizia l'infiammazione della mucosa nasale. L'infiammazione della congiuntiva degli occhi (congiuntivite allergica) è spesso associata a questa condizione.

Per un trattamento efficace, è importante condurre un esame approfondito del corpo e diagnosticare correttamente. Spesso i sintomi possono essere cancellati o alterati a causa della presenza di un'infezione secondaria, anomalie anatomiche e malattie concomitanti. La nostra clinica effettuerà la diagnosi più accurata dei fattori che hanno causato la malattia.

Sintomi della malattia

I principali sintomi della rinite allergica includono:

  • rinorrea (secrezione acquosa dal naso),
  • bruciore e prurito in profondità nel naso,
  • attacchi di starnuti,
  • congestione sinusale.

Inoltre, sono caratteristici gonfiore dei muscoli naso-labiali, cambiamenti della voce e diminuzione dell'olfatto.

Spesso potresti notare sintomi di processi infiammatori negli organi visivi (congiuntivite):

  • scarico di lacrime,
  • gonfiore delle palpebre,
  • arrossamento della mucosa dell'occhio,
  • dolore agli occhi e prurito.

Descrivendo le loro condizioni generali, i pazienti lamentano malessere, debolezza, mal di testa, nausea e forse disturbi del sonno.

È caratteristico che una reazione allergica del corpo possa iniziare immediatamente pochi minuti dopo il contatto con l'agente patogeno o entro un giorno. Le reazioni possono verificarsi stagionalmente durante la fioritura di erbe, alberi o tutto l'anno (quando, ad esempio, un acaro della polvere domestica agisce come un allergene).

Diagnostica e trattamento

La rinite allergica e la congiuntivite non sono sempre facili da identificare. Per determinare il più accuratamente possibile le tattiche per trattare il tuo problema, il nostro allergologo-immunologo può inviarti le seguenti procedure:

  • test per identificare le sostanze allergeniche causali,
  • analisi del sangue immunologico,
  • esame citologico delle secrezioni nasali,
  • rinoscopia (viene monitorata la presenza di curvatura del setto nasale, i polipi sulle pareti),
  • endoscopia nasale,
  • tomografia computerizzata dei seni paranasali,
  • esame oftalmico degli organi visivi.

La diagnosi di rinite allergica viene effettuata dall'otorinolaringoiatra della nostra clinica sulla base dell'analisi dei sintomi esterni del paziente, i risultati di uno studio speciale. Viene prescritto un farmaco.

L'immunoterapia come uno dei metodi di trattamento della rinite allergica e della congiuntivite si riferisce a una tecnica di secondo livello, quando il trattamento farmacologico non funziona o provoca effetti collaterali negativi. L'immunoterapia è prescritta dall'immunologo allergologo della clinica e viene eseguita sotto la sua stretta supervisione. Piccole dosi della sostanza allergenica vengono iniettate nel corpo del paziente con il loro graduale accumulo. Di conseguenza, ottengono una diminuzione della risposta allergica del corpo durante la successiva interazione con l'agente patogeno nella vita di tutti i giorni..

La diagnosi e il trattamento della congiuntivite vengono eseguiti da un oftalmologo della clinica insieme a un allergologo-immunologo. È necessario iniziare l'esame con un oftalmologo per scoprire la forma della congiuntivite, poiché molte malattie degli organi della vista hanno segni simili alle allergie.

Domande popolari

I sintomi della rinite allergica scompaiono se si esclude il contatto con l'allergene??

Risposta: Sì, scompaiono. Il primo passo nel trattamento di questa malattia è eliminare agenti patogeni e irritanti dalla vita del paziente. Ma l'interazione con gli allergeni è spesso impossibile da escludere, poiché ci circondano ovunque (in natura, nelle istituzioni, a casa). È necessario identificare accuratamente le sostanze, i gas a cui si è allergici e, se possibile, ridurre al minimo il contatto con essi.

Come distinguere la rinite allergica da quella infettiva?

Risposta: la rinite allergica e infettiva ha sintomi comuni: naso che cola, congestione dei seni. Queste malattie possono essere distinte dalla natura dei sintomi associati. La rinite infettiva di solito dura non più di una settimana, mentre la rinite allergica dura più a lungo. Con una rinite infettiva, lo starnuto non si verifica spesso e con una rinite allergica, si verifica un attacco di starnuti seriali. Con un raffreddore, il prurito in profondità nel naso non si verifica, mentre con la rinite allergica, questo è un sintomo caratteristico. Con la rinite infettiva, la congiuntivite dell'occhio si verifica raramente, a differenza di quella allergica. La rinite allergica è più forte del comune raffreddore, riducendo l'olfatto e il gusto.

È possibile perdere la vista a causa della congiuntivite?

Risposta: sì. Quando compaiono segni di congiuntivite, è necessario abbandonare l'automedicazione e consultare un medico. Senza un trattamento adeguato e tempestivo, possono svilupparsi complicazioni: infiammazione della cornea, rivestimento interno del bulbo oculare, annebbiamento della pupilla, che porta a una diminuzione dell'acuità visiva.

I colliri steroidei sono adatti per la congiuntivite??

Risposta: no I farmaci antinfiammatori steroidei hanno un forte effetto antinfiammatorio, ma allo stesso tempo possono causare gravi conseguenze negative (ad esempio, aumento della pressione oculare, cataratta). Pertanto, questo rischio è appropriato nei casi più gravi: i farmaci steroidei vengono utilizzati dopo un trapianto di cornea per evitare il rigetto, dopo lesioni traumatiche, nonché nelle malattie autoimmuni.

Posso indossare lenti a contatto per la congiuntivite??

Risposta: no Con lo sviluppo della congiuntivite, è necessario abbandonare le lenti a contatto e tornare a indossare gli occhiali, in modo da non provocare un aumento dei processi infiammatori nella mucosa degli occhi, altrimenti il ​​trattamento può essere ritardato a lungo.

Congiuntivite allergica: sintomi e trattamento

È difficile trovare una persona che non abbia sperimentato almeno una volta una reazione atipica a cibo, polvere, lanugine di lana, piante da fiore, cosmetici, profumeria e persino a fattori naturali familiari dall'infanzia come il freddo e il sole.

Le manifestazioni allergiche vengono diagnosticate sulla pelle, sugli organi digestivi e respiratori. I sintomi più evidenti sono la rinite allergica e la congiuntivite. Allo stato attuale, l'immunologia non è in grado di agire sulla causa della risposta inadeguata dell'immunità umana. I farmaci possono alleviare solo leggermente i sintomi negativi, compresi quelli della congiuntivite allergica..

La congiuntivite allergica è la reazione del sistema immunitario all'introduzione nel corpo umano di un fattore che provoca una risposta immunitaria.

I sintomi della malattia compaiono stagionalmente o continuamente, Distinguere tra patologia acuta, subacuta e cronica.

Principi di base del trattamento:

Eliminazione del fattore provocante;

L'uso di colliri con proprietà antistaminiche;

Uso simultaneo di immunomodulatori.

Tipi di congiuntivite allergica:

Cheratocongiuntivite atopica (diagnosticata principalmente negli adulti).

Sintomi di congiuntivite allergica nei bambini

Maggiore è la concentrazione di un agente estraneo al sistema immunitario, più pronunciati sono i sintomi della patologia. Un fattore altrettanto importante è la reazione individuale del corpo agli allergeni. Da qui la differenza nel tempo di insorgenza dei primi sintomi - da mezz'ora a 1-2 giorni.

Insieme alla congiuntivite, viene spesso diagnosticata la rinite allergica, i suoi sintomi sono un naso che cola, il rilascio di una grande quantità di muco, che irrita ancora di più la mucosa dell'occhio.

C'è un forte prurito, bruciore alle palpebre, lacrimazione. L'intensità del prurito è così alta che il paziente avverte costantemente disagio.

I bambini tendono a grattarsi gli occhi nel tentativo di calmare il prurito. In questo caso, i microrganismi patogeni entrano nella mucosa, il che esacerba ulteriormente il decorso della malattia. La complessa terapia della congiuntivite allergica include necessariamente gocce e unguenti con azione antibatterica.

Sulla mucosa dell'occhio si nota l'aspetto di una secrezione mucosa viscosa, trasparente. L'attaccamento di un componente batterico porta alla comparsa di pus agli angoli degli occhi, da cui le palpebre si uniscono dopo il sonno.

Un ulteriore sintomo è la comparsa di piccoli follicoli o papille sulla mucosa dell'occhio.

Una diminuzione della quantità di lacrime prodotte, che normalmente lavano la mucosa dell'occhio, porta alla sensazione di secchezza del bambino, all'apparenza di una sensazione che la sabbia sia stata versata nei suoi occhi e alla fotofobia.

L'atrofia congiuntivale parziale porta dolore e disagio quando si muove il bulbo oculare.

Gli occhi si stancano rapidamente, diventano rossi.

Tipi di congiuntivite allergica e fattori provocatori:

tutto l'anno - allergeni permanenti: polvere domestica, piume di uccelli decorativi, peli di animali domestici, prodotti chimici domestici;

periodico - allergeni che compaiono durante la stagione di fioritura delle piante;

contatto - cosmetici, soluzioni per lenti a contatto.

Per prescrivere un trattamento efficace, è necessario eliminare l'effetto dell'allergene, ovvero è necessaria una stretta interazione di un oftalmologo, dermatologo e allergologo.

Tipi e sintomi di congiuntivite allergica

Infiammazione della cornea dell'occhio, palpebre

Pollinoso, rientra nella categoria dei cronici, se dura più di sei mesi

Aspetto stagionale, appare quando sbocciano alberi, erbe, fiori

Non ha stagionalità

Non è interessata solo la pelle delle palpebre, ma anche la retina dell'occhio, il nervo ottico

Esacerbazioni in estate e in primavera

Occasionalmente nei bambini dai 3 anni, più spesso dai 14 anni

La cornea dell'occhio è interessata

Muco fibroso e viscoso

Dalla completa assenza a manifestazioni significative

Di età superiore ai 40 anni

Trovato un errore nel testo? Selezionalo e qualche altra parola, premi Ctrl + Invio

Trattamento della congiuntivite allergica

Dopo aver escluso l'allergene dall'ambiente del paziente, il medico prescrive una terapia locale o sistemica per le manifestazioni allergiche. Inoltre, viene prescritta l'immunoterapia, i sintomi della malattia vengono alleviati, utilizzando, tra l'altro, farmaci antimicrobici.

Compresse e gocce per congiuntivite allergica:

Farmaci antistaminici: Loratidin, Zirtek, Claritin, Telfast, Tsetrin. Alcuni fondi non vengono utilizzati per curare i bambini.

Gocce che stabilizzano lo stato della membrana cellulare - Zaditen (Ketotifen), Lekrolin (Cromohexal).

Collirio che bloccano i recettori dell'istamina - Allergodill, Opatanol, Visin allergies, Histimet.

Per bloccare la produzione di istamina, vengono utilizzati colliri con stabilizzatori dei mastociti: Lekrolin, Krom-allerg, Lodoxamide (non utilizzato nei bambini di età inferiore a 2 anni), Hi-krom (controindicato per i bambini di età inferiore a 4 anni).

Per correggere la produzione di lacrime ("sindrome dell'occhio secco"), che è assente per vari motivi, vengono utilizzati sostituti lacrimali: Oksial, Oftogel, Sistane, Defislez, Oftolik, Vizin pure lacrima, Inox, Vidisik, lacrima naturale. Questo effetto si osserva nei pazienti anziani con congiuntivite allergica. Unire il processo di infiammazione e la cornea richiede la nomina di colliri con vitamine e dexpantenolo: Quinax, Khrustalin, Katahrom, Catalin, Udzhala, Emoxipin, Vita-Yodurol.

Le forme complicate di congiuntivite allergica vengono interrotte con colliri con corticosteroidi, il più delle volte includono idrocortisone o desametasone. Il trattamento ormonale può portare a complicazioni imprevedibili per il corpo, quindi tali farmaci richiedono un approccio equilibrato, un dosaggio accurato, un ritiro graduale.

I colliri con componente non steroideo e effetto antinfiammatorio contengono Diclofenac.

Con frequenti ricadute di congiuntivite allergica, viene eseguita l'immunoterapia specifica.

Trattamento per congiuntivite stagionale (raffreddore da fieno)

Bambini e adulti, reagendo acutamente alla fioritura di fiori, alberi, cereali ed erbe infestanti, avvertono un forte inizio di febbre da fieno - forte prurito, lacrimazione, bruciore alle palpebre, fotofobia.

Trattamento delle manifestazioni della malattia:

Per alleviare rapidamente i sintomi, viene instillato Allergodil o Spersallerg. Nella maggior parte dei casi, il sollievo arriva dopo un quarto d'ora. Spersallerg contiene un componente vasocostrittore.

La frequenza di utilizzo nel periodo acuto è 3-4 volte al giorno, dopo alcuni giorni - 2 volte al giorno. Con manifestazioni gravi, gli antistaminici vengono usati per via orale.

Il decorso subacuto o acuto della malattia viene interrotto con colliri Cromohexal o Alomid, utilizzandoli 3-4 volte al giorno.

Trattamento della congiuntivite allergica cronica

Si sviluppa con una tendenza alle reazioni allergiche, il decorso della malattia dipende dalle caratteristiche individuali dell'organismo. I sintomi della malattia sono generalmente in qualche modo attenuati, anche se vengono sempre diagnosticati prurito, bruciore delle palpebre e lacrimazione.

Le cause di questa forma di malattia sono le allergie al cibo, alla lana, alla polvere, ai prodotti chimici domestici, alla cura della pelle, del corpo e dei capelli.

Il trattamento viene effettuato con gocce con Desametasone, Spersallerg (1-2 volte al giorno), Alomid, Cromhexal (2-3 volte al giorno).

Trattamento della cheratocongiuntivite primaverile

La malattia si verifica più spesso nei bambini in età prescolare più grandi e più spesso nei ragazzi che nelle ragazze. Diventa cronico e colpisce entrambi gli occhi contemporaneamente. Un sintomo caratteristico è la comparsa di una piccola crescita eccessiva del tessuto cartilagineo delle palpebre sotto forma di piccole papille. In rari casi, le escrescenze sono così grandi che la palpebra è deformata. Queste manifestazioni sono stagionali, sono più pronunciate in primavera, un po 'attenuate in autunno..

I colliri Alomid, Cromhexal, Maxidex sono efficaci (contengono desametasone).

Quando la cornea cambia, compaiono erosioni, infiltrati, cheratite, vengono utilizzate instillazioni con Alomid, applicando il farmaco 2-3 volte al giorno.

Le manifestazioni acute di allergie vengono fermate da Allergodil in combinazione con Maxidex gocce.

Il complesso regime di trattamento comprende antistaminici (Cetrin, Zodak, Claritin), somministrati per via orale, e iniezioni di istoglobulina.

Trattamento delle reazioni allergiche nella congiuntivite infettiva

Secondo la ricerca in oftalmologia, è stata rivelata la relazione tra allergie e qualsiasi congiuntivite batterica o virale, indipendentemente dai fattori che le hanno causate. Si ritiene che nel quadro clinico della congiuntivite fungina, erpetica, da clamidia, adenovirale ci siano manifestazioni di allergia. Il suo ruolo è particolarmente importante nel corso della congiuntivite cronica..

Antibiotici, agenti antivirali, antisettici, che fanno parte della complessa terapia di una forma di patologia batterica o virale, creano un significativo effetto tossico sul corpo, provocano la sua risposta immunitaria.

Sulla base di ciò, nel trattamento di questi tipi di infiammazione della mucosa, vengono sempre prescritti colliri con proprietà antiallergiche..

Si consiglia di trattare il decorso acuto della malattia con Allergodil, gocce Spersallerg, cronico - Alomid, Cromhexal (2 volte al giorno).

Trattamento della congiuntivite allergica ai farmaci

La maggior parte dei farmaci sono composti chimici estranei ai tessuti e alle cellule del corpo umano. Il suo sistema immunitario reagisce all'invasione di agenti estranei nell'unico modo possibile. La quota di allergia ai farmaci tra tutti i tipi di congiuntivite è di circa il 30%. È provocato non solo da compresse, ma anche da unguenti, gel e creme per uso locale..

Anche i farmaci per il trattamento delle patologie oftalmiche possono causare congiuntivite da farmaci. Si manifesta sulla pelle delle palpebre, sulla congiuntiva, sulla cornea dell'occhio. Molto spesso, la causa di questa reazione è il conservante del collirio, la reazione ad esso può essere ritardata e apparire 2-4 settimane dopo che l'agente è entrato nel sistema immunitario..

All'inizio del trattamento, il contatto con l'allergene è limitato, il medico prescrive un antistaminico orale - Cetrin, Claritin, Loratidin (1 volta al giorno), colliri Spersallerg, Allergodil nel corso acuto del processo, o Alomid, Cromhexal nella forma cronica di congiuntivite da farmaci.

L'autore dell'articolo: Degtyarova Marina Vitalievna, oculista, oftalmologo

La congiuntivite è un processo infiammatorio che si verifica sulla mucosa dell'occhio. Il termine "congiuntivite" non può essere considerato un nome a tutti gli effetti per una patologia senza menzionare la causa o la natura della lesione infettiva, ad esempio, "congiuntivite cronica" o "congiuntivite allergica". Questo è il nome completo utilizzato nella storia medica.

La congiuntivite è un'infiammazione della mucosa dell'occhio causata da vari fattori negativi. Gli adulti, per vari motivi, soffrono di questa patologia più spesso dei bambini, spesso la congiuntivite è provocata da microrganismi patogeni, virus, funghi. Contemporaneamente alla comparsa della congiuntivite, il paziente può trasferirsi.

La pressione oculare costantemente aumentata porta allo sviluppo del glaucoma, che porta ad una diminuzione dell'acuità visiva e successivamente alla cecità. Molto spesso, la malattia si sviluppa nelle persone anziane, pertanto tali pazienti dovrebbero prestare particolare attenzione se si verifica un dolore pressante agli occhi.

A seconda di cosa ha causato esattamente il prurito nella zona degli occhi, l'irritazione può colpire non solo la mucosa, ma anche le palpebre. In alcune situazioni, il prurito agli occhi è innescato da componenti allergiche presenti nell'aria. Sostanze simili, o.

L'infiammazione degli occhi è una complessa reazione adattativa di natura compensatoria in risposta a fattori sia dell'ambiente esterno che interno. Può essere localizzato sia nell'occhio stesso che nella regione perioculare. La gravità dell'infiammazione dipende dalla causa che l'ha causata. Reazione oculare allo stimolo.

Le informazioni sul sito sono solo a scopo informativo e non richiedono auto-trattamento, è necessaria la consultazione con un medico!

Rinite allergica (naso che cola)

La rinite allergica (rinite allergica) è un'infiammazione delle mucose del naso, che si basa su una reazione allergica. Da un lato, la rinite allergica non rappresenta una minaccia per la vita, ma dall'altro porta un disagio significativo e riduce la qualità della vita: questa malattia interrompe il sonno, l'attività sociale, riduce significativamente la capacità lavorativa negli adulti e il rendimento scolastico nei bambini..

Inoltre, la rinite allergica può essere un fattore di rischio per lo sviluppo di sinusite acuta e cronica, otite media, poliposi nasale, adenoidi nei bambini e può anche essere un precursore dello sviluppo dell'asma bronchiale. Secondo le statistiche mediche, il 12-24% della popolazione totale soffre di rinite allergica in Russia, mentre c'è una chiara tendenza all'aumento dell'incidenza della rinite allergica, che è principalmente associata a disturbi ambientali.

Cause di rinite allergica

Tra gli allergeni più comuni che possono causare questa malattia ci sono polvere domestica e di biblioteca, acari della polvere, polline di piante, allergeni di insetti, muffe, alcuni alimenti e medicinali.

I principali sintomi della rinite allergica

Le manifestazioni della rinite allergica sono generalmente tipiche. In misura maggiore o minore, possono essere espressi i seguenti sintomi:

  • starnuti, spesso parossistici;
  • secrezione nasale chiara e acquosa. Quando un'infezione si unisce, possono trasformarsi in mucopurulente;
  • prurito al naso;
  • respirazione nasale difficile, specialmente di notte;
  • senso dell'olfatto alterato.

L'aspetto del paziente è caratteristico durante un'esacerbazione della rinite allergica: c'è un po 'di gonfiore del viso, la respirazione nasale è difficile, il paziente respira principalmente attraverso la bocca. Gli occhi sono spesso rossi e la lacrimazione è possibile. A volte ci sono occhiaie sotto gli occhi. I pazienti con rinite allergica possono sfregare involontariamente e abbastanza spesso la punta del naso con il palmo della mano - questo sintomo è chiamato "saluto allergico".

La rinite allergica può essere combinata con la congiuntivite allergica. I principali sintomi della congiuntivite allergica: arrossamento degli occhi, lacrimazione, prurito, occhi granulosi, gonfiore delle palpebre.

In alcuni pazienti predominano secrezione nasale e starnuti, in altri una congestione nasale prolungata. Spesso c'è la cosiddetta iperreattività nasale - la comparsa di sintomi di una rinite allergica in risposta a sostanze irritanti non specifiche: odori pungenti, fumo di tabacco, aria fredda, con risate, pianto, esercizio fisico, ecc..

I sintomi della rinite allergica diminuiscono o scompaiono completamente dopo l'interruzione del contatto con l'allergene o sotto l'influenza del trattamento per la rinite allergica.

Esistono diverse forme di rinite allergica e congiuntivite: stagionale, tutto l'anno e professionale.

Con la rinite allergica stagionale e la congiuntivite, l'insorgenza dei sintomi ha una chiara connessione con la fioritura della pianta allergenica. I sintomi di anno in anno compaiono contemporaneamente, lo stato di salute peggiora all'esterno, con tempo asciutto e ventoso. A volte la rinite allergica stagionale è combinata con l'asma bronchiale.

Con la rinite allergica perenne e la congiuntivite, i sintomi della malattia possono comparire durante tutto l'anno. Di solito compaiono di notte o al mattino, così come durante la pulizia. La causa più comune di rinite allergica perenne o congiuntivite è la polvere domestica e le allergie agli animali.

In caso di rinite allergica professionale, c'è una chiara connessione tra i sintomi della rinite e il lavoro: compaiono sul lavoro o alla fine di esso, scompaiono nei fine settimana, durante il periodo di vacanza. Spesso tale rinite si sviluppa nei lavoratori delle industrie pericolose..

Diagnosi di rinite allergica

La diagnosi di rinite allergica si basa sui dati di una storia allergica, sui risultati di una visita specialistica, sui dati di metodi di ricerca di laboratorio (sangue per IgE, tamponi nasali per eosinofili, ecc.) E sui risultati di un test allergologico. Di regola, è necessario consultare un medico ORL e un allergologo.

Trattamento della rinite allergica

Il trattamento per la rinite allergica dovrebbe essere completo. Include:

  • Eliminazione o riduzione del contatto con allergeni;
  • Immunoterapia allergene specifica (ASIT);
  • Eliminazione dei sintomi della rinite allergica (farmacoterapia).

È possibile eliminare il contatto con un allergene causalmente significativo o ridurne significativamente l'effetto spostandosi in una diversa zona geografica durante la stagione di spolveratura di piante causalmente significative, osservando uno stile di vita ipoallergenico, allontanando animali dalla casa, aderendo a diete di eliminazione o ipoallergeniche, ecc..

L'immunoterapia specifica per l'allergene è un metodo basato sulla somministrazione ripetuta dell'allergene responsabile in dosi gradualmente crescenti. Lo scopo di ASIT è sviluppare la resistenza del corpo a questo stimolo. Questo tipo di trattamento viene effettuato durante il periodo di remissione, esclusivamente da allergologi nelle condizioni di uno studio allergologico o ospedaliero.

La farmacoterapia è l'uso di farmaci per alleviare i sintomi della rinite allergica o per prevenirne la comparsa.

Nel trattamento della rinite allergica vengono utilizzati i seguenti gruppi di farmaci:

  • Gli antistaminici sono uno dei gruppi di farmaci antiallergici più comunemente usati. Eliminano efficacemente vari sintomi di rinite allergica. Di norma, la preferenza è data ai farmaci di seconda generazione, che includono Cetrin®. La durata del trattamento è determinata dal medico e di solito è di circa 2-3 settimane;
  • I cromoglicati sono sostanze che stabilizzano le membrane dei mastociti e prevengono il rilascio di istamina. Sono usati sotto forma di gocce o spray, di regola, per un decorso lieve di rinite allergica;
  • I glucocorticosteroidi sono farmaci con un pronunciato effetto antiallergico e antinfiammatorio. La scelta di questi farmaci viene effettuata rigorosamente su raccomandazione di uno specialista;
  • Farmaci vasocostrittori - usati per alleviare il gonfiore della mucosa nasale; il loro uso continuo per più di 5-7 giorni non è raccomandato;
  • Preparati a base di sale marino - per il risciacquo del naso, nonché agenti barriera per proteggere la mucosa nasale dagli allergeni inalati con l'aria - riducono il contatto con l'allergene, prevenendo così l'insorgenza dei sintomi della malattia. Più efficace - come mezzo di prevenzione.

Prevenzione

Per ridurre il rischio di sviluppare rinite allergica nelle persone ad alto rischio, è necessario seguire uno stile di vita e una dieta ipoallergenici. Cerca di eliminare i rischi professionali e smetti di fumare.

Se la rinite allergica si è già sviluppata, è importante ridurre la frequenza delle esacerbazioni e la gravità del decorso. Per fare ciò, è necessario seguire tutte le raccomandazioni di uno specialista sia in relazione all'eliminazione degli allergeni che all'uso dei medicinali. Se necessario, condurre immunoterapia specifica per allergeni.

Ci sono controindicazioni. È necessario leggere le istruzioni per l'uso o consultare uno specialista.

26 febbraio. L'Istituto di Allergologia e Immunologia Clinica, insieme al Ministero della Salute, stanno attuando il programma "San Pietroburgo senza allergia". Nell'ambito del quale il farmaco Gistanol Neo è disponibile per soli 149 rubli, a tutti i residenti della città e della regione!

Congiuntivite allergica e rinite

Rinocongiuntivite allergica

La rinocongiuntivite allergica è una lesione della mucosa nasale e della congiuntiva derivante dal contatto con un allergene causale ed è caratterizzata dallo sviluppo di una reazione mediata da IgE del primo tipo. Le principali manifestazioni sono la presenza di secrezione mucosa dal naso, difficoltà nella respirazione nasale, prurito e bruciore nella cavità nasale, lacrimazione e arrossamento della congiuntiva, diminuzione dell'olfatto. Trattamento: eliminazione dell'allergene, uso di antistaminici, agenti ormonali corticosteroidi, stabilizzatori dei mastociti e farmaci vasocostrittori, immunoterapia allergene specifica.

ICD-10

Informazione Generale

La rinocongiuntivite allergica è una malattia infiammatoria cronica di eziologia allergica, in cui è interessata la mucosa della cavità nasale e della congiuntiva dell'occhio. A seconda del fattore eziologico che porta allo sviluppo della malattia, si distinguono due forme: stagionale (intermittente) e tutto l'anno (persistente). La prevalenza della malattia cresce ogni anno, ora si verifica in ogni 5-7 ° abitante adulto del pianeta e ogni 3 ° bambino. Il decorso cronico a lungo termine aumenta il rischio di sviluppare rinosinusite, otite media cronica e asma bronchiale, limita significativamente la comunicazione sociale, creando difficoltà per il successo dell'istruzione e dell'attività professionale..

Le ragioni

L'elenco degli allergeni che possono causare lo sviluppo di rinocongiuntivite allergica è piuttosto ampio. Per la forma stagionale della malattia (si manifesta principalmente nel periodo primaverile-estivo) si tratta di allergeni pollinici vegetali che compaiono in determinati periodi, in coincidenza con la fioritura di alberi, prati ed erbacce. Le manifestazioni cliniche peggiorano con il caldo secco e diminuiscono nei giorni di pioggia con elevata umidità ambientale.

Con una forma della malattia per tutto l'anno (persistente), i principali allergeni che portano allo sviluppo di un processo infiammatorio nella cavità nasale e sulla congiuntiva dell'occhio sono muffe, acari della polvere domestica e aeroallergeni che colpiscono il corpo del paziente durante le sue attività professionali.

Patogenesi

Il meccanismo di sviluppo della rinocongiuntivite allergica si basa su una reazione mediata da IgE di tipo immediato. Al primo contatto con un allergene, si verifica un pronunciato rilascio di immunoglobuline di classe E specifiche per questo componente proteico. Il rientro dell'allergene nel corpo e la sua interazione con le IgE porta a un massiccio rilascio di mediatori infiammatori e allo sviluppo di un processo patologico sulle mucose della cavità nasale e degli occhi. In una forma persistente, l'infiammazione persiste quasi costantemente, anche in assenza di contatto diretto con un allergene causalmente significativo o quando viene ricevuto in concentrazioni minime.

Classificazione

A seconda della frequenza di esacerbazione, esiste una forma intermittente (stagionale) e persistente (tutto l'anno) della malattia. In base alla gravità del corso, ci sono:

  • una forma lieve di rinocongiuntivite allergica (i sintomi sono minori, non interrompere le prestazioni, se necessario, puoi fare a meno dei farmaci)
  • forma moderata (il sonno e l'attività diurna sono disturbati, la qualità della vita diminuisce)
  • forma grave (si notano prestazioni ridotte e problemi di comunicazione, è necessario un trattamento di supporto costante per eliminare i sintomi della malattia).

Sintomi della rinocongiuntivite allergica

Il quadro clinico differisce nelle forme stagionali e per tutto l'anno della malattia. La variante intermittente è caratterizzata dall'improvvisa comparsa di abbondante secrezione nasale acquosa, attacchi di starnuti, lacrimazione, prurito nella cavità nasale e nella zona degli occhi, fotofobia e congestione nasale periodica. I sintomi si sviluppano nel periodo primavera-estate e si intensificano con il caldo secco.

Con una forma persistente, i segni della malattia sono presenti quasi tutto l'anno, ma sono meno pronunciati rispetto alla forma stagionale. Sono presenti congestione nasale persistente, aggravata di notte, secrezione mucosa densa dal naso e attacchi periodici di starnuti. Di regola, c'è una diminuzione o assenza di odore (anosmia) e la presenza di secrezione dagli occhi sotto forma di filamenti mucosi. Spesso la malattia è complicata dallo sviluppo di rinosinusite cronica e asma bronchiale. Le esacerbazioni della malattia sono associate a fattori meteorologici (ipotermia, sbalzi di temperatura), nonché a condizioni di vita e contatti con animali domestici.

Diagnostica

La diagnosi è stabilita sulla base di un'accurata anamnesi, esame clinico del paziente da parte di un otorinolaringoiatra, un oftalmologo e un allergologo-immunologo. L'esame della cavità nasale rivela pallore e gonfiore della mucosa, nonché la presenza di abbondante secrezione acquosa. In uno studio di laboratorio del segreto, viene determinato un aumento del contenuto di eosinofili. All'esame oftalmologico è visibile una congiuntiva iperemica, edematosa e allentata. Si nota la presenza di stiramenti delle mucose, aumento dei follicoli, iperemia e gonfiore delle palpebre. Nei casi più gravi si riscontra blefarospasmo.

Nel processo di diagnosi vengono assegnati studi di laboratorio e test utilizzati in allergologia clinica. Il test cutaneo viene effettuato con i principali allergeni atopici (domestici, fungini, epidermici), effettuato sotto forma di test intradermici e di scarificazione. Per quanto riguarda i test con allergeni inalatori, non sono raccomandati per i test cutanei allergici in conformità con le raccomandazioni degli allergologi europei. Dati affidabili sulla relazione causale della rinocongiuntivite allergica con allergeni specifici possono essere ottenuti determinando le immunoglobuline IgE allergene specifiche (rilevamento fino a 120 allergeni in un campione di sangue durante il test Allergochip). I risultati ottenuti possono essere ulteriormente utilizzati nella nomina e nella conduzione di immunoterapia specifica per allergeni..

La diagnosi differenziale viene effettuata con altri tipi di lesioni allergiche, rinocongiuntivite virale, batterica e da clamidia, rinosinusite, sindrome da "ufficio" oculare e altre malattie.

Trattamento della rinocongiuntivite allergica

I principi di base del trattamento della rinocongiuntivite allergica includono l'eliminazione degli allergeni, la farmacoterapia e l'immunoterapia allergene specifica. Per massimizzare l'eliminazione del contatto con allergeni potenziali e causali nella forma stagionale della malattia, è necessario limitare il periodo di permanenza all'aria aperta, soprattutto nei luoghi di intensa fioritura di erbe e alberi, nonché con clima caldo secco. Con una forma per tutto l'anno, viene prestata particolare attenzione all'eliminazione degli allergeni domestici nello spazio abitativo (pulizia e aerazione regolari delle stanze, uso di moderni aspirapolvere e purificatori d'aria, distruzione di zecche e scarafaggi domestici, rifiuto di animali domestici e uccelli).

Il trattamento farmacologico per la rinocongiuntivite allergica comprende l'uso di antistaminici orali e topici, glucocorticosteroidi sotto forma di spray intranasali e colliri, stabilizzatori della membrana dei mastociti e farmaci vasocostrittori. A volte viene praticato l'uso di m-anticolinergici, farmaci antileucotrieni e immunomodulatori. In ogni caso, viene selezionato il metodo ottimale di farmacoterapia, tenendo conto della forma della rinocongiuntivite, della gravità del suo decorso, della presenza di malattie concomitanti, dell'età del paziente e del rischio di possibili effetti collaterali.

Il principio di applicazione dell'immunoterapia specifica per allergeni si basa sull'introduzione di un allergene al paziente, che ha causato lo sviluppo di rinocongiuntivite allergica. L'introduzione inizia con dosi minime, quindi aumenta gradualmente la concentrazione per ridurre la sensibilità del corpo. L'immunoterapia per lungo tempo (almeno 1-3 anni) viene eseguita da un allergologo in un istituto medico, dove vengono create le condizioni per la fornitura di cure di emergenza qualificate in caso di reazioni avverse e complicazioni. Se usata correttamente, l'immunoterapia con allergeni è un trattamento altamente efficace per una varietà di malattie allergiche..

Sintomi allergici nei bambini: naso che cola, congiuntivite, prurito alla pelle

Se, quando esce, il bambino starnutisce costantemente o lamenta sonnolenza, ha il naso che cola o prurito agli occhi, possono svilupparsi segni di congiuntivite e allergie. Se questi sintomi si formano principalmente durante la stagione estiva, quando fuori fa caldo e secco, si tratta probabilmente di raffreddore da fieno nei bambini. Questa è una reazione eccessivamente violenta del sistema immunitario al polline, che è contenuto nell'aria, e arriva sulla pelle e sulle mucose del bambino, formando un'infiammazione acuta. Cosa fare, come aiutare il bambino?

Cos'è la febbre da fieno nei bambini: forme, caratteristiche

La pollinosi nei bambini può assumere diverse forme: può manifestarsi come rinite allergica, congiuntivite, lesioni cutanee con arrossamento e prurito, oppure attacchi di bronchite ostruttiva o asma bronchiale atopica. Tutti sono causati da una reazione allergica dopo l'esposizione ai pollini. Anche le allergie ad acari della polvere, peli di animali domestici, muffe si manifestano con reazioni simili, sebbene non si tratti più di raffreddore da fieno nei bambini, ma di altri tipi di reazioni allergiche.

La pollinosi nei bambini di solito si manifesta in primavera e in estate, a volte all'inizio dell'autunno, quando varie piante fioriscono e secernono polline. Spesso i genitori prendono le sue manifestazioni a lungo per un naso che cola, trattandoli con agenti ARVI tradizionali che non aiutano. Questo può durare mesi e anni. Fino a quando non viene inserita la diagnosi corretta.

Il pericolo del raffreddore da fieno nei bambini è che la costante irritazione del sistema immunitario senza un trattamento adeguato può portare alla progressione della malattia. Di conseguenza, è possibile la formazione di asma bronchiale..

Rinite allergica e sue cause

La rinite allergica non è sempre provocata solo dall'azione del polline. Se i bambini sono in casa e hanno manifestazioni tipiche: naso che cola grave, congestione nasale grave, starnuti e prurito agli occhi, le cause possono essere allergeni domestici (acari della polvere, muffe, peli di animali), cibo o medicine. Ma se un bambino avverte i sintomi solo in determinati periodi dell'anno, peggiorano quando esce, la causa potrebbe essere la febbre da fieno. Le allergie in un bambino in qualsiasi forma possono essere ereditate. Cioè, se i genitori o fratelli / sorelle hanno allergie, i rischi del bambino aumentano del 30-70%.

I bambini esposti al fumo passivo nelle prime fasi della loro vita possono avere maggiori probabilità di soffrire di rinite allergica, bronchite, congiuntivite e raffreddore da fieno.

I bambini con allergia al latte vaccino corrono un rischio maggiore di sviluppare rinite allergica e altre forme di reazioni.

Segni di reazioni allergiche: bellezza, prurito, lacrimazione

Starnuti continui e naso che cola sono segni comuni di allergie stagionali. Altri sintomi di reazioni nei bambini di età diverse includono:

  • Prurito o lacrimazione agli occhi, congiuntivite acuta;
  • Grave prurito o eruzione cutanea sulla pelle;
  • Prurito alle orecchie, sviluppo di otite media;
  • Tosse secca;
  • Fastidio al torace, mancanza di respiro;
  • Congestione nasale, tosse.

Se uno qualsiasi dei sintomi si verifica nel bambino e non scompare per un paio di giorni, è necessario consultare un medico.

Diagnostica allergica: test e identificazione degli allergeni

I medici sconsigliano i test cutanei o allergici quando i sintomi sono stagionali. Ma se non scompaiono durante l'anno, uno specialista può prescrivere test cutanei (senza esacerbazioni) o un esame del sangue per il livello di IgE totali e frazioni specifiche per alcuni allergeni.

Il polline delle graminacee è la causa principale della febbre da fieno nei bambini. Ma sono possibili reazioni al polline di alberi e arbusti. Lo spettro degli allergeni più probabili in ogni regione è diverso, quindi la diagnosi terrà conto esattamente del polline che prevale nell'area..

Una cattiva alimentazione, malattie dell'apparato digerente o malattie croniche, frequenti infezioni respiratorie possono provocare allergie nei bambini. I bambini hanno un sistema immunitario molto sensibile e immaturo, quindi polline innocuo, polvere domestica, componenti alimentari e molte altre sostanze possono essere percepiti in modo aggressivo. È possibile determinare l'allergia del corpo anche con un esame del sangue generale, gli eosinofili saranno aumentati in esso.

Leggi molto e lo apprezziamo!

Lascia la tua email per ricevere sempre informazioni e servizi importanti per preservare la tua salute

Trattamento di congiuntivite, rinite e altre manifestazioni

Le allergie non possono essere completamente eliminate, ma i loro effetti possono essere ridotti con cure adeguate e alcuni cambiamenti nello stile di vita. I medici prescrivono spesso antistaminici per alleviare immediatamente i sintomi della congiuntivite, naso che cola acuto o prurito della pelle. Ma i sintomi possono ripresentarsi in seguito se il contatto con gli allergeni non viene eliminato. In caso di congiuntivite acuta, vengono utilizzati colliri per eliminare il rossore e il prurito agli occhi. Sfortunatamente, questo è tutto un trattamento sintomatico e non risolve il problema sottostante..

I genitori dovrebbero sforzarsi di rafforzare il sistema immunitario e la salute generale del bambino, soprattutto prima dell'inizio della stagione pericolosa. Inoltre, è importante disconnettersi completamente dall'allergene in modo che non irriti il ​​sistema immunitario più e più volte..

Se i sintomi di congiuntivite, rinite o un'altra forma di allergia sono gravi e gravi, è necessario prendere una decisione sull'immunoterapia specifica (ASIT). Piccole dosi di allergeni vengono regolarmente iniettate nel corpo per ridurre la sensibilità a una sostanza specifica.

Le allergie non possono essere completamente evitate, ma i genitori dovrebbero cercare di prevenire una reazione allergica riducendo l'esposizione a pollini e altri allergeni. Vale la pena evitare l'uso di prodotti chimici, aerosol, repellenti per insetti nei locali, pulire costantemente, rimuovere la polvere.

Se la congiuntivite o il naso che cola si verificano frequentemente, l'attività all'aperto dovrebbe essere ridotta al minimo durante la stagione pericolosa. Devi camminare la mattina presto, quando la concentrazione di polline nell'aria è minima, o dopo la pioggia. Al ritorno a casa, devi fare il bagno al bambino sotto la doccia, toglierti tutti gli indumenti da strada e lavarli.

È importante monitorare la tua dieta in modo da poter irritare meno il sistema immunitario di tuo figlio. È particolarmente meticoloso monitorare il consumo di zucchero, grano e frutti luminosi. Quest'ultimo può provocare un'allergia di tipo incrociato..

Rinite allergica e congiuntivite: trattamento di queste malattie

La rinite allergica è una malattia cronica comune, quando innesca la risposta immunitaria del corpo umano a vari agenti patogeni e inizia l'infiammazione della mucosa nasale. L'infiammazione della congiuntiva degli occhi (congiuntivite allergica) è spesso associata a questa condizione.

Per un trattamento efficace, è importante condurre un esame approfondito del corpo e diagnosticare correttamente. Spesso i sintomi possono essere cancellati o alterati a causa della presenza di un'infezione secondaria, anomalie anatomiche e malattie concomitanti. La nostra clinica effettuerà la diagnosi più accurata dei fattori che hanno causato la malattia.

Sintomi della malattia

I principali sintomi della rinite allergica includono:

  • rinorrea (secrezione acquosa dal naso),
  • bruciore e prurito in profondità nel naso,
  • attacchi di starnuti,
  • congestione sinusale.
  • scarico di lacrime,
  • gonfiore delle palpebre,
  • arrossamento della mucosa dell'occhio,
  • dolore agli occhi e prurito.

Descrivendo le loro condizioni generali, i pazienti lamentano malessere, debolezza, mal di testa, nausea e forse disturbi del sonno. È caratteristico che una reazione allergica del corpo possa iniziare immediatamente pochi minuti dopo il contatto con l'agente patogeno o entro un giorno. Le reazioni possono verificarsi stagionalmente durante la fioritura di erbe, alberi o tutto l'anno (quando, ad esempio, un acaro della polvere domestica agisce come un allergene).

Diagnostica e trattamento

La rinite allergica e la congiuntivite non sono sempre facili da identificare. Per determinare il più accuratamente possibile le tattiche per trattare il tuo problema, il nostro allergologo-immunologo può inviarti le seguenti procedure:

  • test per identificare le sostanze allergeniche causali,
  • analisi del sangue immunologico,
  • esame citologico delle secrezioni nasali,
  • rinoscopia (viene monitorata la presenza di curvatura del setto nasale, i polipi sulle pareti),
  • endoscopia nasale,
  • tomografia computerizzata dei seni paranasali,
  • esame oftalmico degli organi visivi.

L'immunoterapia come uno dei metodi di trattamento della rinite allergica e della congiuntivite si riferisce a una tecnica di secondo livello, quando il trattamento farmacologico non funziona o provoca effetti collaterali negativi. L'immunoterapia è prescritta dall'immunologo allergologo della clinica e viene eseguita sotto la sua stretta supervisione. Piccole dosi della sostanza allergenica vengono iniettate nel corpo del paziente con il loro graduale accumulo. Di conseguenza, ottengono una diminuzione della risposta allergica del corpo durante la successiva interazione con l'agente patogeno nella vita di tutti i giorni..

La diagnosi e il trattamento della congiuntivite vengono eseguiti da un oftalmologo della clinica insieme a un allergologo-immunologo. È necessario iniziare l'esame con un oftalmologo per scoprire la forma della congiuntivite, poiché molte malattie degli organi della vista hanno segni simili alle allergie.

Domande popolari

I sintomi della rinite allergica scompaiono se si esclude il contatto con l'allergene??

Risposta: Sì, scompaiono. Il primo passo nel trattamento di questa malattia è eliminare agenti patogeni e irritanti dalla vita del paziente. Ma l'interazione con gli allergeni è spesso impossibile da escludere, poiché ci circondano ovunque (in natura, nelle istituzioni, a casa). È necessario identificare accuratamente le sostanze, i gas a cui si è allergici e, se possibile, ridurre al minimo il contatto con essi.

Come distinguere la rinite allergica da quella infettiva?

Risposta: la rinite allergica e infettiva ha sintomi comuni: naso che cola, congestione dei seni. Queste malattie possono essere distinte dalla natura dei sintomi associati. La rinite infettiva di solito dura non più di una settimana, mentre la rinite allergica dura più a lungo. Con una rinite infettiva, lo starnuto non si verifica spesso e con una rinite allergica, si verifica un attacco di starnuti seriali. Con un raffreddore, il prurito in profondità nel naso non si verifica, mentre con la rinite allergica, questo è un sintomo caratteristico. Con la rinite infettiva, la congiuntivite dell'occhio si verifica raramente, a differenza di quella allergica. La rinite allergica è più forte del comune raffreddore, riducendo l'olfatto e il gusto.

È possibile perdere la vista a causa della congiuntivite?

Risposta: sì. Quando compaiono segni di congiuntivite, è necessario abbandonare l'automedicazione e consultare un medico. Senza un trattamento adeguato e tempestivo, possono svilupparsi complicazioni: infiammazione della cornea, rivestimento interno del bulbo oculare, annebbiamento della pupilla, che porta a una diminuzione dell'acuità visiva.

I colliri steroidei sono adatti per la congiuntivite??

Risposta: no I farmaci antinfiammatori steroidei hanno un forte effetto antinfiammatorio, ma allo stesso tempo possono causare gravi conseguenze negative (ad esempio, aumento della pressione oculare, cataratta). Pertanto, questo rischio è appropriato nei casi più gravi: i farmaci steroidei vengono utilizzati dopo un trapianto di cornea per evitare il rigetto, dopo lesioni traumatiche, nonché nelle malattie autoimmuni.

Posso indossare lenti a contatto per la congiuntivite??

Risposta: no Con lo sviluppo della congiuntivite, è necessario abbandonare le lenti a contatto e tornare a indossare gli occhiali, in modo da non provocare un aumento dei processi infiammatori nella mucosa degli occhi, altrimenti il ​​trattamento può essere ritardato a lungo.

Congiuntivite allergica e rinite

Rinite allergica e congiuntivite

Allergia, ad es. la sensibilità dolorosamente accresciuta ad eventuali fattori allergenici (sostanze chimiche, prodotti organici, ecc.), negli ultimi decenni è diventata un problema globale: secondo le previsioni dell'OMS, un aumento costante dell'incidenza in 15-20 anni porterà al fatto che Più della metà dei terrestri soffrirà di altri disturbi allergici. Uno dei sintomi allergici più noti è il comune raffreddore o rinite. Attualmente, la rinite allergica viene diagnosticata in oltre il 20% della popolazione, indipendentemente dal sesso, dall'età, dallo stato sociale, ecc. Molto spesso, questa condizione è osservata in combinazione con una reazione altrettanto violenta dagli occhi - congiuntivite, ad es. infiammazione della mucosa della superficie interna delle palpebre e della membrana protettiva degli occhi. A sua volta, la congiuntivite allergica senza rinite è estremamente rara; entrambe le condizioni sono considerate dagli specialisti come manifestazioni diverse della stessa reazione patologica.

Il fenomeno di inadeguata selettività del sistema immunitario è associato, prima di tutto, a fattori ambientali: il crescente utilizzo di prodotti chimici domestici, la coltivazione e il consumo di frutti esotici per la zona, l'inquinamento ambientale, ecc. Allo stesso tempo, a livello cellulare, genetico, neuroumorale, il meccanismo di tale sistema immunitario il tasso di fallimento rimane poco chiaro e continua a essere studiato attivamente. Secondo i concetti moderni, tra tutti i componenti che filtrano la barriera dell'immunità nello sviluppo delle reazioni allergiche, l'intestino gioca il ruolo più importante. Anche la sua insignificante disfunzione, così come il consumo di cibi e sostanze geneticamente "non familiari", porta all'accumulo nel corpo di composti che sono considerati patogeni e attaccati - ad esempio, il corpo cerca di rimuovere l'allergene con muco nasale o lacrime. Inoltre, il sistema immunitario "disorientato" può smettere di riconoscere anche i radicali familiari e, nel caso di malattie autoimmuni, può iniziare a mostrare aggressività nei confronti dei propri ormoni o enzimi..

È noto un numero enorme di allergeni diretti che possono causare rinite e congiuntivite. Quindi, una causa tipica delle allergie stagionali (raffreddore da fieno, raffreddore da fieno) è il polline delle piante - ambrosia, ontano, ginepro e molte altre, che crescono in una particolare regione - così come le spore fungine. In alcuni casi, la polvere domestica, satura di prodotti di scarto degli acari più piccoli, così come medicinali, igiene e cosmetici, peli di animali domestici, punture di insetti, ecc., Diventa un allergene..

La rinite allergica è caratterizzata da prurito straziante, difficile o impossibile a causa di gonfiore nella respirazione nasale, rinorrea abbondante (fuoriuscita di muco liquido), starnuti indomabili ripetuti e, di conseguenza, mal di testa e altri sintomi associati. I sintomi della congiuntivite sono simili: infiammazione e arrossamento degli occhi, prurito, lacrimazione, "acidità". Con il contatto diretto con l'allergene, i sintomi aumentano notevolmente e possono portare a gravi complicazioni (ad esempio, l'edema di Quincke). È stata stabilita una combinazione statisticamente frequente di rinite allergica con asma, ma la natura di questa connessione deve essere chiarita: secondo vari punti di vista, tale combinazione è o i sintomi di una singola malattia, o la rinite allergica svolge il ruolo di un fattore scatenante nello sviluppo dell'asma.

La genesi allergica della rinite / congiuntivite è confermata da uno studio approfondito della storia, dell'autoosservazione del paziente e da un esame clinico generale del sangue. Il principale argomento diagnostico, che in alcuni casi consente di stabilire un allergene individualmente significativo, sono i test allergologici per iniezioni intradermiche speciali. Vengono utilizzati anche test di provocazione congiuntivale..

Trattamento nel reparto allergie del NCC di JSC "Ferrovie russe"

Gli antistaminici, che sopprimono la reazione dolorosa a fattori esterni, sono di fondamentale importanza nel trattamento dei disturbi allergici. Tali medicinali per l'azione generale o locale sono disponibili in varie forme: compresse, spray, colliri / nasali. I farmaci sono anche prescritti per alleviare il gonfiore e l'irritazione. Nel trattamento della rinite, l'efficacia di una procedura così semplice come il risciacquo del naso con soluzione salina è spesso sottovalutata. Per le allergie stagionali, si consiglia un corso preventivo desensibilizzante (sensibilizzante). Nei casi più gravi viene praticata la terapia ormonale. Tuttavia, il trattamento radicale è l'eliminazione completa della fonte di allergeni, se possibile (ad esempio, a volte è necessario separarsi da un animale domestico) o il trasferimento del paziente in un'altra area (dove le specie vegetali allergeniche non crescono).

Per ulteriori informazioni e per fissare un appuntamento, contattateci chiamando il contact center: (495) 925-02-02 (24 ore su 24)